Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Anfimaco (figlio di Cteato)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Anfimaco
SagaCiclo Troiano
Nome orig.Ἀμφίμαχος
SpecieEleo
SessoMaschio
ProfessioneGuerriero Acheo

Anfimaco (in greco antico: Ἀμφίμαχος, Amphímachos) era figlio di Cteato e Teronice, figlia a sua volte di Dessameno. Suo padre era uno dei Molionidi, i fratelli gemelli figli di Attore (l'altro era Eurito), che si opposero ad Eracle e da lui vennero crudelmente uccisi in un'imboscata[1].

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Rimasto orfano di padre, allo stesso modo del cugino Talpio, figlio di Eurito, Anfimaco venne allevato probabilmente dalla madre, fino a quando non fu abbastanza grande per salire al trono. Aspirò alla mano della giovane Elena, figlia di Zeus, la quale andò tuttavia in moglie a Menelao.[2]

Anfimaco partecipò con Talpio alla guerra di Troia conducendo un contingente di guerrieri dell'Elide. Oltre a lui e Talpio, vennero scelti altri due comandanti, Diore (figlio di Amarinceo) e Polisseno (figlio di Agastene). Omero ricorda che egli portò con sé una flotta di dieci navi,[3] come conferma anche Igino,[4] mentre Pseudo-Apollodoro parla addirittura di quaranta navi.[5]

Anfimaco non svolge un ruolo determinante nell'Iliade ed anche se viene descritto come uomo forte e valoroso, la sua morte viene raccontata nel poema stesso e appare come una delle più dure e dolorose per gli Achei poiché, mentre avanza verso l'esercito nemico viene trafitto in pieno petto dalla lancia scagliata da Ettore.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pseudo-Apollodoro, Biblioteca, libro II, 5, 5.
  2. ^ Igino, Fabula, 81.
  3. ^ Omero, Iliade, libro II, versi.
  4. ^ Igino, Fabula, 97.
  5. ^ Pseudo-Apollodoro, Biblioteca, libro III, 10, 8.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca