Guneo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nella mitologia greca, Guneo fu uno dei capitani achei che corse in aiuto di Menelao, re di Sparta, quando sua moglie Elena venne rapita dal troiano Paride. Figlio di Ocito, Guneo proveniva dalla Tessaglia e giunse a Troia con un forte contingente di Enieni.

Il mito[modifica | modifica wikitesto]

Vissuto in Tessaglia, sua patria, Guneo fu uno dei tanti eroi achei che aspirarono senza successo alla mano di Elena, andata poi in sposa a Menelao, e che furono, tra l'altro, soggetti al giuramento di Tindaro.[1] In seguito al rapimento della figlia di Zeus, partì da Cifo, sua città natale, alla volta della Troade con un flotta di ventidue navi, conducendo un vasto esercito costituito da Enieni e dai bellicosi Perebi.[2][3][4]

Figura misteriosa e mai ben definita, non viene poi più citata nell'Iliade, in cui funge solo da comparsa. Durante il viaggio di ritorno, Guneo fece naufragio lungo le coste della Libia e qui, raggiunte le sponde del fiume Cinipe, si stabilì insieme ai suoi compagni.[5]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

A Guneo è intitolato l'asteroide 73637 Guneus.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Igino, Fabula, 81.
  2. ^ Omero, Iliade, libro II, versi 748-755.
  3. ^ Igino, Fabula, 97.
  4. ^ Pseudo-Apollodoro, Epitome, libro III, 14.
  5. ^ Pseudo-Apollodoro, Epitome, libro VI, 15.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Apollodoro, Biblioteca, Milano, Mondadori, 1998, ISBN 88-04-55637-4. Traduzione di Marina Cavalli
  • Igino, Miti, Milano, Adelphi Edizioni, 2000, ISBN 88-459-1575-1. Traduzione di Giulio Guidorizzi
  • Robert Graves, I miti greci, Milano, Longanesi, ISBN 88-304-0923-5.
  • Angela Cerinotti, Miti greci e di roma antica, Prato, Giunti, 2005, ISBN 88-09-04194-1.
  • Anna Ferrari, Dizionario di mitologia, Litopres, UTET, 2006, ISBN 88-02-07481-X.
  • Pierre Grimal, Enciclopedia della mitologia 2ª edizione, Brescia, Garzanti, 2005, ISBN 88-11-50482-1. Traduzione di Pier Antonio Borgheggiani