Ascalafo (figlio di Ares)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ascalafo
Nome orig. Ἀσκάλαφος
Sesso Maschio
Professione Comandante dei Mini

Ascalafo (in greco antico Ἀσκάλαφος) è un personaggio della mitologia greca, figlio di Ares e di Astioche[1], menzionato nell'Iliade[2].

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Ascalafo, fratello gemello di Ialmeno, fu tra i pretendenti di Elena e partecipò alla guerra di Troia, ponendosi a capo dell'esercito dei Mini, tra cui militavano anche Aspledonte e Orcomeno[3].

Quando fu ucciso accidentalmente da Deifobo, suo padre Ares fu avvertito da Atena e minacciò di scendere sul campo di battaglia per vendicarlo[4].

Pareri secondari[modifica | modifica wikitesto]

Secondo altre fonti Ascalafo partecipò alla spedizione degli Argonauti, gli avventurieri reclutati da Giasone per il recupero del vello d'oro e durante tali avventure, a quanto pare, non si distinse particolarmente.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pausania il Periegeta, Periegesi della Grecia, 9. 37. 7
  2. ^ Omero, Iliade, XIII, 518
  3. ^ Omero, Iliade, XIII, 518
  4. ^ Omero, Iliade, 2. 511 ff

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca