Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Areitoo (di Tracia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Areitoo di Tracia
SagaCiclo troiano
Nome orig.Ἀρηΐθοος
1ª app. inIliade di Omero
SessoMaschio
Luogo di nascitaTracia
ProfessioneScudiero, auriga

Areitoo (in greco antico: Ἀρηΐθοος, Arēíthoos) è un personaggio della mitologia greca.

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Areitoo era un giovane trace, scudiero ed auriga del condottiero Rigmo, suo coetaneo, che intervenne nella guerra di Troia in difesa della città assediata. Durante una delle tante battaglie i due si trovavano insieme sul carro da combattimento quando vennero assaliti da Achille, che centrò Rigmo con una lancia facendolo precipitare a terra privo di vita. Areitoo frustò i cavalli per portarsi in salvo, ma Achille lo colpì a morte alla schiena con un'altra lancia, scaraventando anche lui giù dal carro.
L'acheo poi infierì sui cadaveri dei due giovani traci facendo passare sopra di essi i cavalli e le ruote del proprio cocchio.

« Poi balzò contro il figlio perfetto di Pireo,
Rigmo, ch'era venuto di Tracia fertile zolla;
lo colpì in pieno col dardo, si piantò il bronzo nel ventre,
precipitò giù dal carro; e Areitoo, il suo scudiero,
che indietro voltava i cavalli, con l'asta acuta alla schiena
ferì, lo spinse fuori dal carro; s'impennarono i cavalli.
Come incendio pauroso infuria nella gola profonda
d'un arido monte, arde la cupa foresta;
il vento, rombando, fa turbinare d'ogni parte la fiamma;
così da ogni parte balzava Achille con l'asta, simile a un dio,
gettandosi sulle sue vittime; sangue la terra nera scorreva
E come se uno aggioga buoi larga fronte
per battere l'orzo bianco sull'aia ben fatta
presto l'orzo diventa nudo sotto i piedi dei buoi largo mugghio
così sotto Achille magnanimo i cavalli unghie solide
calpestavano insieme cadaveri e scudi; l'asse di sangue
era tutto insozzato e le ringhiere del carro
che colpivano schizzi da sotto gli zoccoli dei cavalli
e dei cerchioni »

(Omero, Iliade, XX, vv. 484-89, traduzione di Rosa Calzecchi Onesti)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Omero, Iliade, XX, 487 ss.