Rod Laver

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rod Laver
Rod Laver 001.jpg
L'ex tennista australiano Rod Laver in una fase di gioco
Nome Rodney George Laver
Nazionalità Australia Australia
Altezza 172 cm
Peso 68 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Ritirato 1979
Hall of fame  (1981)
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 536 - 136 (riconosciute dall'ATP) (79,76%)
Titoli vinti almeno 198 tra cui 52 riconosciuti dall'ATP
Miglior ranking
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open V (1960, 1962, 1969)
Francia Roland Garros V (1962, 1969)
Regno Unito Wimbledon V (1961, 1962, 1968, 1969)
Stati Uniti US Open V (1962, 1969)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 235 - 77 (75,32%)
Titoli vinti 28 secondo l'ATP
Miglior ranking
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open V (1959, 1960, 1961, 1969)
Francia Roland Garros V (1961)
Regno Unito Wimbledon V (1971)
Stati Uniti US Open F (1960, 1970, 1973)
Doppio misto1
Vittorie/sconfitte
Titoli vinti
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open F (1959)
Francia Roland Garros V (1961)
Regno Unito Wimbledon V (1959, 1960)
Stati Uniti US Open
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
 

Rodney George "Rod" Laver (Rockhampton, 9 agosto 1938) è un ex tennista australiano.

Laver è considerato uno dei più grandi tennisti di tutti i tempi. È stato l'unico giocatore nella storia del tennis, maschile e femminile, ad aver conquistato due volte il Grande Slam in singolare, prima come dilettante, nel 1962, e poi nella formula Open (aperta ai professionisti) nel 1969, un record che resiste da decenni. Avendo vinto due volte il Grande Slam anche tra i professionisti, è l'unico ad averlo conquistato tra i dilettanti, tra i professionisti e in formula Open. È stato numero uno al mondo per sette anni consecutivi. Ha vinto 11 titoli del circuito del grande Slam. A questi vanno aggiunti altri otto titoli ottenuti nel circuito professionale di Grande Slam, ottenuti tra il 1963 e il 1967, (periodo in cui era professionista e non poteva giocare tra i dilettanti perché la formula Open fu introdotta nel 1968) e altri cinque titoli vinti nel 1968 e nel 1969, anni in cui nonostante la formula Open continuarono ancora i Professional Grand Slam, per un totale generale teorico di 24 titoli di Slam cosa che, se fosse riconosciuta dall'ATP, lo porterebbe di gran lunga al record dei titoli vinti nel circuito del grande slam. Nel 1969 riuscì nell'incredibile impresa di vincere tutti i titoli del grande slam sia in formula Open che tra i professionisti, conquistando il Grande Slam due volte nello stesso anno. È riuscito a vincere cinque volte la Coppa Davis, nonostante non abbia potuto parteciparvi per dieci anni (dal 1963 al 1972) per il suo status di professionista. Detiene il record di circa 200 titoli conquistati in carriera.

Caratteristiche tecniche e atletiche[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene dotato di un fisico non imponente, e fosse alto un metro e 72 centimetri, Laver sviluppò una tecnica di gioco eccellente, con un ottimo serve & volley, oltre che aggressivi colpi dal fondo. Il suo repertorio tennistico era assolutamente completo sia nei fondamentali sia nei passanti, nelle smorzate, nelle "volée". Come commentò Dan Maskell Laver era "tecnicamente perfetto, dal suo servizio riccamente vario al suo leggero tocco sui pallonetti, per non parlare del rovescio, distruttivo e a giro a volte, preciso e controllato le altre, sempre a seconda della situazione". La sua battuta mancina era ingannevole e oscillante, cosa che spesso coglieva in fallo gli avversari. I colpi da fondo, da entrambi i lati, erano dati con sapienza di polso, e prendevano un effetto a giro, innovativo per il tennis degli anni sessanta, come ad effetto era il lob di attacco, che Laver sviluppò come un'arma letale. La sua tecnica nel dare i colpi era basata su rapide rotazioni delle spalle, colpi dati con oscillazione e tempestività assoluta nel colpire la pallina. Il rovescio era nella maggior parte dei casi quello che metteva fine al punto, tanto era forte. Laver era estremamente mobile e veloce, ed aveva sviluppato molto i muscoli dell'avambraccio, cosa che gli permetteva di coniugare la potenza alla rapidità di esecuzione dei colpi. Scrive Rex Bellamy: "La forza del polso e dell'avambraccio gli davano grande potenza senza però perdere il controllo dei colpi, anche quando era in piena corsa e completamente disteso verso la pallina". Sotto rete Laver era dotato di un notevole gioco al volo, e, specialmente sul rovescio poteva ottenere colpi con angoli assai precisi, che risultavano la maggior parte delle volte imprendibili. Julius Heldman affermò: "Sulle palle basse è fortissimo, controllandole appieno e dando loro traiettorie ad effetto, ma prende facilmente anche colpi a livello della vita o più alti". Per gli avversari era assai difficile fare un pallonetto, a causa della sua agilità, inoltre, quando lo costringevano ad arretrare, Laver poteva venire su con grande destrezza e pericolosità.

Da dilettante Laver aveva un gioco brillante, che però necessitava di un po' di tempo per avviarsi. In seguito, con il passaggio al professionismo, dovette imparare a controllare i suoi colpi avventurosi e rischiosi, integrando il suo tennis con maggiori doti di calcolo e furbizia. Come dimostra anche il doppio Grande Slam, Laver era in grado di adattarsi a tutte le superfici, a tutte le condizioni e a qualsiasi avversario. Laver inoltre dava il meglio di sé nei match a cinque set, che faceva girare a proprio piacimento con repentini cambiamenti di tattica o semplicemente tirandosi fuori da situazioni di pericolo con grande maestria e facilità. Quando era in momenti difficili, come spiega Heldman, "saltava letteralmente e lanciava la racchetta verso la pallina con tutta la forza che poteva radunare, mentre i muscoli del suo braccio scoppiavano per lo sforzo".

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Da dilettante[modifica | modifica wikitesto]

Laver era molto giovane quando lasciò la scuola per dedicarsi appieno al tennis, iniziando così un percorso sportivo che lo avrebbe coinvolto per circa 23 anni. Nel Queensland Laver fu allenato da Charlie Hollis, e in seguito passò sotto le cure di Harry Hopman, capitano della squadra nazionale australiana di tennis: fu quest'ultimo che gli dette il soprannome di 'Razzo' ('Rocket'). Laver si laureò campione juniores dei Campionati nazionali statunitensi di singolo nel 1956, e vinse i campionati australiani della medesima categoria l'anno dopo. Laver si fece conoscere a livello mondiale nel 1959, quando disputò tutte e tre le finali del torneo di Wimbledon, perdendo il singolare e il doppio, ma vincendo, assieme a Darlene Hard, il doppio misto. Pur non essendo testa di serie Laver raggiunse la finale del singolare, dove dovette arrendersi al peruviano Alex Olmedo; l'incontro delle semifinali, che lo vedeva opposto all'americano Barry MacKay, fu quello più sfiancante del torneo, dato che face registrare ben 87 game. Il primo titolo importante nel singolare fu l'Australian Championships del 1960, quando Laver sconfisse, in cinque set, il connazionale Neale Fraser; nel 1961 arrivò anche il primo titolo, sempre nel singolare, a Wimbledon.

Nel 1962 arrivò il primo Grande Slam per Laver, il secondo della storia del tennis maschile dopo quello di Don Budge nel 1938; il ventiquattrenne australiano vinse, oltre ai 4 titoli del Grande Slam, anche altri 17 tornei. Tra questi ultimi si ricordano gli Internazionali d'Italia di Roma e il Torneo di Amburgo; Laver fu così il secondo tennista (dopo Lew Hoad nel 1956) ad aver vinto a Parigi, Roma ed Amburgo, realizzando la cosiddetta "tripletta sulla terra rossa". Tra tutti gli ostacoli che Laver dovette incontrare per ottenere il Grande Slam il più arcigno fu probabilmente la fase finale del torneo francese quando, dai quarti in poi, fu costretto a superare due set point: uno nei quarti di finale contro Martin Mulligan, un match-point, e due in finale contro Roy Emerson, che al quarto set si trovava in vantaggio 3-0 dopo aver vinto gli ultimi due. A Wimbledon il percorso fu assai più facile, tanto che Laver perdette solo un set in tutto il torneo, nel quarto di finale contro Manuel Santana. A Forest Hills, per gli U.S. National Championships Laver lasciò lungo la strada solo due set, sconfiggendo in finale ancora Emerson, vincitore in carriera di 28 titoli del Grande Slam, tra doppio e singolare.

Da professionista[modifica | modifica wikitesto]

Statua raffigurante Rod Laver fuori della Rod Laver Arena di Melbourne

Laver divenne un giocatore professionista dopo aver completato il Grande Slam del 1962. In poco tempo si inserì tra i giocatori più forti della categoria, deliziando il pubblico con i suoi duelli contro giocatori quali Pancho Gonzales e Ken Rosewall. Nei sette anni successivi Laver vinse cinque volte gli U.S. Pro Tennis Championships, di cui quattro consecutivi nel 1966-1969.

Nella prima metà del 1963, Laver fu sconfitto pesantemente sia da Rosewall sia da Lew Hoad. Hoad vinse infatti i suoi primi 8 incontri contro Laver, Rosewall 11 sui primi 13. Alla fine dell'anno comunque, grazie a quattro titoli conquistati, Laver era il numero 2 tra i professionisti, a pari merito con Hoad e dietro Rosewall. Nel 1964 vinse, come Rosewall, sette tornei importanti, oltre a quattro eventi minori, ma contro quest'ultimo aveva uno score di 12-3 nei testa a testa, oltre al fatto di aver conquistato i due titoli più importanti, gli U.S. Pro, contro Gonzales, e i Wembley Pro Championships proprio contro Rosewall, cosa che segnò il cambiamento di posizione ai vertici del tennis mondiale. Nel 1965 Laver divenne ufficialmente il numero 1 al mondo tra i professionisti, grazie a 15 titoli vinti e con una serie di 13 vittorie su 18 nei match che lo contrapponevano a Rosewall. Da registrare il fatto che in ben 10 delle finali di quell'anno incontrò il sempre temibile Gonzales, perdendo solo due volte. Nel 1966 vinse quindici tornei, di cui dieci assai importanti, compresi sempre US Pro e Wembley. Nel 1967 stabilì il primato di 18 titoli, inclusi Wimbledon Pro, US Pro, Wembley Pro e French Pro, che gli permise di aggiungere al suo palmarès l'ultimo dei titoli Pro più importanti. Il torneo del 1967 a Wimbledon, sul Campo Centrale, fu l'unico torneo Pro mai tenutosi su quell'erba e preparò la successiva apertura in questo senso. La finale fu Laver contro Rosewall col punteggio di 6-2, 6-2, 12-10.

Laver ebbe una lunga ma amichevole rivalità con Rosewall dal 1963, quando esordì da professionista, al 1976, quando entrambi i tennisti si erano ormai praticamente ritirati dai circuiti più importanti. In questi 13 anni i due si ritrovarono uno contro l'altro circa 130 volte, tutte in incontri da professionisti, i cui risultati totali esatti non sono tutti registrati, o in maniera precisa. Secondo "Total Tennis" Laver vinse 62 di questi incontri, perdendone 49; altre fonti però sono in disaccordo: ad esempio lo storico del tennis Robert Geist afferma che in realtà i risultati potrebbero essere 76-66 o 100-85 in favore di Laver. Se si esclude il primo anno e l'ultimo anno della disfida, 1963 e 1976, Laver ebbe sempre un record positivo nei confronti del rivale.

L'Era Open[modifica | modifica wikitesto]

Con la nascita dell'Era Open, nel 1968, i tennisti professionisti furono di nuovo in grado di iscriversi e giocare i tornei del Grande Slam. Laver fu il primo campione di Wimbledon dell'Era Open, proprio nel 1968, battendo il numero uno tra i dilettanti, lo statunitense Arthur Ashe in semifinale e il connazionale Tony Roche in finale, senza perdere un set. Durante il 1968 comunque i tornei "open" furono solamente 10, nei quali professionisti e dilettanti potevano giocare contro senza restrizioni. I Pro comunque giocarono principalmente nel loro circuito di competenza, divisi in due gruppi: National Tennis League (NTL) e World Championship Tennis (WCT). Laver si piazzò al numero 1 tra tutte e due le categorie, vincendo gli US Pro sull'erba e i French Pro sulla terra battuta, (nelle due finali sconfisse John Newcombe) e anche l'ultimo grande evento "open", il Pacific Southwest Championships, tenutosi a Los Angeles su superficie dura. La sua vittoria 4-6, 6-0, 6-0 in finale, contro il solito Rosewall, è considerata una delle sue migliori performance.

Nel 1969 Laver ottenne il secondo Grande Slam della sua carriera, concludendolo vincendo in 4 set Roche agli US Open. Quell'anno Laver vinse 18 dei 32 tornei in singolare, vincendo 106 incontri e perdendone solo 16. Battendo John Newcombe in quattro set a Wimbledon, Laver fece registrare una serie di 31 incontri vinti di fila su quei campi, record che resisterà fino al 1980 quando sarà battuto da Björn Borg. Diversamente da quanto avvenuto per il poker di sette anni primi, questo Grande Slam fu conquistato avendo la possibilità di incontrare i migliori al mondo, professionisti e dilettanti. Sempre nella strada verso la conquista dei titoli degli Slam Laver fu costretto al quinto set solo cinque volte, di cui due recuperando da una situazione di svantaggio 0-2. Comunque nelle quattro finali degli Slam perse complessivamente solo due set. L'incontro più duro dell'anno fu la maratona che lo vide opposto a Roche nella semifinale degli Australian Open, in condizioni climatiche simil-tropicali, e che registrò 90 game. Tra i tanti campioni incontrati e battuti per arrivare allo storico traguardo si ricordano anche Roy Emerson, Fred Stolle, Andrés Gimeno, Tom Okker, Rosewall, Stan Smith, Arthur Ashe, Newcombe, Dennis Ralston. Le vittorie di quell'anno mostrarono la versatilità di Laver sulle varie superfici, tanto che vinse sia sul cemento (South African Open a Ellis Park, Johannesburg, e US Pro a Boston) ma anche indoor (Philadephia US Pro Indoor e Wembley British Indoor). Conquistando, con i montepremi, un totale di 124.000 dollari, Laver fu anche il primo tennista a superare la barriera dei 100.000 dollari guadagnati un in anno.

Nei primi anni settanta Laver cominciò a raccogliere molte meno soddisfazioni nei tornei più importanti, giocandone solo un ristretto numero; nonostante questo rimase a lungo il migliore tennista e il maggior vincitore di premi nel circuito WCT (World Championship of Tennis). Nel 1970 vinse 13 titoli, su ogni superficie, guadagnando 201.453 dollari; tra le vittorie spiccano quelle al ricco Tennis Champions Classic, e quelle in altri 5 importanti eventi: Sydney Dunlop Open, Philadelphia, Wembley, Los Angeles, South African Open, che erano equivalenti a quelli che oggi sono i Masters 1000. In quell'anno non vi fu un numero uno al mondo ben definito, dato che da una parte solo due tornei (Wimbledon e U.S. Open) avevano visto la partecipazione dei migliori al mondo, e dall'altra i loro stessi vincitori, rispettivamente Newcombe e Rosewall, avevano una serie di 0-3 e 0-5 contro Laver, che aveva vinto più tornei. Lo stesso Newcombe, additato come migliore dell'anno da Lance Tingay, scrisse in seguito nella sua autobiografia 'Newk-Life on and off the Court', del 2002, che in quell'anno la nomea di migliore tennista al mondo era da attribuire ancora a Laver. Nell'anno seguente, il 1971, Laver riuscì a difendere il titolo al 'Tennis Champions Classic', vincendo addirittura 13 incontri di fila, per la maggior parte contro i suoi avversari più ostici, e conquistando la ragguardevole somma di 160.000 dollari. Nel 1971 e nel 1972 Laver finì come primo alla classifica a punti del WCT, perdendo però la finale playoff di Dallas contro Rosewall. Quest'ultimo match è considerato uno dei migliori di tutti i tempi, e fece registrare un'audience TV di oltre 20 milioni di spettatori, una cifra veramente notevole per il tennis di quegli anni. Con la vittoria-record di 292.717 dollari in premi del 1971 Laver divenne il primo giocatore di tennis a superare il tetto del milione di dollari. A partire dal 1972, anche a causa di infortuni alla schiena e al ginocchio, Laver ridusse il suo calendario annuale, concentrandosi principalmente sul circuito WCT primaverile. Ciò nonostante fino al 1975 rimase tra i primi dieci migliori tennisti del mondo, vincendo almeno 5 tornei l'anno: nel 1973 il suo miglior risultato fu il suo impegno nelle semifinali prima, e nella finale poi, della Coppa Davis, dove vinse tutte e 6 gli incontri in cui si cimentò, portando l'Australia al titolo, ottenuto sconfiggendo 5-0 gli Stati Uniti a Cleveland. Nel 1974 Laver trionfò in 6 dei 13 tornei a cui prese parte, ed a fine anno era numero 4 al mondo; i 36 anni che aveva quando raggiunse questo risultato ne fecero il più vecchio tennista mai giunto nelle prime cinque posizioni della classifica, nell'Era Open. Il 1975 vide l'australiano vincere la cirfra record di 23 incontri consecutivi, con 4 tornei, per il circuito WCT. Nel 1976 Laver era ormai semiritirato dai circuiti più importanti, giocando solo alcuni eventi. In quello stesso anno entrò nel World Team Tennis, conquistandosi il titolo di 'Rookie of the year', all'età di 38 anni. Laver ebbe comunque una carriera assai vittoriosa anche oltre gli anni di massimo splendore, tanto che detiene il record di 45 titoli open per ultratrentenni. Se si considera inoltre la percentuale totale di incontri vinti in singolare nella carriera, in tornei open, Laver si stabilizza intorno all'80%, superato solo da altri quattro giocatori, in Björn Borg, Jimmy Connors, Ivan Lendl e John McEnroe, e davanti a Pete Sampras.

Coppa Davis[modifica | modifica wikitesto]

Laver, da dilettante, contribuì alle vittorie in Coppa Davis dell'Australia per 4 anni consecutivi, dal 1959 al 1962, in cui i "canguri" sconfissero 3-2 gli Stati Uniti (a Forest Hills), 4-1 e 5-0 l'Italia (a Sydney e Melbourne) e infine 5-0 il Messico (a Brisbane). Nel 1973 i tennisti professionisti poterono partecipare al torneo, e così Laver ottenne la sua quinta vittoria contro gli americani, giocando e vincendo due incontri al singolare ed il doppio.

Tra i migliori di sempre[modifica | modifica wikitesto]

Fino all'avvento della classifiche stilate dall'ATP (Association of Tennis Professionals), nel 1973, non c'era un sistema di valutazione mondiale, anche se Laver si classificò primo al mondo nel 1961 e 1962 (da dilettante), e nel 1968 e 1969 (nell'Era Open), dai giornalisti, tra cui il celebre Lance Tingay, del 'Daily Telegraph'. Se consideriamo l'ammontare totale dei premi annuali, Laver fu il giocatore professionista che ne vinse maggiormente fino al 1971, come scrive Bud Collins nel libro 'Total Tennis' (2003). Laver fu insignito del titolo di numero 1 al mondo per 7 anni di fila, mischiando dilettanti e professionisti, dal 1964 al 1970, nonostante queste siano classifiche non ufficiali. In questa classifica si notano anche le 7 volte da primo al mondo di Bill Tilden e le 8 di Pancho Gonzales.

A conferma della grandezza assoluta di Laver sono le sue prestazioni su hardcourt e su carpet (parzialmente registrate in ATP Performance Zone). Laver è stato inserito nell'International Tennis Hall of Fame nel 1981.

Dopo il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Nel luglio 1998, Laver fu colto da un malore mentre veniva intervistato dalla ESPN per una serie sui grandi atleti del XX secolo. Durante il periodo del suo recupero il tennis lo aiutò molto, come attività salubre e adatta al recupero da problemi circolatori o simili.

Nel 2000, il campo centrale del Melbourne Park, che oggi ospita gli Australian Open, fu ridenominato Rod Laver Arena in suo onore.

Nel 2003, Laver, insieme alla più grande tennista femminile australiana, Margaret Smith Court, ebbe il suo ritratto inserito in un francobollo, entrando così nella Lista di australiani su francobolli dall'"Australia Post Australian Legends Award".

Nel 2016 viene presentato il torneo annuale a lui dedicato nel quale si sfideranno i migliori quattro tennisti europei più un capitano contro i migliori quattro tennisti del resto del mondo più un capitano. La prima edizione si disputerà dal 22 al 24 settembre 2017 a Praga e vedrà la partecipazione, tra gli altri, di Roger Federer, Rafa Nadal, Bjorn Borg (capitano del team Europa) e John McEnroe (capitano del World Team).

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Statistiche e record di Rod Laver.

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Dilettante (54) Professionista (69) Era Open (77) Totale
1956 1957 1958 1959 1960 1961 1962 1963 1964 1965 1966 1967 1968 1969 1970 1971 1972 1973 1974 1975 1976
1 2 3 1 9 15 22 6 11 17 16 19 13 18 15 8 5 7 6 5 1 200

Grande Slam[modifica | modifica wikitesto]

Vinte (11)[modifica | modifica wikitesto]
Anno Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1960 Australia Australian Championships Erba Australia Neale Fraser 5–7, 3–6, 6–3, 8–6, 8–6
1961 Regno Unito Wimbledon Erba Stati Uniti Chuck McKinley 6–3, 6–1, 6–4
1962 Australia Australian Championships (2) Erba Australia Roy Emerson 8–6, 0–6, 6–4, 6–4
1962 Francia French Championships Terra battuta Australia Roy Emerson 3–6, 2–6, 6–3, 9–7, 6–2
1962 Regno Unito Wimbledon (2) Erba Australia Marty Mulligan 6–2, 6–2, 6–1
1962 Stati Uniti U.S. Championships Erba Australia Roy Emerson 6–2, 6–4, 5–7, 6–4
↓ Era Open ↓
1968 Regno Unito Wimbledon (3) Erba Australia Tony Roche 6–3, 6–4, 6–2
1969 Australia Australian Open (3) Erba Spagna Andrés Gimeno 6–3, 6–4, 7–5
1969 Francia Open di Francia (2) Terra battuta Australia Ken Rosewall 6–4, 6–3, 6–4
1969 Regno Unito Wimbledon (4) Erba Australia John Newcombe 6–4, 5–7, 6–4, 6–4
1969 Stati Uniti US Open (2) Erba Australia Tony Roche 7–9, 6–1, 6–2, 6–2
Sconfitte (6)[modifica | modifica wikitesto]
Anno Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1959 Regno Unito Wimbledon Erba Stati Uniti Alex Olmedo 4–6, 3–6, 4–6
1960 Regno Unito Wimbledon Erba Australia Neale Fraser 4–6, 6–3, 7–9, 5–7
1960 Stati Uniti U.S. Championships Erba Australia Neale Fraser 4–6, 4–6, 7–9
1961 Australia Australian Championships Erba Australia Roy Emerson 6–1, 3–6, 5–7, 4–6
1961 Stati Uniti U.S. Championships Erba Australia Roy Emerson 5–7, 3–6, 2–6
↓ Open Era ↓
1968 Francia Open di Francia Terra battuta Australia Ken Rosewall 3–6, 1–6, 6–2, 2–6

Pro Slam[modifica | modifica wikitesto]

Vinte (9)[modifica | modifica wikitesto]
Anno Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1964 Regno Unito Wembley Pro Indoor Australia Ken Rosewall 7–5, 4–6, 5–7, 8–6, 8–6
1964 Stati Uniti U.S. Pro Tennis Championships Erba Stati Uniti Pancho Gonzales 4–6, 6–3, 7–5, 6–4
1965 Regno Unito Wembley Pro Indoor Spagna Andrés Gimeno 6–2, 6–3, 6–4
1966 Regno Unito Wembley Pro Indoor Australia Ken Rosewall 6–2, 6–2, 6–3
1966 Stati Uniti U.S. Pro Tennis Championship Erba Australia Ken Rosewall 6–4, 4–6, 6–2, 8–10, 6–3
1967 Francia French Pro Championship Parquet (i) Spagna Andrés Gimeno 6–4, 8–6, 4–6, 6–2
1967 Regno Unito Wembley Championship Indoor Australia Ken Rosewall 2–6, 6–1, 1–6, 8–6, 6–2
1967 Stati Uniti U.S. Pro Championship Erba Spagna Andrés Gimeno 4–6, 6–4, 6–3, 7–5
1967 Regno Unito Wimbledon Pro Erba Australia Ken Rosewall 6–2, 6–2, 12–10
Perse (6)[modifica | modifica wikitesto]
Anno Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1963 Francia French Pro Parquet (i) Australia Ken Rosewall 8–6, 4–6, 7–5, 3–6, 4–6
1963 Stati Uniti U.S. Pro Championships Erba Australia Ken Rosewall 4–6, 2–6, 2–6
1964 Francia French Pro Parquet (i) Australia Ken Rosewall 3–6, 5–7, 6–3, 3–6
1965 Francia French Pro Parquet (i) Australia Ken Rosewall 3–6, 2–6, 4–6
1965 Stati Uniti U.S. Pro Erba Australia Ken Rosewall 4–6, 3–6, 3–6
1966 Francia French Pro Parquet (i) Australia Ken Rosewall 3–6, 2–6, 12–14

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Membro dell'Ordine dell'Impero Britannico - nastrino per uniforme ordinaria Membro dell'Ordine dell'Impero Britannico
«Per i servizi allo sport.»
— 13 giugno 1970[2]
Compagno dell'Ordine dell'Australia - nastrino per uniforme ordinaria Compagno dell'Ordine dell'Australia
«Per il servizio eminente al tennis come giocatore, rappresentante e mentore, a livello nazionale e internazionale, e come modello per i giovani sportivi.»
— 26 gennaio 2016[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN64527343 · LCCN: (ENn50037287 · ISNI: (EN0000 0000 8250 9142 · GND: (DE107556413