John Peers

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
John Peers
Peers WM17 (18) (35347241724).jpg
John Peers durante il Torneo di Wimbledon 2017
Nazionalità Australia Australia
Altezza 188 cm
Peso 84 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Specialità Doppio
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 0-0
Titoli vinti 0
Miglior ranking 456º (11 giugno 2012)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 232-141 (62,20%)
Titoli vinti 18
Miglior ranking 2º (3 aprile 2017)
Ranking attuale 28º (7 gennaio 2019)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open V (2017)
Francia Roland Garros 3T (2014, 2015)
Regno Unito Wimbledon F (2015)
Stati Uniti US Open F (2015)
Altri tornei
ATP World Tour Finals Singles Trophy (London).svg  Tour Finals V (2016)
Olympic flag.svg Giochi olimpici 1T (2016)
Doppio misto1
Vittorie/sconfitte
Titoli vinti 0
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open QF (2015)
Francia Roland Garros QF (2015)
Regno Unito Wimbledon QF (2013)
Stati Uniti US Open SF (2018)
Altri tornei
Olympic flag.svg Giochi olimpici 1T (2016)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 7 gennaio 2019

John Peers (Melbourne, 25 luglio 1988) è un tennista australiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

2013-2014: Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Professionista dal 2011, dal 2013 gioca regolarmente in doppio con Jamie Murray; insieme allo scozzese ha conquistato i suoi primi titoli nel 2013 a Houston (battendo i numeri 1 del ranking mondiale Bob e Mike Bryan), Gstaad e Bangkok. In luglio entra per la prima volta tra i primi cinquanta al mondo nel ranking di doppio, continuando una scalata destinata a migliorarsi ancora nell'anno successivo.

Nel 2014 infatti la coppia conquista il torneo di Monaco di Baviera oltre a tre finali (Queen's, Winston-Salem e Kuala Lumpur).

2015: Due finali slam[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2015 dopo la vittoria a inizio stagione a Brisbane e le finali raggiunte negli ATP 500 di Rotterdam e Barcellona, arriva la prima finale del Grande Slam sull'erba di Wimbledon, poi persa contro la coppia Roger-Tecău per 7-65, 6-4, 6-4. In agosto la coppia conquista l'ATP 500 di Amburgo superando in finale la coppia composta dai colombiani Farah e Cabal. I due tennisti raggiungono la finale anche agli US Open, perdendo la seconda possibilità di conquistare un titolo slam contro i francesi Herbert e Mahut. Dopo questo torneo Peers entra per la prima volta nella top ten di doppio, raggiungendo la settima posizione del ranking mondiale. In seguito Peers e Murray raggiungono la finale anche in altri due ATP 500, a Vienna e Basilea.

Grazie ai due titoli e alle sei finali del 2015, Peers e Jamie Murray risultano essere la quarta coppia di doppio in stagione e conquistano l'accesso alle Atp World Tour Finals di Londra. Aprono il proprio girone sconfiggendo gli italiani Fognini e Bolelli per 7-6, 3-6 [11-9], ma nel secondo incontro escono sconfitti dall'ultima coppia qualificata, Bopanna - Mergea, per 6-3, 7-6. Il 19 novembre si giocano il passaggio in semifinale contro la coppia numero uno del mondo, quella composta dagli statunitensi Bob e Mike Bryan, ai quali serve una vittoria per passare il turno: è la sfida più combattuta di questa edizione delle finali di doppio. Peers e Murray conquistano a 5 il tie-break del primo set mentre sono i gemelli americani a imporsi al tie-break del secondo set con lo stesso punteggio. La vittoria si gioca quindi al Super tie-break che si risolve solo dopo 30 punti giocati, con il punteggio di 16 a 14 per i Bryan. Sfuma così per Peers la possibilità di approdare al penultimo atto del torneo.

2016: ATP Finals[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2016 inizia una nuova collaborazione con il finlandese Henri Kontinen: la nuova coppia conquista subito il primo torneo della stagione a Brisbane contro la coppia di casa Duckworth - Guccione; Peers conferma dunque il titolo conquistato l'anno precedente, confermando la sua permanenza in top ten. Perde poi al secondo turno a Sydney. Dopo l'eliminazione al secondo turno agli Australian Open, torna a Melbourne a marzo vestendo per la prima volta la maglia della nazionale di Davis contro gli Stati Uniti. In coppia con l'ex numero uno del mondo Lleyton Hewitt affronta di nuovo i gemelli Bryan ed è di nuovo una partita giocata in grande equilibrio, ma di nuovo persa, stavolta in cinque set, con il punteggio di 3-6, 3-6, 6-4, 6-4, 3-6.

A Maggio arriva il secondo successo del 2016 a Monaco di Baviera, torneo che Peers aveva già vinto nel 2014 in coppia con Jamie Murray. Come ad Amburgo l'anno precedente, avversari in finale sono Cabal e Farah, di nuovo battuti, stavolta per 6-3, 3-6, [10-7]. In estate vince il terzo titolo ad Amburgo in coppia su Henri Kontinen battendo in finale Daniel Nestor e Aisam-ul-Haq Qureshi per 7-5, 6-3. Conclude la stagione vince il mille di Bercy e il master di fine anno.

2017: Australian Open[modifica | modifica wikitesto]

Inizia il 2017 a Brisbane dove esce al primo turno, non riuscendo così a difendere il titoli degli ultimi due anni. Si presenta all'Australian Open, dove in coppia con Kontinen conquista il primo Slam in carriera, battendo in finale i Bryan con un doppio 7-5. In Coppa Davis, in coppia con Samuel Groth batte i cechi Jan Satral e Jiří Veselý col punteggio di 6-3, 6-2, 6-2. A Dubai, con Kontinen, non va oltre i quarti fermato da Jean-Julien Rojer e Horia Tecău. Raggiunge i quarti anche a Indian Wells. Viene invece sconfitto al secondo turno a Miami. Nonostante queste sconfitte, il tre aprile diventa numero due del mondo. Nei quarti di Coppa Davis viene sconfitto dagli americani Steve Johnson e Jack Sock col punteggio di 6-3, 3-6, 2-6, 6-2, 3-6.

Inizia la stagione sul rosso a Monte Carlo dove perde nei quarti, dai futuri vincitori, Rohan Bopanna e Pablo Cuevas. A Barcellona al primo turno prende la rivincita su Bopanna e Cuevas, ma al secondo turno, viene sconfitto da Florin Mergea e Aisam-ul-Haq Qureshi. A Madrid subisce un doppio 6-4 nei quarti di finale da Feliciano e Marc López. Raggiunge la semifinale agli Internazionali dove viene sconfitto da Ivan Dodig e Marcel Granollers. Chiude la stagione su terra con una sconfitta al primo turno al Roland Garros.

Torna in campo a 's-Hertogenbosch, in coppia con Jordan Thompson, dove raggiunge la semifinale fermato da Raven Klaasen e Rajeev Ram. La settimana successiva a Londra, torna a fare coppia con Kontinen, ma i due vengono eliminati nei quarti da Bopanna e Dodig. A Wimbledon col finlandese si spinge fino alle semifinale dove viene sconfitto da Łukasz Kubot e Marcelo Melo, scendendo al terzo posto della classifica ATP.

Torna in campo a Washington dove conquista il titolo battendo in finale Kubot e Melo col punteggio di 7-65, 6-4. Raggiunge poi i quarti di finale nei due mille americani e la semifinale agli US Open.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Doppio[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (19)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda singolare
Grande Slam (1)
ATP World Tour Finals (2)
ATP Masters 1000 (3)
ATP World Tour 500 (5)
ATP World Tour 250 (8)
Numero Data Torneo Superficie Partner Avversari in finale Punteggio
1. 14 aprile 2013 Stati Uniti U.S. Men's Clay Court Championships, Houston Terra rossa Regno Unito Jamie Murray Stati Uniti Bob Bryan
Stati Uniti Mike Bryan
1-6, 7-63, [12-10]
2. 28 luglio 2013 Svizzera Crédit Agricole Suisse Open Gstaad, Gstaad Terra rossa Regno Unito Jamie Murray Spagna Pablo Andújar
Spagna Guillermo García López
6-3, 6-4
3. 29 settembre 2013 Thailandia Thailand Open, Bangkok Cemento (i) Regno Unito Jamie Murray Polonia Tomasz Bednarek
Svezia Johan Brunström
6-3, 3-6, [10-6]
4. 4 maggio 2014 Germania BMW Open, Monaco di Baviera (1) Terra rossa Regno Unito Jamie Murray Regno Unito Colin Fleming
Regno Unito Ross Hutchins
6-4, 6-2
5. 11 gennaio 2015 Australia Brisbane International, Brisbane (1) Cemento Regno Unito Jamie Murray Ucraina Aleksandr Dolgopolov
Giappone Kei Nishikori
6-3, 7-64
6. 2 agosto 2015 Germania Bet-at-home Open, Amburgo (1) Terra rossa Regno Unito Jamie Murray Colombia Juan Sebastián Cabal
Colombia Robert Farah
2–6, 6–3, [10–8]
7. 10 gennaio 2016 Australia Brisbane International, Brisbane (2) Cemento Finlandia Henri Kontinen Australia James Duckworth
Australia Chris Guccione
7–64, 6–1
8. 1º maggio 2016 Germania BMW Open, Monaco di Baviera (2) Terra rossa Finlandia Henri Kontinen Colombia Juan Sebastián Cabal
Colombia Robert Farah
6-3, 3-6, [10-7]
9. 17 luglio 2016 Germania German Open, Amburgo (2) Terra rossa Finlandia Henri Kontinen Canada Daniel Nestor
Pakistan Aisam-ul-Haq Qureshi
7-5, 6-3
10. 6 novembre 2016 Francia BNP Paribas Masters, Parigi Cemento (i) Finlandia Henri Kontinen Francia Pierre-Hugues Herbert
Francia Nicolas Mahut
6-4, 3-6, [10-6]
11. 20 novembre 2016 Regno Unito ATP World Tour Finals, Londra Cemento (i) Finlandia Henri Kontinen Sudafrica Raven Klaasen
Stati Uniti Rajeev Ram
2-6, 6-1, [10-8]
12. 28 gennaio 2017 Australia Australian Open, Melbourne Cemento Finlandia Henri Kontinen Stati Uniti Bob Bryan
Stati Uniti Mike Bryan
7-5, 7-5
13. 6 agosto 2017 Stati Uniti Citi Open, Washington Cemento Finlandia Henri Kontinen Polonia Łukasz Kubot
Brasile Marcelo Melo
7-65, 6-4
14. 8 ottobre 2017 Cina China Open, Pechino Cemento Finlandia Henri Kontinen Stati Uniti John Isner
Stati Uniti Jack Sock
6-3, 3-6, [10-7]
15. 15 ottobre 2017 Cina Shanghai Masters, Shanghai Cemento Finlandia Henri Kontinen Polonia Łukasz Kubot
Brasile Marcelo Melo
6-4, 6-2
16. 19 novembre 2017 Regno Unito ATP Finals, Londra Cemento (i) Finlandia Henri Kontinen Polonia Łukasz Kubot
Brasile Marcelo Melo
6-4, 6-2
17. 7 gennaio 2018 Australia Brisbane International, Brisbane (3) Cemento Finlandia Henri Kontinen Argentina Leonardo Mayer
Argentina Horacio Zeballos
3-6, 6-3, [10-2]
18. 24 giugno 2018 Regno Unito Queen's Club Championships, Londra Erba Finlandia Henri Kontinen Regno Unito Jamie Murray
Brasile Bruno Soares
6-4, 6-3
19. 12 agosto 2018 Canada Rogers Cup, Toronto Cemento Finlandia Henri Kontinen Sudafrica Raven Klaasen
Nuova Zelanda Michael Venus
6-2, 67-7, [10-6]

Finali perse (12)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda singolare
Grande Slam (3)
ATP World Tour Finals (0)
ATP Masters 1000 (1)
ATP World Tour 500 (5)
ATP World Tour 250 (3)
Numero Data Torneo Superficie Partner Avversari in finale Punteggio
1. 6 ottobre 2013 Giappone Rakuten Japan Open Tennis Championships, Tokyo Cemento Regno Unito Jamie Murray India Rohan Bopanna
Francia Édouard Roger-Vasselin
65-7, 4-6
2. 15 giugno 2014 Regno Unito AEGON Championships, Londra Erba Regno Unito Jamie Murray Brasile Bruno Soares
Austria Alexander Peya
6-4, 64-7, [4-10]
3. 23 agosto 2014 Stati Uniti Winston-Salem Open, Winston-Salem Cemento Regno Unito Jamie Murray Colombia Juan Sebastián Cabal
Colombia Robert Farah Maksoud
3-6, 4-6
4. 28 settembre 2014 Malaysia Malaysian Open, Kuala Lumpur Cemento (i) Regno Unito Jamie Murray Polonia Marcin Matkowski
India Leander Paes
6-3, 65-7, [5-10]
5. 15 febbraio 2015 Paesi Bassi ABN AMRO World Tennis Tournament, Rotterdam Cemento (i) Regno Unito Jamie Murray Paesi Bassi Jean-Julien Rojer
Romania Horia Tecău
6-3, 3-6, [8-10]
6. 26 aprile 2015 Spagna Barcelona Open Banc Sabadell, Barcellona Terra rossa Regno Unito Jamie Murray Finlandia Henri Kontinen
Croazia Marin Draganja
3-6, 7-66, [9-11]
7. 11 luglio 2015 Regno Unito Torneo di Wimbledon, Londra Erba Regno Unito Jamie Murray Paesi Bassi Jean-Julien Rojer
Romania Horia Tecău
65-7, 4-6, 4-6
8. 12 settembre 2015 Stati Uniti US Open, New York Cemento Regno Unito Jamie Murray Francia Pierre-Hugues Herbert
Francia Nicolas Mahut
4-6, 4-6
9. 25 ottobre 2015 Austria Erste Bank Open, Vienna Cemento (i) Regno Unito Jamie Murray Polonia Łukasz Kubot
Brasile Marcelo Melo
6–4, 63–7, [6–10]
10. 1 novembre 2015 Svizzera Swiss Indoors, Basilea Cemento (i) Regno Unito Jamie Murray Austria Alexander Peya
Brasile Bruno Soares
5–7, 5–7
11. 16 ottobre 2016 Cina Shanghai Rolex Masters, Shanghai Cemento Finlandia Henri Kontinen Stati Uniti John Isner
Stati Uniti Jack Sock
4-6, 4-6
12. 27 gennaio 2019 Australia Australian Open, Melbourne Cemento Finlandia Henri Kontinen Francia Pierre-Hugues Herbert
Francia Nicolas Mahut
2-6, 61-7

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]