John Doeg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
John Doeg
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Tennis Tennis pictogram.svg
Ritirato 1940
Hall of fame International Tennis Hall of Fame (1962)
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 83–35[1][2]
Titoli vinti 9[1]
Miglior ranking 4° (1930, A. Wallis Myers)[3]
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open
Francia Roland Garros
Regno Unito Wimbledon SF (1930)
Stati Uniti US Open V (1930)
Doppio1
Vittorie/sconfitte
Titoli vinti
Miglior ranking
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open
Francia Roland Garros
Regno Unito Wimbledon F (1930)
Stati Uniti US Open V (1929, 1930)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
 

John Thomas Godfray Hope Doeg[1] (Guaymas, 7 dicembre 1908Redding, 27 aprile 1978) è stato un tennista statunitense.

Vincitore di tre prove dello Slam, una in singolare (U.S. National Championships 1930) e due in doppio (sempre negli States), ottenne il suo best ranking nel 1930, raggiungendo la 4ª posizione della classifica redatta da A. Wallis Myers.

È stato il quarto tennista mancino in assoluto a vincere gli U.S. National Championships.[4]

Nel 1962 è stato inserito nella International Tennis Hall of Fame.[5]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

John Doeg nacque a Guaymas in Messico. Figlio di Harold Hope Doeg e di Violet Sutton, sorella di May Sutton,[6] prima statunitense a vincere il Torneo di Wimbledon, il 1º ottobre 1915 immigrò negli Stati Uniti con i genitori e i fratelli Eric, John, Doris, Violet e William.[7] Aveva poi un'altra sorella, May, nata dopo l'immigrazione della famiglia e un anno prima della morte del padre.[7]

Diventò cittadino statunitense nel 1933,[8] anche se già precedentemente giocava per la nazionale statunitense di Coppa Davis.

Si sposò con Dorothea Scudder nel 1931; da lei ebbe due figli: John Hope Doeg Jr., nato nel 1933, e Daphne Scudder Doeg, nata nel 1935. La coppia divorziò nel maggio 1938.[8] Si risposò con Winifred Jacobs solo tre anni più tardi; dal suo secondo matrimonio ebbe altri tre figli, tutte femmine: Suzanne Doeg, nata nel 1942, Sutton H. Doeg, nata tra il 1946 e il 1947, e Sally Florence Doeg, nata nel 1952.[8]

Morì il 27 aprile 1978 al Memorial Hospital di Redding in California all'età di 69 anni.[8] Le sue ceneri furono sparse vicino a Ensenada in Messico.[8]

Carriera sportiva[modifica | modifica wikitesto]

Doeg esordì agli U.S. National Championships 1927, perdendo alla prima partita.[9]

I primi successi cominciarono ad arrivare nel 1929, quando vinse il suo primo titolo al Seabright Invitational. Si ripeté poi anche al Pacific Southwest Championships. Nella stessa stagione raggiunse la prima semifinale della carriera in un torneo del Grande Slam: l'impresa gli riuscì agli U.S. National Championships, dove perse da Bill Tilden col punteggio di 4–6, 6–2, 2–6, 6–4, 6–3. In quella stessa edizione del torneo, conquistò insieme al connazionale George Lott il titolo di doppio, avendo la meglio in finale su Berkeley Bell e Lewis White.

L'anno seguente ottenne il più grande successo della carriera: conquistò, infatti, nel 1930 il titolo di singolare agli U.S. National Championships, sconfiggendo nell'ultimo atto il connazionale Frank Shields con il punteggio di 10–8, 1–6, 6–4, 16–14. Prima di giungere in finale aveva affrontato, come l'anno precedente, il sette volte campione del torneo Tilden. Inoltre, si riconfermò campione del torneo di doppio, sempre in coppia con Lott. Qualche mese prima del grande successo, aveva partecipato al Torneo di Wimbledon, dove si spinse fino in semifinale; in doppio, invece, raggiunse la finale.

Alla fine del 1930, il tennista si posizionò alla 4ª posizione della classifica mondiale stilata da A. Wallis Myers, mentre occupava la prima posizione di quella statunitense.[4]

Rimase anche l'anno seguente tra i primi dieci tennisti della sua nazione, quando raggiunse nuovamente la semifinale degli U.S. National Championships, ma non riuscì a difendere il titolo.

Si ritirò dal tennis agonistico nel 1940.

Finali del Grande Slam[modifica | modifica wikitesto]

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Vinte (1)[modifica | modifica wikitesto]

Anno Torneo Avversario in finale Risultato
1930 U.S. Championships, New York Stati Uniti Frank Shields 10–8, 1–6, 6–4, 16–14

Doppio[modifica | modifica wikitesto]

Vinte (2)[modifica | modifica wikitesto]

Anno Torneo Compagno Avversari in finale Risultato
1929 U.S. Championships, New York Stati Uniti George Lott Stati Uniti Berkeley Bell
Stati Uniti Lewis White
10–8, 16–14, 6–1
1930 U.S. Championships, New York (2) Stati Uniti George Lott Stati Uniti Wilmer Allison
Stati Uniti John Van Ryn
8–6, 6–3, 4–6, 13–15, 6–4

Perse (1)[modifica | modifica wikitesto]

Anno Torneo Compagno Avversari in finale Risultato
1930 Torneo di Wimbledon, Londra Stati Uniti George Lott Stati Uniti Wilmer Allison
Stati Uniti John Van Ryn
3–6, 3–6, 2–6

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) John Doeg in Tennisarchives.com, su tennisarchives.com. URL consultato il 23 luglio 2014.
  2. ^ Tennisarchives.com esclude i due match disputati da Doeg in Coppa Davis, entrambi vinti.
  3. ^ (HU) Tennisz és Golf (PDF), su epa.oszk.hu. URL consultato il 23 luglio 2014.
  4. ^ a b (EN) John Doeg in Sportspundit.com, su sportspundit.com. URL consultato il 24 luglio 2014.
  5. ^ (EN) International Tennis Hall of Fame Inductees 1955-2000, Sportsmuseums.com. URL consultato il 24 luglio 2014.
  6. ^ (EN) The Sutton Sisters, Tennisforum.com. URL consultato il 24 luglio 2014 (archiviato dall'url originale il 27 luglio 2014).
  7. ^ a b (EN) I discendenti di Daniel Doeg e Elizabeth Douthwaite - Punto 77 - Harold Hope Doeg, Doig.net. URL consultato il 24 luglio 2014.
  8. ^ a b c d e (EN) I discendenti di Daniel Doeg e Elizabeth Douthwaite - Punto 128 - John Thomas Godfray Hope Doeg, Doig.net. URL consultato il 24 luglio 2014.
  9. ^ (EN) Johnny Doeg Defeated, in Santa Monica Evening Outlook, 12 settembre 1927. URL consultato il 24 luglio 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]