Antonio Palafox

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Antonio Palafox
Nazionalità Messico Messico
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 32-26
Titoli vinti
Miglior ranking
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open
Francia Roland Garros 3T (1958, 1964)
Regno Unito Wimbledon 4T (1961, 1963)
Stati Uniti US Open QF (1965)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 5-9
Titoli vinti
Miglior ranking
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open
Francia Roland Garros
Regno Unito Wimbledon V (1963)
Stati Uniti US Open V (1962)
Doppio misto1
Vittorie/sconfitte
Titoli vinti
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open
Francia Roland Garros
Regno Unito Wimbledon QF (1960)
Stati Uniti US Open F (1960)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al definitivo

Antonio Palafox (Guadalajara, 28 aprile 1936) è un ex tennista messicano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Tennista specializzato nel doppio ottiene in questa disciplina i suoi risultati migliori, agli U.S. National Championships 1962 vince il doppio maschile assieme a Rafael Osuna sconfiggendo in cinque set la coppia statunitense McKinley-Ralston. L'anno successivo conquista Wimbledon insieme ad Osuna superando la coppia francese formata da Claude Barclay e Pierre Darmon.

In singolare vanta i quarti di finale raggiunti agli U.S. National Championships 1965 dove viene sconfitto dal futuro campione Manuel Santana mentre si è avventurato fino alla finale del doppio misto agli U.S. National Championships 1960 insieme a Maria Bueno.

In Coppa Davis ha giocato quarantaquattro match con la squadra messicana vincendone ventisei.[1]

Dopo aver concluso la carriera da tennista ha creato una propria accademia e per un breve periodo ha allenato John McEnroe.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ daviscup.com, Profilo sul sito della Coppa Davis, su daviscup.com. URL consultato il 20 dicembre 2013.
  2. ^ tennis.it, John McEnroe, il braccio sinistro di Dio, su tennis.it, 16 febbraio 2013. URL consultato il 20 dicembre 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]