Religioni negli Stati Uniti d'America

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Religione negli Stati Uniti d'America
Religious syms gold.svg
dati tratti da ARIS 2001
BuddhismSymbolWhite.PNG Buddhisti 0,5%
ChristianitySymbolWhite.PNG Cristiani 81,1%
Cattolici 23,9%
Ortodossi 0,3%
Protestanti 51,4%
Anglicani 1,8%
Altri cristiani 2,7%
JudaismSymbolWhite.PNG Ebrei 1,4%
HinduismSymbolWhite.PNG Induisti 0,4%
IslamSymbolWhite.PNG Islamici 0,6%
Altre religioni 1,0%
Non religiosi 15,0%
Statistiche riferite al 2001

Negli Stati Uniti è presente un forte spirito religioso che si spiega facendo riferimento alla storia e alla costituzione materiale del Paese. Di fatto si osserva che nascono continuamente nuove confessioni religiose. I valori religiosi sono una parte importantissima della vita degli statunitensi.

Il Cristianesimo è presente in tutte le sue grandi derivazioni: in maggioranza protestanti (51,4%), seguiti dai cattolici (23,9%), mormoni (1,4%), Testimoni di Geova (0,7%) e ortodossi (0,3%).

Le confessioni protestanti di maggiori tradizioni sono quelle della tradizione calvinista-riformata (presbiteriana, congregazionalista, nonché i battisti) e gli episcopali, questi ultimi ramo americano dell'Anglicanesimo, cui tradizionalmente fanno riferimento le classi alte (è la confessione della famiglia Bush), ma sempre più attirano i giovani per le loro posizioni liberal in campo etico-sociale. Le confessioni più diffuse sono nell'ordine la battista (17,2%), la metodista (7,2%), fede abbracciata dal presidente George W. Bush dopo il matrimonio, la luterana (4,9%), la presbiteriana (2,8%) e la episcopale (1,8%), oltre ad una miriade di Chiese evangeliche, pentecostali, non-denominazionali e minori. La singola chiesa più diffusa è quella cattolica, rafforzata dall'immigrazione ispanica degli ultimi 30 anni.[1]

Oltre a una radicata comunità ebraica (1,4%), forte negli stati costali e in particolare nello stato di New York, vi sono anche presenze islamiche (0,6%), buddiste (0,5%), induiste (0,4%), sikh, caodaiste, shintoiste, e bahai, grazie all'enorme varietà di gruppi etnici presenti ogni religione è rappresentata.[2]

Negli ultimi decenni si è sviluppato l'evangelicalismo, strettamente collegato al fenomeno delle TV and Web Churches, guidate dei cosiddetti telepredicatori, tra i quali vanno ricordati Billy Graham, Pat Robertson e Jerry Falwell, animatori della Destra Cristiana, fondamentale per le vittorie elettorali di Ronald Reagan nel 1980 e 1984, e per quelle di George W. Bush nel 2000 e 2004, e va ricordato anche il più recente e controverso telepredicatore Benny Hinn (peraltro molto conosciuto e seguito anche in Italia). Parallelamente sono nate e cresciute le cosiddette mega-churches, grandissime chiese evangeliche non-denominazionali.

Spesso la religione è dietro a questioni e controversie politiche riguardanti il razzismo (il Movimento per i diritti civili era guidato dal pastore battista Martin Luther King), il pacifismo (la stessa guerra in Iraq ha diviso il panorama religioso tra favorevoli e contrari), la pena di morte (sostenuta dalle chiese protestanti di stampo evangelical e fermamente contestata dai cattolici), la bioetica, l'omosessualità, l'insegnamento della teoria dell'evoluzione delle specie e il Neodarwinismo.

Fenomeno minoritario ma nondimeno presente è il Neopaganesimo[3], le cui numerose diramazioni sono tutte presenti negli Stati Uniti. I neopagani statunitensi sono in maggioranza wiccani, ma sono presenti anche ampie comunità di eteni, celtisti e dodecateici.

Demografia[modifica | modifica wikitesto]

Distribuzione geografica[modifica | modifica wikitesto]

Confessione di maggioranza relativa nei singoli stati

La distribuzione geografica della confessione di maggioranza relativa presenta una marcata differenza geografica. Mentre negli stati del Sud è prevalente il Battismo, i cattolici sono la maggioranza relativa sia nella maggior parte degli stati del Nord, sia in Florida, Texas, Nuovo Messico, Arizona e California. Tuttavia, nel nord-ovest atei e agnostici sono più numerosi dei fedeli di ciascuna singola confessione; nel Dakota del Nord e nel Dakota del Sud i luterani sono i più numerosi e infine nello Utah c'è un'ampia maggioranza di mormoni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ARIS 2001
  2. ^ ARIS 2001 e CIA - the world factbook
  3. ^ Adherents - Neopaganism