Religioni in Africa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fonte:The Global Religious Landscape: A Report on the Size and Distribution of the World's Major Religious Groups as of 2010 https://assets.pewresearch.org/wp-content/uploads/sites/11/2014/01/global-religion-full.pdf

La distribuzione delle religioni in Africa è molto complessa ed in gran parte riconducibile all'influenza del colonialismo, prima arabo (nel Nordafrica e in Africa orientale) e poi europeo. Le due fedi predominanti sono infatti il cristianesimo e l'islam, anche se spesso, soprattutto nell'Africa subsahariana, questi culti vengono combinati in maniera sincretica con quelli tradizionali delle religioni africane e dell'animismo[1][2][3].

Religioni africane tradizionali[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Religioni africane.

L'Africa comprende una vasta gamma di credenze tradizionali. Sebbene le usanze religiose siano spesso condivise da molte società locali, di solito sono uniche per le popolazioni o per le regioni geografiche specifiche[4] prese in esame. Secondo il dottor J Omosade Awolalu, il "tradizionale" in questo contesto significa indigeno, ciò che è fondamentale, tramandato di generazione in generazione dagli anziani ai più giovani, inteso come per essere accolto e praticato oggi e per sempre; un patrimonio del passato da preservare, ma non trattato come una cosa del passato oramai non più valida, bensì quella credenza che collega il passato con il presente ed il presente con l'eternità[3].

Spesso si parla in termini di una singolarità intenzionale, purtuttavia consapevole del fatto che l'Africa è un grande continente con una moltitudine di nazioni che hanno culture complesse e variegate, innumerevoli lingue e miriadi di dialetti[3]. L'essenza di questa scuola di pensiero si basa principalmente sulla trasmissione orale; ossia ciò che è scritto nel cuore delle persone, delle intelligenze, della storia tramandata, dei costumi, dei templi e delle funzioni religiose[5]. Non ha fondatori o leader come Gautama Buddha, Cristo o Maometto[6]; non ha missionari o l'intenzione precipua di propagare la fede o di fare proselitismo[7]. Alcune delle religioni tradizionali africane sono quelle comprendenti la mitologia Yoruba, la religione dei Sérèr e le tradizioni Odinani dei popoli Igbo; ma sono presenti anche tra gli Ashanti (popolo), tra i Fon (popolo) e gli Ewe (popolo) del Benin, del Ghana e della Nigeria.

Religioni abramitiche[modifica | modifica wikitesto]

La maggior parte degli africani sono aderenti del cristianesimo o dell'islam. Le innumerevoli popolazioni africane hanno spesso combinato la pratica della loro fede tradizionale con la pratica delle religioni abramitiche[8][9][10][11][12]. Le religioni abramitiche sono diffuse in tutta l'Africa; si sono espanse sia attraverso la diffusione capillare missionaria o di conquista ed hanno col tempo sempre più sostituito le fedi religioni indigene africane, ma si sono spesso anche adattate ai contesti culturali e ai sistemi di credenze indigene. La World Book Encyclopedia ha stimato che nel 2002 i cristiani formavano all'incirca il 40% della popolazione del continente nero, con i musulmani che si erano assestati sul 45%; è stato inoltre stimato sempre per 2002 una percentuale invertita, con i cristiani che formano il 45% della popolazione africana e i musulmani il 40,6%[13].

Ebraismo[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Ebraismo in Africa.

Gli aderenti all'ebraismo si trovano sparsi in diversi paesi in tutta l'Africa; compresa i Falascia o Beta Israel d'Etiopia, gli Abayudaya dell'Uganda, la "Casa d'Israele" del Ghana, gli ebrei Igbo della Nigeria ed infine dei Lemba del Sudafrica.

Cristianesimo[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Cristianesimo in Africa.

Islam[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Islam in Africa.

Induismo[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Induismo in Africa.

L'induismo è esistito nel continente africano soprattutto a partire dalla fine del XIX secolo, Esso è la più grande religione delle isole Mauritius[14] e molti altri paesi hanno templi indù, dal Kenya al Mozambico allo Zambia. Sarebbe anche secondo certi calcoli la religione a più rapida crescita in Ghana[15].

Buddhismo e religioni cinesi[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Buddhismo in Africa.

Il buddismo è una delle tradizioni religiose minoritarie in Africa, con circa 250.000 aderenti alla pratica[16], e fino a quasi 400.000[17] se combinato con il taoismo e la religione tradizionale cinese; comune per lo più tra i nuovi migranti cinesi (con una significativa percentuale nelle Mauritius, a Réunion e nel Sudafrica). Circa la metà di africani buddisti sono a tutt'oggi residenti nella repubblica sudafricana, mentre Mauritius ha la più alta percentuale di buddhisti del continente, tra il 1,5%[18] al 2%[19] della popolazione totale.

Altre religioni[modifica | modifica wikitesto]

Anche altre fedi sono praticate in Africa, tra le altre lo Zoroastrismo ed il Rastafarianesimo[20].

Irreligiosità[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Irreligiosità in Africa.

Un sondaggio Gallup mostra che l'irreligiosità comprende almeno il 20% dei cittadini sudafricani, attestandosi al 16% in Botswana, al 13% in Mozambico e in Togo, al 12% in Libia e Costa d'Avorio, al 10% in Etiopia e in Angola, al 9% in Sudan, Zimbabwe e Algeria, all'8% in Namibia ed infine al 7% in Madagascar[21].

Distribuzione religiosa[modifica | modifica wikitesto]

Paese Cristianesimo
% sul totale della popolazione
Islam
% sul totale popolazione
Credenze religiose traditional
e altre fedi
% sul totale popolazione
Note
- Africa centrale -
Angola Angola 95 0.5 4.5 [22]
Camerun Camerun 69.2 20.9 9.9 [23]
Rep. Centrafricana Rep. Centrafricana 80.3 10.1 9.6 [24]
Ciad Ciad 34 53 13 [25]
RD del Congo RD del Congo 95.8 1.5 2.7 [26]
Rep. del Congo Rep. del Congo 85.9 1.2 12.9 [26]
Guinea Equatoriale Guinea Equatoriale 93 1 6 [27]
Gabon Gabon 73 10 17 [28]
São Tomé e Príncipe São Tomé e Príncipe 97 2 1 [29]
- Africa orientale -
Burundi Burundi 75 5 20 [30]
Comore Comore 2 98 0 [31]
Kenya Kenya 78 10 12 [32]
Madagascar Madagascar 41 7 52 [33]
Malawi Malawi 79.9 12.8 7.3 [34]
Mauritius Mauritius 32.2 16.6 51.2 [35]
Mayotte Mayotte 3 97 0 [36]
Mozambico Mozambico 56.1 17.9 26 [37]
Riunione Riunione 84.9 2.1 13 [38]
Ruanda Ruanda 93.6 4.6 1.8 [39]
Seychelles Seychelles 93.1 1.1 5.8 [40]
Sudan del Sud Sudan del Sud 60.5 6.2 32.9 [26]
Tanzania Tanzania 61 35 4 [41][42]
Uganda Uganda 84 12 4 [43]
Zambia Zambia 87 1 12 [44]
- Corno d'Africa -
Gibuti Gibuti 6 94 0 [45]
Eritrea Eritrea 62.5 36.5 1 [46]
Etiopia Etiopia 62.8 33.9 3.3 [47]
Somalia Somalia 0 100 0 [48]
- Africa del Nord -
Algeria Algeria 1 99 0 [49]
Egitto Egitto 10 90 0 [50]
Libia Libia 1 97 2 [51]
Marocco Marocco 1.1 98.7 0.2 [52]
Sahara Occidentale Sahara Occidentale 0 100 0 [53]
Sudan Sudan 3 97 0 [54]
Tunisia Tunisia 1 98 1 [55]
- Africa del Sud -
Botswana Botswana 71.6 0.3 28.1 [56]
Lesotho Lesotho 90 0 10 [57]
Namibia Namibia 90 0 10 [58]
Sudafrica Sudafrica 79.7 1.5 18.8 [59]
Swaziland Swaziland 90 1 9 [60]
Zimbabwe Zimbabwe 84 1 15 [61]
- Africa occidentale -
Benin Benin 42.8 24.4 32.8 [62]
Burkina Faso Burkina Faso 23 61 16 [63]
Capo Verde Capo Verde 99 0 1 [64]
Costa d'Avorio Costa d'Avorio 32.6 38.6 25.0 [65]
Gambia Gambia 9 90 1 [66]
Ghana Ghana 71.2 17.6 11.2 [67]
Guinea Guinea 10 85 5 [68]
Guinea-Bissau Guinea-Bissau 10 50 40 [69]
Liberia Liberia 85.5 12.2 2.2 [70]
Mali Mali 5 90 5 [71]
Mauritania Mauritania 0 100 0 [72]
Niger Niger 5 90 5 [73]
Nigeria Nigeria 50.8 47.8 1.4 [74][75][76]
Senegal Senegal 5 94 1 [77]
Sierra Leone Sierra Leone 21 77 2 [78]
Togo Togo 29 20 51 [79]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Restless Spirits: Syncretic Religion Yolanda Pierce, Ph.D. Associate Professor of African American Religion & Literature
  2. ^ AFRICAN RELIGIOUS BELIEFS - Tewahedo - Palo - Serer - Tijaniyyah - Vodon, su africanbelief.com. URL consultato il 13 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 1º giugno 2019).
  3. ^ a b c Dr J.O. Awolalu, Studies in Comparative Religion Vol. 10, No. 2. (Spring, 1976).
  4. ^ Cheikh Anta Diop The African Origin of Civilization: Myth or Reality, Chicago, L.Hill, 1974. ISBN 1-55652-072-7
  5. ^ Leo Frobenius on African History, Art, and Culture: An Anthology, 2007 ISBN 1-55876-425-9
  6. ^ Bolaji Idowu African Traditional Religion: A Definition, Maryknoll, N.Y., Orbis Books (1973) ISBN 0-88344-005-9
  7. ^ J S MbitiAfrican Religions and Philosophy, African Writers Series, Heinemann [1969] (1990). ISBN 0-435-89591-5
  8. ^ John S Mbiti, Introduction to African religion, 1992, ISBN 978-0-435-94002-7.Quando gli africani vengono convertiti ad altre religioni, spesso mescolano la loro religione tradizionale con quello a cui vengono convertiti. In questo modo non stanno perdendo qualcosa di prezioso, ma stanno guadagnando qualcosa da entrambe le abitudini religiose
  9. ^ Thomas Riggs, Worldmark Encyclopedia of Religious Practices: Religions and denominations, 2006, p. 1, ISBN 978-0-7876-6612-5.Anche se gran parte degli africani si sono convertiti all'Islam o al cristianesimo, queste due religioni maggiori sono state assimilate nella cultura africana, e molti cristiani e musulmani africani continuano a mantenere anche credenze spirituali tradizionali
  10. ^ Roger S Gottlieb, The Oxford handbook of religion and ecology, 9 novembre 2006, ISBN 978-0-19-517872-2. Anche nelle religioni adottate dell'Islam e del Cristianesimo, che in superficie sembrano essere convertito milioni di africani dalla loro tradizionale religioni, molti aspetti delle religioni tradizionali sono ancora manifeste
  11. ^ US study sheds light on Africa's unique religious mix, AFP.Gli africani si possono descrivere in primo luogo come musulmano o cristiano e continuare a praticare molte delle tradizioni che caratterizzano la religione tradizionale africana, detto da Luis Lugo, direttore esecutivo del Pew Forum
  12. ^ Samuel Ebow Quainoo, In Transitions and consolidation of democracy in Africa, 1º gennaio 2000, ISBN 978-1-58684-040-2.Anche se alle due religioni monoteiste appartengono la maggior parte degli africani cristiani e musulmani, questi convertono a loro volta e conservano ancora alcuni aspetti delle loro religioni tradizionali
  13. ^ Encyclopædia Britannica. Britannica Book of the Year 2003. Encyclopædia Britannica, (2003) ISBN 9780852299562 p.306
    According to the Encyclopædia Britannica, as of mid-2002, there were 376,453,000 Christians, 329,869,000 Muslims and 98,734,000 people who practiced traditional religions in Africa. Ian S. Markham,(A World Religions Reader. Cambridge, MA: Blackwell Publishers, 1996.) is cited by Morehouse University as giving the mid-1990s figure of 278,250,800 Muslims in Africa, but still as 40.8% of the total spaggetti These numbers are estimates, and remain a matter of conjecture. See Amadu Jacky Kaba. The spread of Christianity and Islam in Africa: a survey and analysis of the numbers and percentages of Christians, Muslims and those who practice indigenous religions. The Western Journal of Black Studies, Vol 29, Number 2, June 2005. Discusses the estimations of various almanacs and encyclopedium, placing Britannica's estimate as the most agreed figure. Notes the figure presented at the World Christian Encyclopedia, summarized here Archiviato il 5 marzo 2016 in Internet Archive., as being an outlier. On rates of growth, Islam and Pentecostal Christianity are highest, see: The List: The World's Fastest-Growing Religions, Foreign Policy, May 2007.
  14. ^ Mauritius, su CIA World Factbook, CIA. URL consultato il 26 luglio 2012.
  15. ^ Ghana's unique African-Hindu temple - BBC News By Rajesh Joshi
  16. ^ Most Buddhist Nations (2010) - QuickLists - The Association of Religion Data Archives, su thearda.com. URL consultato il 13 marzo 2015.
  17. ^ Most Chinese Universist Nations (2010) - QuickLists - The Association of Religion Data Archives, su thearda.com. URL consultato il 13 marzo 2015.
  18. ^ Religious Adherents, 2010 – Mauritius (0.2% Buddhist + 1.3% Chinese Folk Religion), World Christian Database. URL consultato il 28 luglio 2013.
  19. ^ Buddhism in Mauritius (1981), Adherents.com. URL consultato il 20 novembre 2011 (archiviato dall'url originale il 7 maggio 2017).
  20. ^ Philip Harrison, South Africa's top sites., 1st, Klenilworth, Spearhead, 2004, ISBN 978-0-86486-564-9.
  21. ^ GALLUP WorldView - data accessed on 14 September 2011
  22. ^ Angola, State.gov. URL consultato il 15 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 20 gennaio 2012).
  23. ^ Cameroon, State.gov, 17 novembre 2010. URL consultato il 15 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 13 gennaio 2012).
  24. ^ [1]
  25. ^ CIA - The World Factbook, Cia.gov. URL consultato il 15 agosto 2012.
  26. ^ a b c Global Religious Landscape Table - Percent of Population - Pew Forum on Religion & Public Life. Features.pewforum.org (2012-12-18). Retrieved on 2013-07-28.
  27. ^ Equatorial Guinea, State.gov, 17 novembre 2010. URL consultato il 15 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 13 gennaio 2012).
  28. ^ Gabon, State.gov, 17 novembre 2010. URL consultato il 15 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 13 gennaio 2012).
  29. ^ Sao Tome and Principe, State.gov, 17 novembre 2010. URL consultato il 15 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 13 gennaio 2012).
  30. ^ Burundi, State.gov, 17 novembre 2010. URL consultato il 15 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 23 novembre 2010).
  31. ^ CIA - The World Factbook, Cia.gov. URL consultato il 15 agosto 2012.
  32. ^ CIA - The World Factbook, Cia.gov. URL consultato il 15 agosto 2012.
  33. ^ CIA - The World Factbook, Cia.gov. URL consultato il 15 agosto 2012.
  34. ^ Malawi, State.gov, 14 settembre 2007. URL consultato il 15 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 19 gennaio 2012).
  35. ^ CIA - The World Factbook, Cia.gov. URL consultato il 15 agosto 2012.
  36. ^ CIA - The World Factbook, Cia.gov. URL consultato il 15 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 21 settembre 2012).
  37. ^ CIA - The World Factbook, Cia.gov. URL consultato il 15 agosto 2012.
  38. ^ Welcome religiousintelligence.co.uk - BlueHost.com, Religiousintelligence.co.uk. URL consultato il 15 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 13 ottobre 2007).
  39. ^ Rwanda, State.gov. URL consultato il 15 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 20 gennaio 2012).
  40. ^ CIA - The World Factbook, Cia.gov. URL consultato il 15 agosto 2012.
  41. ^ U.S. Department of State, International Religious Freedom Report 2009: Tanzania, su United States Bureau of Democracy, Human Rights, and Labor, 26 ottobre 2009. URL consultato il 5 aprile 2013.
  42. ^ Pew Forum on Religion
  43. ^ Copia archiviata (PDF), su ubos.org. URL consultato il 29 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2017).
  44. ^ Zambia Archiviato il 19 gennaio 2012 in Internet Archive.. State.gov. Retrieved on 2013-07-28.
  45. ^ The World Factbook. Cia.gov. Retrieved on 2013-07-28.
  46. ^ Eritrea Demographic and Health Survey 2002
  47. ^ Summay and Statistical Report of the 2007 Population and Housing Census (PDF), Federal Democratic Republic of Ethiopia. URL consultato il 30 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 13 novembre 2012).
  48. ^ The World Factbook. Cia.gov. Retrieved on 2013-07-28.
  49. ^ The World Factbook. Cia.gov. Retrieved on 2013-07-28.
  50. ^ The World Factbook. Cia.gov. Retrieved on 2013-07-28.
  51. ^ The World Factbook. Cia.gov. Retrieved on 2013-07-28.
  52. ^ The World Factbook. Cia.gov. Retrieved on 2013-07-28.
  53. ^ The World Factbook. Cia.gov. Retrieved on 2013-07-28.
  54. ^ The World Factbook. Cia.gov. Retrieved on 2013-07-28.
  55. ^ The World Factbook. Cia.gov. Retrieved on 2013-07-28.
  56. ^ Botswana Archiviato il 21 agosto 2011 in WebCite.. State.gov (2007-09-14). Retrieved on 2013-07-28.
  57. ^ Lesotho. State.gov (2007-09-14). Retrieved on 2013-07-28.
  58. ^ Namibia Archiviato il 13 gennaio 2012 in Internet Archive.. State.gov (2010-11-17). Retrieved on 2013-07-28.
  59. ^ The World Factbook. Cia.gov. Retrieved on 2013-07-28.
  60. ^ Refworld | 2008 Report on International Religious Freedom - Swaziland Archiviato il 7 ottobre 2012 in Internet Archive.
  61. ^ Zimbabwe, su state.gov. URL consultato il 29 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 13 gennaio 2012).
  62. ^ Benin, su state.gov. URL consultato il 29 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 13 gennaio 2012).
  63. ^ Burkina Faso, su state.gov. URL consultato il 29 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 20 gennaio 2012).
  64. ^ Cape Verde, su state.gov. URL consultato il 29 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 13 gennaio 2012).
  65. ^ The World Factbook
  66. ^ Gambia, The, su state.gov. URL consultato il 29 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 20 gennaio 2012).
  67. ^ 2010 Population and Housing Census (PDF), su statsghana.gov.gh. URL consultato il 29 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 25 settembre 2013).
  68. ^ Guinea, su state.gov. URL consultato il 29 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 13 gennaio 2012).
  69. ^ Guinea-Bissau, su state.gov. URL consultato il 29 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 13 gennaio 2012).
  70. ^ International Religious Freedom Report 2010: Liberia, su United States Department of State, 17 novembre 2010. URL consultato il 22 luglio 2011.
  71. ^ Mali, su state.gov. URL consultato il 29 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 19 gennaio 2012).
  72. ^ Mauritania, su state.gov. URL consultato il 29 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 13 gennaio 2012).
  73. ^ Niger, su state.gov. URL consultato il 29 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 19 gennaio 2012).
  74. ^ Religions, CIA World Factbook. URL consultato il 1º luglio 2013.
  75. ^ Global Christianity Sortable Data Tables- Pew Forum on Religion & Public Life, su features.pewforum.org. URL consultato il 29 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 22 maggio 2013).
  76. ^ Regional Distribution of Christians | Pew Research Center's Religion & Public Life Project
  77. ^ The World Factbook
  78. ^ Sierra Leone, su state.gov. URL consultato il 29 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 13 gennaio 2012).
  79. ^ Togo\. CIA – The World Factbook. Cia.gov.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh2006005642