Igor Budan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Igor Budan
Igor Budan.JPG
Igor Budan con la maglia dell'Atalanta nell'allenamento del 9 marzo 2013
Nazionalità Croazia Croazia
Altezza 185 cm
Peso 80 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Ritirato 6 agosto 2013
Carriera
Giovanili
19??-1997Rijeka
Squadre di club1
1997-1999Rijeka33 (3)
1999-2000Venezia16 (2)
2000-2001Empoli5 (1)
2001Bellinzona1 (0)
2001-2003Venezia10 (1)
2003Ancona15 (3)
2003-2006Atalanta59 (16)
2006Ascoli11 (4)
2006-2008Parma50 (20)
2008-2010Palermo35 (5)
2010-2011Cesena17 (1)
2011-2013Palermo28 (7)
2013Atalanta2 (0)
Nazionale
1998-1999Croazia Croazia U-198 (0)
1999Croazia Croazia U-20? (?)
1999Croazia Croazia U-213 (0)
2007-2008Croazia Croazia6 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Igor Budan (Fiume, 22 aprile 1980) è un dirigente sportivo ed ex calciatore croato, di ruolo attaccante, direttore sportivo dello Spezia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È sposato con Dina, dalla quale ha avuto tre figli: prima due femmine, ovvero Viktoria, nata a Parma nell'aprile del 2008 e Amber, nata a Palermo il 15 marzo 2010,[1][2] quindi Aron, figlio maschio nato il 22 agosto 2013.[3] La seconda figlia viene a mancare il 13 luglio 2012 per una meningite fulminante[4][5][6] sfociata nella Sindrome di Waterhouse-Friderichsen,[7] con il giocatore che ha voluto ringraziare pubblicamente per l'affetto ricevuto.[8]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi e l'arrivo in Italia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver giocato dal 1997 al 1999 nel Rijeka, squadra della massima divisione croata, segnandovi 3 reti in 33 partite, si trasferisce in Italia nel Venezia e fa il suo esordio in Serie A il 21 novembre 1999 nella partita Venezia-Piacenza (0-0). Il primo gol nella massima serie arriva il 16 aprile 2000 in Parma-Venezia (3-1).

Da qui alla fine del campionato 2002-2003 gioca in varie squadre italiane tra Serie A e Serie B: Venezia, Empoli, una parentesi in Svizzera al Bellinzona, Palermo (in cui è stato il primo calciatore croato della storia della società), Ancona, in questi 7 campionati segna 7 reti in 47 partite giocate.

Tra Bergamo ed Ascoli[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 2003-2004 passa all'Atalanta in Serie B[9] e disputa 23 partite segnando 11 reti contribuendo alla promozione della squadra in Serie A. La sua stagione è stata frenata da un infortunio al ginocchio.

Al termine della stagione fa ritorno al Palermo, squadra nel quale è convinto di restare[10] fin quando il 27 agosto 2004 ritorna all'Atalanta in prestito con diritto di opzione sulla compartecipazione.[11] Vari infortuni e seguenti ricadute ne condizionano il rendimento nel campionato di Serie A, nel quale segna 5 reti in 28 partite.[12] A fine stagione l'Atalanta esercita il diritto di riscatto della comproprietà, e nella stagione 2005-2006, anche questa costellata da infortuni, colleziona 8 presenze in campionato senza reti.

A gennaio 2006 passa in prestito all'Ascoli,[13] con il quale gioca 11 partite segnando 4 gol in campionato, fra cui la prima doppietta in Serie A in Empoli-Ascoli (1-2).[14] A giugno Budan, che era in compartecipazione tra l'Atalanta e il Palermo, viene acquistato interamente da quest'ultima per la cifra di un milione di euro.[15]

Parma[modifica | modifica wikitesto]

Per la stagione 2006-2007 viene girato in prestito al Parma.[16]

Nel girone d'andata segna 6 reti di cui una all'esordio contro il Torino per poi rimanere a secco per cinque giornate e successivamente realizzarne 5 consecutive. Nel girone di ritorno (in cui si ritrova come compagno di squadra Giuseppe Rossi arrivato in prestito dal Manchester United) è autore di 5 gol: realizza due reti in tredici partite dopo la pausa natalizia, una tirando dai 30 metri a Udine e un'altra contro la Reggina; segna poi il gol dell'ex a Palermo che risulterà decisivo ai fini del risultato (3-4 per il Parma) e poi segna un altro gol nel 2-1 interno contro il Cagliari. L'ultimo gol della stagione arriva nella giornata finale: segna la rete del 2-0 nel 3-1 contro l'Empoli, che permette al Parma di restare in Serie A.[17]

Il bilancio stagionale si completa con 3 reti in altrettante presenze in Coppa UEFA (le sue uniche partite giocate in competizioni internazionali per club), per un totale di 16 reti tra campionato e coppa. A fine stagione la nuova società ducale lo acquista in comproprietà dal Palermo per la cifra già pattuita di 1,1 milioni di euro.[18]

Tra la prima e la seconda giornata della stagione 2007-2008 un grave infortunio alla coscia lo costringe ad una convalescenza di quattro mesi;[19] per sostituirlo, il presidente del Parma Tommaso Ghirardi ingaggia in prestito dal Manchester City l'attaccante Bernardo Corradi. Torna dall'infortunio a fine gennaio 2008. Il 23 febbraio segna un gol contro il Torino, partita finita 4-4. Nella sfida successiva che vede di scena l'Udinese al Tardini, entra nel secondo tempo e conquista un rigore che servirà ai ducali per il definitivo 2-0. Dopo la trasferta di Roma, subentra in Parma-Sampdoria sullo 0-2 e realizza il gol dell'1-2, anticipando Luca Castellazzi in uscita. Il 19 marzo 2008, in Parma-Palermo (2-1), realizza la seconda doppietta in Serie A.[14]

Il ritorno definitivo a Palermo[modifica | modifica wikitesto]

Il 19 giugno 2008 il Palermo, che deteneva la metà del suo cartellino, lo acquista a titolo definitivo dal Parma, riscattandone la seconda metà[20] per una cifra di 4-4,5 milioni di euro.[21][22] Coi rosanero firma un contratto da 900.000 euro a stagione.[23][24]

Esordisce ufficialmente con la maglia rosanero il 19 ottobre in Catania-Palermo (2-0), entrando al 74', dopo un calvario durato cinque mesi e non finito poiché in data 4 dicembre 2008 la società comunica che il giocatore sarà nuovamente operato per una pulizia al ginocchio;[25] quattro giorni dopo, ad Anversa, il giocatore si sottopone all'intervento chirurgico, il quale riesce perfettamente:[26] si è trattato del settimo intervento chirurgico della sua carriera.[21]

Torna ad allenarsi agli inizi di febbraio 2009, rendendosi disponibile per le ultime giornate di campionato senza però scendere più in campo: conclude quindi la stagione con sole 5 presenze (e appena 109 minuti giocati) risalenti all'anno solare 2008.[27] Si mette definitivamente in sesto per l'inizio della nuova stagione,[28] esordendo nella prima giornata di campionato contro il Napoli (2-1). Segna il suo primo gol in campionato, che coincide anche con il primo in maglia rosanero, alla terza giornata il 13 settembre 2009, regalando il pareggio al Palermo al 91' nella partita casalinga contro il Bari (1-1).

Il 26 novembre, nel quarto turno di Coppa Italia contro la Reggina (4-1), segna una doppietta, la prima in rosanero,[14] subentrando a partita in corsa. In questo modo la Reggina è diventata la squadra da lui più battuta (5 reti) da quando è in Italia.[29]<

Il 6 dicembre 2009 si è reso protagonista di una grande prestazione in Palermo-Cagliari (2-1) segnando il gol del momentaneo pareggio,[30] rete che anche a detta sua è stata una tra le più belle della sua carriera.[21]

Nella stagione 2009-2010 è sostanzialmente un rincalzo dei titolari Fabrizio Miccoli ed Edinson Cavani, collezionando comunque 30 presenze in campionato (di cui 5 da titolare e 25 da subentrante) con 5 reti all'attivo (oltre alle 2 già citate è andato in gol contro Roma, Fiorentina e Juventus) a cui si aggiunge la già citata presenza in Coppa Italia per un totale di 31 presenze e 7 reti.

Il 19 luglio 2010 è stato operato in artroscopia per la pulizia del ginocchio destro: l'intervento è perfettamente riuscito.[31]

Cesena ed il secondo ritorno al Palermo[modifica | modifica wikitesto]

Non rientrando più nei piani tecnici della società, il 31 agosto 2010, nell'ultimo giorno di calciomercato, viene ufficializzato il suo passaggio in prestito al neopromosso Cesena.[32] L'ingaggio del giocatore resta a carico del Palermo, con il Cesena che gli corrisponderà alcuni premi legati al numero di presenze e di gol segnati.[33] Fuori per infortunio durante la prima parte della stagione, esordisce in maglia bianconera il 28 novembre 2010 in Bari-Cesena (1-1) valida per la 14ª giornata di campionato, entrando in campo al 57' al posto di Erjon Bogdani.[34] L'esordio da titolare arriva alla 19ª giornata (quinta presenza in maglia bianconera) datata 9 gennaio 2011, giocando fino al 65' di Cesena-Genoa (0-0), quando viene sostituito da Bogdani.[35] Fino a fine febbraio gioca tutte le partite quasi sempre da subentrato, restando poi fermo per due mesi: dal 20 febbraio, giorno di Parma-Cesena (2-2), torna in campo il 23 aprile in Bologna-Cesena (0-2). Gioca titolare nella giornata successiva, la 30ª, realizzando il primo gol con la maglia cesenate e l'unico della stagione in Cesena-Inter (1-2).[36] Le presenze a fine anno saranno 17. Finito il prestito, fa ritorno al Palermo.

Rientrato in Sicilia per fine prestito, è spesso costretto a non potersi allenare a causa di problemi fisici. Inoltre, nel novembre 2011 si procura una frattura scomposta delle ossa del naso,[37] venendo operato giorno 28.[38] Nel frattempo si è ridotto l'ingaggio spalmandolo negli anni.[39]

Torna in campo il 13 dicembre 2011, a sette mesi di distanza dall'ultima partita ufficiale disputata, giocando titolare in Palermo-Siena (4-7 d.c.r.) valida per gli ottavi di finale di Coppa Italia, uscendo al 60' per fare spazio a Nicolás Bertolo.[40] Debutta in campionato nella successiva partita contro il Catania, entrando all'83'. Sotto la guida tecnica di Bortolo Mutti, nel frattempo subentrato a Devis Mangia, inizia a giocare titolare segnando il primo gol stagionale nella 19ª giornata di campionato contro il Genoa (5-3), mentre nel turno successivo realizza la seconda doppietta in rosanero (la prima in campionato)[14] decisiva per la vittoria contro il Novara (2-0).[41] Nella partita della 25ª giornata giocata il 26 febbraio e persa per 4-1 in trasferta contro il Siena, Budan ha vestito la fascia di capitano rosanero per la prima volta, vista la sostituzione di Fabrizio Miccoli, l'espulsione di Federico Balzaretti e l'assenza di Giulio Migliaccio.[42] Gioca titolare dalla 17ª alla 27ª giornata (compreso il recupero della prima partita di campionato) eccezion fatta per il 18º turno, mentre dalla 28ª giornata fino a fine campionato parte dalla panchina se si escludono le partite delle giornate 33, 37 e 38. Chiude la stagione con 23 presenze (22 in campionato e una in Coppa Italia) e 6 gol.

Nella stagione 2012-2013 gioca la prima partita da titolare il 27 novembre, in Palermo-Hellas Verona (1-2) del quarto turno di Coppa Italia, dopo 3 presenze da subentrato in campionato. Segna l'unica rete stagionale in rosanero il 6 gennaio 2013 in Parma-Palermo (2-1) della 19ª giornata: il suo è stato il gol del momentaneo 1-1. Lascia la squadra dopo 6 presenze in campionato e quella in Coppa Italia.

Il ritorno all'Atalanta ed il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 gennaio 2013 passa in prestito con diritto di riscatto all'Atalanta,[43][44] tornando nella società orobica dopo il triennio 2003-2006. Disputa la sua prima partita il 27 gennaio seguente contro il Milan, entrando all'80' al posto di Luca Cigarini.[45] Ottiene la seconda e ultima presenza in Atalanta-Roma (2-3) della 26ª giornata, entrando all'85 al posto di Giacomo Bonaventura. A fine stagione non viene riscattato, fa ritorno al Palermo[46] e decide di ritirarsi dall'attività agonistica.

Chiude la carriera con 191 presenze e 44 reti in Serie A e 58 presenze e 16 reti in Serie B.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Per molto tempo è stato un punto fermo delle Nazionali giovanili croate.[47]

Ha esordito con la Nazionale maggiore in un'amichevole contro la Norvegia nel febbraio del 2007.[47]

È stato convocato per il Campionato europeo di calcio 2008, competizione nella quale ha giocato solo la prima partita del girone, subentrando nella ripresa, in quanto ha in seguito subìto un infortunio al ginocchio.[48]

Dirigente[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 agosto 2013, contestualmente alla rescissione del contratto da calciatore, viene nominato team manager del Palermo, firmando un contratto quadriennale spalmando il vecchio ingaggio da calciatore.[49][50]

Il 15 settembre seguente è stato ammesso al corso per direttori sportivi,[51] ottenendo la qualifica il 16 dicembre.[52]

A inizio di luglio del 2014 rescinde il contratto con il Palermo e diventa il vice direttore sportivo dello Spezia alle spalle di Guido Angelozzi[53]. Il 9 luglio 2015 assume la carica di direttore sportivo dei liguri[54] fino al successivo 17 novembre quando, per problemi personali, pur restando nei quadri societari, lascia l'operatività[55].

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1997-1998 Croazia Rijeka 1. HNL 10 2 CC 0 0 - - - - - - 10 2
1998-1999 1. HNL 23 1 CC[56] 2 1 - - - - - - 25 2
Totale Rijeka 33 3 2 1 - - - - 35 3
1999-2000 Italia Venezia A 16 2 CI 4 0 - - - - - - 20 2
2000-gen. 2001 Italia Empoli B 5 1 CI 0 0 - - - - 5 1
gen.-giu. 2001 Svizzera Bellinzona CL 1 0 - - - - - - - - - 1 0
2001-2002 Italia Venezia A 3 0 CI 0 0 - - - - - - 3 0
2002-gen. 2003 B 7 1 CI 0 0 - - - - - - 7 1
Totale Venezia 26 3 4 0 - - - - 30 3
gen.-giu. 2003 Italia Ancona B 15 3 CI - - - - - - - - 15 3
2003-2004 Italia Atalanta B 23 11 CI 0 0 - - - - - - 23 11
2004-2005 A 28 5 CI 4 1 - - - - - - 32 6
2005-gen. 2006 B 8 0 CI 1 0 - - - - - - 9 0
Totale Atalanta 59 16 5 1 - - - - 64 17
gen.-giu. 2006 Italia Ascoli A 11 4 CI - - - - - - - - 11 4
2006-2007 Italia Parma A 35 13 CI 0 0 CU 3 3 - - - 38 16
2007-2008 A 15 7 CI 1 0 - - - - - - 16 7
Totale Parma 50 20 1 0 3 3 - - 54 23
2008-2009 Italia Palermo A 5 0 CI 0 0 - - - - - - 5 0
2009-2010 A 30 5 CI 1 2 - - - - - - 31 7
ago. 2010 A 0 0 CI 0 0 UEL 0 0 - - - 0 0
ago. 2010-2011 Italia Cesena A 17 1 CI 0 0 - - - - - - 17 1
2011-2012 Italia Palermo A 22 6 CI 1 0 UEL 0 0 - - - 23 6
2012-gen. 2013 A 6 1 CI 2 0 - - - - - - 8 1
Totale Palermo 63 12 3 2 - - - - 66 14
gen.-giu. 2013 Italia Atalanta A 2 0 CI - - - - - - - - 2 0
Totale carriera 283 63 15 4 3 3 - - 301 70

Le squadre a cui ha segnato più gol sono il Cagliari e la Fiorentina.[57]

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Croazia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
07/02/2007 Fiume Croazia Croazia 2 – 1 Norvegia Norvegia Amichevole -
24/03/2007 Zagabria Croazia Croazia 2 – 1 Macedonia Macedonia Qual. Euro 2008 -
22/08/2007 Sarajevo Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina 3 – 5 Croazia Croazia Amichevole -
26/03/2008 Glasgow Scozia Scozia 1 – 1 Croazia Croazia Amichevole -
24/05/2008 Fiume Croazia Croazia 1 – 0 Moldavia Moldavia Amichevole -
08/06/2008 Vienna Austria Austria 0 – 1 Croazia Croazia Euro 2008 -
Totale Presenze 6 Reti 0

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fiocco rosa in casa Palermo, Ilpalermocalcio.it, 15 marzo 2010. URL consultato il 17 aprile 2010.
  2. ^ "A tu x tu" con... Igor Budan Palermocalcio.it
  3. ^ È nato Aron Budan Palermocalcio.it
  4. ^ Il Palermo in lutto morta la figlia di Budan palermo.repubblica.it
  5. ^ Il Palermo vicino a Budan Palermocalcio.it
  6. ^ Palermo, una delegazione in Croazia per Budan Tuttopalermo.net
  7. ^ Palermo, Budan: "Gioco per il mio angelo" Tuttopalermo.net
  8. ^ "Grazie" Palermocalcio.it
  9. ^ Rino Scialò, Budan, la nuova stella dell'Atalanta, Pianetaazzurro.it, 29 ottobre 2003. URL consultato il 16 aprile 2010.
  10. ^ Budan: "Ho riconquistato la fiducia del Palermo Ilpalermocalcio.it
  11. ^ Budan in prestito all'Atalanta Ilpalermocalcio.it
  12. ^ Pietro Serina, Il doppio piano di Budan, in Gazzetta dello Sport, 24 aprile 2005, p. 14. URL consultato il 16 aprile 2010.
  13. ^ Mauro Giorgi, Il Treviso non avrà stimoli perciò dovremo approfittarne, Ilquotidiano.it, 27 aprile 2006. URL consultato il 16 aprile 2010.
  14. ^ a b c d Terza doppietta in A per Budan Palermocalcio.it
  15. ^ Filippo Di Chiara, Marco Pasotto, Bonazzoli: Samp Rosina è del Toro Canini al Cagliari, in Gazzetta dello Sport, 21 giugno 2006, p. 27. URL consultato il 16 aprile 2010.
  16. ^ Preso Bresciano, Budan e Ciaramitaro in prestito al Parma, Ilpalermocalcio.it, 21 giugno 2006. URL consultato il 16 aprile 2010.
  17. ^ Paolo Emilio Pacciani, Parma resta in A, Ranieri lascia, in Corriere della Sera, 28 maggio 2007, p. 50. URL consultato il 16 aprile 2010 (archiviato dall'url originale il 19 novembre 2015).
  18. ^ La grande foresta del calciomercato Informazionediparma.com[collegamento interrotto]
  19. ^ Parma, grave infortunio per Igor Budan Tuttomercatoweb.com
  20. ^ Riscattati Bovo, Budan, Çani e Di Matteo. Biava al Genoa, rinnovata la comproprietà di Matteini, Ilpalermocalcio.it, 19 giugno 2008. URL consultato il 16 aprile 2010.
  21. ^ a b c Paolo Vannini, Ho avuto paura di non giocare più, in Corriere dello Sport - Stadio, 11 dicembre 2009, p. 17.
  22. ^ Dichiarazione di Zamparini Ilpalermocalcio.it
  23. ^ Fabrizio Vitale, La Gazzetta dello Sport, 28 giugno 2011.
  24. ^ La Gazzetta dello Sport, 8 settembre 2011.
  25. ^ Comunicazione sulle condizioni fisiche di Igor Budan, Ilpalermocalcio.it, 4 dicembre 2008. URL consultato il 17 aprile 2010.
  26. ^ Perfettamente riuscito l'intervento a Budan, Ilpalermocalcio.it, 8 dicembre 2008. URL consultato il 17 aprile 2010.
  27. ^ Diego Siragusa, Palermo, l'incognita Budan, Tuttopalermo.net, 15 giugno 2009. URL consultato il 17 aprile 2010.
  28. ^ Budan: "Felice di essere tornato in campo", Ilpalermocalcio.it, 12 luglio 2009. URL consultato il 17 aprile 2010.
  29. ^ Palermo - Reggina: curiosità, Ilpalermocalcio.it. URL consultato il 17 aprile 2010.
  30. ^ Palermo-Cagliari 2-1, Ilpalermocalcio.it. URL consultato il 17 aprile 2010 (archiviato dall'url originale il 13 dicembre 2009).
  31. ^ Intervento riuscito per Budan Ilpalermocalcio.it
  32. ^ Movimenti in uscita del Palermo Ilpalermocalcio.it
  33. ^ Cesena, i dettagli per Budan Tuttopalermo.net
  34. ^ Bari-Cesena 1-1 Legaseriea.it
  35. ^ Cesena-Genoa 0-0 Legaseriea.it
  36. ^ Cesena-Inter 1-2 Legaseriea.it
  37. ^ Frattura nasale per Budan. Lunedì l'intervento chirurgico Palermocalcio.it
  38. ^ Intervento riuscito per Budan Palermocalcio.it
  39. ^ A tu per tu... con Caira Tuttomercatoweb.com
  40. ^ Palermo-Siena 4-7 d.c.r. Palermocalcio.it
  41. ^ Palermo-Novara 2-0 Palermocalcio.it
  42. ^ Siena-Palermo 4-1 Palermocalcio.it
  43. ^ Igor Budan all'Atalanta, Atalanta.it, 21 gennaio 2013. URL consultato il 21 gennaio 2013.
  44. ^ Budan ceduto all'Atalanta Palermocalcio.it
  45. ^ Atalanta-Milan 0-1 Archiviato il 30 gennaio 2013 in Internet Archive. Legaseriea.it
  46. ^ ESCLUSIVA TMW - Palermo, a giorni Igor Budan in dirigenza, tuttomercatoweb.com, 21 giugno 2013. URL consultato il 1º luglio 2013.
  47. ^ a b Europei 2008: Che tegola sulla Croazia Freeonline.org
  48. ^ Colantuono: "Infortunio Budan? Vedremo" Palermomania.com
  49. ^ Budan nuovo Team Manager Palermocalcio.it
  50. ^ Il Palermo cambia, Amoruso verso l'addio: i dettagli Palermo24.net
  51. ^ Nuovi direttori sportivi, da domani via al corso Tuttomercatoweb.com
  52. ^ Budan diventa direttore sportivo Palermo24.net
  53. ^ Palermo, Ufficiale: Budan va allo Spezia Calciomercato.com
  54. ^ Igor Budan è il nuovo Direttore Sportivo dello Spezia Calcio, su acspezia.com, 9 luglio 2015. URL consultato il 17 novembre 2015.
  55. ^ Spezia Calcio: avanti tutti insieme!, su acspezia.com, 17 novembre 2015. URL consultato il 17 novembre 2015.
  56. ^ (HR) Statistiche su Hrnogomet.com
  57. ^ Palermo, Budan spesso in gol contro il Cagliari Tuttopalermo.net

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]