Tristan da Cunha

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il navigatore portoghese, vedi Tristão da Cunha.

Coordinate: 37°06′S 12°17′W / 37.1°S 12.283333°W-37.1; -12.283333

Tristan da Cunha
Tristan da Cunha - Bandiera Tristan da Cunha - Stemma
(dettagli) (dettagli)
Motto: Our faith is our strength
inglese: La nostra fede è la nostra forza
Tristan da Cunha - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo Tristan da Cunha
Nome ufficiale Tristan da Cunha
Dipendente da Sant'Elena, Ascensione e Tristan da Cunha
(Regno Unito Regno Unito)
Lingue ufficiali inglese
Capitale Edinburgh of the Seven Seas
Politica
Status Territorio d'oltremare
Regina Elisabetta II
Governatore: Mark Andrew Capes
Amministratore Alex Mitham
Superficie
Totale 201 km²
 % delle acque trascurabile
Popolazione
Totale ~280 ab. (2005)
Densità 1,39 ab./km²
Geografia
Continente Africa
Fuso orario UTC + 0
Economia
Valuta Sterlina di Sant'Elena (SHP)
Varie
TLD .sh
Prefisso tel. +290
Inno nazionale God Save the Queen
 

Tristan da Cunha è un remoto gruppo di isole nell'Oceano Atlantico meridionale, distante 2.816 km (1.750 miglia) dal Sudafrica e 3.360 km (2.088 miglia) dal Sud America. Appartiene al territorio britannico d'oltremare di Sant'Elena, situata 2.161 km (1.350 miglia) più a nord. Il territorio è composto dall'isola principale, Tristan da Cunha (98 km²), e da una serie di isole disabitate: l'Isola Inaccessible e le Isole Nightingale. Anche l'Isola Gough, situata a 395 km a sud est dell'isola principale, fa parte del territorio.

L'isola è considerata uno degli insediamenti umani più remoti al mondo. Due dei 7 cognomi presenti nella popolazione locale sono di origine italiana (Lavarello e Repetto, originari di Camogli, nel Levante genovese, in Liguria), in quanto tali erano 2 degli 8 fondatori maschi della colonia; gli altri erano: due inglesi (Swain e Patterson), due americani (Hagan e Rogers), uno scozzese (Glass) e un olandese (Green).[1]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1506 il navigatore portoghese Tristão da Cunha avvistò per la prima volta l'isola principale dell'arcipelago, senza sbarcarvi. Egli le diede il suo nome, Ilha de Tristão da Cunha, successivamente ribattezzata dagli inglesi in Tristan da Cunha Island. La prima esplorazione dell'arcipelago avvenne da parte della fregata francese L'Heure du Berger che nel 1767 effettuò la prima ricognizione della costa. Venne notata la presenza di acqua dovuta alla grande cascata Big Watron e al lago presente nella parte settentrionale dell'isola; i risultati dell'esplorazione furono pubblicati sul Royal Navy Hydrographer nel 1781. La prima persona a stabilirsi permanentemente sull'isola fu Jonathan Lambert, proveniente da Salem (Massachusetts), che arrivò sull'isola nel 1810 assieme al marinaio americano Andrew Millet e al livornese Tommaso Corri. Egli dichiarò l'arcipelago di sua proprietà con il nome di Isole del Ristoro, ma il suo dominio ebbe vita breve poiché nel 1812 morì in un incidente in mare assieme a Millet. Nel 1815 il Regno Unito, dopo aver fatto sbarcare un contingente che arrestò Corri con l'accusa di aver ucciso i suoi compagni, annesse formalmente l'isola alla Colonia del Capo in Sudafrica.[2] Questo allo scopo di impedire ai francesi di utilizzare l'isola come base per una potenziale operazione di liberazione di Napoleone Bonaparte dalla sua prigione sull'isola di Sant'Elena.[3]

L'occupazione evitò inoltre che gli Stati Uniti usassero Tristan da Cunha come base durante la Guerra del 1812. Il tentativo di colonizzare l'Isola Inaccessibile fallì. Le isole furono occupate da una guarnigione militare britannica e la popolazione civile crebbe gradualmente. Anche i balenieri fecero delle isole una base per le loro operazioni nell'Atlantico del sud. Tuttavia l'apertura del Canale di Suez nel 1869, assieme al progressivo passaggio dalla navigazione a vela a quella a vapore, aumentarono l'isolamento dell'arcipelago, dato che non vi era più necessità di scalo sulle rotte fra l'Europa e l'Estremo Oriente.

Nel 1867 il Principe Alfredo, Duca di Sassonia-Coburgo e Gotha e Duca di Edimburgo, secondogenito della Regina Vittoria, visitò l'isola. L'insediamento principale fu ribattezzato Edinburgh of the Seven Seas in onore della sua visita. Un secondo Duca di Edimburgo, il marito della regina Elisabetta II del Regno Unito, visitò l'isola nel 1957 durante il suo giro del mondo a bordo dello yacht reale Britannia. Il fratello più giovane di Lewis Carroll, il reverendo Edwin H. Dodgson, prestò servizio come missionario anglicano a Tristan da Cunha nel decennio del 1880.

Il 12 gennaio 1938, con un decreto in forma di Letters Patent, l'arcipelago fu dichiarato di pertinenza del territorio di Sant'Elena.

Durante la Seconda guerra mondiale l'arcipelago fu usato come stazione della Royal Navy col nome di HMS Atlantic Isle per controllare i movimenti delle navi tedesche nel sud Atlantico. Il primo amministratore del governo britannico si insediò sull'isola in questo periodo.

Nel 1961 un'eruzione vulcanica costrinse l'intera popolazione all'evacuazione in Gran Bretagna; essi ritornarono a Tristan da Cunha nel 1963.

Nel 2005 l'isola ricevette il codice postale Britannico TDCU 1ZZ per consentire alla popolazione di ordinare i beni online con maggiore facilità.

Politica e legislazione[modifica | modifica sorgente]

L'autorità esecutiva è la regina Elisabetta II del Regno Unito, rappresentata sul territorio dal Governatore di Sant'Elena. Dal momento che il Governatore risiede permanentemente a Sant'Elena, sull'arcipelago vive un Amministratore locale con delega di poteri da parte del Governatore.

L'Amministratore agisce come capo del governo locale, supportato dal Consiglio dell'Isola, composto da 8 membri eletti e da 3 membri incaricati.

Tristan da Cunha ha la propria legislazione, ma la legge promulgata da Sant'Elena estende quanto non considerato dalla legislatura locale, quando ragionevolmente le circostanze e i soggetti coinvolti lo rendano necessario.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Arcipelago di Tristan da Cunha (inclusa Gough Island)
Tristan da Cunha e isole circostanti (immagine da satellite)

Il nome "Tristan da Cunha" è utilizzato anche per l'intero arcipelago, composto dalle seguenti quattro isole:

Arcipelago di Tristan da Cunha (Tristan da Cunha e isole annesse)

L'Isola Inaccessibile e l'Isola Nightingale si trovano a 35 km in direzione SW dall'isola principale, mentre l'Isola Gough si trova a 395 km in direzione SSE.

L'isola principale è piuttosto montagnosa; sull'unica zona pianeggiante, sulla costa nordoccidentale, sorge la capitale Edinburgh (anche chiamata "Edinburgh-on-the-Seven-Seas"). La cima più alta è il vulcano Queen Mary's Peak (2.010 m), che in inverno si copre di neve.

Le altre isole dell'arcipelago sono disabitate, fatta eccezione per la stazione meteorologica sudafricana Gough Island Weather Station sull'omonima isola, che opera dal 1956 e che dal 1963 è situata nella Transvaal Bay nella costa sud est, con un gruppo di 6 persone.

Tristan da Cunha è un luogo di nidificazione degli albatros di Tristan.

Economia[modifica | modifica sorgente]

La maggiore entrata economica dell'isola deriva dalla vendita di francobolli per i collezionisti di tutto il mondo. L'agricoltura è la maggiore attività dell'isola, anche se molti degli abitanti hanno due occupazioni, lavorando spesso sia per il governo locale sia in altri commerci legati soprattutto alla pesca di aragoste. L'eruzione vulcanica del 1961 distrusse lo stabilimento della lavorazione del pesce sull'isola, che fu successivamente ricostruito. Lo stabilimento è stato distrutto nuovamente da un devastante incendio il 13 febbraio 2008.

Il turismo è molto limitato sull'isola, a causa della posizione isolata della stessa; tuttavia qualche imbarcazione da crociera arriva e sbarca qualche passeggero.

Il Sudafrica provvede a mantenere la stazione meteorologica sull'Isola Gough.

La remota posizione dell'arcipelago rende difficili i collegamenti e i trasporti con il resto del mondo. Non esiste un aeroporto e l'isola può essere raggiunta solo via mare. D'altra parte non esiste un porto, per cui il collegamento con l'isola dalla nave ancorata al largo avviene per mezzo di barche. I battelli da pesca del Sudafrica offrono un servizio regolare per l'isola, e la nave da carico e passeggeri RMS Saint Helena svolge servizio di collegamento con le isole di Sant'Elena (2.500 km) e di Ascensione (3.300 km).

Demografia[modifica | modifica sorgente]

L'isola ha una popolazione di circa 280 persone. L'abitato principale è Edinburgh of the Seven Seas (chiamato comunemente dai locali "The Settlement"). La religione principale è il Cristianesimo, a maggioranza Anglicana e a minoranza Cattolica.

Esiste una certa incidenza di problemi di salute nella popolazione, legati all'endogamia, tra questi i più rilevanti sono l'asma e il glaucoma, in gran parte dovuti alla consanguineità per gli inevitabili matrimoni fra componenti sempre più imparentati, come per esempio ripetuti matrimoni fra cugini di secondo grado, con conseguente livellamento del patrimonio genetico.

Occorre chiedere un permesso all'amministratore locale prima di sbarcare a Tristan.

Cognomizzazioni[modifica | modifica sorgente]

A Tristan da Cunha attualmente ci sono solo 7 ceppi familiari e relative cognomizzazioni[4]:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Genealogy and genes: tracing the founding fathers of Tristan da Cunha, European Journal of Human Genetics, (2003) 11, 705–709.
  2. ^ Jonathan Lambert e Tommaso Corri. URL consultato il 26 agosto 2013.
  3. ^ Edmund Roberts, Embassy to the Eastern Courts of Cochin-China, Siam, and Muscat, New York, Harper & Brothers, 1837, p. 33.
  4. ^ Fonte sulle cognomizzazioni

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]