Madera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Madeira" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Madera (disambigua) e Madeira (disambigua).
Madeira
regione
Região Autónoma da Madeira
Regione Autonoma di Madera
Madeira – Stemma Madeira – Bandiera
Panorama di Funchal
Panorama di Funchal
Localizzazione
Stato Portogallo Portogallo
Amministrazione
Capoluogo Funchal
Territorio
Coordinate
del capoluogo
32°39′N 16°54′W / 32.65°N 16.9°W32.65; -16.9 (Madeira)Coordinate: 32°39′N 16°54′W / 32.65°N 16.9°W32.65; -16.9 (Madeira)
Superficie 828 km²
Abitanti 245 806 (2007)
Densità 296,87 ab./km²
Altre informazioni
Prefisso +351 291
Fuso orario UTC+0
ISO 3166-2 PT-30
Targa P
Cartografia

Madeira – Localizzazione

Sito istituzionale
Visione 3D digitale dell'isola di Madeira
Torre gotica del XV secolo di Madeira
L'interno di Madeira intorno a Curral das Freiras
Pesce spada con banane di Madeira

Madera (in portoghese A Madeira) è un arcipelago di isole di origine vulcanica, situato nell'Oceano Atlantico, 545 km a nord ovest della costa africana.

Geografia e clima[modifica | modifica sorgente]

L'arcipelago è formato da due isole maggiori, Madera e Porto Santo, da tre isole minori disabitate, note come le Desertas, e da altre due isole minori, anch'esse disabitate, denominate le Isole Selvagge. L'isola maggiore è Madera, con una superficie di 741 km².

L'arcipelago insieme a Capo Verde, le Azzorre e le Canarie forma la Macaronesia, ma le Azzorre e Madera sono parte del Portogallo, le Canarie sono parte della Spagna e Capo Verde, un tempo portoghese, è oggi una repubblica indipendente.

Il Capoluogo della Regione Autonoma, Funchal, si trova nella costa meridionale dell'isola di Madeira, a 32° 37' 45" di latitudine nord e 16° 55' 20" di longitudine ovest. Le città più importanti dell'arcipelago sono, oltre a Funchal, Vila Baleira (nell'isola di Porto Santo), Machico, Câmara de Lobos, Santa Cruz (il cui comune include Caniço) e Santana.

Nella parte sud si conserva il bosco che ricopriva gran parte dell'arcipelago prima che i colonizzatori lo convertissero in terreno coltivabile.

La posizione geografica dell'arcipelago, lambito dalla Corrente del Golfo, e la sua struttura montagnosa consentono un clima mite benché umido, con temperature medie giornaliere che, lungo le coste, oscillano tra i +16/+18 °C nel trimestre dicembre-febbraio e i +24/+25 °C dei mesi compresi tra giugno e settembre.

Il clima dell'isola permette la crescita di fiori e i frutti tropicali, oltre che di vigneti da cui si ricava il noto vino Madeira.

L'UNESCO ha incluso i boschi di Laurisilva, nella regione settentrionale, tra i Patrimoni dell'Umanità.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Secondo la leggenda l'arcipelago faceva parte del mitico regno di Atlantide. Già conosciuto dai Fenici, l'arcipelago fu riscoperto nel 1419 dai portoghesi João Gonçalves Zarco e Tristão Vaz Teixeira. All'epoca era disabitato e coperto da fitte foreste; da qui il nome Ilha da Madeira (isola del legno).

Secondo A H de Oliveira Marques (Breve Historia de Portugal) noto storico portoghese contemporaneo, una spedizione capitanata da italiani fu finanziata da D. Alfonso IV nel 1341. Giunsero alle Canarie e probabilmente per primi anche nell'arcipelago di Madeira. Anni dopo per il cresciuto interesse della Corona portoghese João Gonçalves Zarco, Tristão Vaz Teixeira e Bartolomeu Perestrelo, furono mandati ad occupare permanentemente l'arcipelago, limitandosi a tradurre alcune denominazioni precedenti delle isole, tra cui "Legname" in "Madeira".

Condivise le sorti del Portogallo quando quest'ultimo venne unito alla Spagna, nella persona di sovrani comuni, dal 1580 al 1640. Dal 1807 al 1814 l'arcipelago fu occupato dal Regno Unito.

Durante il periodo coloniale la sua economia era florida grazie alle piantagioni di canna da zucchero e ai vigneti.

Negli anni settanta del Novecento vide lo sviluppo di un movimento di istanza separatista, il FLAMA (Frente de Libertação da Madeira) che si schierava a fianco del Partito Comunista Portoghese. Al declino di quest'ultimo corrispose anche la decadenza del FLAMA.

Popolazione e cultura[modifica | modifica sorgente]

Nel 1991 la popolazione era di 253.200 abitanti. La densità di popolazione era di 337 abitanti per km2 a Madera e 112 abitanti per km2 a Porto Santo. I colonizzatori portoghesi provenivano per gran parte dalle regioni dell'Algarve e del Minho.

Le bellezze dell'arcipelago includono monumenti storici, vie e piazze fiorite e piccoli villaggi caratteristici.

Persone legate a Madera[modifica | modifica sorgente]

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

L'arcipelago costituisce una delle regioni autonome portoghesi ed è suddiviso in 11 comuni (municípios)

Economia[modifica | modifica sorgente]

All'interno della Regione Autonoma di Madeira è stata istituita una Free Trade Zone (cosiddetta FTZ). Trattasi di una zona franca di natura industriale, costituita da un’area di libera importazione ed esportazione di merci. Le società operanti nell’ambito della FTZ beneficiano, in aggiunta alle esenzioni o agevolazioni fiscali relative alle imposte sui redditi di notevoli vantaggi anche in materia di dazi doganali: le materie prime e i prodotti semilavorati importati nella FTZ sono esenti dal dazio di importazione se destinati alla trasformazione in loco in nuovi prodotti che, essendo per questo considerati fin dall’origine comunitari, sono esenti da dazi di importazione al momento della loro immissione nel mercato dell’Unione Europea[1].

Aeroporti[modifica | modifica sorgente]

  • Funchal/Madeira internazional (FNC) a Santa Cruz
  • Porto Santo (PXO)

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ [1] articolo dell'Avv.Teti e Giancola, "Presentazione del regime fiscale della Zona Franca della Regione Autonoma di Madeira" www.magistra.it, 22 settembre 2003

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]