Peñón de Alhucemas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Peñón de Alhucemas
Alhucemas2.jpg
Geografia fisica
Localizzazione Mar Mediterraneo
Coordinate 35°12′48″N 3°53′22″W / 35.213333°N 3.889444°W35.213333; -3.889444Coordinate: 35°12′48″N 3°53′22″W / 35.213333°N 3.889444°W35.213333; -3.889444
Superficie 0,015 km²
Altitudine massima 15 m s.l.m.
Geografia politica
Stato Spagna Spagna
Suddivisione Spagna Plazas de soberanía
Cartografia
Mappa di localizzazione: Spagna
Peñón de Alhucemas

[senza fonte]

voci di isole della Spagna presenti su Wikipedia

Il Peñón de Alhucemas (in arabo صخرة الحسيمة) è un piccolo isolotto del Mar Mediterraneo che costituisce un possedimento spagnolo a 300 m dalla costa marocchina nei pressi della città di al-Hoseyma (in spagnolo: Alhucemas). Il nome in spagnolo significa Rocca di al-Hoseyma.

L'isola, che è rivendicata dal Marocco a causa della sua appartenenza geografica all'Africa, è governata direttamente da Madrid ma non appartiene a nessuna delle regioni autonome spagnole. Ufficialmente si tratta di una plaza de soberanía en el Norte de África ed è abitata stabilmente da una guarnigione di una sessantina di militari appartenenti al Cuerpo de Regulares de Melilla.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Il Peñón de Alhucemas è situato 155 km ad est di Ceuta e 100 km ad ovest di Melilla nella baia di Al Hoceima, a 4 km dalla città omonima. Assieme alle vicine Isla de Mar e Isla de Tierra costituisce il minuscolo arcipelago delle Isole Alhucemas.

Il Peñón misura 170 metri per 86, per una superficie totale di 0,015 km², e raggiunge i 15 metri di altezza sul livello del mare. L'isola ha i versanti alquanto dirupati e non è dotata di un porto, bensì di un modesto ancoraggio. Sull'isola si trovano delle fortificazioni con magazzini, alcune case, una chiesa e un faro.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1559 il sultano Moulay 'Abdullāh al Ghālib Billāh cedette le isole Alhucemas a Filippo II di Spagna in cambio di assistenza nella lotta contro l'Impero ottomano.

Il 28 agosto 1673 il principe di Montesacro venne inviato da Madrid sull'isola con una squadra per stabilirvi una guarnigione. Da quel momento la presenza spagnola sull'isola non ha avuto interruzioni.

Nel 1921 il Peñón de Alhucemas venne attaccato dalle truppe berbere di 'Abd al Krīm.

Dal 1956, anno della cessazione del protettorato francese e spagnolo sul Marocco, Rabat rivendica la sovranità sull'isolotto, che tuttavia non è nominato espressamente nel testo dell'indipendenza marocchina. Al contrario, la Spagna fonda la propria sovranità sulla base del secolare possesso ininterrotto, al pari delle altre enclave spagnole in Nordafrica (Ceuta, Melilla, le Islas Chafarinas e il Peñón de Vélez de la Gomera).

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]