Isole Cocos (Keeling)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Isole Cocos e Keeling)
Isole Cocos e Keeling
Isole Cocos e Keeling - Bandiera Isole Cocos e Keeling - Stemma
(dettagli)
Motto: Maju Pulu Kita
Isole Cocos e Keeling - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo Cocos (Keeling) Islands
Nome ufficiale Territory of Cocos (Keeling) Islands
Dipendente da Australia Australia
Lingue ufficiali inglese
Altre lingue malese
Capitale West Island
Politica
Status Territorio
Capo di Stato Elisabetta II
Capo di Governo Jon Stanhope
Superficie
Totale 14 km²
Popolazione
Totale 596 ab.
Densità 42,5 ab./km²
Geografia
Continente Oceania
Fuso orario UTC+6:30
Economia
Valuta Dollaro australiano (AUD, $)
Varie
TLD .cc
Prefisso tel. 61 891
Isole Cocos e Keeling - Mappa
 
I re delle Isole Cocos (1927-1978)
Monete delle Isole Cocos, emesse nel 1910/13/18 sotto il re John Sidney
"Oceania House" a West Island, residenza dei Clunies-Ross

Il Territorio delle Isole Cocos, anche noto come Isole Cocos o Isole Keeling, è un territorio dell'Australia costituito da due atolli e 27 isole coralline. Le isole si trovano nell'Oceano Indiano, a metà strada tra Australia e Sri Lanka. Costituirono, dal 1827 al 1978, un regno autonomo, di tipo feudale, sotto il protettorato della Gran Bretagna e Australia.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Dal 1992 fa parte della circoscrizione elettorale dei territori del nord dell'Australia. Soltanto due delle isole dell'arcipelago sono abitate: West Island, popolata da europei, e Home Island dove vive una comunità indigena malese.

Le banconote del reame

Le noci di cocco rappresentano l'unico raccolto destinato al commercio.

La capitale amministrativa si trova a West Island. La popolazione complessiva al 2009 era di 596 abitanti, con densità di 42,5 abitanti a chilometro quadrato.

Lista degli isolotti che compongono Cocos (Keeling) a partire da nord

Elizabeth Clunies Ross, regina nel 1970
Mappa delle South Keeling Islands (1889)
Nr. Isolotto
(Nome malese)
Nome inglese Superficie
(km²)
1 Pulau Luar Horsburgh Island 1.04
2 Pulau Tikus Direction Island 0.34
3 Pulau Pasir Workhouse Island <0.01
4 Pulau Beras Prison Island 0.02
5 Pulau Gangsa Woeplace Islets <0.01
6 Pulau Selma Home Island 0.95
7 Pulau Ampang Kechil  Scaevola Islet <0.01
8 Pulau Ampang Canui Island 0.06
9 Pulau Wa-idas Ampang Minor 0.02
10 Pulau Blekok Goldwater Island 0.03
11 Pulau Kembang Thorn Island 0.04
12 Pulau Cheplok Gooseberry Island  <0.01
13 Pulau Pandan Misery Island 0.24
14 Pulau Siput Goat Island 0.10
15 Pulau Jambatan Middle Mission Isle <0.01
16 Pulau Labu South Goat Island 0.04
17 Pulau Atas South Island 3.63
18 Pulau Kelapa Satu North Goat Island 0.02
19 Pulau Blan East Cay 0.03
20 Pulau Blan Madar Burial Island 0.03
21 Pulau Maria West Cay 0.01
22 Pulau Kambling Keelingham Horn Island <0.01
23 Pulau Panjang West Island 6.23
24 Pulau Wak Bangka Turtle Island 0.22

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il capitano scozzese John Clunies-Ross sbarcò nelle isole Cocos nel 1825, portandovi due anni dopo anche la famiglia. Si autoproclamò re e iniziò la costruzione di "Oceania House", residenza reale, a West Island, capoluogo dell'arcipelago.

Favorì l'immigrazione di gruppi malesi che si integrarono con i locali.

Nel 1857 le isole costituivano un'entità autonoma nell'ambito dell'Impero britannico e la regina Vittoria, nel 1886, riconobbe al re George e ai suoi discendenti uno status feudale.[1]

I Clunies-Ross emisero francobolli, monete (Cocos rupee) e banconote, tuttora assai ricercati dai collezionisti.

I membri della famiglia reale venivano sepolti a Burial Island.

Dopo la seconda guerra, la Gran Bretagna trasmise all'Australia il protettorato sulle Cocos. Significativa fu la visita nel 1954 della nuova regina d'Inghilterra Elisabetta II e del principe consorte Filippo, ricevuti dal re John Cecil.[2]

Nel 1970 ci fu una crisi di successione (di cui fu protagonista la principessa Elizabeth May, sorella di John Cecil, divorziata dall'attore Beverley Cross, situazione non approvata dai locali).

Il governo australiano inviò addirittura una nave da guerra e pose fine al regno feudale delle Cocos, concedendo però una discreta autonomia.

Questo si verificò, nel 1978, con il re John Cecil.

I re delle Isole Cocos (famiglia Clunies-Ross, 1827-1978)[3][modifica | modifica sorgente]

Nome Secolare Nome Dinastico Nascita-Morte Dal Al Consorte
1. John Ross I 1786–1854 1827 26 maggio 1854 Elisabetta
2. John George Ross II 1823–1871 26 maggio 1854 8 giugno 1871 Clara di Bali
3. George Ross III 1842–1910 8 giugno 1871 7 giugno 1910 Ayesha
4. John Sydney Ross IV 1868–1944 7 luglio 1910 14 agosto 1944 Rose Nash
5. Elizabeth May 1934- 1970 non riconosciuta regina da tutto il popolo Beverley Cross,
Donald Southam Lawrence
6. John Cecil Ross V 1928- 14 agosto 1944 1 settembre 1978 Daphne Parkinson

Il regno delle Isole Cocos è considerato il primo esempio di micronazione, fenomeno tuttora assai diffuso. Gli attuali pretendenti sono l'ex re Ross V e suo figlio John George.


Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Clunies-Ross, p. 30
  2. ^ Hughes, p. 60
  3. ^ Clunies-Ross, p. 85

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • P. Bunce, The Cocos Islands, Jacaranda 1988.
  • J.C. Clunies-Ross, The Clunies-Ross Cocos, Western Australia 2009.
  • J.S. Hughes, Kings of the Cocos, London 1950.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Coordinate: 12°07′S 96°54′E / 12.116667°S 96.9°E-12.116667; 96.9

Australia Portale Australia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Australia