Partito Social Democratico (Romania)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Partito Social Democratico
Partidul Social Democrat
Partidul Social Democrat logo.svg
Segretario Andrei Dolineaschi
Presidente Liviu Dragnea
Stato Romania Romania
Fondazione gennaio 2001
Sede Șoseaua Kiseleff, 10 Bucarest
Ideologia Socialdemocrazia
Terza via
Collocazione Centro-sinistra
Partito europeo Partito del Socialismo Europeo
Gruppo parlamentare europeo Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici
Affiliazione internazionale Internazionale Socialista
Seggi Camera
142 / 412
Seggi Senato
58 / 176
Seggi Europarlamento
14 / 32
Sito web www.psd.ro/

Il Partito Social Democratico (in romeno: Partidul Social Democrat - PSD) è un partito politico rumeno fondato nel 2001 a seguito della confluenza di due distinti soggetti politici:

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Partito Socialdemocratico fece il suo debutto alle elezioni presidenziali del 2004, in occasione delle quali sostenne nuovamente la candidatura di Iliescu; questi fu però sconfitto al secondo turno da Traian Băsescu, appoggiato dal Partito Democratico (PD) e dal Partito Nazionale Liberale (PNL). I socialdemocratici subirono un'ulteriore sconfitta alle successive elezioni parlamentari del 2004, nonostante l'alleanza con il Partito Conservatore (PC) denominata Unione Nazionale. Le elezioni videro la vittoria dello schieramento di centro-destra formato da PD e PNL (Alleanza Giustizia e Verità) e portarono al governo di Călin Popescu Tăriceanu; il PSD passò di nuovo all'opposizione, mentre i conservatori passarono a sostenere il nuovo governo.

A seguito degli insuccessi elettorali la presidenza del partito è passata a Mircea Geoană, ma la tendenza negativa del partito non si è invertita. Alle elezioni parlamentari in Romania del 2008 il PSD, nuovamente alleatosi con il PC, è stato sconfitto dal Partito Democratico Liberale e si è posto all'opposizione del governo di Emil Boc; alle elezioni presidenziali del 2009, Geoană è stato sconfitto da Basescu, che dunque è stato riconfermato per la seconda volta.

Presidenti del Partito[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]