Partito Democratico dei Socialisti del Montenegro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Partito Democratico dei Socialisti del Montenegro
Демократска Партија Социјалиста Црне Горе
Demokratska Partija Socijalista Crne Gore
Dpscg.png
LeaderMilo Đukanović
StatoMontenegro Montenegro
SedePodgorica
Fondazione22 giugno 1991
IdeologiaPopulismo
Grande tenda
Socialdemocrazia,[1]
Europeismo
CollocazioneCentro / Centro-sinistra
CoalizioneCoalizione per un Montenegro Europeo (1998-attuale)
Partito europeoPartito del Socialismo Europeo
Affiliazione internazionaleInternazionale Socialista,
Alleanza Progressista
Seggi all'Assemblea del Montenegro
35 / 81
TestataPobjeda
Sito web

Il Partito Democratico dei Socialisti del Montenegro (Демократска Партија Социјалиста Црне Горе - ДПС; Demokratska Partija Socijalista Crne Gore - DPS) è un partito politico montenegrino, erede legale della Lega dei Comunisti del Montenegro.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

1991-1997:La politica unionista con la Serbia[modifica | modifica wikitesto]

Il DPS nasce nel 1991 dopo l'ultimo congresso del Comitato Centrale del SK CG e guidato inizialmente dal filo-serbo Momir Bulatović(quest'ultimo appoggiato dall'allora presidente della Serbia Slobodan Milošević e dal Partito Socialista di Serbia).

Bulatović seguì una politica di asserzione al regime serbo supportando Milošević in tutto il periodo del conflitto jugoslavo.

1997-oggi:La politica separatista e l'indipendenza montenegrina[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante ciò, nel 1998 la crisi del Kosovo e l'indebolimento di Milošević permisero all'opposizione interna al DPS coordinata da Milo Đukanović e fautrice di una maggiore autonomia rispetto alla politica serba di uscire in aperto conflitto con Bulatović.

Dopo un fallito tentativo di golpe spinto dall'élite serba (fallito tra l'altro per il rifiuto di Bulatović di ricorrere alla forza) risultò vincitrice la fazione di Đukanović e si assisté all'uscita di Bulatović e dei suoi, che fondarono il Partito Socialista Popolare, filo-serbo e anti-indipendentista.

Sotto la guida di Đukanović il DPS cambiò radicalmente politica avviando una coalizione di governo coi socialisti nazionalisti montenegrini del Partito Socialdemocratico del Montenegro (SDP).

IL DPS appoggiò l'SDP in tutte le sue richieste (introduzione della "lingua montenegrina", supporto alla "Chiesa Ortodossa montenegrina" e cambio della bandiera che fino al 2004 era stato il tricolore serbo).

I due partiti si trovarono alleati nel referendum sull'indipendenza del Montenegro.

Risultati elettorali[modifica | modifica wikitesto]

Elezione Voti % Seggi
2002 167 166
36 / 81
2006 164 737
41 / 81
2009 168 290
48 / 81
2012 165 380
39 / 81
2016 158 490
36 / 81

Note[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN135786966 · LCCN (ENn98080497