Partito Socialista Svizzero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Partito Socialista Svizzero
(DE) Sozialdemokratische Partei der Schweiz
(FR) Parti Socialiste Suisse
(RM) Partida Socialdemocrata de la Svizra
Logo der Sozialdemokratischen Partei der Schweiz 2009.svg
PresidenteChristian Levrat
StatoSvizzera Svizzera
SedeSpitalgasse 34
CH-3001 Berna
Fondazione21 ottobre 1888
IdeologiaSocialdemocrazia[1]
Socialismo democratico[2]
Anti-capitalismo[3][4][5]
Progressismo[6]
Europeismo
Ambientalismo
CollocazioneCentro-sinistra[7][8]/Sinistra[9][10][11]
Partito europeoPartito del Socialismo Europeo (associato)
Gruppo parl. europeoSOC (Consiglio d'Europa)
Affiliazione internazionaleInternazionale Socialista
Alleanza Progressista
Seggi Consiglio nazionale
43 / 200
 (2015)
Seggi Consiglio degli Stati
12 / 46
 (2015)
Seggi Consiglio Federale
2 / 7
 (2011)
[12]
Seggi Parlamenti cantonali
455 / 2714
 (2011)
Testata
Iscritti35.000 (2010[13])
ColoriRosso
Sito webspschweiz.ch, ps-ticino.ch

Il Partito Socialista Svizzero (PS), in tedesco Sozialdemokratische Partei der Schweiz (SP) e in francese Parti Socialiste Suisse (PS), è un partito politico svizzero di sinistra, di ispirazione socialdemocratica e perciò membro dell'Internazionale socialista.

È uno dei 4 partiti rappresentati in Consiglio Federale. Dopo l'introduzione della formula magica nel 1959, ha infatti "diritto" a due membri. Il Partito socialista fu uno dei maggiori fautori dell'introduzione in Svizzera delle assicurazioni sociali obbligatorie e tuttora ne fa una delle sue principali preoccupazioni.

Simonetta Sommaruga (dal 2010) ed Alain Berset (dal 2011) sono gli attuali Consiglieri Federali.

Il Partito socialista è il primo partito politico svizzero a livello cantonale, grazie ad una percentuale di occupazione dei 2714 seggi del 21,6%.

È considerato il partito politico svizzero più favorevole ad una adesione alla UE.

Ideologia[modifica | modifica wikitesto]

Il PS sostiene le politiche classiche socialdemocratiche. A tale regola, il PS rappresenta un governo che offre forti servizi pubblici. Il PS è contro il liberalismo economico di vasta portata, a favore del progressismo sociale, ambientalismo con mitigazione dei cambiamenti climatici, per una politica estera aperta e una politica di sicurezza nazionale basata sul pacifismo.

In politica economica, finanziaria e sociale, il PS respinge le politiche di liberalizzazione economica come deregulation, che abbassano le tasse per i cittadini ad alto reddito e diminuiscono le spese governative sull'assicurazione sociale. Il PS si oppone anche all'innalzamento dell'età pensionabile. Inoltre, il PS è un sostenitore dell'aumento della spesa sociale in alcune aree, come per un finanziamento pubblico di congedo di maternità, assistenza sanitaria universale e un'età pensionabile flessibile. Nella politica fiscale il PS si oppone alla nozione di abbassare le tasse per i cittadini ad alto reddito. Con la campagna per l'armonizzazione di tutte le aliquote fiscali in Svizzera, il PS cerca una maggiore ridistribuzione. Il PS è scettico nei confronti della privatizzazione di imprese statali. Nondimeno, il PS promuove anche più competizione nei settori dell'agricoltura e importazioni parallele.

Nella politica sociale, il PS è impegnato nell'equità sociale e in una società aperta. Pertanto, il PS mira a facilitare le condizioni di lavoro per le donne nelle famiglie promuovendo più centri di assistenza all'infanzia esterni e maggiori opportunità di lavoro part-time. Mira anche a rafforzare l'uguaglianza sessuale in termini di eliminazione delle differenze salariali in base al genere, sostiene le unioni civili per gli omosessuali e assume una posizione più permissiva nei confronti degli aborti. Il PS respinge anche il rafforzamento delle restrizioni sui richiedenti asilo e gli immigrati. Pertanto, sostiene l'integrazione degli immigrati con cui gli immigrati vengono assegnati alle procedure di immigrazione subito dopo essere entrati nel paese. Il PS ha una posizione liberale nei confronti delle droghe ed è a favore del consumo di eroina regolato pubblicamente e della legalizzazione della cannabis. Tuttavia, il PS sostiene il divieto di fumo nei ristoranti e nei bar.

In politica estera, il PS promuove l'ulteriore partecipazione della Svizzera alle organizzazioni internazionali. Supporta l'ingresso immediato della Svizzera nell'Unione europea. Il PS rappresenta anche una neutralità meno rigorosa della Svizzera e sostiene l'aumento degli sforzi internazionali da parte della Svizzera nei settori della pace e dei diritti umani. Tuttavia, il PS sostiene il mantenimento della neutralità militare e si oppone all'ingresso nella NATO. La sua posizione pacifista si riflette anche nella sua politica militare: il PS sostiene la riduzione del numero delle milizie svizzere rendendo l'apparato militare più professionale e demolendo la coscrizione. Un'altra richiesta del PS è quella di porre fine alla tradizione di gun ownership, usando come dimostrazione esempi gravi e recenti di abuso in termini di omicidio.

Insieme al Partito Ecologista Svizzero, i socialdemocratici hanno politiche comuni ambientaliste, che si riflettono nell'espansione delle riforme ecotax e un maggiore sostegno statale alle misure di risparmio energetico ed energie rinnovabili. Il PS è contrario alla costruzione di nuove strade ove possibile e propone invece di spostare il trasporto di merci dalle strade alle ferrovie e l'introduzione di un cap e di un sistema di gestione del traffico e degli scambi quando si tratta di trasporto attraverso le Alpi svizzere. Inoltre, il PD rappresenta un'espansione della rete del sistema di trasporto pubblico e si oppone all'energia nucleare.

Presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Esponenti del partito membri del Consiglio Federale Svizzero[modifica | modifica wikitesto]

1943–1951 Ernst Nobs
1951–1953 Max Weber
1959–1969 Willy Spühler
1959–1973 Hans-Peter Tschudi
1969–1977 Pierre Graber
1973–1983 Willi Ritschard
1977–1987 Pierre Aubert
1987–1993 René Felber
1983–1995 Otto Stich
1993–2002 Ruth Dreifuss
1995–2010 Moritz Leuenberger
2002-2011 Micheline Calmy-Rey
Dal 2010 Simonetta Sommaruga
Dal 2011 Alain Berset

Altri esponenti[modifica | modifica wikitesto]

Risultati elettorali[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1919 quando fu introdotto il sistema elettorale proporzionale per l'elezione del Consiglio Nazionale, il Partito Socialista Svizzero ha ottenuto i seguenti risultati[14]:

Anno % Consiglieri nazionali Consiglieri agli Stati
2015 18,8% 43 12
2011 18,7% 46 11
2007 19.5 % 43 9
2003 23.3 % 52 9
1999 22.5 % 51 6
1995 21.8 % 54 5
1991 18.5 % 41 3
1987 18.4 % 41 5
1983 22.8 % 47 6
1979 24.4 % 51 9
1975 24.9 % 55 5
1971 22.9 % 46 4
1967 23.5 % 50 2
1963 26.6 % 53 3
1959 26.4 % 51 2
1955 27.0 % 53 5
1951 26.0 % 49 4
1947 26.2 % 48 5
1943 28.6 % 56 5
1939 (25.9) %[15] 45 3
1935 28.0 % 50 3
1931 26.9 % 49 2
1928 27.4 % 50 -
1925 25.8 % 49 2
1922 23.3 % 43 1
1919 23.5 % 41 -

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Wolfram Nordsieck, Parties and Elections in Europe, su parties-and-elections.eu. URL consultato il 20 marzo 2016.
  2. ^ European Election Database (EED), su www.nsd.uib.no. URL consultato il 25 marzo 2018.
  3. ^ (DE) Überwindung des Kapitalismus bleibt SP-Fernziel, Schweizer Radio und Fernsehen, 7 aprile 2010. URL consultato il 25 febbraio 2017.
  4. ^ (DE) SP will die «Überwindung des Kapitalismus» konkretisieren, Schweizer Radio und Fernsehen, 3 dicembre 2016. URL consultato il 25 febbraio 2017.
  5. ^ (DE) Positionspapier sorgt für rote Köpfe bei Genossen, Schweizer Radio und Fernsehen, 19 novembre 2016. URL consultato il 25 febbraio 2017.
  6. ^ Participants | Progressive Alliance, Progressive-alliance.info, 28 ottobre 2015. URL consultato il 20 marzo 2016.
  7. ^ René Schwok, Why Switzerland Refused to Join the European Union, in Switzerland--European Union: An Impossible Membership?, Peter Lang, 2009, p. 119, ISBN 978-90-5201-576-7.
  8. ^ Switzerland - Political parties | European Election Database (EED), nsd.uib.no. URL consultato il 21 luglio 2016.
  9. ^ Andreas Ladner, Die Positionierung der Schweizer Parteien im internationalen Vergleich, in Die Parteien in Bewegung: Nachbarschaft und Konflikte, NZZ Libro, 2013, p. 213.
  10. ^ The Economist Intelligence Unit, Switzerland--Country Overview, The Economist, 2015, p. 1.
  11. ^ Federal Chancellery, Communication Support, The Swiss Confederation – a brief guide (PDF), Switzerland, Swiss Confederation, 2016, p. 18. URL consultato l'11 dicembre 2016 (archiviato dall'url originale il 20 dicembre 2016).
  12. ^ Si tratta di Simonetta Sommaruga e di Alain Berset
  13. ^ Confederazione elvetica, The Swiss Confederation – a brief guide 2010, su ch.ch, 2010, p. 19.
  14. ^ Fonte: Atlas politique de la Suisse 1866 -2004 (Ufficio Federale di Statistica)
  15. ^ I risultati percentuali del 1939 non sono paragonabili agli altri dati, in quanto in vari Cantoni le elezioni si tennero in forma tacita

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN159448941 · ISNI (EN0000 0001 2195 8136 · GND (DE13728-5 · BNF (FRcb12086950k (data)
Politica Portale Politica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di politica