Forum Democratico per il Lavoro e le Libertà

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Forum Democratico per il Lavoro e le Libertà
التكتل الديمقراطي من أجل العمل والحريات
Ettakatol – Forum démocratique
pour le travail et les libertés
SegretarioMustapha Ben Jafar
StatoTunisia Tunisia
SedeTunisi
Fondazione1994
IdeologiaSocialdemocrazia,[1]
Secolarismo[2]
CollocazioneCentro-sinistra[3][4][5]
CoalizioneTroïka
Partito europeoPartito del Socialismo Europeo (osservatore)
Affiliazione internazionaleInternazionale Socialista
Alleanza Progressista
Seggi Assemblea Costituente della Tunisia
20 / 217
 (2011)
TestataMuwatinun
ColoriRosso, verde
Sito web

Il Forum Democratico per il Lavoro e le Libertà (in arabo: التكتل الديمقراطي من أجل العمل والحريات‎, al-Takattul al-Dīmuqrāṭī min ajl al-ʿAmal wa l-Ḥurriyyāt; fr., Ettakatol – Forum démocratique pour le travail et les libertés, FDTL) è un partito politico della Tunisia, spesso chiamato semplicemente Ettakatol. FDTL è stato fondato nel 1994 da Mustapha Ben Jafar, ma è stato riconosciuto solo nel 2002. FDTL è un partito socialdemocratico, osservatore presso l'Internazionale Socialista[6].

Nel 2011, alle elezioni per l'Assemblea Costituente, Ettakatol ottenne il 7% dei voti e 20 seggi. FDTL entrò così a far parte del nuovo governo insieme al Movimento della Rinascita (conservatori islamici) e il Congresso per la Repubblica (laici di centrosinistra). Sempre nel 2011 Ben Jafar venne eletto presidente dell'Assemblea costituzionale[7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ahmed Medien, Ettakatol – Forum Démocratique pour le Travail et les Libertés, tunisia-live.net, 10 ottobre 2011. URL consultato il 21 ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il 10 marzo 2012).
  2. ^ Factbox – How Tunisia's election will work, Reuters, 22 ottobre 2011. URL consultato il 22 ottobre 2011.
  3. ^ Angelique Chrisafis, Tunisian elections: the key parties, in The Guardian, 19 ottobre 2011. URL consultato il 22 ottobre 2011.
  4. ^ Sam Bollier, Who are Tunisia's political parties?, Al Jazeera English, 9 ottobre 2011. URL consultato il 21 ottobre 2011.
  5. ^ Rachel Shabi, From Arab Spring to elections: Tunisia steps into a new era, in The Independent, 21 ottobre 2011. URL consultato il 22 ottobre 2011.
  6. ^ Copia archiviata, su tunisia-live.net. URL consultato il 21 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2012).
  7. ^ Mustapha Ben Jaafar Elected President of the Constituent Assembly - Tunisia Live Archiviato il 9 gennaio 2012 in Internet Archive.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]