Partito Socialdemocratico "Armonia"

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Partito Socialdemocratico "Armonia"
(LV) Sociāldemokrātiskā Partija "Saskaņa"
LeaderNils Ušakovs
StatoLettonia Lettonia
SedeRiga
Fondazione21 novembre 2009 (alleanza)
10 febbraio 2010 (partito)
IdeologiaSocialdemocrazia
CollocazioneCentro-sinistra
CoalizioneCentro dell'Armonia (2010-2014)
Partito europeoPSE (osservatore)
Gruppo parl. europeoS&D
Affiliazione internazionaleAlleanza Progressista
Seggi Saeima
23 / 100
Seggi Parlamento europeo
2 / 8
Sito websaskana.info/

Il Partito Socialdemocratico "Armonia" (in lettone Sociāldemokrātiskā Partija "Saskaņa", in russo Социал-демократическая партия «Согласие»), o Partito Socialdemocratico "Concordia", denominazione utilizzata dal Partito Socialista Europeo[1], è un partito politico lettone di orientamento socialdemocratico fondato nel 2009[2][3].

Il partito difende gli interessi della minoranza russa[4][5].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fondazione[modifica | modifica wikitesto]

Il partito si è costituito nel 2009, dalla confluenza tra il Partito dell'Armonia Nazionale e alcuni movimenti politici minori (Nuovo Centro e Partito Socialdemocratico), già facenti parte della coalizione Centro dell'Armonia con il Partito socialista lettone.[3]

Le elezioni del 2010[modifica | modifica wikitesto]

Il partito si è presentato per la prima volta alle elezioni parlamentari del 2010 all'interno della coalizione Centro dell'Armonia, che ha ottenuto circa il 26% dei voti validi.

Le elezioni del 2011[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2011, il Centro dell'Armonia divenne la prima forza politica del paese, ottenendo il 28% dei voti e 31 seggi: 28 dei socialdemocratici e tre dei socialisti.[6][7]

Ciò nonostante la coalizione non riuscì a formare un governo, in quanto i restanti partiti del Parlamento (Partito della Riforma, Unità e Alleanza Nazionale) formarono una coalizione conservatrice (56 seggi su 100) e rielessero Valdis Dombrovskis come primo ministro.[8]

Le elezioni del 2014[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2014 il Centro dell'Armonia si sciolse.[9]

I socialdemocratici corsero da soli alle elezioni parlamentari, risultando il primo partito del paese, con il 23% dei voti e 24 seggi su 100.[10][11]

Collocazione europea e internazionale[modifica | modifica wikitesto]

In sede europea i socialdemocratici aderiscono, come osservatori, al Partito Socialista Europeo.[12]

L'unico parlamentare europeo dei socialdemocratici aderisce all'Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici.[13]

A livello internazionale Armonia aderisce all'Alleanza Progressista.[14]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ PES Congress welcomes Latvian Concord Party as new member, 1º ottobre 2012
  2. ^ (EN) Wolfram Nordsieck, LATVIA, in Parties & elections in Europe, 2014. URL consultato il 3 novembre 2015 (archiviato il 3 novembre 2015).
  3. ^ a b (EN) Tom Lansford (a cura di), Political Handbook of the World 2014, Washington, DC, CQ Press, 2014, pp. 811-812, ISBN 978-148-333-3-274.
    «In 2009 the TSP, New Center, and the Social Democratic Party (Sociāldemokrātiskā partija—SDP) regrouped as the Social Democratic Party “Harmony” [...]».
  4. ^ (EN) Chris Terry, Harmony Centre, in The Democratic Society. URL consultato il 29 ottobre 2015 (archiviato il 29 ottobre 2015).
  5. ^ (EN) Latvian Opposition Party Harmony Leads in Parliamentary Elections, in Sputnik, 5 ottobre 2014. URL consultato il 3 novembre 2015 (archiviato il 3 novembre 2015).
    «The Social Democratic Party Harmony is a Latvian center-left political party, which stands for the protection of national minorities and against discrimination of any kind [...].».
  6. ^ (EN) Michael Schwirtz, Gains of Pro-Russian Party in Latvia Show Worries on Economy and Graft, in The New York Times, 18 settembre 2011. URL consultato il 29 ottobre 2015 (archiviato il 29 ottobre 2015).
  7. ^ (EN) Miriam Elder, Pro-Russia party may take power in Latvia if it can form coalition, in The Guardian, 19 settembre 2011. URL consultato il 29 ottobre 2015 (archiviato il 29 ottobre 2015).
  8. ^ (EN) Latvian Parliament Confirms New Government Led By Dombrovskis, in Bloomberg Businessweek, 25 ottobre 2011. URL consultato il 29 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 21 luglio 2012).
  9. ^ (LV) «Saskaņa» savā sarakstā Saeimas vēlēšanās aicinās dažus Sociālistiskās partijas biedrus, in lsm.lv, 7 luglio 2014. URL consultato il 3 novembre 2015 (archiviato il 12 agosto 2014).
  10. ^ In Lettonia ha vinto il centrodestra, in Il Post, 4 ottobre 2014. URL consultato il 3 novembre 2015 (archiviato il 3 novembre 2015).
  11. ^ Paolo Pantaleo, Lettonia, elezioni: vincono i russofoni. Cosa accadrà nel nuovo parlamento?, in EastJournal, 5 ottobre 2014. URL consultato il 3 novembre 2015 (archiviato il 3 novembre 2015).
  12. ^ (EN) Latvia / Sociāldemokrātiskā Partija "Saskaņa", Partito Socialista Europeo, 2014. URL consultato il 3 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 3 novembre 2015).
  13. ^ (EN) European Parliament, Partito Socialdemocratico "Armonia", 2014. URL consultato il 3 settembre 2015 (archiviato il 3 novembre 2015).
  14. ^ (EN) Participants, Alleanza Progressista, 3 novembre 2015. URL consultato il 3 novembre 2015 (archiviato il 4 agosto 2015).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]