Verdi Svizzeri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Partito Ecologista Svizzero)
Jump to navigation Jump to search
VERDI svizzeri
(DE) GRÜNE Schweiz
(FR) Les VERT-E-S suisses
(RM) VERDA svizra
Green Party of Switzerland logo (with background).png
PresidenteBalthasar Glättli
StatoSvizzera Svizzera
SedeWaisenhausplatz, 21
CH-3011 Berna
Fondazione28 maggio 1983
IdeologiaAmbientalismo
Europeismo
Progressismo
CollocazioneCentro-sinistra/Sinistra
Partito europeoPartito Verde Europeo
Affiliazione internazionaleGlobal Greens
Seggi Consiglio nazionale
28 / 200
Seggi Consiglio degli Stati
5 / 46
Seggi Consiglio Federale
0 / 7
Seggi Parlamenti cantonali
225 / 2 609
[1]
Iscritti7.500 (2014)
ColoriVerde-giallo
Sito webgruene.ch

I VERDI svizzeri[2], già Partito Ecologista Svizzero (I Verdi) (in tedesco: GRÜNE Schweiz; in francese: Les VERT-E-S suisses; in romancio: VERDA svizra) sono un partito politico svizzero.

I Verdi Svizzeri appartengono al Partito Verde Europeo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni '70 vennero fondati vari movimenti ecologisti: Movimento popolare per l'ambiente (Neuchâtel) 1971; Movimento per l'ambiente del Vaud, poi Raggruppamento per l'ambiente (Vaud) 1973; Partito Verde (Zurigo) 1979.

Nell'ottobre del 1979 i Verdi eleggono, con Daniel Brélaz del canton Vaud, il loro primo deputato federale. Egli è anche il primo verde ad essere eletto in un parlamento nazionale a livello mondiale. Successivamente è stato anche sindaco di Losanna.

Nel 1983 nacquero due formazioni di rilievo federale: la Federazione dei partiti ecologisti di Svizzera (FPES), centrista, e Alternativa Verde Svizzera, di sinistra, presente soprattutto nella Svizzera tedesca.

Tra il 1983 ed il 1986 quattro partiti cantonali si riunirono con la FPES che divenne il Partito Ecologista Svizzero. Tra il 1988 ed il 1991 vi furono vari tentativi di fusione tra il PES e l'Alternativa, culminati con il passaggio di alcuni partiti cantonali dall'Alternativa al PES.

Nel 1983 i Verdi, che confluiranno nel PES, ottennero 4 seggi, passati a 11 nel 1987. Nel 1991 il PES ottenne 14 seggi, che però scesero a 8 nel 1995. Alle elezioni federali del 1999 il PES ottenne 10 seggi. Nel 2003 i Verdi passano a 12 seggi. Nel 2007 crescono ancora e ottengono, a Ginevra e nel Canton Vaud, i primi due Consiglieri agli Stati, e alle elezioni federali il 9,6% dei consensi e 20 seggi. Alle politiche del 2011, però i Verdi vedono calare i propri consensi all'8,4% e a 15 seggi, anche grazie alla buona affermazione del Partito Verde Liberale della Svizzera, che passa dall'1,4 al 5,4%.

Al gruppo parlamentare Verde era iscritto dal 1995 al 2011 anche l'unico deputato del Partito Cristiano Sociale, il quale però non è stato più rieletto.

Il gruppo politico verde a seguito delle elezioni federali del 2019
Risultati dei Verdi alle elezioni del Consiglio nazionale del 2019.

I Verdi svizzeri sono di gran lunga il partito con più seggi all'Assemblea Nazionale non rappresentato in Consiglio federale. Dal 1999 il partito reclama un seggio nell'esecutivo elvetico all'interno di una coalizione di centro-sinistra, finora senza successo.

Dopo le elezioni federali del 2019, in cui i Verdi ottennero il 13,2% dei consensi, il gruppo politico verde decise di candidare la propria presidente Regula Rytz al Consiglio federale. La candidata non ha ottenuto però il numero di consensi necessari per essere eletta da parte dell'Assemblea federale.

Leader[modifica | modifica wikitesto]

Risultati elettorali[modifica | modifica wikitesto]

I Verdi dal 1983, quando è stato fondato il partito svizzero, hanno conseguito i seguenti risultati[3]:

Anno % Consiglieri nazionali Consiglieri agli Stati
2019 13.2% 28 5
2015 7.1% 11 1
2011 8.4% 15 2
2007 9.6 % 20 2
2003 7.4 % 12 -
1999 5.0 % 8 -
1995 5.0 % 8 -
1991 6.1% 14 -
1987 4.9% 9 -
1983 1.9 % 3 -

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ufficio federale di statistica, Élections aux parlements cantonaux, Aprile 2019
  2. ^ (FR) Statuts des VERT-E-S suisses, su Les VERT-E-S suisses. URL consultato il 3 settembre 2021.
  3. ^ Fonte: Atlante politico della Svizzera (Ufficio Federale di Statistica)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN143757954 · GND (DE2118080-5 · WorldCat Identities (ENviaf-138960035