Partito Conservatore (Romania)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Partito Conservatore
Partidul Conservator
Leader Daniel Constantin
Stato Romania Romania
Fondazione 18 dicembre 1991 (come P.U.R.)
Dissoluzione 19 giugno 2015
Sede Bucarest
Ideologia Conservatorismo
Conservatorismo sociale
Collocazione Centro-destra
Coalizione Unione Social-Liberale
Gruppo parlamentare europeo Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici
Iscritti 55 000 (2014)
Sito web www.partidulconservator.ro/

Il Partito Conservatore (Partidul Conservator, PC) è stato un partito politico romeno.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il PC è stato fondato nel 1991 da Dan Voiculescu, dopo la caduta del regime comunista. Il PC è andato spostandosi nel tempo da posizioni centriste a posizioni conservatrici. Inizialmente, infatti, il PC aveva il nome di Partito Umanista Romeno (Partidul Umanist Român - PUR). Il PC ha assunto l'attuale denominazione nel 2005.

Sede del Partito a Bucarest

Nel 2000 il PC, alloa PUR, si coalizzò con il Partito Socialdemocratico (centro-sinistra) e formò con questo il nuovo governo. Il PC/PUR ottenne la formazione di un nuovo Ministero, quello delle Piccole e Medie Imprese, l'elettrato di riferimento dei "conservatori". La soppressione del Ministero nel 2003 provocò la rottura tra PSD e PC/PUR. Nonostante la rottura con il PSD, il PC/PSD si ripresento in coalizione con i socialdemocrratici alle elezioni del 2004. Visto l'insuccesso elettorale e l'esigua maggiorazione del governo a guida liberale (Partito Democratico Liberale, liberal-conservatori, ed il Partito Nazionale Liberale, liberali), il PC entrò a far parte della nuova maggioranza, salvo uscirne nel 2006.

Il PC si propone di promuovere la famiglia, la solidarietà sociale, l'integrazione europea, oltre che difendere l'identità nazionale. Si ispira direttamente allo storico Partito Conservatore Romeno, uno dei due maggiori partiti rumeni del periodo antecedente alla Prima guerra mondiale. È da notare, però, che tra i due partiti non vi è una diretta continuità storica.

Nel 2005, il PC organizzò la "Marcia per i valori familiari" quale reazione allo svolgimento a Bucarest del Gay pride. Il PC, infatti, si oppone al riconosciemtno dei matrimoni-gay. Il PC, inoltre, sostiene l'introduzione dell'obbligatorietà dell'educazione religiosa nelle scuole.

Alle politiche del 2008, il PC è ritornato ad allearsi con il PSD. L'alleanza ha ottenuto il 33,1% dei voti (- 3,7%), con una perdita di ben 18 seggi. Ad avvantaggiarsene sono stati gli avvisari del PNL e del PDL, che presentatisi separatamente, hanno ottenuto complessivamente il 51% dei voti, con un incremento del 19%. I liberali nazionali ed i liberal-democratici hanno, infatti, sottratto voti oltre che all'alleanza PC-PSD, anche al Partito Grande Romania, che è passato dal 13 al 3% dei voti.

Il 19 giugno 2015 il Partito Conservatore confluisce insieme al Partito Liberale Riformatore nel nuovo partito Alleanza dei Liberali e dei Democratici[1].

Ideologia[modifica | modifica wikitesto]

È da notare che il PC non aderì ad alcun partito europeo, anche se parte de gruppo parlamentare europeo dell'ADLE, centristi e liberali. Il PC si pose pertanto come un partito "social conservatore": conservatore sui temi etici, ma sostenitore di un forte ruolo dello stato in economia. Da qui l'ambivalenza delle sue alleanze.[senza fonte]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ New political party in Romania
Politica Portale Politica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Politica