Governo Ciucă

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ciucă
Nicolae-Ionel Ciucă 2020-5001 (cropped).jpg
StatoRomania Romania
Capo del governoNicolae Ciucă
(Partito Nazionale Liberale)
CoalizionePNL - PSD - UDMR
LegislaturaIX
Giuramento25 novembre 2021
Left arrow.svg Cîțu

Il governo Ciucă è il ventiseiesimo esecutivo della Repubblica di Romania dopo la rivoluzione romena del 1989, il secondo della IX legislatura.

Cronologia del mandato[modifica | modifica wikitesto]

Incarico[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre 2021, in seguito alla sfiducia al governo Cîțu, si aprì una crisi politica per la definizione di una maggioranza in grado di sostenere un nuovo esecutivo[1].

In seguito a consultazioni con i partiti parlamentari, l'11 ottobre il presidente della Romania Klaus Iohannis incaricò il leader dell'Unione Salvate la Romania (USR), Dacian Cioloș, di formare un nuovo governo[2][3]. Il primo ministro designato espresse la propria intenzione di ricostituire l'alleanza con Partito Nazionale Liberale (PNL) e Unione Democratica Magiara di Romania (UDMR) che aveva sostenuto il precedente governo, ma i negoziati tra le tre forze che ebbero il luogo il 13 ottobre si conclusero senza un accordo[4]. Il 15 ottobre il leader del PNL Florin Cîțu ribadì che il PNL non avrebbe convalidato un governo con a capo Cioloș[5]. Vista l'impossibilità di ricucire i rapporti tra i due partiti, Cioloș decise di presentarsi in parlamento per la fiducia a un governo monocolore USR[6]. Il risultato della votazione delle camere confermò la mancanza di una maggioranza a sostegno del presidente dell'USR, che il 20 ottobre ottenne 88 voti favorevoli e 184 contrari[7].

La bocciatura prolungò la crisi politica, mentre Cîțu si dimostrò disponibile ad intavolare discussioni con tutte le forze parlamentari, ad eccezione dell'AUR, per formare un governo composto dai soli rappresentanti del PNL con l'appoggio esterno degli altri partiti[8]. Il nuovo giro di consultazioni con il capo di Stato del 21 ottobre portò alla designazione quale nuovo primo ministro di Nicolae Ciucă (PNL)[9][10]. Le trattative con il Partito Social Democratico (PSD) e l'USR, tuttavia, non portarono ad un'intesa per via del rifiuto delle due formazioni di sostenere esternamente un primo ministro del PNL senza partecipare al governo[11][12]. Il 29 ottobre il PNL convalidò la lista dei ministri che Ciucă avrebbe sottoposto al parlamento per l'investitura del suo governo[13], ma il 1º novembre il premier designato rinunciò all'incarico per via dell'impossibilità di costituire una maggioranza parlamentare[14].

Tra il 3 e il 4 novembre la dirigenza del PNL incontrò nuovamente quelle di PSD e USR per confrontarsi sulla possibilità di formare un governo di coalizione[15][16]. Il 4 novembre il capo di Stato dichiarò che avrebbe convocato nuove consultazioni solamente quando i partiti avrebbero potuto garantire la costituzione di una maggioranza stabile[17].

L'8 novembre l'ufficio politico nazionale del PNL deliberò con 48 voti a 22 l'avvio delle trattative con il PSD e l'UDMR, escludendo una nuova alleanza con l'USR[18]. I negoziati iniziarono il giorno successivo[19]. Dai primi accordi emerse l'ipotesi di un premier a rotazione tra PNL e PSD, ma entrambi i partiti provarono ad imporre un proprio rappresentante come primo ministro iniziale, elemento che rallentò le trattative[20][21]. Il 18 novembre 2021 l'ufficio esecutivo del PNL indicò all'unanimità Nicolae Ciucă quale propria proposta per la posizione di primo ministro. I negoziati con il PSD, quindi, ripresero sotto la sua conduzione[22].

Il 22 novembre la direzione del PSD accettò la concessione al PNL del primo ministro per il primo periodo della durata di un anno e mezzo fino al 2023[23]. Nella stessa giornata le delegazioni di PNL, PSD e UDMR si presentarono congiuntamente alle consultazioni convocate dal presidente Iohannis, mentre l'USR preferì rinunciare ai colloqui con il capo di Stato[24]. Al termine degli incontri il presidente della Romania designò ancora una volta Nicolae Ciucă, premier concordato dai tre partiti della nuova maggioranza[25].

Il premier designato trasmise alle camere il programma e la squadra di governo il 23 novembre, mentre i ministri sostennero i colloqui con le commissioni parlamentari il giorno seguente[26]. Nella mattina del 25 novembre i tre partiti della maggioranza e i parlamentari delle associazioni delle minoranze etniche firmarono il protocollo di collaborazione che definiva i criteri di funzionamento dell'alleanza, ribattezzata "Coalizione nazionale per la Romania"[27].

Il governo Ciucă ricevette il voto di investitura da parte del parlamento il 25 novembre 2021 (318 favorevoli e 126 contrari[28]) e prestò giuramento di fronte al presidente della Romania nel corso della stessa giornata.

Rispetto al governo precedente il nuovo esecutivo aveva due ministeri in più. Il PNL espresse nove ministri (di cui uno l'indipendente Bogdan Aurescu), oltre al premier, il PSD otto e l'UDMR tre. L'unica donna era Gabriela Firea. Dal governo Cîțu furono confermati otto ministri, cinque per il PNL (Dan Vîlceanu passò dall'economia ai progetti europei) e tre per l'UDMR.

Appoggio parlamentare e composizione[modifica | modifica wikitesto]

Il governo Ciucă è sostenuto da una coalizione formata da Partito Nazionale Liberale (centro-destra), Partito Social Democratico (centro-sinistra) e Unione Democratica Magiara di Romania (regionalisti). Al momento dell'investitura la maggioranza disponeva di 209 deputati su 330 (pari al 63,33% dei seggi alla camera dei deputati della Romania) e di 94 senatori su 136 (pari al 69,11% dei seggi al senato della Romania).

Carica Titolare Partito
Primo ministro Nicolae Ciucă PNL
Vice Primo ministro Hunor Kelemen UDMR
Vice Primo ministro;
Ministro dei trasporti e delle infrastrutture
Sorin Grindeanu PSD
Ministro dell'educazione Sorin Cîmpeanu PNL
Ministro della ricerca, dell'innovazione e della digitalizzazione Florin Roman PNL
Ministro dell'economia Florin Spătaru PSD
Ministro degli affari esteri Bogdan Aurescu Ind.
Ministro degli affari interni Lucian Bode PNL
Ministro della difesa nazionale Vasile Dîncu PSD
Ministro delle finanze Adrian Câciu PSD
Ministro del lavoro e della solidarietà sociale Marius Budăi PSD
Ministro della famiglia, della gioventù e delle pari opportunità Gabriela Firea PSD
Ministro dello sviluppo, dei lavori pubblici e dell'amministrazione Cseke Attila UDMR
Ministro dell'ambiente, delle acque e delle foreste Tánczos Barna UDMR
Ministro della giustizia Cătălin Predoiu PNL
Ministro dell'agricoltura e dello sviluppo rurale Adrian Chesnoiu PSD
Ministro della salute Alexandru Rafila PSD
Ministro della cultura Lucian Romașcanu PSD
Ministro della gioventù e dello sport Novak Eduard UDMR
Ministro degli investimenti e dei progetti europei Dan Vîlceanu PNL
Ministro dell'energia Virgil Daniel Popescu PNL
Ministro dell'imprenditoria e del turismo Constantin Cadariu PNL
Segretario generale del Governo Marian Neacșu PSD

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (RO) L. P., PNL dă primul semn că ar putea să renunțe la Cîțu premier, su hotnews.ro, HotNews, 8 ottobre 2021. URL consultato il 21 ottobre 2021.
  2. ^ (RO) Consultări la Cotroceni pentru noul Guvern - cu ce mandat au venit partidele și ce a ieșit, su hotnews.ro, HotNews, 11 ottobre 2021. URL consultato il 21 ottobre 2021.
  3. ^ (RO) Dacian Cioloș, desemnat de Klaus Iohannis pentru postul de prim-ministru, su hotnews.ro, HotNews, 11 ottobre 2021. URL consultato il 21 ottobre 2021.
  4. ^ (RO) Prima rundă de discuții pentru noul guvern, fără niciun rezultat. Cîțu îl trimite pe Cioloș la PSD și AUR, Kelemen a constatat lipsa de încredere, su hotnews.ro, HotNews, 13 ottobre 2021. URL consultato il 21 ottobre 2021.
  5. ^ (RO) L. P., Liberalii au decis să nu-l susțină pe Cioloș și-l trimit la PSD și AUR: ”Dacă nu reușește să coalizeze o majoritate, PNL va demara negocieri cu toate partidele, cu excepția AUR”, su hotnews.ro, HotNews, 15 ottobre 2021. URL consultato il 21 ottobre 2021.
  6. ^ (RO) L. P., Întâlnirea dintre Dacian Cioloș și Florin Cîțu s-a anulat / USR va cere votul Parlamentului pentru un guvern monocolor, su hotnews.ro, HotNews, 15 ottobre 2021. URL consultato il 21 ottobre 2021.
  7. ^ (RO) Rezultat previzibil. Guvernul Cioloș nu a primit votul de încredere din partea Parlamentului, su hotnews.ro, HotNews, 20 ottobre 2021. URL consultato il 21 ottobre 2021.
  8. ^ (RO) Reîncepe cursa pentru guvern. Cîțu anunță că vrea discuții cu toate partidele, cu excepția AUR, pentru un guvern în jurul PNL, su hotnews.ro, HotNews, 20 ottobre 2021. URL consultato il 21 ottobre 2021.
  9. ^ (RO) Consultările de la Cotroceni. PNL îi dă președintelui premierul favorit / Iohannis, către PSD: Criza politică nu mai e înțeleasă de români / Concluziile liderilor politici și decizia președintelui, su hotnews.ro, HotNews, 21 ottobre 2021. URL consultato il 21 ottobre 2021.
  10. ^ (RO) Iohannis anunță oficial că îl desemnează premier pe Nicolae Ciucă, su hotnews.ro, HotNews, 21 ottobre 2021. URL consultato il 21 ottobre 2021.
  11. ^ (RO) L.P., Prima rundă de negocieri între PNL și PSD, fără niciun rezultat / Nicolae Ciucă invită USR la discuții / Învestirea Guvernului, amânată spre sfârșitul săptămânii viitoare, su hotnews.ro, HotNews, 24 ottobre 2021. URL consultato il 25 ottobre 2021.
  12. ^ (RO) Luminita Pirvu, Haos pe scena politică / Negocierile în blocaj total / PNL la un pas de implozie / Ciucă vrea schimbarea mandatului de negociere / Cîțu refuză și amenință PSD și USR cu alegerile anticipate, su hotnews.ro, HotNews, 25 ottobre 2021. URL consultato il 25 ottobre 2021.
  13. ^ (RO) L. P., PNL a validat în ședința BEX lista miniștrilor Cabinetului Nicolae Ciucă, su hotnews.ro, HotNews, 29 ottobre 2021. URL consultato il 25 ottobre 2021.
  14. ^ (RO) Ana Popescu, Ciucă anunță că și-a depus mandatul / PNL a renunțat la varianta de guvern minoritar și a decis flexibilizarea negocierilor / Liberalii se îndreaptă către varianta formării unei majorități cu PSD, su g4media.ro, G4 Media, 1º novembre 2021. URL consultato il 2 novembre 2021.
  15. ^ (RO) Dorin Oancea e Gabriel Negreanu, "Democrație originală". Premier prin rotație la 2 ani. PNL și PSD aproape de o coaliție, su m.mediafax.ro, Mediafax, 4 novembre 2021. URL consultato il 4 novembre 2021.
  16. ^ (RO) Petru Mazilu, Fum alb după întâlnirea Cîțu-Cioloș, su m.mediafax.ro, Mediafax, 3 novembre 2021. URL consultato il 4 novembre 2021.
  17. ^ (RO) Klaus Iohannis: Voi aștepta cu consultările formale până când se cristalizează o majoritate asumată de partidele care vor să propună premier, in G4 Media, 4 novembre 2021. URL consultato il 23 novembre 2021.
  18. ^ (RO) Liderii PNL au votat să negocieze în continuare cu PSD. Care sunt condițiile liberalilor, su digi24.ro, Digi 24, 8 novembre 2021. URL consultato l'11 novembre 2021.
  19. ^ (RO) Primele negocieri oficiale PNL-PSD-UDMR, su hotnews.ro, HotNews, 9 novembre 2021. URL consultato il 9 novembre 2021.
  20. ^ (RO) Luminita Pîrvu, „Liberalii acceptă varianta premierului prin rotație, dar primul să fie dat de PNL, in HotNews, 16 novembre 2021. URL consultato il 17 novembre 2021.
  21. ^ (RO) Laura Buciu, Marcel Ciolacu a fost votat în ședința internă pentru a fi premier al Guvernului PNL - PSD - UDMR, in Mediafax, 17 novembre 2021. URL consultato il 17 novembre 2021.
  22. ^ (RO) Robert Kiss, Nicolae Ciucă, premierul propus de PNL. Ciucă va conduce și negocierile cu PSD, în locul lui Cîțu, in Digi 24, 18 novembre 2021. URL consultato il 20 novembre 2021.
  23. ^ (RO) L. P., PSD a votat intrarea la guvernare cu premierul PNL, Nicolae Ciucă, in HotNews, 22 novembre 2021. URL consultato il 23 novembre 2021.
  24. ^ (RO) Consultări la Cotroceni. Iohannis, delegațiilor PNL, PSD, UDMR: Cred că e bine că am ajuns în faza asta / USR nu a mers la consultări, in HotNews, 22 novembre 2021. URL consultato il 23 novembre 2021.
  25. ^ (RO) Nicolae Ciucă, desemnat premier al Guvernului PNL-PSD-UDMR, in Deutsche Welle, 22 novembre 2021. URL consultato il 23 novembre 2021.
  26. ^ (RO) Nicolae Ciucă a depus la Parlament lista Guvernului și programul de guvernare / Calendarul audierilor, su hotnews.ro, HotNews, 23 novembre 2021. URL consultato il 23 novembre 2021.
  27. ^ (RO) Acordul politic de constituire a "Coaliției Naționale pentu România", semnat de liderii PSD, PNL și UDMR / Cum va funcționa sistemul de rotație PNL-PSD și ce prevede documentul, su hotnews.ro, HotNews, 25 novembre 2021. URL consultato il 25 novembre 2021.
  28. ^ (RO) Ioana Câmpean, Guvernul PSD-PNL-UDMR a fost învestit de Parlament cu 318 voturi „pentru”, in G4 Media, 25 novembre 2021. URL consultato il 25 novembre 2021.