Nicolae Ciucă

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nicolae Ciucă
Nicolae Ciuca (cropped).jpg

Primo ministro della Romania
In carica
Inizio mandato25 novembre 2021
PresidenteKlaus Iohannis
Vice capo del governoHunor Kelemen
Sorin Grindeanu
PredecessoreFlorin Cîțu

Durata mandato7 dicembre 2020[1] –
23 dicembre 2020
PresidenteKlaus Iohannis
Vice capo del governoRaluca Turcan
PredecessoreLudovic Orban
SuccessoreFlorin Cîțu

Ministro della difesa della Romania
Durata mandato4 novembre 2019 –
25 novembre 2021
Capo del governoLudovic Orban
Florin Cîțu
PredecessoreGabriel Leș
SuccessoreVasile Dîncu

Senatore della Romania
In carica
Inizio mandato21 dicembre 2020
LegislaturaIX
Gruppo
parlamentare
PNL
CircoscrizioneDolj
Sito istituzionale

Presidente del Partito Nazionale Liberale
In carica
Inizio mandato10 aprile 2022
PredecessoreFlorin Cîțu

Dati generali
Partito politicoPNL (dal 2020)
UniversitàUniversità nazionale di difesa "Carlo I" e Academia de Înalte Studii Militare
ProfessioneGenerale
Nicolae Ciucă
NicolaeCiuca.jpg
NascitaPlenița, 7 febbraio 1967
Dati militari
Paese servitoRomania Romania
Forza armataCoat of arms of the Romanian Land Forces.svg Forțele Terestre Române
Anni di servizio1988 - 2019
GradoGenerale d'armata
Comandante di
  • Statul Major General
  • Stato maggiore delle forze terrestri
  • 2ª divisione di fanteria Getica
  • 282ª brigata di fanteria meccanizzata Unirea principatelor
  • 2ª brigata di fanteria Rovine
  • 26º battaglione di fanteria Neagoe Basarab
Studi militari
voci di militari presenti su Wikipedia

Nicolae Ionel Ciucă (Plenița, 7 febbraio 1967) è un ex generale e politico rumeno, primo ministro della Romania dal 25 novembre 2021 e capo dello Statul Major General dal 1º gennaio 2015 al 28 ottobre 2019.

In qualità di ufficiale ha servito dal 1988 al 2019 le forze terrestri rumene, con cui ha partecipato a numerose missioni all'estero, tra cui quelle in Angola, Afghanistan e Iraq. Ha scalato i vertici dell'esercito, fino ad arrivare alla posizione di capo dello Statul major general, che ha rivestito tra il 2015 e il 2019.

Lasciata la carriera militare, è stato poi ministro della difesa nei governi Orban I, Orban II e Cîțu, oltre a ricoprire per un breve periodo il ruolo di primo ministro ad interim nel dicembre 2020.

Nell'ottobre 2020 si è iscritto al Partito Nazionale Liberale, nelle cui liste è stato eletto al senato in occasione delle elezioni parlamentari del 2020.

Il 25 novembre 2021 è entrato in carica quale primo ministro di un governo sostento da PNL, PSD e UDMR.

Il 10 aprile 2022 è stato nominato presidente del PNL.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Si diplomò nel 1985 presso il liceo militare "Tudor Vladimirescu" di Craiova e tre anni più tardi terminò gli studi alla scuola militare per ufficiali "Nicolae Bălcescu" di Sibiu. Nel 1990 seguì un corso di perfezionamento per comandanti della compagnia di ricerca di Făgăraș. Tra il 1993 e il 1995 partecipò a dei corsi in armamenti combinati dell'Accademia di alti studi militari di Bucarest[2][3].

Negli anni successivi prese parte a numerosi seminari su diversi argomenti, organizzati nell'ambito del programma della NATO Partenariato per la pace. Nel 1997 a Bucarest sullo stato maggiore, nello stesso anno ad Ankara sugli istruttori di peacekeeping, di nuovo nella capitale rumena nel 2000 sulle operazioni a sostegno della pace e nel 2001 sugli interventi militari multinazionali. Nel 2000 approfondì le proprie conoscenze della lingua inglese presso l'Accademia delle forze terrestri di Sibiu[2][3].

Nel 2003 conseguì il titolo di dottore in scienze militari presso l'Università nazionale di difesa "Carlo I" con una tesi dal titolo «La dimensione dell'intervento dell'esercito rumeno nelle operazioni combinate multinazionali» (in rumeno «Dimensiunea angajării Armatei României în operații întrunite multinaționale»)[2][3].

Nel 2004 seguì delle lezioni in relazioni civili e militari sull'Europa dell'est e l'Asia centrale che ebbero luogo alla base di Hurlburt Field in Florida. L'anno successivo studiò terminologia della NATO alla St. John University di York e nel 2006 conseguì un master in studi strategici presso il National War College. Nel 2012 completò un corso di perfezionamento postuniversitario nel campo della sicurezza al Collegio nazionale di difesa dell'Università nazionale di difesa "Carlo I"[2][3].

Carriera militare[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver terminato la scuola ufficiali, nell'agosto 1988 assunse il comando del plotone di lancio del 26º reggimento meccanizzato Rovine di Craiova. Nel marzo 1989 fu trasferito al plotone di ricerca e istruzione del 121º battaglione di ricerca con sede nella stessa città. Promosso a ufficiale di stato maggiore, nel settembre 1992 arrivò all'ufficio operazioni della stessa unità, dove rimase fino all'ottobre 1993. Dopo aver interrotto temporaneamente la carriera per effettuare ulteriori studi all'Accademia militare di Bucarest, nel luglio 1995 divenne ufficiale di stato maggiore per l'ufficio operazioni e preparazione per la lotta della 2ª brigata meccanizzata Rovine[2][3].

Nel maggio 1996 fu inviato in Angola nel quadro dell'intervento militare delle Nazioni Unite (UNAVEM III) e rientrò in Romania nel maggio dell'anno successivo. Ottenne il grado di capo di stato maggiore nel novembre 1998, quando passò al 26º battaglione di fanteria Neagoe Basarab di Craiova, corpo soprannominato "Scorpioni rossi"[4]. Nel 2000 guidò la componente terrestre nel corso dell'esercitazione internazionale "Blue Danube" e nel 2001 prese parte all'esercitazione "Dinamyc Response" in Bosnia ed Erzegovina, con la funzione di capo di stato maggiore e di riserva strategica SACEUR[2][3].

Divenuto nel febbraio 2001 comandante del 26º battaglione di fanteria, in cui rimase fino all'ottobre 2004, partecipò all'Operazione Libertà Duratura in Afghanistan (dal giugno 2002 al gennaio 2003), fu direttore dell'esercitazione OCE/EXDIR della missione International Security Assistance Force (2003) e guidò il battaglione rumeno nell'Operazione Antica Babilonia in Iraq (dal gennaio al luglio 2004)[2][3]. In conseguenza della battaglia dei ponti di Nassiriya, che ebbe luogo tra il 14 e il 15 maggio 2004, divenne l'unico comandante dopo la seconda guerra mondiale a guidare le truppe rumene in uno scontro armato contro un nemico[4][5][6].

Dall'ottobre 2004 all'ottobre 2006 fu capo delle operazioni per la 2ª brigata fanteria Rovine, per poi ricevere la delega di capo di stato maggiore nel quadro della stessa unità, che lasciò nel marzo 2007, quando fu nominato facente funzioni del comandante della 282ª brigata di fanteria meccanizzata Unirea principatelor con sede a Focșani. Nel febbraio 2009 ottenne il titolo di comandante della brigata. Nel 2010 prese parte all'esercitazione "Eurasian star" (con il Corpo d'armata di reazione rapida della NATO e la Turchia) e il 25 ottobre dello stesso anno fu promosso a brigadier generale[2][3].

Nel gennaio 2011 passò al comando della 2ª divisione di fanteria Getica di Buzău, mentre il 9 maggio 2013 ottenne il grado di maggior generale[2].

Nel gennaio 2014 fu indicato quale capo dello stato maggiore delle forze terrestri. Il 15 ottobre 2014 cedette tale ruolo al generale Dumitru Scarlat, per divenire facente funzioni del capo dello Stato maggiore generale. Il 1º dicembre, quindi, fu promosso a tenente generale[7]. Il 1º gennaio 2015 fu indicato ufficialmente come capo dello Stato maggiore generale per un periodo di quattro anni su decreto presidenziale firmato da Klaus Iohannis, succedendo a Ștefan Dănilă[2][3]. Il 27 novembre 2015 fu avanzato al grado di generale d'armata[8].

Il 28 dicembre 2018 il presidente della Romania prolungò di un ulteriore anno il suo mandato allo Stato maggiore generale[9]. Rimase in carica fino al 28 ottobre 2019, quando Iohannis accettò la sua richiesta di congedo[2][3]. Il 29 novembre nuovo capo dello Stato maggiore generale divenne Daniel Petrescu[10].

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Ministro della difesa[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2019, dopo la sfiducia parlamentare al governo Dăncilă, il presidente della Romania incaricò il leader del Partito Nazionale Liberale (PNL) Ludovic Orban di formare un nuovo esecutivo. Il 24 ottobre 2019 il Primo ministro designato presentò la lista dei ministri del futuro governo, indicando Ciucă come titolare della difesa[4]. In modo da rivestire l'incarico politico, questi inoltrò al capo di Stato la richiesta di congedo dall'esercito, che fu convalidata il 28 ottobre[11]. Il governo Orban entrò in carica il successivo 4 novembre 2019[5]. Nel corso della sua esperienza ministeriale la difesa si impegnò nella gestione della crisi sanitaria dovuta alla pandemia di COVID-19, fornendo il proprio supporto logistico e professionale alle strutture ospedaliere civili in difficoltà[12].

In vista delle elezioni parlamentari, 18 ottobre 2020 Ciucă, fino a quel momento indipendente, si iscrisse ufficialmente al PNL, che lo candidò al senato come rappresentante per il distretto di Dolj[13]. Il voto del 6 dicembre vide il PNL arrivare secondo alle spalle del Partito Social Democratico (PSD). L'inattesa sconfitta spinse Ludovic Orban a rassegnare le proprie dimissioni da capo del governo. Il 9 dicembre, quindi, il presidente Iohannis designò Nicolae Ciucă quale premier ad interim[12][14]. Nelle sue prime dichiarazioni il Primo ministro ad interim affermò che nell'immediato il governo si sarebbe concentrato sulla gestione della pandemia, sull'applicazione della strategia nazionale per la vaccinazione, sulla chiusura del bilancio per il 2020 e sulla preparazione di quello per il 2021[15].

Nei giorni successivi alle elezioni la stampa veicolò il nome di Ciucă come possibile nuovo Primo ministro titolare[6]. Il 23 dicembre, tuttavia, il PNL trovò un accordo con le forze di USR PLUS e UDMR per la nascita di un governo di coalizione presieduto da Florin Cîțu (PNL). Ciucă fu nuovamente nominato ministro della difesa. Il 23 dicembre superò la valutazione della commissione difesa del parlamento per la nomina a ministro con 18 voti a favore e 13 contrari[16].

Fu contestualmente eletto al senato, dove partecipò alle commissioni per la politica estera e per la difesa[17].

In seguito al congresso del PNL del 25 settembre 2021, che elesse Florin Cîțu alla presidenza, venne nominato vicepresidente del partito con competenze sulla difesa e la sicurezza nazionale[18].

Primo ministro[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Governo Ciucă.

Nell'ottobre 2021, in seguito alla sfiducia al governo Cîțu, si aprì una crisi politica per la definizione di una maggioranza in grado di sostenere un nuovo esecutivo. Dopo che il parlamento ebbe rifiutato di concedere la fiducia a un possibile governo condotto da Dacian Cioloș[19], il 21 ottobre 2021 Iohannis indicò Ciucă come nuovo Primo ministro[20]. Il 1º novembre, però, rinunciò all'incarico, vista l'impossibilità di formare una maggioranza che avrebbe votato un governo monocolore PNL[21].

In seguito a ulteriori trattative tra il PNL, il PSD e l'UDMR, il 18 novembre 2021 fu nuovamente proposto dall'ufficio esecutivo del partito per la conduzione di un governo di coalizione con i nuovi alleati[22]. Il 22 novembre il capo di Stato lo designò ancora una volta per l'incarico[23]. Il governo Ciucă ricevette il voto di investitura da parte del parlamento il 25 novembre 2021 con 318 favorevoli e 126 contrari[24], prestando poi giuramento poco dopo presso il presidente Iohannis.

Dopo le dimissioni di Florin Cîțu dalla presidenza del PNL, Ciucă fu l'unico candidato a capo del partito in occasione del congresso del 10 aprile 2022. Il suo testo programmatico, «Uniti per una Romania stabile e forte» («Uniți pentru o Românie stabilă și puternică»), fu approvato da 1.060 delegati e non ricevette alcun voto contrario[25].

Aspetti controversi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2018 Ciucă si trovò al centro di una disputa legale tra il presidente della Romania e il governo.

In prossimità della fine del suo mandato da capo dello Stato maggiore generale, prevista per il 31 dicembre 2018, il ministro della difesa in area PSD Gabriel Leș propose in sua sostituzione Dumitru Scarlat. Tale nomina, tuttavia, fu rifiutata dal presidente della Romania Iohannis, che la bollò come illegale. Secondo la legge, infatti, il capo dello Stato maggiore generale avrebbe dovuto essere il capo di Stato maggiore di uno dei reparti dell'esercito rumeno (forze terrestre, marina o aviazione). Scarlat in quel momento era rappresentante militare della Romania in seno a NATO e Unione europea e non rivestiva una delle funzioni richieste. Per ovviare al problema Leș aveva previsto di nominare Scarlat sia capo di stato maggiore delle forze terrestri che capo di Stato maggiore generale nel corso di in un'unica seduta, ma tale opzione venne scartata dal presidente della Romania. Il 28 dicembre 2018, perciò, Klaus Iohannis firmò un decreto che prolungava il mandato di Ciucă di un anno[6][9][26].

Il Primo ministro Viorica Dăncilă si rifiutò di controfirmare il decreto presidenziale, mentre il ministero della difesa si rivolse alla giustizia amministrativa contro la decisione di Iohannis. Il 29 marzo 2019 la corte d'appello di Bucarest si espresse in favore del capo di Stato[27]. Una successiva sentenza della Corte costituzionale pronunciata il 4 giugno 2019, tuttavia, dichiarò incostituzionale la previsione che permetteva al presidente di prolungare l'incarico del capo dello Stato maggiore generale. Il ministro Leș, quindi, si rivolse all'Alta corte di cassazione e giustizia[28].

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

È sposato e ha un figlio[3].

Riconoscimenti militari[modifica | modifica wikitesto]

Oltre agli ordini conferiti negli anni dalle autorità di Romania, Francia e Stati Uniti, nel corso della carriera ricevette numerosi riconoscimenti riservati ai membri delle forze armate rumene, tra i quali gli emblemi d'onore dell'esercito, dello Stato maggiore generale, delle forze terrestri, delle forze aeree, delle forze navali, delle informazioni militari, delle comunicazioni, della logistica e della medicina militare[3]. Gli vennero assegnati i nastri "In servizio della patria" in occasione dei suoi quindici, venti e venticinque anni d'attività, "In servizio dell'esercito" (3ª classe), "In servizio della pace" (3ª classe) e "Scienza militare" (1ª classe). Fu, inoltre, insignito del titolo onorifico di veterano militare[3].

Fu premiato con la medaglia delle Nazioni unite per la missione UNAVEM III[2] e con quella d'onore delle forze per le operazioni speciali degli Stati Uniti[3].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine della virtù militare - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della virtù militare
— 2012[29]
Ufficiale dell'Ordine della virtù militare - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine della virtù militare
— 2017[29]
Ufficiale dell'Ordine della stella di Romania - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine della stella di Romania
— 27 novembre 2019[30]
Cavaliere dell'Ordine Nazionale al Merito (Romania) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Nazionale al Merito (Romania)
— 2002[31]
Ufficiale dell'Ordine Nazionale al Merito (Romania) - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine Nazionale al Merito (Romania)
— 2010[31]
Commendatore dell'Ordine Nazionale al Merito (Romania) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine Nazionale al Merito (Romania)
— 2018[32]
Commendatore dell'Ordine Nazionale al Merito (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine Nazionale al Merito (Francia)
— 16 luglio 2019[33]
Ufficiale della Legion of Merit - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale della Legion of Merit
— 15 dicembre 2020[34]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mandato di Primo Ministro ad interim
  2. ^ a b c d e f g h i j k l (RO) Marina Bădulescu, Generalului Nicolae-Ionel Ciucă i-a fost prelungit mandatul de șef al Statului Major al Apărării, su agerpres.ro, Agerpres, 28 dicembre 2018. URL consultato il 17 agosto 2021.
  3. ^ a b c d e f g h i j k l m n (RO) Nicolae Ciucă desemnat premier interimar. Vezi CV-ul său, su curentul.info, Curentul, 7 dicembre 2020. URL consultato il 17 agosto 2021.
  4. ^ a b c (RO) Victor Cozmei, Cine este Nicolae Ciucă, propus ministrul Apărării: militar de carieră, cunoscut ca "generalul deșertului", a condus în Irak prima bătalie a soldaților români după al doilea război mondial, su hotnews.ro, HotNews, 24 ottobre 2019. URL consultato il 17 agosto 2021.
  5. ^ a b (RO) Mirabela Năstase, Cine este Nicolae Ciucă, noul ministru al Apărării Naționale, su a1.ro, Antena 1, 4 novembre 2019. URL consultato il 17 agosto 2021.
  6. ^ a b c (RO) Petre Dobrescu, Nicolae Ciucă, ministrul apărării naţionale, este una dintre propunerile de premier din partea PNL, potrivit unor surse, su libertatea.ro, Libertatea, 7 dicembre 2020. URL consultato il 17 agosto 2021.
  7. ^ (RO) Schimbare majora in fruntea Armatei: Klaus Iohannis a numit un nou sef al Statului Major. Cine este Nicolae Ciuca, "generalul desertului", fost combatant in Irak si Afganistan in fruntea celebrului batalion "Scorpionii Rosii", su hotnews.ro, HotNews, 29 dicembre 2014. URL consultato il 17 agosto 2021.
  8. ^ (RO) “Şeful armatei mele”, cum l-a prezentat Iohannis pe Nicolae Ciucă la şeful Comisiei Europene, propus ministru al Apărării, su zf.ro, Ziarul Financiar, 27 ottobre 2019. URL consultato il 17 agosto 2021.
  9. ^ a b (RO) Gheorghe Pietrar, Iohannis anunță că i-a prelungit prin decret mandatul generalului Ciucă la conducerea Statului Major al Apărării, su agerpres.ro, Agerpres, 28 dicembre 2018. URL consultato il 17 agosto 2021.
  10. ^ (RO) COMUNICAT NR. 130 - Generalul-locotenent Daniel Petrescu, noul şef al Statului Major al Apărării, su defense.ro, Stato maggiore della difesa della Romania, 29 novembre 2019. URL consultato il 17 agosto 2021.
  11. ^ (RO) Klaus Iohannis a semnat decretul privind trecerea în rezervă a generalului Nicolae Ciucă, propus ministru al Apărării, su digi24.ro, Digi 24, 28 ottobre 2019. URL consultato il 17 agosto 2021.
  12. ^ a b (RO) Nicolae Ciucă a fost numit prim-ministru interimar, su digi24.ro, Digi 24, 7 dicembre 2020. URL consultato il 17 agosto 2021.
  13. ^ (RO) Ministrul apărării, Nicolae Ciucă, s-a înscris în PNL și va candida pentru Senat, su digi24.ro, Digi 24, 18 ottobre 2020. URL consultato il 17 agosto 2021.
  14. ^ (RO) Cine este Nicolae Ciucă, desemnat premier interimar după demisia lui Orban, su stirileprotv.ro, Pro TV, 9 dicembre 2020. URL consultato il 17 agosto 2021.
  15. ^ (RO) I. H., Nicolae Ciucă, primele declarații în calitate de premier interimar, su hotnews.ro, HotNews, 8 dicembre 2020. URL consultato l'8 dicembre 2020.
  16. ^ (RO) Noul guvern de coaliție condus de Florin Cîțu a fost învestit de Parlament, su mediafax.ro, Mediafax, 23 dicembre 2020. URL consultato il 17 agosto 2021.
  17. ^ (RO) Nicolae-Ionel CIUCĂ, su senat.ro, Senato della Romania. URL consultato il 17 agosto 2021.
  18. ^ (RO) Rareş Bogdan, Iulian Dumitrescu, Lucian Bode şi Gheorghe Flutur, aleși prim-vicepreşedinţi ai PNL. Dan Vîlceanu, secretar general / Care este echipa lui Florin Cîțu / Mare parte din oamenii lui Orban și-au retras candidaturile, HotNews, 26 settembre 2021. URL consultato il 27 settembre 2021.
  19. ^ (RO) Rezultat previzibil. Guvernul Cioloș nu a primit votul de încredere din partea Parlamentului, su hotnews.ro, HotNews, 20 ottobre 2021. URL consultato il 21 ottobre 2021.
  20. ^ (RO) Iohannis anunță oficial că îl desemnează premier pe Nicolae Ciucă, su hotnews.ro, HotNews, 21 ottobre 2021. URL consultato il 21 ottobre 2021.
  21. ^ (RO) Ana Popescu, Ciucă anunță că și-a depus mandatul / PNL a renunțat la varianta de guvern minoritar și a decis flexibilizarea negocierilor / Liberalii se îndreaptă către varianta formării unei majorități cu PSD, su g4media.ro, G4 Media, 1º novembre 2021. URL consultato il 2 novembre 2021.
  22. ^ (RO) Robert Kiss, Nicolae Ciucă, premierul propus de PNL. Ciucă va conduce și negocierile cu PSD, în locul lui Cîțu, in Digi 24, 18 novembre 2021. URL consultato il 20 novembre 2021.
  23. ^ (RO) Nicolae Ciucă, desemnat premier al Guvernului PNL-PSD-UDMR, in Deutsche Welle, 22 novembre 2021. URL consultato il 23 novembre 2021.
  24. ^ (RO) Ioana Câmpean, Guvernul PSD-PNL-UDMR a fost învestit de Parlament cu 318 voturi „pentru”, in G4 Media, 25 novembre 2021. URL consultato il 25 novembre 2021.
  25. ^ (RO) Nicolae Ciucă, ales președinte al PNL fără niciun vot împotrivă. „Nu am experiență politică, nu vreau să par ceea ce nu sunt. Cu siguranță însă, nu mă voi lăsa niciodată prizonier, in HotNews, 10 aprile 2022. URL consultato il 10 aprile 2022.
  26. ^ (RO) PSD a încercat să schimbe șeful Statului Major al Armatei printr-o ilegalitate, su newsweek.ro, Newsweek, 29 dicembre 2018. URL consultato il 17 agosto 2021.
  27. ^ (RO) Victorie pentru Iohannis în fața MApN. Generalul Nicolae Ciucă se poate întoarce la șefia Statului Major, su romania.europalibera.org, Radio Europa Liberă, 29 marzo 2019. URL consultato il 17 agosto 2021.
  28. ^ (RO) Ana Popescu, Ministerul Apărării continuă războiul în justiţie cu Klaus Iohannis. Procesul pe tema menţinerii lui Nicolae Ciucă la şefia Armatei s-a mutat la Înalta Curte. Cum au crescut şansele de câştig ale MapN după o decizie CCR, su g4media.ro, G4 Media, 16 giugno 2019. URL consultato il 17 agosto 2021.
  29. ^ a b (RO) Cetăţeni români şi străini decoraţi cu Ordinul „Virtutea Militară”:în grad de Mare Ofiţer, Comandor, Ofiţer, Cavaler (XLS), su canord.presidency.ro, Cancelleria degli ordini dell'Amministrazione presidenziale della Romania. URL consultato il 17 agosto 2021.
  30. ^ (RO) DECRET nr. 917 din 27 noiembrie 2019, su legislatie.just.ro. URL consultato il 17 agosto 2021.
  31. ^ a b (RO) Cetăţeni români şi străini decoraţi cu Ordinul Naţional „Pentru Merit”:în grad de Mare Cruce, Mare Ofiţer, Comandor, Ofiţer, Cavaler, su canord.presidency.ro, Cancelleria degli ordini dell'Amministrazione presidenziale della Romania. URL consultato il 17 agosto 2021.
  32. ^ (RO) DECRET nr. 919 din 19 noiembrie 2018, su legislatie.just.ro. URL consultato il 17 agosto 2021.
  33. ^ (RO) Domnul general Nicolae-Ionel Ciucă, Şeful Statului Major al Apărării, Comandor al Ordinul Național al Meritului, su ro.ambafrance.org, Ambasciata della Francia in Romania. URL consultato il 17 agosto 2021.
  34. ^ (EN) Interim Prime Minister Nicolae Ciuca was awarded the Legion of Merit by US Ambassador Adrian Zuckerman, su nineoclock.ro, Nine o'clock, 15 dicembre 2020. URL consultato il 17 agosto 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN19154380930630291469 · GND (DE1172321884 · WorldCat Identities (ENnicolae i np-ciuca, nicolae i