Partenariato per la pace

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mappa dei membri di Partenariato per la pace.

Il Partenariato per la pace (in inglese Partnership for Peace - PfP, in francese Partenariat pour la paix - PpP) è un programma il cui fine è creare fiducia tra la NATO, gli stati europei che non hanno aderito all'Alleanza Atlantica e la ex Unione Sovietica; al momento le nazioni membro sono 23[1]. Fu proposta su iniziativa degli Stati Uniti durante l'incontro dei ministri della difesa svoltosi a Travemünde (Germania) il 20 e 21 ottobre 1993, e formalmente costituita il 10-11 gennaio 1994 (vertice NATO di Bruxelles[2]). Dieci stati che erano membri PfP (Bulgaria, Repubblica Ceca, Estonia, Ungheria, Lettonia, Lituania, Polonia, Romania, Slovacchia e Slovenia) hanno in seguito aderito alla NATO.

Il 26 aprile 1995 Malta diviene membro PpP[3], ma ne esce il 27 ottobre 1996 al fine di meglio preservare la sua sicurezza[4]. Il 20 marzo 2008 Malta decide di riattivare la sua affiliazione al gruppo PfP[5] (ciò viene accettato dall'Alleanza Atlantica durante il vertice di Bucarest del 3 aprile 2008)[6].

Durante la riunione della NATO tenutasi a Riga il 20 novembre 2006, la Bosnia ed Erzegovina, il Montenegro e la Serbia sono invitati ad aderire al PpP[7]: si uniscono in effetti il 14 dicembre 2006[8][9].

Firmatari del documento quadro del Partenariato per la pace[modifica | modifica wikitesto]

Membri attuali[modifica | modifica wikitesto]

Paesi che erano membri PpP, diventati membri NATO il 12 marzo 1999[modifica | modifica wikitesto]

Paesi che erano membri PpP, diventati membri NATO il 29 marzo 2004[modifica | modifica wikitesto]

Paesi che erano membri PpP, divenuti membri della NATO il 4 aprile 2009[modifica | modifica wikitesto]

Paesi membri PpP che hanno chiesto l'adesione alla NATO il 2 aprile 2008[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ North Atlantic Treaty Organisation, Bosnia and Herzegovina, Montenegro and Serbia join NATO Partnership for Peace, nato.int. URL consultato il 17 dicembre 2006.
  2. ^ John Borawski, Partnership for Peace and beyond, in International Affairs, vol. 71, nº 2, Royal Institute of International Affairs 1944-, aprile 1995, pp. 233–246. URL consultato il 21 aprile 2008.
  3. ^ a b North Atlantic Treaty Organisation, Secretary General's Council Welcoming Remarks, Visit by Maltese Deputy Prime Minister and Minister of Foreign Affairs, Professor Guido de Marco, Wednesday, 26th April 1995, nato.int, 26 aprile 1995. URL consultato il 30 novembre 2006.
  4. ^ a b Celestine Bohlen, New Malta Chief Focuses on Neutrality, New York Times, 12 novembre 1996. URL consultato il 5 maggio 2008.
    «Within hours of taking office, Mr. Sant withdrew Malta's membership in Partnership for Peace, a NATO military cooperation program that is so loosely defined that its sign-up list now spans the spectrum from Russia to Switzerland. [...] Mr. Sant says none of those moves should be interpreted as anti-European or anti-American, but simply as the best way of insuring Malta's security.».
  5. ^ a b Gambin, Karl, Malta reactivates Partnership for Peace membership, DI-VE, 3 marzo 2008. URL consultato il 3 aprile 2008.
    «The cabinet has agreed to reactivate its membership in the Partnership for Peace which was withdrawn in 1996, the government said on Thursday.».
  6. ^ a b North Atlantic Treaty Organization, Malta re-engages in the Partnership for Peace Programme, nato.int, 3 aprile 2008. URL consultato il 3 aprile 2008.
    «At the Bucharest Summit, NATO Heads of State and Government welcomed Malta’s return to the Partnership for Peace Programme. At Malta's request, the Allies have re-activated Malta's participation in the Partnership for Peace Programme (PfP).».
  7. ^ North Atlantic Treaty Organization, Alliance offers partnership to Bosnia and Herzegovina, Montenegro and Serbia, nato.int, 29 novembre 2006. URL consultato il 30 novembre 2006.
  8. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af ag North Atlantic Treaty Organization, Signatures of Partnership for Peace Framework Document, nato.int, 5 ottobre 2006. URL consultato il 30 novembre 2006.
  9. ^ Associated Press, Serbia inducted into NATO, serbianna.com, 14 dicembre 2006. URL consultato il 14 dicembre 2006.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Riferimenti normativi[modifica | modifica wikitesto]

Riferimenti descrittivi[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN122312107 · BNF: (FRcb162194731 (data)
NATO Portale NATO: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di NATO