Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Forțele Aeriene Române

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Forțele Aeriene Române
Aeronautica Militare Romena
Romanian Air Force
Stema Statului Major al Fortelor Aeriene.png
Descrizione generale
Attiva 1910 - oggi
Nazione Romania Romania
Alleanza NATO NATO
Servizio aeronautica militare
Dimensione 13.250 effettivi, più di 200 aeromobili (2007)
Guarnigione/QG Statul Major al Forțelor Aeriene - Bucarest
Sito internet http://www.roaf.ro
Parte di
Comandanti
General de aviație Constantin Croitoru
Simboli
Coccarda Roundel of the Romanian Air Force.svg
Bandiera di battaglia Battle flag of Romania (Air Forces model).png

[senza fonte]

Voci su forze aeree presenti su Wikipedia

La Forțele Aeriene Române è l'attuale aeronautica militare della Romania e parte integrante delle forze armate romene.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Aurel Vlaicu con il suo prototipo di Vlaicu I.

La Romania è stata una delle prime nazioni al mondo ad avere una propria forza aerea, nel 1910.

Il primo aereo di progettazione rumena fu costruito nell'Arsenale Militare e tenne il volo inaugurale il 17 giugno 1910[1] con un aeromobile Vlaicu I, costruito a Bucarest dall'ingegnere/aviatore Aurel Vlaicu. Già nel 1913 la forza aerea rumena ordinò 34 aeromobili, dei quali 16 Bristol-Coandă, progettati dall'ingegnere Henri Coandă

I successivi piloti, Ştefan Protopopescu e Gheorghe Negrescu, vennero addestrati nel Complesso aeronautico di Chitila (in rumeno: Complexului Aeronautic de la Chitila) situato nei pressi della capitale, fondato da Mihail Cerchez nel novembre 1909 e il modello usato per l'addestramento era un Farman III modello 1909 costruito su licenza.[1].

Le prime missioni di guerra vennero effettuate nell'ambito della seconda guerra balcanica con ricognizioni di volo a 2200-2500 metri di quota per una lunghezza di più di 200 chilometri.[1]

Prima guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Durante la Prima guerra mondiale la Romania acquistò circa 322 aeromobili da Francia e Gran Bretagna, tra i quali alcuni Nieuport, Farman e Breguet. Il 16 settembre 1916 un Farman F.40 rumeno abbatté un velivolo della Luftstreitkräfte (ovvero l'aeronautica tedesca dell'epoca), riportando così la prima vittoria assoluta dell'aeronautica militare rumena. Alla fine della guerra i piloti rumeni avevano volato per un totale di oltre 11.000 ore, partecipando a circa 750 battaglie aeree.

Periodo interbellico[modifica | modifica wikitesto]

Nel periodo che intercorse tra la fine della prima guerra mondiale e l'inizio della seconda l'aeronautica militare rumena attraversò un periodo particolarmente florido. Essa infatti era, dopo la Polonia, la nazione tra quelle del futuro Patto di Varsavia che aveva un'industria aeronautica più forte, in grado di produrre la maggior parte dei velivoli militari e civili allora prodotti in quell'era. In particolare i cacciabombardieri IAR 80 riscossero un ampio successo e furono utilizzati su larga scala sul fronte Est per tutta la durata della Seconda guerra mondiale.

Seconda guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Forțele Aeriene Regale ale României.

Guerra fredda[modifica | modifica wikitesto]

Due MiG-21 rumeni fotografati negli anni '70.
Un MiG-29 dell'aeronautica militare rumena.

Il 15 febbraio 1949 venne istituito il nuovo Comando d'aviazione rumeno, conforme allo stile sovietico (con le unità organizzate in reggimenti e non più in stormi). Subito entrarono in servizio aeromobili di creazione sovietica, come gli Yakovlev Yak-18, i Polikarpov Po-2, i Lavochkin La-9, i Tupolev Tu-2 e gli Ilyushin Il-10. Nel 1958 entrò in servizio anche il primo caccia supersonico MiG-19 e nel febbraio 1962 fu la volta del MiG-21, che a quei tempi era uno dei migliori caccia in circolazione.

A partire dal 1974 vennero introdotti aeromobili di produzione rumena, come ad esempio lo IAR 93, che effettuò il suo primo volo il 31 ottobre 1974. Nel 1962 venne istituita la prima sub-unità di elicotteri, equipaggiata nel 1964 con i sovietici Mi-2 e Mi-4.

Coccarde[modifica | modifica wikitesto]

Le coccarde rumene utilizzanti i colori della bandiera rumena e usate dalla Armata Română.

Struttura e basi aeree[modifica | modifica wikitesto]

Un MiG-21 LanceR 'C' in fase di decollo dalla 71ª base aerea
Nome Codice aeroportuale IATA Quartier generale Regione
71ª base aerea - Câmpia Turzii Distretto di Cluj
86ª base aerea - Fetești Distretto di Ialomița
90ª base aerea OTP Bucarest-Otopeni Distretto di Ilfov
95ª base aerea BCM Bacău Distretto di Bacău
57 base aerea (riserva) CND Mihail Kogălniceanu Distretto di Costanza
93ª base aerea (riserva) TSR Timișoara Distretto di Timiș
Scuola di volo Aurel Vlaicu - Boboc Distretto di Buzău
Accademia aeronautica Henri Coandă - Ghimbav Distretto di Brașov

Aeromobili in uso[modifica | modifica wikitesto]

Aeromobile Origine Tipo Versione
(denominazione locale)
In servizio[2] Note Immagine
Aerei da combattimento
Lockheed F-16 Fighting Falcon Stati Uniti Stati Uniti caccia multiruolo
conversione operativa
F-16A MLU M5.2R
F-16B MLU M5.2R
6[3][4] 12 aerei (9 monoposto e tre biposto) ordinati nel 2013, usati dal Portogallo. Il 29 settembre 2016 sono stati consegnati i primi 6 esemplari. Ulteriori 3 saranno consegnati entro dicembre, mentre gli ultimi 3 nel 2017.[3] Gli aerei sono stati aggiornati allo standard operativo MLU M5.2R da parte dell'azienda aeronautica portoghese OGMA con il supporto di Lockheed Martin.[4] F16A PoAF refueling from a USAF tanker.jpg
Mikoyan-Gurevich MiG-21Lancer Russia Russia caccia multiruolo
aereo da caccia
conversione operativa
MiG-21 LanceR "A"
MiG-21 LanceR "C"
MiG-21 LanceR "B"
36 Attualmente sono in servizio i MiG-21 LanceR "A" come caccia multiruolo, i MiG-21 LanceR "C" come caccia ottimizzati per scontri aria-aria e i MiG-21 LanceR "B" come aerei da addestramento.[5][6] Tutti questi aeromobili sono in fase di sostituzione con gli F-16 Fighting Falcon ex portoghesi.[4]
MiG-21UMLancerB.jpg
Aerei da addestramento
Yakovlev Yak-52 Russia Russia aereo da addestramento basico Yak-52 16
Miting Aviatic Cluj-Napoca 2007 (752368891).jpg
IAR 99 'Şoim' Romania Romania aereo da addestramento IAR 99 22 725-Avioane IAR.99C Soim-DSC 3031 cropped.jpg
Aerei da trasporto
Lockheed C-130 Hercules Stati Uniti Stati Uniti aereo da trasporto C-130B 5 Romanian C-130 Hercules.jpg
Alenia C-27J Spartan Italia Italia aereo da trasporto tattico C-27J 5[2] Restano da consegnare ancora 2 esemplari. Aeronava C 27J de transport scurt mediu curier la mitingul aviatic.jpg
Antonov An-26 Curl Ucraina Ucraina aereo da trasporto tattico An-26 4
Antonov.an26.fairford.arp.jpg
Boeing 707 Stati Uniti Stati Uniti aereo da trasporto VIP B 707 1
Antonov An-30 Clank Ucraina Ucraina aerofotogrammetria An-30 1 Utilizzato per effettuare rilevazioni cartografiche aeree. Romanian Air Force Antonov An-30.jpg
Antonov An-2 Colt Ucraina Ucraina aereo da trasporto leggero An-2R
An-2T
9 Utilizzati per l'addestramento dei paracadutisti.
Elicotteri
IAR 330 SOCAT Francia Francia
Romania Romania
elicottero d'attacco
elicottero da trasporto
IAR-330 SOCAT
IAR-330L
IAR-330M
23
72
18
Gli IAR-330 SOCAT inizialmente erano 24: uno è andato perduto in un incidente.
Romanian IAR-300.jpg
IAR 316 Alouette III Francia Francia
Romania Romania
elicottero da addestramento IAR-316B 8 RoAF IAR 316B cropped.jpg
Aeromobili a pilotaggio remoto - UAV
RQ-7 Shadow Stati Uniti Stati Uniti UAV Shadow-600 10 (inizialmente erano 11)

Difesa aerea[modifica | modifica wikitesto]

Nome Origine Tipo Versione In servizio Note Immagine
Raytheon MIM-23 Hawk Stati Uniti Stati Uniti missile terra-aria (SAM - Surface-to-Air Missile) Hawk XXI 224 8 batterie di lancio
Romanian MIM-23 HAWK.jpg
RIM-161 Standard Missile 3 Stati Uniti Stati Uniti missile terra-aria (SAM - Surface-to-Air Missile) RIM-161 Standard Missile 3 24 3 batterie di lancio del NATO missile defence system[7]
SM-3 launch.jpg

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (RO) Storia dal sito ufficiale, roaf.ro. URL consultato il 2 gennaio 2013.
  2. ^ a b Romanian military aviation OrBat.
  3. ^ a b "ROMANIA: ATTERRATI I PRIMI SEI F-16 ACQUISTATI DAL PORTOGALLO", su difesaonline.it, 29 settembre 2016, URL consultato il 29 settembre 2016.
  4. ^ a b c "Il Portogallo ha consegnato i primi F-16 alla Romania" - "Aeronautica & Difesa" N. 361 - 11/2016 pag. 75
  5. ^ (RO) Romania replaces the MiG-21, Antena 3, 16th May 2007.
  6. ^ Iraq Seeks F-16 Fighters - WSJ.com.
  7. ^ (EN) NATO Assistant Secretary General for Defence Investment at the ceremony for the activation of Aegis Ashore Missile Defense Facility at the Deveselu Military Base (Bucharest, Romania), nato.int, 8 dicembre 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (RO) Valeriu Avram, Istoria aviației militare 1910-2010, Editura Scrib, 2010, ISBN 978-606-92171-8-4
  • (RO) Mihai Iliescu, Vasile Bărboi, Tiberiu Marineanu, Marin Stafie, Istoria artileriei și rachetelor antiaeriene române, Editura Modelism, 1996
  • (RO) Nicolae Balotescu, Carmen Zgăvârdici, Istoria aviației române, Editura științifică și enciclopedică, 1984

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]