Governo monocolore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Un governo monocolore, in un sistema parlamentare, è un governo formato da un singolo partito che, o perché detiene la maggioranza dei seggi in Parlamento, o perché alcuni partiti si sono offerti di supportarlo o di astenersi, supportando il governo “passivamente” (in alcuni paesi tramite il meccanismo del Parlamentarismo negativo), riesce a governare e dunque a formare un esecutivo, che prende il nome di esecutivo monocolore.

L’etimologia di questo aggettivo, composto dalla derivazione della parola greca "mono-" (μόνος, singolo) unita alla parola "colore", indica il fatto che, siccome tutti i membri del governo sono scelti da uno stesso partito politico, che in Parlamento è rappresentato da un determinato colore che ne rappresenta l’ideologia, essi operano facendo parte di un unica fazione politica.

Tipi di governo monocolore[modifica | modifica wikitesto]

Poiché è possibile la formazione di un governo monocolore in varie circostanze, questo tipo di governo si può dividere in:

In altri casi, può aversi governo monocolore allorché singoli partiti, pur appoggiando l'esecutivo, nei vari modi elencati, in sede parlamentare, decidano, per ragioni di natura politica, di non entrare a far parte della compagine governativa.

Esempi di governo monocolore[modifica | modifica wikitesto]

Di maggioranza[modifica | modifica wikitesto]

Regno Unito[modifica | modifica wikitesto]

Il Regno Unito è frequentemente caratterizzato da governi monocolore di maggioranza, guidati in prevalenza dal Partito Conservatore e dal Partito Laburista. L'attuale governo del Regno Unito, il Governo Johnson II, in carica dal 13 dicembre 2019, è un governo monocolore conservatore con 365 seggi su 650 alla Camera dei comuni.

Di minoranza[modifica | modifica wikitesto]

Svezia[modifica | modifica wikitesto]

In Svezia, il Governo Andersson, in carica dal 30 novembre 2021, è un governo monocolore di minoranza guidato dal Partito Socialdemocratico con 101 seggi su 349 al Parlamento Svedese, che riesce a governare grazie all’appoggio esterno attivo dei Verdi (16 seggi) e passivo di Centristi, socialisti e un Indipendente (59 seggi complessivi), poiché riesce a raggiungere la maggioranza assoluta di 175 seggi, solo uno in più dell’opposizione.

In Italia[modifica | modifica wikitesto]

I governi monocolore in Italia sono stati relativamente rari, a causa della frammentazione politica. Durante il periodo della Prima Repubblica, si trattava principalmente di governi transitori, di minoranza, composti da esponenti del partito di maggioranza relativa (la Democrazia Cristiana) di solito con l'appoggio esterno di partiti minori.

Elenco[modifica | modifica wikitesto]
Nº del Governo Presidente del Consiglio
(Nascita-morte)
Mandato Partito Governo e composizione Leg. Presidente
d. Repubblica
Inizio Fine
7 Alcide de Gasperi 2.jpg Alcide De Gasperi
(1881-1954)
16 luglio 1953 17 agosto 1953 Democrazia Cristiana De Gasperi VIII DC Italian Chamber of Deputies 1953.svg
II
(1953)
Enrico De Nicola
Enrico De Nicola.jpg
(1946-1948)[1]
9 Amintore Fanfani Senato.jpg Amintore Fanfani
(1908-1999)
19 gennaio 1954 10 febbraio 1954 Democrazia Cristiana Fanfani I[2] DC Luigi Einaudi
Luigi Einaudi official portrait.jpg
(1948-1955)
12 Adone Zoli.jpg Adone Zoli
(1887-1960)
20 maggio 1957 2 luglio 1958 Democrazia Cristiana Zoli DC
con l'appoggio esterno di:
PLI-PRI-PSDI-PNM-PMP-MSI
Giovanni Gronchi
Giovanni Gronchi.jpg
(1955-1962)
14 Antonio Segni Official.jpg Antonio Segni
(1891-1972)
16 febbraio 1959 26 marzo 1960 Democrazia Cristiana Segni II DC
con l'appoggio esterno di:
PLI-PNM-PMP-MSI
Italian Chamber of Deputies 1958.svg
III
(1958)
15 Fernando Tambroni-1.jpg Fernando Tambroni
(1901-1963)
26 marzo 1960 27 luglio 1960 Democrazia Cristiana Tambroni DC
con l'appoggio esterno di MSI e PDI
16 Amintore Fanfani Senato.jpg Amintore Fanfani
(1908-1999)
27 luglio 1960 22 febbraio 1962 Democrazia Cristiana Fanfani III DC
18 Presidente Leone.jpg Giovanni Leone
(1908-2001)
22 giugno 1963 5 dicembre 1963 Democrazia Cristiana Leone I DC Italian Chamber of Deputies 1963.svg
IV
(1963)
Antonio Segni
Antonio Segni Official.jpg
(1962-1964)
22 Presidente Leone.jpg Giovanni Leone
(1908-2001)
25 giugno 1968 13 dicembre 1968 Democrazia Cristiana Leone II DC Italian Chamber of Deputies 1968.svg
V
(1968)
Giuseppe Saragat
Ritratto Ufficiale di Giuseppe Saragat.jpg
(1964-1971)
24 Mariano Rumor daticamera.jpg Mariano Rumor
(1915-1990)
6 agosto 1969 28 marzo 1970 Democrazia Cristiana Rumor II DC
27 Giulio Andreotti, ca 1987.jpg Giulio Andreotti
(1919-2013)
18 febbraio 1972 26 giugno 1972 Democrazia Cristiana Andreotti I DC Giovanni Leone
Presidente Leone.jpg
(1971-1978)
32 Aldo Moro.jpg Aldo Moro
(1916-1978)
12 febbraio 1976 30 luglio 1976 Democrazia Cristiana Moro V DC Italian Chamber of Deputies 1972.svg
VI
(1972)
33-34 Giulio Andreotti, ca 1987.jpg Giulio Andreotti
(1919-2013)
30 luglio 1976 13 marzo 1978 Democrazia Cristiana Andreotti III DC
con l'appoggio esterno del PCI
Italian Chamber of Deputies, 1976.svg
VII
(1976)
13 marzo 1978 21 marzo 1979 Andreotti IV

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fino al 31 dicembre 1947 come capo provvisorio dello Stato.
  2. ^ Questo governo non riuscì ad ottenere la fiducia del Parlamento, risultando così il governo più breve nella storia repubblicana.
  Portale Politica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di politica