Golden Joystick Awards

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Golden Joystick Awards
Golden Joystick Award (Award Cup).svg
LuogoRegno Unito
Anni1983 - oggi
Frequenzaannuale
GenereVideogiochi
Sito ufficialewww.gamesradar.com/goldenjoystickawards

I Golden Joystick Awards, meglio conosciuti come People's Gaming Awards, sono una cerimonia di premiazione annuale dedicata all'industria dei videogiochi; assegna il premio Game of the Year al miglior videogioco dell'anno che può essere votato online da tutti. È la seconda più antica cerimonia di premiazione dei videogiochi dopo gli Arcade Awards.

I premi erano inizialmente assegnati ai giochi per computer, ma in seguito sono stati estesi anche ai giochi per console, grazie al successo di pubblicazioni come Sega Master System e Sega Mega Drive.

A partire dal 2014, è la più grande esposizione di premi per videogiochi in termini di numero di voti espressi; oltre nove milioni di voti sono stati espressi per la cerimonia del 2014.

Vincitori[modifica | modifica wikitesto]

2018[modifica | modifica wikitesto]

La cerimonia si è svolta al Bloomsbury Big Top di Londra il 16 novembre 2018 ed è stata presentata da Danny Wallace.[1]

Categoria Vincitore Candidati[1][2]
Miglior narrativa God of War
Miglior visual design God of War
Miglior audio design God of War
Miglior indie Dead Cells
Miglior gioco competitivo Fortnite Battle Royale
Miglior gioco cooperativo Monster Hunter: World
Premio Still playing World of Tanks
Miglior streamer Bryan Dechart
Gioco eSport dell'anno Overwatch
Miglior gioco VR The Elder Scrolls V: Skyrim
Sviluppatore dell'anno SIE Santa Monica Studio
Gioco mobile dell'anno PlayerUnknown's Battlegrounds
Gioco dell'anno - Nintendo Octopath Traveler
Gioco dell'anno - PlayStation God of War
Gioco dell'anno - PC Subnautica
Gioco dell'anno - Xbox Forza Horizon 4
Gioco più atteso Cyberpunk 2077
Miglior recitazione Bryan Dechart (Connor in Detroit: Become Human)
Gioco dell'anno God of War
Premio della critica Red Dead Redemption II -
Premio alla carriera Hidetaka Miyazaki -

2017[modifica | modifica wikitesto]

La cerimonia si è svolta a Londra, al Bloomsbury Big Top, il 17 novembre 2017 ed è stata presentata da Danny Wallace.[3] I vincitori sono segnati in grassetto.

Categoria Vincitore Candidati[3][4]
Miglior narrativa Horizon Zero Dawn
Miglior visual design Cuphead
Miglior audio design The Legend of Zelda: Breath of the Wild
Miglior recitazione Ashly Burch (Aloy, Horizon Zero Dawn)
Miglior indie Friday the 13th: The Game
Miglior gioco multiplayer PlayerUnknown's Battlegrounds
Sviluppatore dell'anno Nintendo EPD
Miglior gioco VR Resident Evil 7
Giocatore eSports dell'anno Agilities' five-man Dragonblade at Overwatch Contenders
  • Autimatic and Skadoodle win 2 vs. 4 with pistols
  • PraY's Ashe skillshot at Worlds 2016
  • Team Liquid win the first ever 3-0 grand final victory at The International
  • Tokido's incredible parry at Evo 2017
Team eSports dell'anno Lunatic-Hai
  • Astralis
  • Optic Gaming
  • SK Telecom T1
  • Team EnVyUS
  • Team liquid
  • Team SoloMid
Gioco eSports dell'anno Overwatch
Miglior streamer/broadcaster Markiplier
  • Hannah Rutherford
  • Jacksepticeye
  • Jupiter Hadley
  • Maximilian Dood
  • Polygon
  • Waypoint
  • What's Good Games
Gioco mobile dell'anno Pokémon Sole e Luna
Gioco dell'anno - Nintendo The Legend of Zelda: Breath of the Wild
Gioco dell'anno - PlayStation Horizon Zero Dawn
Gioco dell'anno - Xbox Cuphead
Gioco dell'anno - PC PlayerUnknown's Battlegrounds
Premio della Critica The Legend of Zelda: Breath of the Wild -
Premio maggior impatto Ashly Burch
  • Brendan Green
  • Cavalier Game Studios
  • Game Grumps
  • Giant Sparrow
  • Infinite Fall
  • Melina Jeurgens
  • Nick Popovich
  • Nina Freeman
  • SMAC Games
Gioco più atteso The Last of Us Part II
Premio still playing World of Tanks
Gioco dell'anno The Legend of Zelda: Breath of the Wild

2016[modifica | modifica wikitesto]

La cerimonia si è svolta a Londra, al salone The O2, il 18 novembre 2016 ed è stata presentata da James Veitch.[5]

34ª edizione
Categoria Vincitore[6]
Miglior gioco originale Overwatch
Miglior narrativa The Witcher 3: Blood and Wine (DLC)
Miglior visual design The Witcher 3: Blood and Wine (DLC)
Miglior audio design Fallout 4
Miglior indie Firewatch
Miglior personalità dell'anno Sean Plott
Miglior gioco multiplayer Overwatch
Youtube - Personalità emergente dell'anno Jesse Cox
Sviluppatore dell'anno CD Projekt Red
Innovazione dell'anno Pokemon Go
Premio alla carriera Eiji Aonuma
Miglior piattaforma Steam
Miglior recitazione Doug Cockle (Geralt, The Witcher 3)
Gioco competitivo dell'anno Overwatch
Gioco dell'anno - Nintendo The Legend of Zelda: Twilight Princess HD
Gioco dell'anno - PlayStation Uncharted 4: Fine di un ladro
Gioco dell'anno - Xbox Rise of the Tomb Raider
Gioco dell'anno - PC Overwatch
Gioco mobile dell'anno Pokemon Go
Nuova scoperta Eric Barone (Stardew Valley)
Hall of Fame Lara Croft
Premio della Critica Titanfall 2
Gioco più atteso Mass Effect Andromeda
Gioco dell'Anno Dark Souls 3

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Tom Hoggins, Golden Joysticks 2018 nominees announced, voting open now, in The Telegraph, 24 settembre 2018. URL consultato il 30 ottobre 2018.
  2. ^ Golden Joystick Awards 2018, ecco tutti i giochi premiati, in Multiplayer.it. URL consultato il 17 novembre 2018.
  3. ^ a b (EN) Hannah Dwan, Public voting and the nominations for the 2017 Golden Joystick Awards are now up, in The Telegraph, 18 ottobre 2017. URL consultato il 30 ottobre 2018.
  4. ^ Golden Joystick Awards: Zelda Breath of the Wild è il Gioco dell'Anno, in Everyeye.it. URL consultato il 30 ottobre 2018.
  5. ^ (EN) Golden Joystick Awards 2016 voting open to the public, in Digital Spy, 15 settembre 2016. URL consultato il 30 ottobre 2018.
  6. ^ (EN) Overwatch scoops five awards, Firewatch wins Best Indie Game: Here are all the Golden Joystick 2016 winners, in gamesradar. URL consultato il 30 ottobre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Videogiochi