The Last of Us Part II

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
The Last of Us Part II
videogioco
The Last of Us- Part II.png
Logo del gioco
PiattaformaPlayStation 4
Data di pubblicazioneTBA
GenereAvventura dinamica, stealth, survival horror
Temadrammatico, post-apocalittico
OrigineStati Uniti
SviluppoNaughty Dog
PubblicazioneSony Computer Entertainment
DirezioneNeil Druckmann
Anthony Newman
Kurt Margenau
DesignEmilia Schatz
Richard Cambier
SceneggiaturaNeil Druckmann
Halley Gross
MusicheGustavo Santaolalla
Modalità di giocoGiocatore singolo, Multigiocatore
Periferiche di inputDualShock 4
SupportoBlu-ray Disc
Distribuzione digitalePlayStation Network
Fascia di etàESRBRP · PEGI: 18
Preceduto daThe Last of Us

The Last of Us Part II è un videogioco horror di sopravvivenza in stile avventura dinamica, a sfondo post-apocalittico, sviluppato dalla casa di produzione Naughty Dog, in esclusiva per PlayStation 4. Si tratta del sequel di The Last of Us.

È stato annunciato ufficialmente il 3 dicembre 2016, durante la PlayStation Experience[1].

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Lo sviluppo di The Last of Us Part II è iniziato nel 2014. Troy Baker e Ashley Johnson hanno ripreso i loro rispettivi ruoli di Joel ed Ellie. La sceneggiatura del videogioco è stata scritta da Neil Druckmann e Halley Gross.[2] Il compositore Gustavo Santaolalla ritorna nel secondo capitolo per comporre le colonne sonore.[3] Emilia Schatz e Richard Cambier sono i game directors, ruolo che, nel primo capitolo, fu svolto da Bruce Straley, quest'ultimo ha lasciato la Naughty Dog nel 2017. Il 13 giugno 2018, Naughty Dog ha confermato ufficialmente che il gioco avrà una modalità multigiocatore.[4]

The Last of Us Part II è stato annunciato alla Playstation Experience il 3 dicembre 2016.[5] Il primo trailer ha rivelato il ritorno di Ellie e Joel, la cui storia si svolge 5 anni dopo gli eventi della prima parte[6]; Ellie è l'unico personaggio giocabile.[7] Mentre la prima parte è incentrata sull'amore, Druckmann ha affermato che Parte II è incentrata sull'odio.[8]

Il 30 ottobre 2017 alla Paris Games Week è stato mostrato un secondo trailer, in cui si presentano quattro nuovi personaggi: Yara (interpretato da Victoria Grace), Lev (Ian Alexander), Emily (Emily Swallow) e un personaggio sconosciuto interpretato da Laura Bailey.[9] Druckmann ha dichiarato che tutti i nuovi personaggi sono parte integrante del prossimo viaggio di Ellie e Joel.[10]

Il 12 giugno 2018 il gioco è stato presentato alla fiera Sony E3 2018, dove è stato introdotto per la prima volta il gameplay del gioco.[11] Nel trailer è presente una scena in cui Ellie bacia un'altra donna di nome Dina (Shannon Woodward), a proposito Neil Druckmann ha spiegato che la creazione di un bacio, dall'aspetto realistico, è stato un compito difficile per l'animazione, a causa dell'attrezzatura necessaria per il motion capture che non consentiva di potersi avvicinarsi durante la realizzazione della scena.[12] La critica ha apprezzato la grafica migliorata, l'intelligenza artificiale dei nemici e gli scontri mostrati nel trailer.[13]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Data Premio Categoria Risultato Fonte
gennaio 2017 PlayStation Blog Gioco più atteso Vinto [14]
17 novembre 2017 35st Golden Joystick Awards Gioco più atteso Vinto [15]
7 dicembre 2017 The Game Awards Gioco più atteso Vinto [16]
2 luglio 2018 Game Critics Awards Premio speciale per la grafica e il suono Vinto [17]
16 novembre 2018 36st Golden Joystick Awards Gioco più atteso Candidato [18]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la presentazione dei diversi trailer, il gioco è stato ripetutamente criticato a causa della presenza di eccessiva crudeltà e alto livello di violenza. Il direttore creativo Neil Druckmann ha commentato questa valutazione delle critiche in un'intervista a Kotaku, affermando che tutto ciò che viene mostrato è stato concepito in questo modo e la violenza dovrebbe respingere, piuttosto che attirare.[19][20][21]

«Stiamo realizzando un gioco che si dedica al ciclo della violenza, vogliamo dire la nostra sulle azioni violente e sull'impatto che hanno sul personaggio che le commette e sulle persone che gli sono vicine. Il nostro approccio ci dice di "trattare la violenza nel modo più realistico possibile". Vogliamo che il giocatore potesse rendersene conto e sentire repulsione per la violenza che lui stesso sta commettendo. Crediamo che sia il modo più onesto per raccontare così storia.»

(Neil Druckmann, lo sceneggiatore principale del gioco e il direttore creativo di Naughty Dog)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Annunciato The Last of Us: Part II alla PlayStation Experience 2016, in Multiplayer.it. URL consultato il 4 dicembre 2016.
  2. ^ Halley Gross, sceneggiatrice tra gli altri di due episodi di Westworld, sta collaborando alla scrittura di The Last of Us: Part II, in Multiplayer.it. URL consultato il 18 ottobre 2018.
  3. ^ The Last of Us Part II: Gustavo Santaolalla si occuperà di nuovo della musica, in Everyeye.it. URL consultato il 4 aprile 2017.
  4. ^ E3 2018: The Last of Us Part II avrà il multiplayer, il focus del gameplay è sulla tensione e tante altre informazioni anche sullla data di uscita, su Eurogamer.it, 13 giugno 2018. URL consultato il 20 giugno 2018.
  5. ^ (EN) The Last of Us Part II, su PlayStation.Blog. URL consultato il 18 ottobre 2018.
  6. ^ Ellie sarà il personaggio principale di The Last of Us: Part II, in una storia incentrata sull'odio, in Multiplayer.it. URL consultato il 18 ottobre 2018.
  7. ^ (IT) The Last of Us Part 2: Ellie sarà l'unico personaggio giocabile, in Everyeye.it. URL consultato il 18 ottobre 2018.
  8. ^ Naughty Dog: il tema principale di The Last of Us: Parte II sarà l'odio, in Eurogamer.it. URL consultato il 18 ottobre 2018.
  9. ^ The Last of Us Part II: I demoni stanno arrivando, su www.everyeye.it. URL consultato il 4 novembre 2017.
  10. ^ The Last of Us Part 2: Naughty Dog rivela gli attori coinvolti nel nuovo trailer, su Everyeye.it, 30 ottobre 2017. URL consultato il 20 giugno 2018.
  11. ^ E3 2018: The Last of Us Part II in uno strepitoso video gameplay, su Eurogamer.it, 12 giugno 2018. URL consultato il 14 giugno 2018.
  12. ^ The Last of Us 2, le attrici parlano del bacio visto nella demo dell'E3 2018, su Multiplayer.it, 13 giugno 2018. URL consultato il 20 giugno 2018.
  13. ^ E3 2018: The Last of Us Part 2: emergono dettagli su combattimento, fasi stealth, level design e molto altro, su Eurogamer.it, 14 giugno 2018. URL consultato il 20 giugno 2018.
  14. ^ (IT) Annunciati i vincitori dei PlayStation Blog Game of the Year 2016 Awards, in Il Blog Italiano di PlayStation, 12 gennaio 2017. URL consultato il 18 ottobre 2018.
  15. ^ (IT) Golden Joystick Awards: Zelda Breath of the Wild è il Gioco dell'Anno, in Everyeye.it. URL consultato il 18 ottobre 2018.
  16. ^ (IT) The Last of Us Part II è stato premiato come il gioco più atteso ai Game Awards 2017, in Everyeye.it. URL consultato il 18 ottobre 2018.
  17. ^ (EN) PlayStation and PS4 Won E3 2018, According to Game Critics Awards - GameRevolution, in GameRevolution, 2 luglio 2018. URL consultato il 18 ottobre 2018.
  18. ^ (EN) Tom Hoggins, Golden Joysticks 2018 nominees announced, voting open now, in The Telegraph, 24 settembre 2018. URL consultato il 18 ottobre 2018.
  19. ^ The Last of Us: Part II, Druckmann spiega la violenza vista negli ultimi traile, su Gamesvillage.it, 14 giugno 2018. URL consultato il 20 giugno 2018.
  20. ^ The Last of Us: Part II svela dettagli sul gameplay, tra amore e morte, su Mondofox.it, 19 giugno 2018. URL consultato il 20 giugno 2018.
  21. ^ The Last of Us Part II, c'è una ragione dietro la violenza degli ultimi trailer, su Spaziogames.it, 13 giugno 2018. URL consultato il 20 giugno 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]