Granata fumogena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Una granata fumogena è una bomba a mano usata per le segnalazioni terra-terra o terra-aria, per marcare zone d'atterraggio o bersagli, o per formare una cortina fumogena. Generalmente sono considerate armi non letali, anche se un uso incorretto può causare gravi danni o anche la morte. Ci sono due tipi di granate fumogene. Il primo tipo, chiamato ad emissione lenta, crea una cortina fumogena costante, quindi utile come metodo di segnalazione, occultamento o per la dispersione di gas (ad esempio il gas CS), generalmente è costituito da un cilindro in lamiera d'acciaio con dei fori per l'uscita del fumo. Il riempimento è qualche centinaio di grammi di materiale fumogeno, ad esempio Clorato di potassio, lattosio ed un colorante. La reazione è esotermica quindi il contenitore potrebbe ancora rimanere rovente per un po' di tempo dopo che ha finito di emettere fumo. Il secondo tipo è chiamato scoppiante, ed è caricato al fosforo bianco (white phosphorus - WP), che brucia ad alte temperature con fiamme gialle e produce una densa nube di fumo bianco (anidride fosforica), ha anche effetti incendiari, ed è molto pericoloso, specialmente contro persone non protette.

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Sono usati per formare una cortina fumogena, per nascondere alla vista i movimenti di un'unità, o per le segnalazioni. La visione termica riesce a penetrare il fumo, quindi una unità dotata di visori termici può usare il fumo per colpire il nemico senza essere visto. Possono essere usati per disperdere agenti irritanti per l'uso antisommossa.

Queste armi non devono essere confuse con i fumogeni.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Enciclopedia delle armi, a cura del Diagram Group, Fratelli Melta editori, Città di Castello, aprile 1995, ISBN 88-403-7359-4

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]