Minecraft

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Minecraft (disambigua).
Minecraft
videogioco
Minecraft logo.svg
Il logo del gioco
PiattaformaPlayStation 3, Xbox 360, PlayStation 4, Xbox One, Microsoft Windows, Wii U, Nintendo Switch, macOS, Linux, PlayStation Vita, Android, iOS, Nintendo 3DS
Data di pubblicazioneWindows, macOS, Linux, Android, iOS:
Mondo/non specificato 18 novembre 2011

Xbox 360:
Mondo/non specificato 9 maggio 2012
PlayStation 3:
Mondo/non specificato 15 dicembre 2013
PlayStation 4:
Mondo/non specificato 4 settembre 2014
Xbox One:
Mondo/non specificato 5 settembre 2014
Windows Phone:
Mondo/non specificato 9 dicembre 2014
Windows 10:
Mondo/non specificato 29 luglio 2015
Wii U:
Mondo/non specificato 17 dicembre 2015[1]
Nintendo Switch:
Mondo/non specificato 12 maggio 2017[2]
New Nintendo 3DS:
Mondo/non specificato 14 settembre 2017

GenereAvventura dinamica, sandbox
OrigineSvezia
SviluppoMojang (Mobile, PC), 4J Studios (console), Other Ocean Interactive (3DS)
PubblicazioneMojang AB (PC, mobile, Wii U, Nintendo Switch, New Nintendo 3DS, 2DS, PS3, PS4, PS5), Microsoft Studios (Xbox 360, Xbox One, Windows Phone, Windows 10), Sony Computer Entertainment (PlayStation 4, PlayStation 3, PSVita)
DesignMarkus Alexej Persson (2009-2011), Jens Bergensten (dal 2011)
Modalità di giocoGiocatore singolo, multigiocatore
Periferiche di inputTastiera, Mouse, Gamepad, DualShock 4, Joy-Con, DualShock 3, Wii U GamePad, Nintendo Switch Pro Controller, Wii U Pro Controller, Touch Screen, Nintendo 3DS
Motore graficoLWJGL (Java) per Java Edition, Javascript per Classic Edition e C++ e API RenderDragon per Bedrock Edition
SupportoBlu-ray Disc, DVD, download digitale
Distribuzione digitaleXbox Live, PlayStation Network, App Store, Google Play, Nintendo eShop, Microsoft Store
Requisiti di sistemaMinimi: Windows 7/8/10, OS X, Linux, CPU Intel Pentium 5 2.0 GHz/b o AMD Athlon XP 2200+, RAM 1 GB, Scheda video compatibile NVIDIA GeForce 860 o ATI Radeon HD 2600, Scheda audio compatibile DirectX, HD 1 GB

Minecraft è un videogioco sandbox open world sviluppato da Mojang Studios e creato dal programmatore svedese Markus Persson ("Notch"), utilizzando il linguaggio di programmazione Java. È stato pubblicato come alpha test il 17 maggio 2009 e come gioco completo il 18 novembre 2011 per PC. Minecraft è poi stato convertito per moltissime altre piattaforme. Le quattro versioni sono: Classic (online), Java Edition (solo per PC), Bedrock Edition (per Windows 10 e 11, console di 8ª e 9ª generazione e Nintendo Switch, Oled, Lite), e Pocket Edition (per dispositivi mobili come iOS e Android). Nel 2014 Microsoft ha acquisito Mojang Studios per 2,5 milioni di dollari[3]

Con 238 milioni di copie vendute, Minecraft è il videogioco più venduto di sempre.[4] Giudicato positivamente dalla critica, ha vinto numerosi premi ed è stato descritto come uno dei giochi più influenti del decennio 2010-2020.[5][6] Da Minecraft sono stati tratti numerosi spin-off, come Minecraft: Story Mode, Minecraft: Dungeons e Minecraft Education Edition.[7]

In Minecraft i giocatori possono esplorare liberamente un mondo procedurale 3D costituito da blocchi, andare alla ricerca di minerali grezzi, fabbricare strumenti ed oggetti vari e costruire strutture. A seconda della modalità di gioco è possibile combattere entità controllate dalla CPU, ma anche cooperare o lottare contro altri giocatori reali nella modalità multiplayer, il multiplayer in particolare è caratterizzato dalla possibilità di avere un crossplatform praticamente con tutte le piattaforme che hanno accesso alle versione aggiornata di Minecraft, ciò significa che persone da due piattaforme distinte possono giocare insieme con però determinati requisiti: entrambi devono avere la stessa edizione e la stessa versione del gioco; in particolare quello delle edizioni è un tema talvolta molto caldo e molto discusso all'interno della numerosa community del gioco, le edizioni principali ad oggi sono due:Java Edition (Windows, Linus, Mac OS) e Bedrock Edition (PlayStation 4, PlayStation 5, Xbox One, Xbox serie X, Xbox Serie S, Nintendo Switch, Android, iOS, Windows (7, 10 e 11), le due versioni purtroppo non godono di crossplay reciproco ma di recente la Mojang per ovviare a tale problema ha fatto in modo che il possessore di un'edizione potesse gratuitamente scaricare l'altra, infine esiste un'altra versione meno conosciuta, ovvero la Education edition, rilasciata dalla Mojang con l'obbiettivo di aiutare e rendere interessante l'insegnamento nelle scuole, sempre per il multiplayer esiste un'abbonamemto mensile chiamato realm plus che permette di creare dei mondi multiplayer nei quali possono entrare, ovviamente su invito, i vostri amici anche in un momento in cui il proprietario del mondo non è online.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Il mondo[modifica | modifica wikitesto]

Il mondo è composto da blocchi 3D che rappresentano diversi materiali come terra, pietra, legno, acqua e lava. Il gioco si basa sul raccogliere questi blocchi e ricollocarli a proprio piacimento costruendo ciò che si vuole.

A meno che non vengano modificate le impostazioni tramite il menu di creazione il mondo è generato proceduralmente sulla base di un "seme" (ovvero un insieme di caratteri) casuale o inserito manualmente.[8][9][10][11] In più, al momento della creazione del mondo, si può decidere se generare un mondo totalmente piatto oppure un mondo in cui sono presenti valli e rilievi. Inoltre, il mondo è diviso in una serie di biomi come deserti, boschi o giungle, ciascuno con le proprie caratteristiche uniche e talvolta creature relative,[12][13] il terreno è composto da pianure, montagne, caverne, pozze d'acqua o lava.[11] Il tempo segue il ciclo giorno-notte, in cui un ciclo intero dura 20 minuti. Generalmente la visuale del giocatore è in prima persona, ma è possibile cambiarla in qualsiasi momento alla terza persona.[14]

I nuovi giocatori hanno una skin selezionata casualmente tra Steve e Alex,[15] ma dal 2010 è possibile creare skin personalizzate.[16] Durante il gioco si possono incontrare NPC (conosciuti come "mob"[17]) I mob passivi, come mucche, maiali e polli, possono essere cacciati per reperire cibo e fabbricare oggetti. Essi vengono generati di giorno, mentre quelli ostili, come scheletri, ragni e zombi, vengono creati di notte o, in generale, nei luoghi bui.[11] Alcuni di questi, come zombi, scheletri, husk e annegati, bruciano al sole se non hanno un elmetto equipaggiato.[18] In Minecraft sono presenti anche mob come il creeper (che esplode in vicinanza dei giocatori) e l'Enderman (in grado di teletrasportarsi e raccogliere blocchi)[19].[20]

L'obiettivo principale di Minecraft è sconfiggere l'Ender Dragon, un drago che si trova nell'End. Sono anche presenti degli obiettivi, definiti "progressi", che aiutano il giocatore a progredire.[21][22]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Oltre al Sopramondo ("Overworld"), la dimensione più realistica e simile al mondo, esistono altre due dimensioni: il Nether e l'End.

Il Nether è una dimensione simile all'inferno o al nucleo terrestre, ed è accessibile tramite un apposito portale costruibile dal giocatore con ossidiana e pietra focaia e acciarino. Al suo interno ci sono molte risorse uniche tra cui alcune necessarie per evocare un boss (il Wither[23]). Questa dimensione può essere usata per spostarsi velocemente, visto che muoversi di un blocco nel Nether equivale a muoversi di 8 blocchi nell’Overworld.

L'End consiste in numerose isole che galleggiano nel nulla. Per arrivarci, bisogna trovare un portale e ricostruirlo usando materiali dal Nether. Nell'isola centrale, vicino alla quale si spawna, padroneggia l'Ender Dragon, il boss finale del gioco[24]. Per uscire dalla dimensione è necessario uccidere il boss, la cui morte sancisce l'inizio dei crediti finali, i quali includono un poema dell'irlandese Julian Gough.[25] Alla fine dei titoli di coda compare un portale con il quale il giocatore torna nel suo punto di generazione nel Sopramondo e può continuare il gioco senza alcun sostanziale cambiamento e il permesso di esplorare le isole esterne dell'End tramite dei portali nell'isola centrale.[26]

Le creature, o "mob", sono le entità animate presenti nel gioco. In base al loro comportamento nei confronti del giocatore si dividono in passive, neutrali e ostili.

Minecraft include un vasto sistema di combattimento che consente di indossare armature, "incantare" attrezzi per migliorarne alcune qualità, e di attaccare con una vasta gamma di armi come spade, asce, archi, balestre e tridenti.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Quando un nuovo mondo viene creato, i giocatori hanno la possibilità di scegliere tra 5 modalità e 4 difficoltà, da "pacifica" a "difficile": maggiore è la difficoltà, maggiore sarà il danno che i giocatori subiranno dalle entità. Ci sono anche altri fattori che variano a seconda della difficoltà. Se si seleziona la modalità "pacifica", ad esempio, non si genereranno entità ostili, mentre selezionando la modalità "difficile" è possibile morire di fame.[27]

In Minecraft ci sono 5 modalità:

  • Sopravvivenza: i giocatori devono raccogliere risorse, costruire strutture, combattere mob, mangiare ed esplorare il mondo nel tentativo di sopravvivere.[28] Nella modalità sopravvivenza il giocatore inizierà in un mondo e dovrà cercare di raggiungere l'End, dove può sconfiggere il boss principale del gioco, l'Enderdrago.
  • Hardcore (Estrema): limitata alla Java Edition[29], la modalità Hardcore è una Sopravvivenza con la differenza che la difficoltà è bloccata a "difficile" e, una volta morti, non ci si può rigenerare. È possibile cancellare il mondo o rimanerci in modalità Spettatore.
  • Creativa: nella modalità creativa i giocatori hanno accesso a tutte le risorse e gli oggetti direttamente nel proprio inventario, e possono rimuovere e piazzare blocchi istantaneamente. È possibile volare liberamente nel proprio mondo e i giocatori sono invincibili. Questa modalità è pensata per dare libero sfogo alla creatività di ogni persona, costruendo senza preoccuparsi di reperire i materiali e di dover sopravvivere.[30]
  • Avventura: la modalità avventura è stata ideata appositamente per le mappe personalizzate create dagli utenti. È simile alla Sopravvivenza ma con alcune restrizioni applicate dal creatore della mappa. Questo porta il giocatore a ottenere gli oggetti richiesti e a godersi l'avventura nel modo in cui il creatore l'ha pensata.[31] Inoltre, esiste un blocco pensato appositamente per questa modalità: il Blocco comandi. Questo permette ai creatori di mappe personalizzate di migliorare l'interazione col giocatore tramite dei comandi dati direttamente dal server.[32]
  • Spettatore: La modalità spettatore permette di volare attraverso i blocchi e di osservare il proprio mondo senza interagire con esso. I giocatori non hanno un inventario, ma possono teletrasportarsi da altri giocatori e vedere dalla loro prospettiva o da quella di un mob. Può essere utilizzata in Java Edition, per usarla in Bedrock Edition bisogna attivare gli esperimenti.

Meccaniche[modifica | modifica wikitesto]

Quando viene creato un mondo, è possibile decidere di "attivare i trucchi" tramite le impostazioni del mondo (in entrambe Bedrock e Java edition). Così facendo, si ha accesso a un'ampia gamma di comandi scrivibili nella chat del gioco con cui è possibile modificare il mondo, modificare l'inventario dei giocatori o altre funzioni. Questi possono essere eseguiti anche da determinati blocchi, chiamati blocchi di comando, che eseguono comandi che sono più lunghi del limite di caratteri della chat, ma anche possono essere attivati tramite circuiti, permettendo così la creazione di mappe personalizzate.

Cosplayer Creeper
Cosplayer con il costume rappresentante un Creeper, mob ostile simbolo di Minecraft.

In Minecraft è possibile fabbricare oggetti tramite una griglia 2x2 dell'inventario o una griglia 3x3 del banco da lavoro. Sul banco da lavoro si possono creare oggetti che hanno fini specifici, come spade e picconi. L'armatura e molti degli attrezzi hanno diversi livelli: cuoio (per l'armatura) o legno (per gli attrezzi), oro, ferro, diamante e netherite.

Alcuni oggetti possono essere cotti in una fornace, un altoforno o un affumicatore per ottenerne altri: per esempio, dalla cottura della carne cruda si ricava carne cotta e dalla cottura delle zolle di argilla si ricavano i mattoni. Un altro metodo per creare nuovi oggetti è la distillazione nell'alambicco (per ottenere le pozioni).

In Minecraft è possibile incantare attrezzi e armature con un tavolo degli incantesimi o un'incudine per renderli più potenti.

Grazie alla pietrarossa (o redstone) il giocatore può costruire trappole, porte segrete e circuiti di vario tipo. La varietà dei componenti di redstone permette di realizzare anche circuiti molto complessi (ascensori, porte automatiche), rendendo possibile addirittura la costruzione di un computer funzionante[33].

Multiplayer[modifica | modifica wikitesto]

La modalità multigiocatore in Minecraft permette ai giocatori di interagire e comunicare gli uni con gli altri in un singolo mondo di gioco. È disponibile tramite LAN, schermo condiviso (solo su console) e server.[34] È possibile creare il proprio server o connettersi alla partita di un altro giocatore tramite Xbox Network: i mondi in modalità giocatore singolo supportano il LAN e permettono quindi di entrare nel mondo di un altro senza bisogno di un server vero e proprio.[35] Per creare il proprio server è necessario un software per server Minecraft. Il setup gratuito, messo a disposizione dello sviluppatore, è compatibile solo con Minecraft: Java Edition.[36] I server multi giocatore hanno una grande varietà di attività, con alcuni che dispongono di proprie regole e personalizzazioni. Il server più popolare è Hypixel, visitato da oltre 14 milioni di giocatori. I combattimenti giocatore contro giocatore (PVP) possono essere attivati per permettere ai giocatori di combattere. Molti server hanno dei plugin personalizzati che permettono azioni normalmente impossibili.

Modifiche[modifica | modifica wikitesto]

Minecraft grazie a supporti sia ufficiali che di terze parti, permette di modificare tramite diversi metodi interamente ogni aspetto del gioco a piacimento. Grazie a questa vasta gamma di interazioni è possibile creare modalità di gioco personalizzate e aggiungere nuovi oggetti o creature. Supportati ufficialmente vi sono:

  • Pacchetti texture: insieme di file .png per modificare gli assets di gioco, dai suoni alle texture.
  • Pacchetti di dati o datapack: file .json che apportano cambiamenti, così come dice il nome, ai dati di gioco e, insieme a un pacchetto texture, possono aggiungere anche oggetti, blocchi e creature.
  • NBT o Tag data: permettono al giocatore di impostare determinate proprietà ad un'entità, blocco o oggetto all'interno di Minecraft come rendere uno strumento indistruttibile
  • Add-on: esclusivi alla Bedrock Edition, simili ai datapack ma a differenza di essi sfruttano anche il C++.

Il support di terze parti, anche se sempre supportati da Minecraft, includono i ModLoader, Pocketmine, Forge, Fabric e i plugin loader che rispettivamente offrono:

  • Modifiche: dette anche Mod, sono file scritti in JavaCode esclusivi per la versione Java, i cui contenuti sono tra i più vari: da nuove dimensioni a macchine tecnologiche, o semplicemente nuovi motori grafici per aumentare le prestazioni.
  • Plugin: simili ai datapack, sono esclusivi sia per "Minecraft Java Edition" che per l'edizione "Bedrock Edition" utilizzati nei server multiplayer

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Vendite[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º luglio 2011 gli utenti registrati al gioco hanno superato i 10 milioni. (A cui l'ultima è stato donato un Mantello speciale).[37]

Il 28 aprile 2013 Minecraft-Pocket Edition ha raggiunto le 10 milioni di vendite.[38]

Il 25 gennaio 2014 la versione PS3 di Minecraft ha superato il milione di download.[39]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Valutazioni professionali
Testata Versione Giudizio
Metacritic (media al 3 agosto 2022) PC 93/100[40]
Metacritic (media al 3 agosto 2022) Xbox 360 82/100[41]
GameRankings (media al 3 agosto 2022) PC 92,79%[42]
GameRankings (media al 3 agosto 2022) Xbox 360 83,63%}[43]
Recensione punteggi
Pubblicazione Punteggio
1UP.com A + (PC)[44]
Edge (rivista) 9/10 (PC)[45]
Eurogamer 10/10 (PC )[46] 9/10 (Xbox 360)[47]
Game Informer 9.25/10 (PC)[48] 8.75/10 (Xbox 360)[49]
GameSpot 8.5/10 (PC)[50] 7.0/10 (Xbox 360)[51]
GameSpy 5 stelle su 5 (PC)[52]
IGN 9.0/10 (PC)[53] 8.5/10 (Xbox 360)

La versione per PC di Minecraft è stata accolta positivamente dalla critica. Il gioco è stato elogiato per la libertà creativa che concede ai giocatori sul mondo, così come la facilità di consentire un gameplay emergente. I critici hanno lodato Minecraft per il complesso sistema di crafting, commentando che si tratta di un aspetto importante per i machinima. La maggior parte delle recensioni è rimasta colpita dalla grafica a blocchi; IGN la descrive come "immediatamente memorabile". Altri recensori hanno sottolineato che il gioco crea un buon equilibrio tra l'esplorazione e la costruzione, lodando anche gli elementi d'avventura del gioco. La funzione multigiocatore è stata generalmente accolta favorevolmente: IGN commenta che "l'avventura migliore è quella in compagnia", tuttavia definisce "fastidiosi" i numerosi problemi legati alla creazione dei server Multiplayer.

Molti recensori hanno criticato la mancanza di un tutorial o di istruzioni nelle versioni per PC, dettaglio che rende difficile ai nuovi giocatori imparare a giocare. Prima della versione 1.0.0 i critici avevano anche osservato numerosi difetti visivi che si verificavano periodicamente. Il sito GameSpot ha sostenuto che il gioco ha un "tocco non finito", aggiungendo che "alcuni elementi di gioco sembrano incompleti o gettati insieme frettolosamente".

Una recensione della versione alfa, da parte di Scott Munro del Daily Record, l'ha definita "qualcosa di speciale" e ha invitato i lettori ad acquistarla. Jim Rossignol di Rock, Paper, Shotgun ha anch'esso raccomandato la versione alfa del gioco, definendolo "una sorta di generativa 8-bit LEG stalker".

La versione Xbox 360 è stata generalmente accolta positivamente dalla critica, ma non quanto la versione per PC. I recensori si sono lamentati della mancanza di caratteristiche come il supporto mod e il contenuto della versione PC, ma hanno acclamato la creazione di un tutorial in-game, di consigli e delle ricette per creare strumenti, dicendo che rendono il gioco più facile da usare (il ricettario è stato successivamente aggiunto in tutte le versioni di Minecraft).

Minecraft - Pocket Edition ha ricevuto recensioni contrastanti; la critica ha apprezzato i comandi intuitivi del gioco, ma è rimasta delusa dalla mancanza di contenuti. Prima della versione alfa 0.8.1, che ha aggiunto numerosi blocchi e tutti i mob aggressivi, veniva criticata la mancanza di mob ostili e il numero ridotto di blocchi; dopo la versione 0.9.0 sono stati aggiunti numerosi nuovi blocchi e il mondo infinito.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di luglio 2010, Minecraft è stato dichiarato da PC Gamer come il quarto miglior gioco da giocare al lavoro.[54] Nel mese di dicembre Good Game ha premiato il gioco come "miglior gioco scaricabile del 2010"[55], Gamasutra l'ha valutato l'ottavo miglior gioco dell'anno,[56] nonché l'ottavo miglior gioco indie dell'anno,[57] infine Rock, Paper, Shotgun l'ha definito "miglior gioco dell'anno".[58] Anche PC Gamer UK l'ha definito "miglior gioco dell'anno per PC",[59] mentre Indie DB lo definisce "miglior gioco indie dell'anno", premiandolo anche di "Gioco più innovativo" e "Miglior gioco singleplayer indie".[60]

Nel mese di marzo 2011, il gioco è stato premiato ai "Seumas McNally Grand Prize" con i premi "Technical Excellence" e "Excellence in Design", inoltre ha vinto il premio "Audience" all'Indipendent Games Festival.[61][62] Il 5 maggio lo Smithsonian American Art Museum l'ha inserito, insieme ad altri 80 giochi, nella mostra "The Art of Video Games"[63] inaugurata il 16 marzo 2012.[64] Al "Spike Video Game Awards" è stato premiato come "Miglior gioco per PC" e "Miglior gioco indipendente".[65][66]

Nel 2012, ai British Academy Video Games Awards, Minecraft fu candidato come miglior gioco dell'anno, mentre Markus Persson ricevette un premio speciale.[67][68] Nel mese di ottobre la versione per Xbox 360 ricevette il premio "Joystick d'oro" come miglior gioco scaricabile.[69] Il mese successivo questa versione vinse il premio "miglior gioco arcade 2012".[70]

Minecon[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Minecon.

Il "Minecon", "MineCon" o "MINECON" (abbreviazione di MinecraftCon) è il convegno annuale ufficiale su Minecraft organizzato dalla Mojang. Il primo MineCon si tenne il 31 agosto 2010 a Bellevue.[71] Dal 2017, gli organizzatori hanno deciso di tenere l'evento senza possibilità di vederlo dal vivo ma trasmettono l'evento sul canale YouTube di Mojang rinominando da quell’anno il nome della conferenza in Minecon Earth.

Nome Luogo Città Data Partecipanti Versione annunciata
1 MineCon 2010 - Bellevue[71] 31 agosto 2010 50 1.0
2 MineCon 2011 Mandalay Bay Las Vegas[72] 18 novembre 2011 5 000 Nessuna
3 MineCon 2012 Disneyland Paris Parigi[73] 24-25 novembre 2012 Oltre 7 000 1.5
4 MineCon 2013 - Orlando[74] 2-3 novembre 2013 Oltre 7 500 Nessuna
5 MineCon 2015 - Londra 4-5 luglio 2015 Ca. 10 000 1.9
6 MineCon 2016 Anaheim Convention Center California[75] 24-25 luglio 2016 12 000 1.11
7 MineCon Earth 2017 - Online 18 novembre 2017 - 1.13
8 MineCon Earth 2018 Boston, Massachusetts, Stati Uniti Online 29 settembre 2018 - 1.14
9 MineCon Live 2019 Orlando, Florida Online 28 settembre 2019 400 000 ca. (in live) 1.16
10 Minecraft Live 2020 Trasmesso solamente in streaming causa COVID-19 Online 3 ottobre 2020 50 000 ca. (in live) 1.17 e 1.18[76]
11 Minecraft Live 2021 Trasmesso solamente in streaming causa COVID-19 Online 16 ottobre 2021 50 000 ca. (in live) 1.19

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giorgio Melani, Minecraft arriva su Wii U il 17 dicembre 2015, su Multiplayer.it, 7 dicembre 2015. URL consultato il 10 ottobre 2021.
  2. ^ Tommaso Pugliese, Minecraft - Minecraft debutterà su Nintendo Switch il 12 maggio, su Multiplayer.it, 13 aprile 2017. URL consultato il 13 aprile 2017.
  3. ^ Giorgio Melani, Microsoft ha acquisito Mojang, il team di Minecraft, per 2,5 miliardi di dollari, su Multiplayer.it. URL consultato l'11 agosto 2021.
  4. ^ Luca Tremolada, Minecraft dopo 11 anni resta il gioco più venduto di sempre. Ecco le novità, su Il Sole 24 Ore, 25 maggio 2020. URL consultato il 16 novembre 2020.
  5. ^ (EN) The most influential video games of the decade, su Washington Post. URL consultato il 14 agosto 2020.
  6. ^ (EN) The Decade's 10 Most Influential Videogames, in Wired. URL consultato il 17 dicembre 2020.
  7. ^ Minecraft Education Edition, sito ufficiale in inglese, 21 febbraio 2022
  8. ^ Posso fare un seme per Minecraft che rende un mondo che voglio?, su game.yocker.com. URL consultato l'11 agosto 2021.
  9. ^ Markus Persson, Terrain generation, Part 1, su notch.tumblr.com, Mojang, 10 marzo 2011. URL consultato il 24 ottobre 2010 (archiviato dall'url originale il 12 marzo 2011).
  10. ^ Jens Bergensten, A Short Demystification of the 'Map Seed', su mojang.com, Mojang, 23 febbraio 2011. URL consultato il 6 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 7 ottobre 2012).
  11. ^ a b c Josh Miller-Watt, Minecraft beginner's guide, su GamesRadar, Future plc. URL consultato il 24 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale l'11 luglio 2012).
  12. ^ Alec Meer, BiomeShock: The New Minecraft Worlds, su Rock Paper Shotgun, 27 ottobre 2010. URL consultato il 2 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 12 novembre 2012).
  13. ^ Tom Phillips, Minecraft jungle biome, creatures coming soon, su Eurogamer, Eurogamer Network, 20 gennaio 2012. URL consultato il 2 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 3 febbraio 2013).
  14. ^ (EN) Robert Purchese, Minecraft 1.0 launch patch notes, su eurogamer.net. URL consultato l'11 agosto 2021.
  15. ^ (EN) Stuart Dredge, Mojang maestro female character available to all players, su theguardian.com.
  16. ^ (EN) Michael Quach, How to edit your skin in Minecraft, in PC Gamer, 7 ottobre 2010. URL consultato il 19 marzo 2020.
  17. ^ Tom Senior, Minecraft update snapshot includes trading, currency, new item and sandstone stairs, in PC Gamer, Future plc, 24 maggio 2012. URL consultato il 2 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 3 febbraio 2013).
  18. ^ Minecraft Books Staff, Stephanie Milton, Paul Soares e Jordan Maron, Minecraft: Beginner's Handbook, su books.google.com, Egmont Books, Limited, 7 dicembre 2017, pp. 46–49. URL consultato il 7 dicembre 2017. Ospitato su Google Books.
  19. ^ (EN) Alec Meer, Minecraft Review, su Eurogamer, 18 novembre 2011. URL consultato il 18 febbraio 2022.
  20. ^ Stephanie Milton, Minecraft: Guide to Exploration, Random House Publishing Group, 17 dicembre 2018, ISBN 9780399182013. Ospitato su Google Books.
  21. ^ Advancements in Minecraft, su digminecraft.com. URL consultato l'11 agosto 2020.
  22. ^ Alec Meer, Minecraft:Wolves, Achievements, Mods, Merch, su Rock Paper Shotgun, 30 marzo 2011. URL consultato il 26 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
  23. ^ (EN) Stephanie Milton e Mojang AB, Minecraft Guide to the Nether and the End: An Official Minecraft Book from Mojang, Farshore, 2017-09, ISBN 978-1-4052-8599-5. URL consultato il 18 febbraio 2022.
  24. ^ (EN) L'End, su digminecraft.com. URL consultato l'11 agosto 2021.
  25. ^ (EN) Poema finale di Julian Gough, su boingboing.net. URL consultato l'11 agosto 2021.
  26. ^ (EN) Julia Lee, Che succede quando si uccide il Drago dell'End?, su polygon.com. URL consultato l'11 agosto 2021.
  27. ^ Chris Boots-Faubert, Controls and Settings – Minecraft, su Super Cheats, Videogamer Network. URL consultato il 3 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale l'11 maggio 2013).
  28. ^ Survival, su minecraft.fandom.com.
  29. ^ Modalità hardcore [collegamento interrotto], su minecraft.it. URL consultato il 12 agosto 2021.
  30. ^ Modalità creativa [collegamento interrotto], su minecraft.it. URL consultato il 12 agosto 2021.
  31. ^ Modalità avventura [collegamento interrotto], su minecraft.it. URL consultato il 12 agosto 2021.
  32. ^ Blocco comandi, su minecraft.fandom.com, 12 luglio 2022.
  33. ^ (EN) In Deep Thought, su Minecraft.net, 19 gennaio 2017. URL consultato il 15 agosto 2020.
  34. ^ (EN) Lee Hutchinson, Blocks with friends: How to run your own Minecraft server, su Ars Technica, 10 settembre 2012, pp. 1–4. URL consultato il 24 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 15 novembre 2012).
  35. ^ Giocare in LAN su Minecraft, su dukesharp.wordpress.com. URL consultato il 22 ottobre 2021.
  36. ^ Configurazione di un server Minecraft: requisiti e istruzioni, su IONOS Digitalguide. URL consultato il 18 febbraio 2022.
  37. ^ (EN) Notch, 10m, in Tumblr, 1º luglio 2011. URL consultato il 12 giugno 2012.
  38. ^ (EN) Daniel Kaplan, 10 million copies of Minecraft – Pocket Edition sold!, su Mojang.com, 29 aprile 2013. URL consultato il 18 luglio 2013.
  39. ^ La versione PS3 di Minecraft supera il milione di download, in Z-Giochi.com. URL consultato il 15 novembre 2016.
  40. ^ (EN) Minecraft per PC, su Metacritic, Red Ventures.
  41. ^ (EN) Minecraft per Xbox 360, su Metacritic, Red Ventures.
  42. ^ (EN) Recensione minecraft PC, su gamerankings.com. URL consultato il 21 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 9 dicembre 2019).
  43. ^ (EN) Recensione minecraft Xbox 360 Edition, su gamerankings.com. URL consultato il 21 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 10 gennaio 2019).
  44. ^ (EN) Scott Sharkey, Recensione minecraft PC (1UP.com), su 1UP.com, 21 novembre 2011. URL consultato il 21 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2013).
  45. ^ (EN) Minecraft review, su Edge, 28 novembre 2011. URL consultato il 21 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 22 gennaio 2013).
  46. ^ (EN) Alec Meer, Recensione minecraft PC (Eurogamer), su Eurogamer, 18 novembre 2011. URL consultato il 21 agosto 2013.
  47. ^ (EN) Oli Welsh, Recensione minecraft Xbox 360 (Eurogamer), su Eurogamer, 9 maggio 2012. URL consultato il 21 agosto 2013.
  48. ^ (EN) Adam Biessener, Recensione minecraft PC (Game Informer), su Game Informer, 22 novembre 2011. URL consultato il 26 febbraio 2016.
  49. ^ (EN) Jeff Cork, Recensione minecraft Xbox 360 (Game Informer), su Game Informer, 22 novembre 2011. URL consultato il 21 agosto 2013.
  50. ^ (EN) Nathan Meunier, Building, crafting, and adventuring doesn't get much better than in Minecraft., su GameSpot, 29 novembre 2011. URL consultato il 26 febbraio 2016.
  51. ^ (EN) Nathan Meunier, Less isn't more in this updated port of Mojang's indie sandbox hit., su Gamespot, 11 maggio 2012. URL consultato il 26 febbraio 2016.
  52. ^ (EN) Nathan Grayson, Minecraft review, su Gamespy, 22 novembre 2011. URL consultato il 21 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2013).
  53. ^ (EN) Anthony Gallegos, Minecraft review, su IGN, 25 novembre 2011. URL consultato il 26 febbraio 2016.
  54. ^ (EN) Jim Rossignol, 50 games to play at work, su pcgamer.com, 5 luglio 2010. URL consultato il 24 agosto 2013.
  55. ^ (EN) GG Awards 2010: Best Downloadable Game, su abc.net.au, 6 dicembre 2010. URL consultato il 24 agosto 2013.
  56. ^ (EN) Gamasutra's Best Of 2010: The Top 10 Games Of The Year, su gamasutra.com, 23 dicembre 2010. URL consultato il 24 agosto 2013.
  57. ^ (EN) Gamasutra's Best Of 2010: Top 10 Indie Games, su gamasutra.com, 17 dicembre 2010. URL consultato il 24 agosto 2013.
  58. ^ (EN) The Games Of Christmas ’10: Day 24, su rockpapershotgun.com, 24 dicembre 2010. URL consultato il 24 agosto 2013.
  59. ^ (EN) Minecraft – PC Gamer UK’s Game Of The Year, su pcgamer.com, 31 dicembre 2010. URL consultato il 24 agosto 2013.
  60. ^ (EN) 2010 Indie of the Year Awards, su indiedb.com. URL consultato il 24 agosto 2013.
  61. ^ (EN) Simon Carless, 2011 Independent Games Festival Reveals Main Competition Finalists, su IndieGames.com. URL consultato il 30 agosto 2013.
  62. ^ (EN) Minecraft, Amnesia Top Winners At 13th Annual IGF Awards, su Indipendent Game Festival. URL consultato il 30 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 18 novembre 2015).
  63. ^ (EN) Mike Epstein, The Smithsonian Has Picked the Games of Its Art of Video Games Exhibit, su Kotaku.com, 5 maggio 2011. URL consultato il 30 agosto 2013.
  64. ^ (EN) The Art of Video Games, su Smithsonian American Art Museum. URL consultato il 30 agosto 2013.
  65. ^ (EN) Spike Announces VGA Nominees & Honors “Legend Of Zelda” With First Ever Video Game Hall Of Fame Award, su Spike, 16 novembre 2011. URL consultato il 30 agosto 2013.
  66. ^ (EN) SPIKE TV ANNOUNCES 2011 “VIDEO GAME AWARDS” WINNERS, su Spike, 10 dicembre 2011. URL consultato il 30 agosto 2013.
  67. ^ (EN) Video Games Awards Winners & Nominees in 2012, su Bafta games, 15 febbraio 2012. URL consultato il 5 ottobre 2013.
  68. ^ (EN) Markus Persson - BAFTA Special Award, su Bafta games, 2 marzo 2012. URL consultato il 5 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2013).
  69. ^ (EN) Andy Robinson, GJA: Minecraft XBLA awarded Best Downloadable Game, su ComputerAndVideoGames.com, 26 ottobre 2012. URL consultato il 5 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 24 aprile 2014).
  70. ^ (EN) Liam Martin, TIGA Games Industry Awards 2012 winners revealed, Dear Esther wins big, su DigitalSpy, 2 novembre 2012. URL consultato il 26 febbraio 2016.
  71. ^ a b (EN) Markus Persson, How about a somewhat spontaneous MinecraftCon 2010 in Bellevue in one week?, su The Word of Notch, 25 agosto 2010. URL consultato il 21 agosto 2013.
  72. ^ (EN) Minecon 2011, su Mojang.com, 10 agosto 2011. URL consultato il 12 luglio 2013.
  73. ^ (EN) Minecon 2012, su Mojang.com, 25 novembre 2012. URL consultato il 12 luglio 2013.
  74. ^ (EN) Where in the world is Minecon 2013?, su Mojang.com, 1º luglio 2013. URL consultato il 12 luglio 2013.
  75. ^ Filmato audio Livestream del Minecon 2016, su YouTube, 24 settembre 2016. URL consultato il 24 settembre 2016.
  76. ^ Inizialmente la versione annunciata era solo la 1.17, aggiornamento denominato "Caves & Cliffs". Però, nei mesi successivi, durante lo sviluppo della versione, i programmatori si sono accorti di non avere abbastanza tempo, a causa della pandemia COVID-19, per finire il lavoro. La Mojang, quindi, annunciò che l’aggiornamento sarebbe stato diviso in due parti, creando quindi due versioni: la 1.17 come "Caves & Cliffs: Part 1" e la 1.18 come "Caves & Cliffs: Part 2".

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Laura Fedeli, Il virtuale: identità, relazioni, apprendimento, in Pier Cesare Rivoltella e Pier Giuseppe Rossi (a cura di), Tecnologie per l'educazione, Milano, Pearson, 2019, pp. 162-163, ISBN 978-88-919-0933-6.
  • Daniel Goldberg e Linus Larsson, Minecraft. La storia di Markus «Notch» Persson e del gioco che ha cambiato tutto, Terni, Multiplayer Edizioni, 2015, ISBN 978-88-6355-296-6.
  • (EN) Daniel Hindes, Trouble Down Mine, in PC PowerPlay, n. 169, Nextmedia.
  • (EN) Jim Rossignol, Building-block World, in PC Gamer UK, n. 204, Future plc, 2015, ISBN 978-1-4197-1618-8.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN306261324 · LCCN (ENno2015123713 · GND (DE1068604875 · BNE (ESXX5535482 (data) · BNF (FRcb167377353 (data)