Minecraft

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Minecraft (disambigua).
Minecraft
videogioco
Minecraft - survival.png
PiattaformaPlayStation 3, Xbox 360, PlayStation 4, Xbox One, Microsoft Windows, Wii U, Nintendo Switch, macOS, Linux, PlayStation Vita, Android, iOS, Nintendo 3DS
Data di pubblicazioneWindows, macOS, Linux:
Mondo/non specificato 17 maggio 2009

Android:
Mondo/non specificato 7 ottobre 2011
iOS:
Mondo/non specificato 17 novembre 2011
Xbox 360:
Mondo/non specificato 9 maggio 2012
PlayStation 3:
Mondo/non specificato 15 dicembre 2013
PlayStation 4:
Mondo/non specificato 4 settembre 2014
Xbox One:
Mondo/non specificato 5 settembre 2014
Windows Phone:
Mondo/non specificato 9 dicembre 2014
Windows 10:
Mondo/non specificato 29 luglio 2015
Wii U:
Mondo/non specificato 17 dicembre 2015[1]
Nintendo Switch:
Mondo/non specificato 12 maggio 2017[2]
New Nintendo 3DS:
Mondo/non specificato 14 settembre 2017

GenereAvventura dinamica, sandbox
OrigineSvezia
SviluppoMojang (PC, mobile), 4J Studios (console), Other Ocean Interactive (3DS)
PubblicazioneMojang AB (PC, mobile, Wii U, Nintendo Switch, New Nintendo 3DS, 2DS, PS3, PS4, PS5), Microsoft Studios (Xbox 360, Xbox One, Windows Phone, Windows 10), Sony Computer Entertainment (PlayStation 4, PlayStation 3, PSVita)
DesignMarkus Alexej Persson (2009-2011), Jens Bergensten (dal 2011)
Modalità di giocoGiocatore singolo, multigiocatore
Periferiche di inputTastiera, mouse, gamepad, DualShock 4, Joy-Con, dualshock 3, Wii U GamePad, Nintendo Switch Pro Controller, Wii U Pro Controller, Touch screen, Nintendo 3DS
SupportoBlu-ray Disc, DVD, download digitale
Distribuzione digitaleXbox Live, PlayStation Network, App Store, Google Play, Nintendo eShop, Microsoft Store
Requisiti di sistemaMinimi: Windows 7/8/10, OS X, Linux, CPU Intel Pentium 5 2.0 GHz/b o AMD Athlon XP 2200+, RAM 1 GB, Scheda video compatibile NVIDIA GeForce 860 o ATI Radeon HD 2600, Scheda audio compatibile DirectX, HD 1 GB

Minecraft è un videogioco sandbox open world sviluppato da Mojang Studios ed originariamente creato dal programmatore svedese Markus Persson, anche detto Notch, utilizzando il linguaggio di programmazione Java. È stato pubblicato per la prima volta il 17 Maggio 2009, mentre il gioco completo è uscito il 18 Novembre 2011 su PC. Minecraft è poi stato rilasciato su moltissime altre piattaforme e, con 200 milioni di copie vendute, è il videogioco più acquistato di sempre.[3]

In Minecraft i giocatori possono esplorare liberamente un mondo procedurale 3D costituito da blocchi, andare alla ricerca di minerali grezzi, fabbricare strumenti ed oggetti vari e costruire strutture. A seconda della modalità di gioco è possibile combattere entità controllate dalla CPU, ma anche cooperare o lottare contro altri giocatori reali. Le modalità di gioco principali sono la Sopravvivenza, in cui i giocatori devono reperire risorse ed evitare di morire, e la Creativa, dove si ha accesso a infinite risorse e la possibilità di volare.[4]

Minecraft è stato giudicato positivamente dalla critica: ha vinto numerosi premi ed è stato descritto come uno dei giochi più influenti del decennio 2010[5][6] I social media, le parodie e il MineCon hanno giocato un ruolo importante nella fama del gioco. È stato utilizzato anche nel settore educativo, specialmente nell'informatica (dal momento che è possibile creare computer virtuali all'interno del gioco). Nel 2014 Mojang è stata acquistata da Microsoft per 2,5 miliardi di dollari.[7] Da Minecraft sono stati tratti numerosi spin-off, come Minecraft: Story Mode, Minecraft: Dungeons e Minecraft Earth, progetto in seguito cancellato per mancanza di fondi.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Logo

Minecraft non ha un obiettivo specifico da raggiungere per essere completato, lasciando così ai giocatori la possibilità di scegliere come giocare.[8] Tuttavia sono presenti degli obiettivi, definiti "progressi" nella Edizione Java, che possono guidare i novizi verso un avanzamento nel gioco.[9][10] Generalmente la visuale del giocatore è in prima persona, ma è possibile cambiarla in qualsiasi momento alla terza persona.[11] Il mondo è composto di oggetti 3D (cubi e fluidi, comunemente chiamati "blocchi") che rappresentano diversi materiali come terra, pietra, ceppi di legno, acqua, lava e il gioco si basa proprio su prendere questi materiali per ripiazzarli a proprio piacimento secondo una griglia 3D. Così facendo i giocatori potranno creare strutture e persino meccanismi funzionanti, grazie alla polvere di pietrarossa.[12]

Il mondo di gioco è orizzontalmente "infinito" (a 30 milioni di blocchi dal centro del mondo è presente una barriera che non è possibile oltrepassare) e generato proceduralmente man mano che il giocatore lo esplora, usando un seme (ovvero un insieme di caratteri) casuale o inserito manualmente.[13] Inoltre il mondo è diviso in una serie di biomi, come deserti, boschi, giungle, ciascuno con le proprie caratteristiche uniche[senza fonte], ed il terreno è composto da pianure, montagne, caverne, pozze d'acqua o lava. Il tempo segue il ciclo giorno-notte e un ciclo intero dura 20 minuti.

Quando un nuovo mondo viene creato, i giocatori hanno la possibilità di scegliere tra 5 modalità e 4 difficoltà, da "pacifica" a "difficile": maggiore è la difficoltà, maggiore sarà il danno che i giocatori subiranno dalle entità. Ci sono anche altri fattori che variano a seconda della difficoltà, ad esempio se si seleziona "pacifica" non si genereranno entità ostili, mentre a " difficile" è possibile morire di fame.[senza fonte]

I nuovi giocatori hanno una skin selezionata casualmente tra Steve e Alex,[14] ma dal 2010 è possibile creare skin personalizzate. Mentre si muovono nel proprio mondo i giocatori possono incontrare personaggi non giocanti conosciuti come "mob", per esempio animali, abitanti del villaggio e creature ostili.[senza fonte] I mob passivi, come mucche, maiali e polli, possono essere cacciati per reperire cibo e fabbricare oggetti. Essi vengono generati di giorno, mentre quelli ostili, come scheletri, ragni e zombi, di notte o in generale in luoghi bui. Alcuni di questi, come zombi, scheletri e affogati, bruciano al sole se non hanno un elmetto equipaggiato.[senza fonte] In Minecraft sono presenti anche mob unici, come il Creeper (che esplode in vicinanza dei giocatori)[senza fonte] e l'Enderman (in grado di teletrasportarsi e raccogliere blocchi)[senza fonte]. Infine, alcuni mob hanno delle varianti (come lo zombi secco che viene generato nel deserto).[senza fonte]

Oltre al Sopramondo (più comunemente conosciuto come "Overworld"[senza fonte]) esistono altre 2 dimensioni: Nether ed End. Il Nether è una dimensione che ricrea l'inferno e accessibile tramite un apposito portale costruibile dal giocatore; al suo interno ci sono molte risorse uniche tra cui alcune necessarie per evocare un boss (il Wither[senza fonte]). Questa dimensione può essere usata per spostarsi velocemente, visto che muoversi di un blocco nel Nether equivale a muoversi di 8 blocchi nel Sopramondo.[senza fonte] L'End consiste in una dimensione spoglia composta da molte isole sospese nel vuoto, su cui padroneggia un boss, il Drago dell'End.[15] Per uscire dalla dimensione è necessario uccidere questo boss, la cui morte sancisce l'inizio dei crediti finali, i quali includono un poema dell'irlandese Julian Gough.[16] Alla fine dei titoli di coda comparirà un portale con il quale il giocatore tornerà nel suo punto di generazione nel Sopramondo e sarà in grado di continuare il gioco senza alcun sostanziale cambiamento.[17]

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Sopravvivenza[modifica | modifica wikitesto]

Nella Sopravvivenza i giocatori devono reperire risorse naturali come legno e pietra per fabbricare certi blocchi e strumenti.[senza fonte] A seconda della difficoltà, mob ostili verranno generati in spazi bui a una certa distanza dal giocatore: è importante costruire un rifugio il prima possibile.[senza fonte] In questa modalità, ogni giocatore dispone di una barra della salute che può essere ridotta da attacchi dei mob, cadute, annegamento, lava, soffocamento, fame e altri fattori.[18] Inoltre ogni giocatore ha una barra della fame che deve essere riempita costantemente, eccetto nella difficoltà "Pacifica".[18] Se questa barra è vuota quella della salute non si rigenererà automaticamente e inizierà a scendere.[19] La salute inizierà a rigenerarsi quando il giocatore avrà una barra della fame quasi piena.[19]

I giocatori hanno la possibilità di fabbricare una grande varietà di oggetti in Minecraft[senza fonte], come armature, che riducono i danni subiti; armi (come spade e asce) che aumentano il danno inflitto; strumenti, che permettono di rompere determinati blocchi più velocemente (l'ascia rompe meglio il legno rispetto alle mani nude).[senza fonte] Armature, armi e strumenti hanno diversi "livelli" a seconda del materiale con cui sono costruiti: maggiore è il livello, maggiore sarà l'efficienza e la durevolezza dello strumento. I giocatori possono costruire delle fornaci, che permettono di cuocere il cibo e trasformare dei materiali in altri (ad esempio, fondere un minerale grezzo per ricavare un lingotto).[senza fonte] I giocatori possono scambiare le proprie risorse con gli abitanti del villaggio (PNG), ricevendo o cedendo smeraldi.[20]

In Minecraft ogni giocatore dispone di un inventario, che permette di portare un numero limitato di oggetti con sé.[21] In caso di morte, tutti gli oggetti dell'inventario vengono rilasciati per terra e scompaiono dopo 5 minuti, a meno che non si attivi l'impostazione "Mantieni l'inventario". Dopodiché il giocatore si rigenera nel suo punto di generazione (il punto dove si sono generati all'inizio del gioco, l'ultimo letto in cui hanno dormito o l'ultima ancora della rinascita che hanno usato).[22][23] I giocatori possono acquisire esperienza uccidendo mob e altri giocatori, scavando minerali, fondendoli, accoppiando animali e cucinando cibo. È possibile spendere quest'esperienza per incantare strumenti, armature e armi, rendendoli più efficienti, duraturi o dando loro effetti speciali.[24]

Modalità hardcore[modifica | modifica wikitesto]

La modalità hardcore è una Sopravvivenza con la differenza che la difficoltà è bloccata a "difficile" e, una volta morti, non ci si può rigenerare. È possibile cancellare il mondo o rimanerci in modalità Spettatore. Questa modalità è limitata all'edizione Java.[25]

Modalità creativa[modifica | modifica wikitesto]

Nella modalità creativa i giocatori hanno accesso a praticamente tutte le risorse e gli oggetti direttamente nel proprio inventario, e possono rimuovere e piazzare blocchi istantaneamente. È possibile volare liberamente nel proprio mondo e i giocatori sono invincibili. Questa modalità è pensata per dare libero sfogo alla creatività di ogni persona, costruendo senza preoccuparsi di reperire i materiali e di dover sopravvivere.[26]

Modalità avventura[modifica | modifica wikitesto]

La modalità avventura è stata ideata appositamente per le mappe personalizzate create dagli utenti. È simile alla Sopravvivenza ma con alcune restrizioni applicate dal creatore della mappa. Questo porta il giocatore a ottenere gli oggetti richiesti e a godersi l'avventura nel modo in cui il creatore l'ha pensata.[27] Inoltre, esiste un blocco pensato appositamente per questa modalità: il Blocco comandi. Questo permette ai creatori di mappe personalizzate di migliorare l'interazione col giocatore tramite dei comandi dati direttamente dal server.[senza fonte]

Modalità spettatore[modifica | modifica wikitesto]

La modalità spettatore permette di volare attraverso i blocchi e di osservare il proprio mondo senza interagire con esso. I giocatori non hanno un inventario, ma possono teletrasportarsi da altri giocatori e vedere dalla loro prospettiva o da quella di un mob.[28]

Multiplayer[modifica | modifica wikitesto]

La modalità multigiocatore in Minecraft permette ai giocatori di interagire e comunicare gli uni con gli altri in un mondo singolo. È disponibile tramite LAN, schermo condiviso (solo su console) e server.[29] È possibile creare il proprio server o connettersi alla partita di un altro giocatore tramite Xbox Network: i mondi in giocatore singolo supportano il LAN e permettono quindi di entrare nel mondo di un altro senza bisogno di un server vero e proprio[30] I server multi giocatore hanno una grande varietà di attività, con alcuni che hanno le proprie regole e personalizzazioni. Il server più popolare è Hypixel, visitato da oltre 14 milioni di giocatori. I combattimenti giocatore contro giocatore (PVP) possono essere attivati per permettere loro di combattere. Molti server hanno dei plugin personalizzati che permettono azioni normalmente impossibili.

Caratteristiche e meccaniche di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Il mondo[modifica | modifica wikitesto]

Il mondo di Minecraft contiene tre dimensioni, cioè l'Overworld, il Nether e l'End:

  • Overworld (o Sopramondo): è la dimensione base dove il giocatore appare quando crea il mondo e dove in genere passa più tempo. Nell'Overworld si trovano quasi tutti i biomi del gioco, nonché molte strutture generate automaticamente da esso.
  • Nether (o Sottomondo): si tratta di una dimensione alternativa all'Overworld. L'ambientazione è paragonabile a quella dell'inferno, con mari e fiumi di lava, foreste di funghi giganti e valli desolate. In questa dimensione vivono prevalentemente creature ostili come blaze e ghast. Inoltre, vista l'elevata temperatura, non è possibile piazzare acqua in alcun modo perché evapora istantaneamente. Inspiegabilmente, sia nel Nether che nell'End non è possibile dormire perché il letto esplode se si clicca su di esso. Questa dimensione è un efficiente metodo di spostamento, perché spostare orizzontalmente 1 blocco nel Sottomondo equivale a spostare orizzontalmente 8 blocchi nell'Overworld.[senza fonte]
  • L'End: è la dimensione finale del gioco, terra degli Enderman e dell'Enderdrago. Raggiungibile solo tramite un portale all'interno di roccaforti sotterranee nell'Overworld, si presenta come un arcipelago di isole fluttuanti. Una volta sconfitto l'Enderdrago si apre un ulteriore portale che porta alle Città dell'End. Ogni Città dell'End ha una possibilità di generare una nave con dentro le elitre, che possono essere usate per planare.

Creature[modifica | modifica wikitesto]

Cosplayer Creeper
Cosplayer con il costume rappresentante un Creeper, mob ostile simbolo di Minecraft.

Le creature sono le entità animate presenti nel gioco, nonché i personaggi non giocanti. In base al loro comportamento nei confronti del giocatore si dividono in queste categorie principali:

  • Ostili: Creature nemiche che cercano attivamente di infliggere danni al giocatore, ad esempio zombie, scheletri e creeper. Gli zombi e gli scheletri hanno delle varianti, che si possono trovare nel deserto, nei biomi freddi e negli oceani: alcune creature ostili possono essere trovate solamente in determinati biomi, dimensioni o strutture. Tra le creature ostili sono degni di nota gli illager (gioco di parole fra ill, malato, e villager, villico), villici ostili che attaccano gli altri villici. Ci sono inoltre tre boss: l'Enderdrago, un drago che si trova nella dimensione End e che dev'essere sconfitto per poter uscire dalla suddetta dimensione e per finire il gioco, il Wither, che deve essere evocato da un giocatore, e un boss a livelli, formato da vari nemici: il raid. Il raid si può scatenare uccidendo un pillager con uno stendardo, in modo da ricevere l'effetto "bad omens". Successivamente andando in un villaggio si attiverà il raid, composto da cinque fasi. La mojang sta pensando di aggiungere un nuovo boss.
  • Neutrali: Creature che diventano ostili quando attaccate. Alcune creature diventano aggressive anche in altre circostanze: per esempio, gli Enderman diventano ostili anche quando guardati negli occhi e i ragni se sono al buio.
  • Passive: Creature che non diventano mai ostili. Quasi tutte le creature che sono fonti di cibo si trovano in questa categoria. Alcune di queste sono villici, mucche, maiali, pecore e polli. Il fatto che queste creature siano passive non vuol dire che siano innocue (il pesce palla per esempio infligge danno al contatto), ma semplicemente che non cercheranno attivamente di infliggere danno al giocatore. Inoltre alcune creature passive possono essere addomesticate e aiutare il giocatore.

Combattimento[modifica | modifica wikitesto]

Minecraft include un sistema di combattimento che consente di indossare armature e di attaccare con una vasta gamma di armi come spade, asce, archi, balestre e tridenti. Quando si sferra un colpo si attiva un timer di ricarica dell'arma, la cui durata dipende da questa; nel caso in cui non si sia ricaricato completamente, il danno effettuato sarà minore. Inoltre, è possibile usare la mano secondaria per impugnare un secondo oggetto. In questo modo, il giocatore può alternare l'uso di due armi differenti (come la spada e l'arco, o la spada e lo scudo) senza dover ogni volta cambiare slot. La seconda mano può essere usata anche per scegliere quali tipi di frecce usare.

Fabbricazione e blocchi interattivi[modifica | modifica wikitesto]

In Minecraft, come già accennato, una delle componenti fondamentali del gioco è la possibilità di fabbricare oggetti tramite delle griglie. Per alcuni oggetti questo è possibile direttamente dal proprio inventario (in una griglia 2×2), ma per tutti gli altri è necessario utilizzare un blocco specifico, il banco da lavoro, dove è possibile combinare oggetti su una griglia 3×3 per ottenerne degli altri. Una volta fabbricata qualcosa, questa finisce in uno dei 41 slot del nostro inventario.

Sul banco da lavoro si possono creare oggetti che hanno fini specifici, come spade e picconi. L'armatura e molti degli attrezzi hanno diversi livelli: pelle, oro, ferro, diamante e netherite, il migliore.

Alcuni oggetti possono essere cotti in una fornace, un altoforno o un affumicatore per ottenerne altri: per esempio, dalla cottura della carne cruda si ricava carne cotta e dalla cottura delle zolle di argilla si ricavano i mattoni. Un altro metodo per creare nuovi oggetti è la distillazione nell'alambicco (per ottenere le pozioni).

Infine, è possibile incantare attrezzi e armature con un tavolo degli incantesimi o un'incudine per renderli più potenti.

Pietrarossa o Redstone[modifica | modifica wikitesto]

Grazie alla pietrarossa il giocatore può costruire trappole, porte segrete e circuiti di vario tipo. La varietà dei componenti di redstone permette di realizzare anche circuiti molto complessi, rendendo possibile addirittura la costruzione di un computer funzionante[31].

Comandi[modifica | modifica wikitesto]

Quando viene creato un mondo, è possibile decidere di "attivare i trucchi" tramite le impostazioni del mondo (bedrock edition), mentre nella Java Edition si possono attivamente tramite il pulsate "comandi". Così facendo, si ha accesso a un'ampia gamma di comandi scrivibili nella chat del gioco con cui è possibile modificare il mondo. Questi possono essere eseguiti anche da determinati blocchi, chiamati blocchi di comando, che eseguono comandi molto più complicati non scrivibili nella chat, permettendo così la creazione di mappe personalizzate.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Vendite[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º luglio 2011 gli utenti registrati al gioco hanno superato i 10 milioni.[32]

Il 28 aprile 2013 Minecraft-Pocket Edition ha raggiunto le 10 milioni di vendite.[33]

Il 25 gennaio 2014 la versione PS3 di Minecraft ha superato il milione di download.[34]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Punteggi aggregati
Aggregator Punteggio
GameRankings 92,79% (PC)[35] 83,63% (Xbox 360)[36] 56.00% (Pocket Edition)[37]
Metacritic 93/100 (PC)[38] 82/100 (Xbox 360)[39] 53/100 (Pocket Edition)[40]
Recensione punteggi
Pubblicazione Punteggio
1UP.com A + (PC)[41]
Edge (rivista) 9/10 (PC)[42]
Eurogamer 10/10 (PC )[43] 9/10 (Xbox 360)[44]
Game Informer 9.25/10 (PC)[45] 8.75/10 (Xbox 360)[46]
GameSpot 8.5/10 (PC)[47] 7.0/10 (Xbox 360)[48]
GameSpy 5 stelle su 5 (PC)[49]
IGN 9.0/10 (PC)[50] 8.5/10 (Xbox 360)

La versione per PC di Minecraft è stata accolta positivamente dalla critica. Il gioco è stato elogiato per la libertà creativa che concede ai giocatori sul mondo, così come la facilità di consentire un gameplay emergente. I critici hanno lodato Minecraft per il complesso sistema di Crafting, commentando che si tratta di un aspetto importante per i Machinima. La maggior parte delle recensioni è rimasta colpita dalla grafica a blocchi; IGN la descrive come "immediatamente memorabile". Altri recensori hanno sottolineato che il gioco crea un buon equilibrio tra l'esplorazione e la costruzione, lodando anche gli elementi d'avventura del gioco. La funzione Multiplayer è stata generalmente accolta favorevolmente: IGN commenta che "l'avventura migliore è quella in compagnia", tuttavia definisce "fastidiosi" i numerosi problemi legati alla creazione dei server Multiplayer.

Molti recensori hanno criticato la mancanza di un tutorial o di istruzioni nelle versioni per PC, dettaglio che rende difficile ai nuovi giocatori imparare a giocare. Prima della versione 1.0.0 i critici avevano anche osservato numerosi difetti visivi che si verificavano periodicamente. Il sito GameSpot ha sostenuto che il gioco ha un "tocco non finito", aggiungendo che "alcuni elementi di gioco sembrano incompleti o gettati insieme frettolosamente".

Una recensione della versione alfa, da parte di Scott Munro del Daily Record, l'ha definita "qualcosa di speciale" e ha invitato i lettori ad acquistarla. Jim Rossignol di Rock, Paper, Shotgun ha anch'esso raccomandato la versione alfa del gioco, definendolo "una sorta di generativa 8-bit LEG stalker".

La versione Xbox 360 è stata generalmente accolta positivamente dalla critica, ma non quanto la versione per PC. I recensori si sono lamentati della mancanza di caratteristiche come il supporto mod e il contenuto della versione PC, ma hanno acclamato la creazione di un tutorial in-game, di consigli e delle ricette per creare strumenti, dicendo che rendono il gioco più facile da usare (il ricettario è stato successivamente aggiunto in tutte le versioni di Minecraft).

Minecraft - Pocket Edition ha ricevuto recensioni contrastanti; la critica ha apprezzato i comandi intuitivi del gioco, ma è rimasta delusa dalla mancanza di contenuti. Prima della versione alfa 0.8.1, che ha aggiunto numerosi blocchi e tutti i mob aggressivi, veniva criticata la mancanza di mob ostili e il numero ridotto di blocchi; dopo la versione 0.9.0 sono stati aggiunti numerosi nuovi blocchi e il mondo infinito.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di luglio 2010, Minecraft è stato dichiarato da PC Gamer come il quarto miglior gioco da giocare al lavoro.[51] Nel mese di dicembre Good Game ha premiato il gioco come "miglior gioco scaricabile del 2010"[52], Gamasutra l'ha valutato l'ottavo miglior gioco dell'anno,[53] nonché l'ottavo miglior gioco indie dell'anno,[54] infine Rock, Paper, Shotgun l'ha definito "miglior gioco dell'anno".[55] Anche PC Gamer UK l'ha definito "miglior gioco dell'anno per PC",[56] mentre Indie DB lo definisce "miglior gioco indie dell'anno", premiandolo anche di "Gioco più innovativo" e "Miglior gioco singleplayer indie".[57]

Nel mese di marzo 2011, il gioco è stato premiato ai "Seumas McNally Grand Prize" con i premi "Technical Excellence" e "Excellence in Design", inoltre ha vinto il premio "Audience" all'Indipendent Games Festival.[58][59] Il 5 maggio lo Smithsonian American Art Museum l'ha inserito, insieme ad altri 80 giochi, nella mostra "The Art of Video Games"[60] inaugurata il 16 marzo 2012.[61] Al "Spike Video Game Awards" è stato premiato come "Miglior gioco per PC" e "Miglior gioco indipendente".[62][63]

Nel 2012, ai British Academy Video Games Awards, Minecraft fu candidato come miglior gioco dell'anno, mentre Markus Persson ricevette un premio speciale.[64][65] Nel mese di ottobre la versione per Xbox 360 ricevette il premio "Joystick d'oro" come miglior gioco scaricabile.[66] Il mese successivo questa versione vinse il premio "miglior gioco arcade 2012".[67]

MineCon[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: MineCon.

Il "Mine Con" (abbreviazione di MinecraftCon) è il convegno annuale ufficiale su Minecraft organizzato dalla Mojang. Il primo MineCon si tenne il 31 agosto 2010 a Bellevue.[68] Dal 2017, gli organizzatori hanno deciso di tenere l'evento senza possibilità di vederlo dal vivo ma trasmettono l'evento sul canale YouTube di Mojang. Per questo, dal 2017 il nome della conferenza è Minecon Earth.

Nome Luogo Città Data Partecipanti Versione annunciata
1 MineCon 2010 - Bellevue[68] 31 agosto 2010 50 1.0
2 MineCon 2011 Mandalay Bay Las Vegas[69] 18 novembre 2011 5000 Nessuna
3 MineCon 2012 Disneyland Paris Parigi[70] 24-25 novembre 2012 Oltre 7000 1.5
4 MineCon 2013 - Orlando[71] 2-3 novembre 2013 Oltre 7500 Nessuna
5 MineCon 2015 - Londra 4-5 luglio 2015 Ca. 10000 1.9
6 MineCon 2016 Anaheim Convention Center California[72] 24-25 luglio 2016 12000 1.11
7 MineCon Earth 2017 - Online 18 novembre 2017 - 1.13
8 MineCon Earth 2018 Boston, Massachusetts, Stati Uniti Online 29 settembre 2018 - 1.14
9 MineCon Live 2019 Orlando, Florida Online 28 settembre 2019 400.000ca (in live) 1.16
10 Minecraft Live 2020 Trasmesso solamente in streaming causa COVID-19 Online 3 ottobre 2020 50.000ca (in live) 1.17 e 1.18[73]
11 Minecraft Live 2021 Trasmesso solamente in streaming causa COVID-19 Online 16 ottobre 2021 50.000ca (in live) 1.19

Opere derivate[modifica | modifica wikitesto]

Spin-off[modifica | modifica wikitesto]

Minecraft: Story Mode[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Minecraft: Story Mode.

Il 13 ottobre 2015 venne pubblicato uno spin-off intitolato Minecraft: Story Mode, sviluppato dalla Telltale Games in collaborazione con la Mojang.[74] Il titolo è suddiviso in otto episodi narranti gli avvenimenti di un gruppo di personaggi: sono usciti tutti gli episodi della prima serie e ad agosto 2017 è cominciato il rilascio della seconda serie, di cui sono usciti tutti i 5 episodi.

Minecraft: Education Edition[modifica | modifica wikitesto]

A gennaio del 2016, Microsoft annunciò un nuovo strumento per l'istruzione tramite i videogiochi, chiamato Minecraft: Education Edition[75]; venne ufficialmente pubblicato il 1º novembre dello stesso anno in molte aule di tutto il mondo per insegnare materie che variano dalle arti alle poesie. È infatti progettato specificamente per un uso scolastico, il quale offre agli insegnanti tutti gli strumenti di cui necessitano per utilizzare al meglio le potenzialità che possiede Minecraft.

Il concetto principale è lo stesso, un mondo sandbox aperto a chiunque. I personaggi degli studenti in Education Edition sono in grado di salvare ogni cosa: di fatto gli stessi studenti possono scaricare a casa propria il gioco, senza doverne acquistare la versione base. Infine, la grande differenza che si manifesta è che i ragazzi possono scattare foto nel gioco tramite un oggetto chiamato fotocamera. Questi scatti vengono memorizzati in un taccuino online, che può essere condiviso tra studenti.

Minecraft Education Edition non è un ambiente rigido perché consente al docente di gestirlo a seconda delle esigenze dei propri alunni, per esempio l’età, e degli obiettivi didattici ed è una piattaforma collaborativa e versatile anche per gli studenti[76]. Prevede ambienti di supporto come wiki, forum e una Community di sostegno dedicata agli insegnanti[77]. L’ambiente è completamente sicuro e protetto perché pensato per fini esclusivamente didattici[76].

Le attività ludico-didattiche interessano varie discipline inerenti soprattutto alla scuola primaria e alla scuola secondaria di primo grado[78]: arte, geometria, chimica[79] ma anche inglese, storia - è infatti possibile esplorare mondi antichi- geografia, attraverso il geocaching o attività di orienteering, sviluppando competenze quali problem solving, pensiero critico e creatività[78].

Ciò che attrae maggiormente e che funge da rinforzo è lo sviluppo di connessioni con il coding. Utilizzando ambienti di programmazione come Code.org, online dal 2013, con decine di milioni di studenti che hanno utilizzato la piattaforma, o Scratch, prodotto del MIT Media Lab, lo studente può trovare una spinta motivazionale ludica all’apprendimento del coding in compiti di realtà[80].

Per supportare gli insegnanti d’Italia è attivo dal 2018 un percorso di sperimentazione, la più ampia al mondo su Minecraft, e di formazione per docenti della scuola primaria e secondaria di primo grado[81]. MineClass, questo è il nome del progetto di ricerca ideato da Indire (Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa), e da Microsoft Italia, prevede quattro fasi di intervento: preparazione per prendere confidenza con il videogioco; programmazione di un progetto didattico secondo linee guida fornite da Indire, da sperimentare poi in classe; sperimentazione di quanto progettato; restituzione finale[82]. Per migliorare l’esperienza di apprendimento online per studenti e docenti, Microsoft ha annunciato una serie di aggiornamenti al programma Microsoft Teams che prevedono l’integrazione con Minecraft Education Edition[83][84][85].

Education Edition riporta alcune collaborazioni con altri editori per portare i contenuti all'interno del videogioco. Houghton Mifflin Harcourt ha sviluppato una versione completa di The Oregon Trail in Education Edition, mantenendo le caratteristiche del gioco originale e aggiungendo al contempo nuove attività educative. Gli utenti che avviano l'Edizione Bedrock possono attivare le funzionalità di Education Edition nella sezione delle opzioni di gioco.

Minecraft: Dungeons[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Minecraft: Dungeons.

Il 29 settembre 2018, durante il Minecon Earth 2018, venne annunciato lo sviluppo di Minecraft: Dungeons presso lo studio di Stoccolma.[86] Ispirato ai classici "dungeon crawler", il gioco usa la grafica di Minecraft ma si basa sull'esplorazione di sotterranei e sul combattimento, sia in modalità singola che multiplayer. Il gioco è stato pubblicato il 26 maggio 2020, con giudizi moderatamente favorevoli da parte della critica.[87][88]

Minecraft: Earth[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Minecraft Earth.

Il 17 maggio 2019, giorno del decimo anniversario di Minecraft, viene distribuito il primo trailer dell'app per Android e iOS chiamata Minecraft Earth, uscita definitivamente il 17 novembre 2019. Il gioco è basato sull'utilizzo di realtà aumentata attraverso la fotocamera del proprio smartphone, come visto dal video gameplay ufficiale. Minecraft Earth si chiude ufficialmente il 30 giugno 2021, non rendendo più disponibile il download o giocarci. I dati dei giocatori sono stati eliminati il 1º luglio 2021.

Film[modifica | modifica wikitesto]

Il 23 dicembre 2012 la 2PlayerProductions ha realizzato un film documentario su Minecraft dal titolo Minecraft: The Story of Mojang.[89] Per produrre il film sono stati necessari 210 000 dollari (circa 176 000 euro) raccolti sul sito Kickstarter:com.[90] Il film racconta del primo anno di attività dell'azienda, nonché del successo del gioco e delle sue applicazioni[91].

Persson ha annunciato in un tweet una collaborazione con la Warner Bros. per un film ispirato a Minecraft, poco dopo che quest'ultimo ebbe raggiunto i 100 milioni di utenti registrati; tuttavia, la Warner Bros. ha temporaneamente rinunciato al progetto a seguito di dispute con gli sviluppatori. In seguito ha deciso di riavviare il progetto e la data di uscita del film era prevista per 24 maggio 2019[92]. Il 16 aprile, in un post sul sito ufficiale di Minecraft, è stata posticipata la data di uscita, che ora è fissata al 22 maggio 2022. Nello stesso post è stata confermata la collaborazione con la Warner Bros. ed è stato annunciato che il regista sarà Peter Sollett[93].

Libri[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 novembre 2013 è stato pubblicato un libro su Minecraft intitolato Minecraft: The Unlikely Tale of Markus "Notch" Persson and the Game that Changed Everything (in italiano Minecraft: La storia di Markus "Notch" Persson e del gioco che ha cambiato tutto)[94][95][96].

Sono anche stati pubblicati dei libri ufficiali, di cui segue un elenco:

  • Minecraft: L'isola (Minecraft: The Island) di Max Brooks e Minecraft: Lo scontro (Minecraft: The Crash) di Tracey Baptiste, due libri di narrativa;
  • Minecraft: Guida alla redstone (Minecraft: Guide To Redstone), Minecraft: Guida al Nether e all'End (Minecraft: Guide To The Nether and The End), Minecraft: Guida alla creatività (Minecraft: Guide To Creative), Minecraft: Guida all'esplorazione (Minecraft: Guide to Exploration), Minecraft: Guida ai minigiochi PVP (Minecraft: Guide To PVP Minigames), Minecraft: Guida a incantesimi e pozioni (Minecraft: Guide To Enchantments and Potions) e Minecraft: Guida al farming (Minecraft: Guide To Farming), le sette guide ufficiali;
  • Minecraft: Mobestiary (letteralmente, bestiario delle creature), una guida alle creature di Minecraft;
  • Minecraft: I segreti dei sopravvissuti (Minecraft: The Survivor's Book of Secrets);
  • Minecraft: Fortezza medievale (Exploded Builds: Medieval Fortress), che contiene le istruzioni per costruire una fortezza medievale.[97][98]

Giochi da tavolo[modifica | modifica wikitesto]

Blocchi del gioco da tavolo "Minecraft: Builders & Biomes"

Nel 2019 l'editore tedesco Ravensburger pubblica il gioco da tavolo di Ulrich Blum Minecraft: Builders & Biomes. È un gioco in cui i giocatori, come nel videogioco originale, esplorano il Sopramondo, costruiscono strutture e risorse minerarie, guadagnando punti per le strutture e i più grandi biomi collegati di foresta, deserto, montagna o spazi di tundra nevosi sulle loro plance[99].

LEGO Minecraft[modifica | modifica wikitesto]

Costruzione creata usando i set LEGO ispirati a Minecraft

A partire dal 6 giugno 2012 la LEGO ha prodotto e distribuito dei set ispirati a Minecraft[100], rappresentanti l'ambiente di Minecraft[101], un Villaggio di NPC e il Nether[102].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giorgio Melani, Minecraft arriva su Wii U il 17 dicembre 2015, su Multiplayer.it, 7 dicembre 2015. URL consultato il 10 ottobre 2021.
  2. ^ Tommaso Pugliese, Minecraft - Minecraft debutterà su Nintendo Switch il 12 maggio, su Multiplayer.it, 13 aprile 2017. URL consultato il 13 aprile 2017.
  3. ^ Luca Tremolada, Minecraft dopo 11 anni resta il gioco più venduto di sempre. Ecco le novità, su Il Sole 24 Ore, 25 maggio 2020. URL consultato il 16 novembre 2020.
  4. ^ (EN) How many game modes can you play in Minecraft?, su idtech.com. URL consultato l'11 agosto 2021.
  5. ^ (EN) The most influential video games of the decade, su Washington Post. URL consultato il 14 agosto 2020.
  6. ^ (EN) The Decade's 10 Most Influential Videogames, in Wired. URL consultato il 17 dicembre 2020.
  7. ^ Giorgio Melani, Microsoft ha acquisito Mojang, il team di Minecraft, per 2,5 miliardi di dollari, su Multiplayer.it. URL consultato l'11 agosto 2021.
  8. ^ (EN) Joakim Henningson, The History of Minecraft, su redbull.com. URL consultato l'11 agosto 2021.
  9. ^ Advancements in Minecraft, su www.digminecraft.com. URL consultato l'11 agosto 2020.
  10. ^ Alec Meer, Minecraft:Wolves, Achievements, Mods, Merch, su Rock Paper Shotgun, 30 marzo 2011. URL consultato il 26 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
  11. ^ (EN) Robert Purchese, Minecraft 1.0 launch patch notes, su eurogamer.net. URL consultato l'11 agosto 2021.
  12. ^ Federico Camilletti, TUTORIAL-CIRCUITI ELETTRICI MINECRAFT, su weturtle.org. URL consultato l'11 agosto 2021.
  13. ^ Posso fare un seme per Minecraft che rende un mondo che voglio?, su game.yocker.com. URL consultato l'11 agosto 2021.
  14. ^ (EN) Stuart Dredge, Mojang maestro female character available to all players, su theguardian.com.
  15. ^ (EN) L'End, su digminecraft.com. URL consultato l'11 agosto 2021.
  16. ^ (EN) Poema finale di Julian Gough, su boingboing.net. URL consultato l'11 agosto 2021.
  17. ^ (EN) Julia Lee, Che succede quando si uccide il Drago dell'End?, su polygon.com. URL consultato l'11 agosto 2021.
  18. ^ a b (EN) Salute, cibo ed esperienza, su digminecraft.com. URL consultato il 12 agosto 2021.
  19. ^ a b (EN) Julia Lee, Come rigenerare la salute in Minecraft, su polygon.com. URL consultato il 12 agosto 2021.
  20. ^ (EN) Abitanti del villaggio, su dummies.com. URL consultato il 12 agosto 2021.
  21. ^ Inventario, su aranzulla.it. URL consultato il 12 agosto 2021.
  22. ^ Utilità del letto, su aranzulla.it. URL consultato il 12 agosto 2021.
  23. ^ Utilità dell'ancora della rinascita, su thecommandbrick.net. URL consultato il 12 agosto 2021.
  24. ^ Incantesimi, su minecraft.it. URL consultato il 12 agosto 2021.
  25. ^ Modalità hardcore, su minecraft.it. URL consultato il 12 agosto 2021.
  26. ^ Modalità creativa, su minecraft.it. URL consultato il 12 agosto 2021.
  27. ^ Modalità avventura, su minecraft.it. URL consultato il 12 agosto 2021.
  28. ^ Modalità spettatore, su minecraft.it. URL consultato il 12 agosto 2021.
  29. ^ (EN) Lee Hutchinson, Blocks with friends: How to run your own Minecraft server, su Ars Technica, 10 settembre 2012, pp. 1–4. URL consultato il 24 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 15 novembre 2012).
  30. ^ Giocare in LAN su Minecraft, su dukesharp.wordpress.com. URL consultato il 22 ottobre 2021.
  31. ^ (EN) In Deep Thought, su Minecraft.net, 19 gennaio 2017. URL consultato il 15 agosto 2020.
  32. ^ (EN) Notch, 10m, in Tumblr, 1º luglio 2011. URL consultato il 12 giugno 2012.
  33. ^ (EN) Daniel Kaplan, 10 million copies of Minecraft – Pocket Edition sold!, su Mojang.com, 29 aprile 2013. URL consultato il 18 luglio 2013.
  34. ^ La versione PS3 di Minecraft supera il milione di download, in Z-Giochi.com. URL consultato il 15 novembre 2016.
  35. ^ (EN) Recensione minecraft PC (GameRankings), su GameRankings. URL consultato il 21 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 9 dicembre 2019).
  36. ^ (EN) Recensione minecraft Xbox 360 Edition (GameRankings), su GameRankings. URL consultato il 21 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 10 gennaio 2019).
  37. ^ (EN) Recensione minecraft Pocket Edition (GameRankings), su GameRankings. URL consultato il 21 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 9 dicembre 2019).
  38. ^ (EN) Minecraft per PC, su Metacritic, Red Ventures.
  39. ^ (EN) Minecraft per Xbox 360, su Metacritic, Red Ventures.
  40. ^ (EN) Minecraft Pocket Edition, su Metacritic, Red Ventures.
  41. ^ (EN) Scott Sharkey, Recensione minecraft PC (1UP.com), su 1UP.com, 21 novembre 2011. URL consultato il 21 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2013).
  42. ^ (EN) Minecraft review, su Edge, 28 novembre 2011. URL consultato il 21 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 22 gennaio 2013).
  43. ^ (EN) Alec Meer, Recensione minecraft PC (Eurogamer), su Eurogamer, 18 novembre 2011. URL consultato il 21 agosto 2013.
  44. ^ (EN) Oli Welsh, Recensione minecraft Xbox 360 (Eurogamer), su Eurogamer, 9 maggio 2012. URL consultato il 21 agosto 2013.
  45. ^ (EN) Adam Biessener, Recensione minecraft PC (Game Informer), su Game Informer, 22 novembre 2011. URL consultato il 26 febbraio 2016.
  46. ^ (EN) Jeff Cork, Recensione minecraft Xbox 360 (Game Informer), su Game Informer, 22 novembre 2011. URL consultato il 21 agosto 2013.
  47. ^ (EN) Nathan Meunier, Building, crafting, and adventuring doesn't get much better than in Minecraft., su GameSpot, 29 novembre 2011. URL consultato il 26 febbraio 2016.
  48. ^ (EN) Nathan Meunier, Less isn't more in this updated port of Mojang's indie sandbox hit., su Gamespot, 11 maggio 2012. URL consultato il 26 febbraio 2016.
  49. ^ (EN) Nathan Grayson, Minecraft review, su Gamespy, 22 novembre 2011. URL consultato il 21 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2013).
  50. ^ (EN) Anthony Gallegos, Minecraft review, su IGN, 25 novembre 2011. URL consultato il 26 febbraio 2016.
  51. ^ (EN) Jim Rossignol, 50 games to play at work, su pcgamer.com, 5 luglio 2010. URL consultato il 24 agosto 2013.
  52. ^ (EN) GG Awards 2010: Best Downloadable Game, su abc.net.au, 6 dicembre 2010. URL consultato il 24 agosto 2013.
  53. ^ (EN) Gamasutra's Best Of 2010: The Top 10 Games Of The Year, su gamasutra.com, 23 dicembre 2010. URL consultato il 24 agosto 2013.
  54. ^ (EN) Gamasutra's Best Of 2010: Top 10 Indie Games, su gamasutra.com, 17 dicembre 2010. URL consultato il 24 agosto 2013.
  55. ^ (EN) The Games Of Christmas ’10: Day 24, su rockpapershotgun.com, 24 dicembre 2010. URL consultato il 24 agosto 2013.
  56. ^ (EN) Minecraft – PC Gamer UK’s Game Of The Year, su pcgamer.com, 31 dicembre 2010. URL consultato il 24 agosto 2013.
  57. ^ (EN) 2010 Indie of the Year Awards, su indiedb.com. URL consultato il 24 agosto 2013.
  58. ^ (EN) Simon Carless, 2011 Independent Games Festival Reveals Main Competition Finalists, su IndieGames.com. URL consultato il 30 agosto 2013.
  59. ^ (EN) Minecraft, Amnesia Top Winners At 13th Annual IGF Awards, su Indipendent Game Festival. URL consultato il 30 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 18 novembre 2015).
  60. ^ (EN) Mike Epstein, The Smithsonian Has Picked the Games of Its Art of Video Games Exhibit, su Kotaku.com, 5 maggio 2011. URL consultato il 30 agosto 2013.
  61. ^ (EN) The Art of Video Games, su Smithsonian American Art Museum. URL consultato il 30 agosto 2013.
  62. ^ (EN) Spike Announces VGA Nominees & Honors “Legend Of Zelda” With First Ever Video Game Hall Of Fame Award, su Spike, 16 novembre 2011. URL consultato il 30 agosto 2013.
  63. ^ (EN) SPIKE TV ANNOUNCES 2011 “VIDEO GAME AWARDS” WINNERS, su Spike, 10 dicembre 2011. URL consultato il 30 agosto 2013.
  64. ^ (EN) Video Games Awards Winners & Nominees in 2012, su Bafta games, 15 febbraio 2012. URL consultato il 5 ottobre 2013.
  65. ^ (EN) Markus Persson - BAFTA Special Award, su Bafta games, 2 marzo 2012. URL consultato il 5 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2013).
  66. ^ (EN) Andy Robinson, GJA: Minecraft XBLA awarded Best Downloadable Game, su ComputerAndVideoGames.com, 26 ottobre 2012. URL consultato il 5 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 24 aprile 2014).
  67. ^ (EN) Liam Martin, TIGA Games Industry Awards 2012 winners revealed, Dear Esther wins big, su DigitalSpy, 2 novembre 2012. URL consultato il 26 febbraio 2016.
  68. ^ a b (EN) Markus Persson, How about a somewhat spontaneous MinecraftCon 2010 in Bellevue in one week?, su The Word of Notch, 25 agosto 2010. URL consultato il 21 agosto 2013.
  69. ^ (EN) Minecon 2011, su Mojang.com, 10 agosto 2011. URL consultato il 12 luglio 2013.
  70. ^ (EN) Minecon 2012, su Mojang.com, 25 novembre 2012. URL consultato il 12 luglio 2013.
  71. ^ (EN) Where in the world is Minecon 2013?, su Mojang.com, 1º luglio 2013. URL consultato il 12 luglio 2013.
  72. ^ Filmato audio Livestream del Minecon 2016, su YouTube, 24 settembre 2016. URL consultato il 24 settembre 2016.
  73. ^ Inizialmente la versione annunciata era solo la 1.17, aggiornamento denominato "Caves & Cliffs". Però, nei mesi successivi, durante lo sviluppo della versione, i programmatori si sono accorti di non avere abbastanza tempo, a causa della pandemia COVID-19, per finire il lavoro. La Mojang, quindi, annunciò che l’aggiornamento sarebbe stato diviso in due parti, creando quindi due versioni: la 1.17 come "Caves & Cliffs: Part 1" e la 1.18 come "Caves & Cliffs: Part 2".
  74. ^ Samuele Zaboi, Annunciata la data di uscita di Minecraft: Story Mode, su SpazioGames, 16 settembre 2015. URL consultato il 26 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  75. ^ Minecraft: Education Edition: Insegnare giocando, su progettoscuoladigitale.it.
  76. ^ a b Software_LR, URL consultato il 19 maggio 2021 (PDF), su campustore.it.
  77. ^ (EN) Homepage, su Minecraft: Education Edition. URL consultato il 20 maggio 2021.
  78. ^ a b Minecraft Education Edition a scuola. Intervista a Marco Vigelini, su Wattajob, 17 settembre 2017. URL consultato il 20 maggio 2021.
  79. ^ Loredana Oliva, Il videogioco come mezzo educativo: a scuola con Minecraft [INTERVISTA] - Notizie Scuola, su Tecnica della Scuola, 6 marzo 2019. URL consultato il 20 maggio 2021.
  80. ^ A scuola di coding: le migliori piattaforme per i bambini, su DDay.it. URL consultato il 20 maggio 2021.
  81. ^ Riccardo Lichene, «Mineclass», fare lezione con Minecraft: l’esperimento di 300 classi diventa un libro, su Corriere della Sera, 4 giugno 2021. URL consultato il 20 maggio 2021.
  82. ^ LAB Indire, su lab.indire.it. URL consultato il 20 maggio 2021.
  83. ^ HDblog.it, Microsoft Teams, tante novità in arrivo nelle prossime settimane, su HDblog.it, 10 maggio 2021. URL consultato il 20 maggio 2021.
  84. ^ (EN) Microsoft Teams is getting Minecraft integration to help improve online learning experience, su HT Tech, 4 maggio 2021. URL consultato il 20 maggio 2021.
  85. ^ Microsoft Minecraft Education - creatività, collaborazione e problem solving - Software didattici, su www.siadsrl.net. URL consultato l'11 ottobre 2021.
  86. ^ (EN) Tom Stone, Announcing... Minecraft: Dungeons, su minecraft.net, 28 settembre 2018. URL consultato il 30 gennaio 2021.
  87. ^ (EN) Minecraft: Dungeons (PC) - Metacritic, su Metacritic. URL consultato il 10 novembre 2021.
  88. ^ (EN) Minecraft: Dungeons (Nintendo Switch) - Metacritic, su Metacritic. URL consultato il 10 novembre 2021.
  89. ^ (EN) Minecraft-The story of Mojang (sito ufficiale), su minecraftstoryofmojang.com. URL consultato il 1º settembre 2013.
  90. ^ (EN) 2PlayerProductions, su kickstarter.com. URL consultato il 1º settembre 2013.
  91. ^ (EN) Matt Hawkins, Minecraft: The Story of Mojang: The Kotaku Review, su Kotaku, 21 dicembre 2012. URL consultato il 1º settembre 2013 (archiviato dall'url originale il 16 settembre 2018).
  92. ^ In arrivo il film di Minecraft?, in Minecraft ITALIA, 28 ottobre 2014. URL consultato il 15 novembre 2016 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  93. ^ (EN) THE MINECRAFT MOVIE IS JUST AROUND THE CORNER, su Minecraft.net, 16 aprile 2019. URL consultato il 18 aprile 2019.
  94. ^ (EN) Steven Ruygrok, 'Minecraft: The game that changed everything' book coming in November, su Examiner, 17 aprile 2013. URL consultato il 1º settembre 2013.
  95. ^ (EN) Daniel Goldberg e Linus Larsson, Minecraft: The Unlikely Tale of Markus "Notch" Persson and the Game that Changed Everything, Seven Stories Press, 5 novembre 2013, ISBN 978-1-60980-538-8. URL consultato il 18 aprile 2019.
  96. ^ Daniel Goldberg e Linus Larsson, Minecraft. La storia di Markus «Notch» Persson e del gioco che ha cambiato tutto, Multiplayer Edizioni, 2015, ISBN 978-88-6355-296-6. URL consultato il 18 aprile 2019.
  97. ^ Official Minecraft Books!, su Minecraft.net, 19 dicembre 2018. URL consultato il 18 aprile 2019.
  98. ^ (EN) New Book Alert: The Crash, su Minecraft.net, 10 luglio 2018. URL consultato il 18 aprile 2019.
  99. ^ (EN) Minecraft: Builders & Biomes, su BoardGameGeek. URL consultato il 10 novembre 2021.
  100. ^ (EN) LEGO Minecraft, su lego.cuusoo.com, 5 dicembre 2011. URL consultato il 18 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 25 luglio 2013).
  101. ^ (EN) Minecraft, su shop.lego.com. URL consultato il 18 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 19 luglio 2013).
  102. ^ (EN) Matt Clark, LEGO Announces New 'Nether' and 'Village' Minecraft Sets at SDCC, su IGN, 17 luglio 2013. URL consultato il 18 luglio 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Jim Rossignol, Building-block World, in PC Gamer UK, n. 204, Future plc, 2015, ISBN 978-1-4197-1618-8.
  • (EN) Daniel Hindes, Trouble Down Mine, in PC PowerPlay, n. 169, Nextmedia.
  • Laura Fedeli, Il virtuale: identità, relazioni, apprendimento, in Pier Cesare Rivoltella e Pier Giuseppe Rossi (a cura di), Tecnologie per l’educazione, Milano, Pearson, 2019, pp. 162-163, ISBN 978-88-919-0933-6.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN306261324 · LCCN (ENno2015123713 · GND (DE1068604875 · BNF (FRcb167377353 (data) · BNE (ESXX5535482 (data)