Minecraft

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Minecraft (disambigua).
Minecraft
videogioco
Minecraft logo.png
Logo del videogioco
PiattaformaPlayStation 3, Xbox 360, PlayStation 4, Xbox One, Microsoft Windows, Wii U, Nintendo Switch, macOS, Linux, PlayStation Vita, Android, iOS, Nintendo 3DS
Data di pubblicazioneWindows, macOS, Linux:
Mondo/non specificato 17 maggio 2009

Android:
Mondo/non specificato 7 ottobre 2011
iOS:
Mondo/non specificato 17 novembre 2011
Xbox 360:
Mondo/non specificato 9 maggio 2012
PlayStation 3:
Mondo/non specificato 15 dicembre 2013
PlayStation 4:
Mondo/non specificato 4 settembre 2014
Xbox One:
Mondo/non specificato 5 settembre 2014
PlayStation Vita:
Mondo/non specificato 14 ottobre 2014
Windows Phone:
Mondo/non specificato 9 dicembre 2014
Windows 10:
Mondo/non specificato 29 luglio 2015
Wii U:
Mondo/non specificato 17 dicembre 2015[1]
Nintendo Switch:
Mondo/non specificato 12 maggio 2017[2]

New Nintendo 3DS:
Mondo/non specificato 14 settembre 2017
GenereAvventura dinamica, Sandbox, PvP, Creativa
OrigineSvezia
SviluppoMojang (PC, mobile), Microsoft Studios (mobile), 4J Studios Limited (console)
PubblicazioneMojang (PC, mobile, Wii U, Nintendo Switch, New Nintendo 3DS), Microsoft Windows (Xbox 360, Xbox One, Windows Phone, Windows 10), Sony Computer Entertainment (PlayStation 4, PlayStation 3, PSVita)
DesignMarkus Persson (2009-2011), Jens Bergensten (dal 2011 a oggi)
Modalità di giocoGiocatore singolo, multigiocatore
Periferiche di inputTastiera, mouse, gamepad, joystick
Requisiti di sistemaMinimi: Windows 7/8/10, OS X, Linux, CPU Intel Pentium 4 2.0 GHz o AMD Athlon XP 2200+, RAM 1 GB, Scheda video compatibile NVIDIA GeForce 8600 o ATI Radeon HD 2600, Scheda audio compatibile DirectX, HD 1 GB

Minecraft (pronuncia inglese britannica [ˈmaɪnkrɑːft]) è un videogioco di tipo sandbox originariamente creato e sviluppato dal programmatore svedese Markus Persson (Notch) (dal 2009 al 2011) e successivamente sviluppato e pubblicato dalla Mojang e dal capo sviluppatore Jens Bergensten (dal 2011 a oggi).

Il 15 settembre 2014 Microsoft ha ufficializzato l'acquisizione della Mojang per una cifra pari a 2,5 miliardi di dollari.

La versione alpha è stata rilasciata ufficialmente per PC il 17 maggio 2009, mentre la versione completa è stata pubblicata il 18 novembre 2011. Col passare del tempo Minecraft è stato pubblicato su vari dispositivi; le versioni per console[3] vengono sviluppate da Mojang in collaborazione con 4J Studios e le versioni mobile vengono sviluppate da Mojang in collaborazione con Microsoft Studios.

Complessivamente il numero di vendite del gioco su tutte le piattaforme si attesta sulle 250 milioni di copie vendute[4] facendolo risultare il videogioco più venduto di sempre.

Minecraft ha vinto numerosi premi, ed è stato descritto come uno dei giochi più influenti della storia. I Social Media, le parodie, gli adattamenti e il MineCon, hanno giocato un ruolo importante nella divulgazione del gioco. Inoltre sono stati rilasciati numerosi giochi spin-off.

Screenshot di un mondo di gioco generato in modo procedurale in modalità Sopravvivenza.

La caratteristica principale di Minecraft è il mondo in cui il giocatore viene posto, generato casualmente. Con il susseguirsi delle diverse versioni del gioco, all'utente è stata data la possibilità di inserire alcuni parametri durante la creazione del mondo: come avere o meno biomi giganti, giocare in un mondo superpiatto personalizzabile (infinita pianura) o inserire un codice di un mondo già generato per replicarlo.Il 7 novembre viene priemato come BEST GAME OF THE MONTH con 1765 punti superando Fortnite (1760) e raggiungendo 260.187.377 download di cui: 32.500.211 su Nintendo Switch 43.109.991 su PS4 80.001.000 su Xbox360,XboxOne e PC poi sulla piattaforma più venduta é Xbox360(56.098.079) con 260.091.187 download

Modalità Sopravvivenza[modifica | modifica wikitesto]

In questa modalità sono presenti la barra della vita (rappresentata da 10 cuoricini) e la barra della sazietà (rappresentata da 10 cosce di pollo stilizzate). All'inizio del gioco la barra della vita è piena, ma il giocatore può perdere cuori se viene danneggiato (da caduta, lava, soffocamento, fame e altri fattori). Quando il giocatore perde tutti i cuoricini, muore. In quel momento viene perso il contenuto dell'inventario (a meno che non sia attiva la regola di gioco Mantieni inventario) che sarà sparso nella zona in cui è morto. Il giocatore viene resuscitato in corrispondenza del punto di generazione, cioè nel punto in cui si è iniziato a giocare in quel mondo oppure nella posizione in cui si trova il letto in cui ha dormito l'ultima volta. È possibile recuperare cuori quando la barra della sazietà è piena o quasi piena. La barra della sazietà scende in base alle azioni compiute dal giocatore (correre, saltare, combattere o altro). Mangiando, essa risale (ogni tipo di cibo fornisce una quantità diversa di cosce).

All'inizio della partita si può scegliere il livello di difficoltà. Ci sono quattro livelli di difficoltà, tra i quali:

  • Pacifica: In questa difficoltà non ci sono mostri (quelli presenti scompaiono se si imposta questa difficoltà durante la partita); inoltre, la sazietà non scende. Nella modalità pacifica la vita si rigenera molto più velocemente. Rimangono però le creature neutrali, che, se attaccate, infliggono danno al giocatore. Rimane comunque possibile morire.
  • Facile: Nella difficoltà facile i mostri vengono generati e possono infliggere danno al giocatore (il danno inflitto sarà minore che con la difficoltà normale). La sazietà può scendere e se si arriva a 0 cosce la salute del giocatore può scendere fino ad arrivare ad un minimo di 5 cuori, senza però ucciderlo. Oltre a questo il veleno dei ragni delle caverne è disattivato a questa difficoltà, a differenza della difficoltà normale e difficile.
  • Normale: Nella difficoltà normale i mostri infliggono al giocatore il loro normale danno ed avranno il normale livello di salute. La bassa sazietà riduce la salute del giocatore ad un massimo di mezzo cuore, senza quindi ucciderlo, ma lasciandolo in condizioni critiche.
  • Difficile: Nella difficoltà difficile le creature ostili infliggono danni più alti al giocatore ed hanno più punti vita. Inoltre, la bassa sazietà può portare alla morte e gli zombi hanno la capacità di distruggere le porte di legno.

Essendo di base un gioco sandbox, la modalità Sopravvivenza non ha un obiettivo preciso da raggiungere da parte del giocatore. Tuttavia è disponibile una tabella di progressi interna al gioco, che indica più o meno un percorso che è possibile seguire, come la creazione del primo banco da lavoro, o della prima spada, o l'uccisione del primo animale. E inoltre è possibile finire il gioco uccidendo il Drago dell'End, anche se dopo la fine del gioco si può continuare a giocare nel mondo nella quale il gioco è finito.

È possibile raccogliere materiali da creature morte o blocchi rotti e combinarli per la creazione di altri materiali tramite un processo chiamato fabbricazione (crafting). Con tali materiali è poi possibile costruire.

Il giocatore può inoltre in questa modalità acquisire i punti esperienza (uccidendo mostri, cuocendo materiali nella fornace, distruggendo minerali o con altri procedimenti), che sono richiesti nella creazione di oggetti incantati (armi, attrezzi vari, pezzi di armatura ecc...). Gli oggetti incantati acquisiscono caratteristiche particolari che possono risultare molto utili al giocatore, come infliggere più danno ai mostri e agli avversari o distruggere i blocchi più velocemente.

Modalità Estrema[modifica | modifica wikitesto]

Questa modalità è molto simile alla sopravvivenza. La difficoltà è impostata su "difficile", i cuori della vita hanno una grafica diversa ed è presente la morte permanente: se il giocatore muore, può scegliere solo se eliminare il mondo o passare alla modalità spettatore. Nel caso scelga quest'ultima opzione, lo spettatore non potrà più modificare quel mondo se non senza l'uso di comandi (attivando i trucchi), ma potrà solamente vedere la parte di mondo già esplorata. Questa modalità è disponibile solo su Java Edition.

Modalità Avventura[modifica | modifica wikitesto]

A differenza della modalità Sopravvivenza, in questa modalità al giocatore è permesso di rimuovere blocchi solo se utilizza gli attrezzi giusti. Si possono compiere comunque azioni che non comportano la modifica del mondo, come il poter aprire bauli o interagire con porte, pulsanti e leve. Questa modalità viene ampiamente utilizzata nelle mappe personalizzate (mondi pubblicati in rete o ottenibili dal negozio ufficiale in Minecraft Bedrock Edition, nei quali i giocatori affrontano le sfide poste dal creatore o dai creatori della mappa).

Questa modalità è accessibile anche in Minecraft Bedrock Edition attivando i trucchi e quindi rendendo impossibile il completamento degli obiettivi Xbox Live. Si può scegliere solo nelle Impostazioni Personali e non in quelle Principali.

Modalità Spettatore[modifica | modifica wikitesto]

Similmente alla modalità Avventura, in questa modalità non si possono distruggere o piazzare blocchi. La modifica in questa modalità è impossibilitata, i contenitori (come bauli e fornaci) possono soltanto essere aperti, si può volare anche attraverso i blocchi e con una velocità variabile usando la rotellina del mouse. La barra rapida è sostituita da un menù che permette il teletrasporto ad altri giocatori, con anche il filtro per squadra.

Modalità Creativa[modifica | modifica wikitesto]

In questa modalità sono presenti risorse illimitate, è possibile volare e distruggere istantaneamente i blocchi (in tal caso non verranno inseriti nell'Inventario né cadranno a terra), indifferentemente da quale oggetto si usa. Il giocatore è invulnerabile ad ogni tipo di danno, eccetto il danneggiamento tramite il superamento del livello d'altezza -64, oppure digitando il comando /kill. I blocchi che vengono collocati non vengono tolti dall'inventario, eccetto le frecce con un effetto applicato. In Minecraft Bedrock Edition non è possibile completare gli obiettivi Xbox Live in modalità creativa.

Modalità Demo, Beta o Gioco sperimentale[modifica | modifica wikitesto]

La modalità Demo è una versione di prova di Minecraft disponibile gratuitamente e utilizzabile con il solo account Mojang sul sito: questa versione permette di giocare soltanto in modalità Sopravvivenza e nello speciale mondo dimostrativo che viene generato sempre con lo stesso seme. Si può giocare per un massimo di 100 minuti per mondo. Una volta scaduti, il giocatore potrà continuare a giocare in Modalità Spettatore e perciò non potrà più interagire col mondo (solo per PC/Mac). Una volta scaricata la versione completa, la modalità Demo si eliminerà e il giocatore potrà eseguire tutte le azioni per quanto tempo vuole.

Minecraft Classic[modifica | modifica wikitesto]

In occasione del 10º anniversario dalla pubblicazione di Minecraft, è stata creata una versione online del gioco com'era nella versione Classic con "tutti gli amati bug originali e solo 32 blocchi con cui lavorare"[5].

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Creature[modifica | modifica wikitesto]

Cosplayer con il costume rappresentante un Creeper, uno dei mostri più comuni in Minecraft.

Le creature sono le entità animate presenti nel gioco e si dividono in varie categorie:

  • Ostili: Creature nemiche che possono infliggere danni al giocatore, ad esempio zombi, scheletri e creeper (creato da un bug). Gli zombi e gli scheletri hanno delle varianti, trovabili nel deserto, nelle pianure ghiacciate e negli oceani. Alcune creature ostili possono essere trovate solamente in determinati biomi, dimensioni o strutture come pesciolini d'argento, slime, phantom o endermite. Tra le creature ostili si trovano gli illici, ossia villici ostili che vengono generati nella Dimora della Foresta. Ci sono tre tipi di illici: evocatore, difensore e illusionista (quest'ultimo generabile solo tramite comandi). L'evocatore può generare dei piccoli spiritelli chiamati vex; infine ci sono i predoni con le loro bestie che distruggono e saccheggiano i villaggi uccidendo anche i villici al loro interno;
  • Neutrali: Creature pacifiche che possono divenire ostili in determinate circostanze, ad esempio lupi, lama, uomini maiale zombi, Enderman, ragni, delfini, panda e api;
  • Passive: Creature pacifiche che popolano il mondo e che possono essere utili al giocatore, ad esempio i polli, le mucche, i maiali, i gattopardi, i pipistrelli e le pecore. Molte creature passive sono utili perché se uccise possono dare del cibo. Particolarmente utili sono le tartarughe (con i cui gusci si può creare un elmetto e distillare una pozione), le pecore con la cui lana si può creare il letto e i pesci catturabili con un secchio d'acqua;
  • Di utilità: creature generabili dal giocatore per scopi difensivi o per creare farm, ad esempio i Golem di Ferro e di Neve e molte creature passive;
  • Boss: Creature evocabili o trovabili in altre dimensioni che, alla morte, rilasciano oggetti unici e ingenti quantità di punti esperienza, ad esempio il Drago dell'End o il Wither. Alcuni giocatori considerano tali anche i guardiani antichi, trovabili nei templi sottomarini;
  • Addomesticabili: creature che possono essere addomesticate e rese utili per il giocatore, come il lupo (che si trova nella taiga), il gatto (trovabile nella giungla), il pappagallo (anch'esso trovabile nella giungla), il cavallo (cavalcabile con una sella), l'asino (anch'esso cavalcabile con una sella) e il lama (cavalcabile con un tappeto ma non controllabile);
  • Fiduciose: creature che, se nutrite o fatte accoppiare dal giocatore, gli concederanno la loro fiducia. Gran parte delle creature passive possiede questa caratteristica, ma la volpe si differenzia da loro per il fatto che solo i cuccioli nati da un accoppiamento artificiale si fideranno del giocatore, e ciò si limita al non scappare vedendolo, non (come per le altre creature fiduciose) al seguirlo;
  • Difensive: esiste solo una creatura difensiva nel gioco ed è il pesce palla. Esso ha la funzione di attaccare, non perché è ostile, ma appunto solo per difendersi;
  • Villici: creature utili con cui il giocatore può scambiare oggetti. Ce ne sono vari tipi e a ogni tipo è associata una professione e un colore della tunica e del grembiule: villici vestiti di marrone (Agricoltore, Pastore, Fabbricatore di frecce, Pescatore); di viola (Chierico); di bianco (Bibliotecario e Cartografo); villici dal grembiule nero (Fabbro d'Attrezzi, Corazzaio e Armaiolo), villici dal grembiule bianco (Macellaio e Cuoiaio) e villici vestiti di verde che non commerciano. Cliccando con il tasto destro, si apre un'interfaccia che permette di commerciare. Inoltre c'è il Villico Zombi, un villico che è stato contaminato da uno zombi, ma può essere curato con una pozione di debolezza lanciabile e una mela d'oro. I villici, alla morte, non rilasciano né esperienza né oggetti.

Incantamento[modifica | modifica wikitesto]

In Minecraft gli Incantesimi sono principalmente utilizzati nella modalità Sopravvivenza. Vengono usati per potenziare e dare effetti aggiuntivi a utensili, oggetti, armi e armature. Ad esempio, Aspetto di Fuoco può essere applicato alla spada e fa bruciare il mostro o il player attaccato, mentre Contraccolpo lo spinge via. Gli incantesimi sono molti e tutti diversi fra loro; essi hanno vari livelli che aumentano l'efficacia dell'incantesimo. Ogni incantesimo ha un livello massimo (che varia da incantesimo ad incantesimo). L'incantesimo Ripristino è uno dei più ambiti, poiché permette di auto-riparare gli oggetti tramite l'esperienza acquisita dal giocatore. Per aggiungere un incantesimo ad un oggetto, bisogna avere a disposizione dell'esperienza. Gli oggetti possono avere più di un incantesimo ma alcuni non sono cumulabili.

Minerali[modifica | modifica wikitesto]

Una delle componenti vitali di Minecraft è la raccolta di risorse sparse per il mondo, oltre a poter fabbricare blocchi da costruzione, infatti, il giocatore dovrà cercare minerali e metalli di rarità e potenza crescente per fabbricare armi e attrezzi sempre più durevoli, capaci di garantire l'accesso ad ulteriori risorse. Il minerale più raro è lo smeraldo trovabile solo nel bioma Colline Estreme. Il suo uso principale è il commercio con i Villici.

Pozioni[modifica | modifica wikitesto]

La distillazione è il processo della creazione delle pozioni, tramite l'aggiunta di vari ingredienti alle ampolle d'acqua in un alambicco.[6] Esse possono essere usate per creare delle Frecce imbevute di Pozioni, e sono di tre tipi: Standard, Lanciabile e Permanente (simile a una Lanciabile, solo che le particelle rimangono più a lungo). Per creare qualsiasi pozione occorre la pozione strana, che è la base di tutte le pozioni utili presenti nel gioco, ottenuta con le Verruche del Nether. Le pozioni in Minecraft si dividono in Pozioni Utili (Pozione di Salute Istantanea, di Apnea, ecc.) e Pozioni Dannose (Pozione di Danno Istantaneo, di Veleno, ecc.). Le Pozioni di Avvizzimento e Fortuna (e le rispettive Frecce) sono disponibili solo in Modalità Creativa. Le pozioni hanno vari livelli di potenziamento dalle versioni base, che necessitano però ingredienti diversi ed a volte molto rari da trovare, come la Luminite e la Pietrarossa.

Biomi[modifica | modifica wikitesto]

I biomi sono le varie zone climatiche e l'insieme di ecosistemi che compongono il mondo. Sono contraddistinti da caratteristiche specifiche come l'altitudine, la vegetazione, creature specifiche ed il colore di alcuni blocchi. Alcune caratteristiche dei biomi vengono determinate dalla temperatura.

Le differenze tra biomi principali possono essere colte da alcune caratteristiche, come il colore dell'erba e delle foglie, i tipi di alberi presenti, insieme ai tipi di blocchi come la sabbia, la presenza di vari tipi di creature e l'altitudine oltre la quale potrà nevicare. Esistono anche dei biomi tecnici, come il fiume, usati come confine o transizione tra un bioma e l'altro, o per introdurre alcune caratteristiche extra a un bioma principale. Sono presenti biomi anche all'interno degli oceani. Ogni tipo di bioma ha un proprio numero che lo distingue da un altro. Questi numeri servono per creare un mondo superpiatto personalizzato.

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

Nel mondo di Minecraft è possibile trovare numerosi tipi di strutture generate automaticamente dal gioco, tra cui piramidi del deserto, templi della Giungla, miniere abbandonate, roccaforti sotterranee (contenenti il portale dell'End), templi sottomarini, dimore della foresta, torri dei predoni e villaggi (che variano da bioma a bioma). Queste strutture spesso contengono mostri, ostacoli e trappole di vari tipi e bauli contenenti oggetti rari e utili. Anche negli oceani sono presenti strutture come rovine sommerse e relitti di navi, trovabili ribaltati, capovolti o dritti.

Combattimento[modifica | modifica wikitesto]

Minecraft offre anche un sistema di Combattimento (o PvP, acronimo di "Player versus Player") che consente di indossare Armature protettive (composte di vari materiali), e di attaccare con armi come spade, asce, archi, tridenti e con qualsiasi altro oggetto. Nell'aggiornamento 1.9 questo sistema è stato aggiornato, introducendo un indicatore sotto il cursore che rappresenta il tempo di ricarica di ogni attacco. Esso dipende dall'oggetto usato per attaccare e nel caso in cui non si sia ricaricato completamente, il danno effettuato sarà minore. L'aggiornamento 1.9, inoltre, ha anche implementato un nuovo slot dell'inventario che permette di usare la mano sinistra per impugnare un secondo oggetto. In questo modo, il giocatore può alternare l'uso di due armi differenti (come la spada e l'arco) senza dover ogni volta cambiare slot. La seconda mano è molto utile anche per impugnare uno scudo o per scegliere quali tipi di frecce usare. È frequente che tenere nella mano secondaria le mele d'oro, il cibo, le torce o il piccone. Questo slot originariamente era pensato per ospitare lo scudo, che permetterà di bloccare gli attacchi nemici e deflettere alcuni tipi di proiettili. È stato pressoché confermato che, nell'aggiornamento 1.15, il combattimento subirà delle modifiche.

Molti server multigiocatore, inoltre, presentano delle "Arene PvP", delle strutture create ad hoc per i combattimenti tra giocatori, che molto spesso utilizzano il sistema PvP utilizzato fino alla versione 1.8.

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Mondo principale (Overworld): è la dimensione base dove il giocatore appare dopo la generazione del mondo dove in genere avviene la maggior parte del gioco. Nel Mondo principale si trovano quasi tutti i biomi del gioco, nonché molte strutture generate contenenti tesori e creature di vario genere, oltretutto è l'unico luogo dove si possono trovare o costruire i portali per le altre dimensioni.
  • Nether: si tratta di una dimensione alternativa al Mondo principale, decisamente più cupa e piena di pericoli. Si raggiunge tramite un portale di ossidiana costruibile dal giocatore. Al suo interno possono essere trovate delle risorse, come il quarzo, e strutture specifiche, tra cui le Fortezze del Nether, contenenti creature ostili come il Ghast e oggetti rari come la luminite. In particolare, gli Scheletri wither rilasciano dei teschi, usabili per evocare un boss. Percorrere un blocco nel Nether equivale a percorrere otto blocchi nell'Overworld. Inoltre nel nether non si può piazzare l'acqua e nemmeno dormire.
  • End: è la dimensione finale del gioco, dove si trova il Drago dell'End. Raggiungibile solo tramite un portale all'interno di roccaforti sotterranee (stronghold) nel mondo principale, si presenta come un'isola circondata dal vuoto ed è popolata dagli Enderman. Lo scopo del viaggio in questa dimensione è sconfiggere il Drago dell'End. Dopo la sua uccisione, viene generato sia un nuovo portale per l'Overworld, sia un varco che conduce a delle isole sospese (per entrare nel varco si dovrà usare un enderpearl, poiché il portale è sospeso in aria). Queste isole sono strutturate in maniera simile all'isola iniziale. Sulle isole, oltre alle piante corali, si possono trovare le Città dell'End, controllate dai potenti shulker, e le navi, sulla cui prua si trova la testa del Drago mentre all'interno si trovano le Elitre, usate per planare e volare.

Creazioni di utenti[modifica | modifica wikitesto]

Cosplayer con un costume rappresentante Steve, il protagonista

Gli utenti del gioco possono creare molte modalità di gioco che differiscono dai classici mondi giocatore singolo:

Mod[modifica | modifica wikitesto]

Le mod aggiungono nuove modalità di gioco, blocchi, strumenti, mob e molto altro (ma a differenza delle altre creazioni DLC necessitano di un "mod loader" come Minecraft Forge).[7]

Minecraft Forge[modifica | modifica wikitesto]

Minecraft Forge è un framework per mod e mod loader gratuito e open source creato per semplificare la compatibilità tra le mod. Forge provvede non solo l'accesso ad un API per l'interazione con il codice sorgente di Minecraft ma anche una serie di librerie aggiuntive per l'integrazione tra mod per le funzioni più comuni (es: networking, energia o secchi per raccogliere i liquidi).

L'interazione con il software di Minecraft, proprietario e quindi compilato e offuscato, avviene attraverso l'uso di un tool denominato Mod Coder Pack che provvede all'utilizzo di riflessioni e mapping per accedere al codice offuscato e renderlo poi disponibile al framework.

Pacchetti di risorse[modifica | modifica wikitesto]

I pacchetti di risorse sono usati per modificare texture dei blocchi, suoni, caratteri e musiche. Nelle prime versioni erano chiamati "pacchetti grafici", poiché permettevano di modificare solo le texture. Nel 20 Dicembre 2014, la Mojang lancia Skin-studio per modificare la skin del personaggio.[8]

Custom map[modifica | modifica wikitesto]

Le custom map sono mappe create dagli utenti, contenenti regole, obiettivi, puzzle ed enigmi. Varianti di queste possono essere i minigiochi. Negli ultimi aggiornamenti gli sviluppatori dedicano parte del loro lavoro a caratteristiche adatte ai creatori di custom map e di minigiochi[9].

Anche le versioni per console, Pocket Edition e Windows 10 Edition supportano DLC, che possono essere acquistati tramite l'Xbox Live Marketplace su Xbox 360 e Xbox One, il PlayStation Network su PS3, PS4 e PS Vita, il Nintendo eShop su Wii U e Nintendo Switch e sul Minecraft Marketplace su Pocket Edition e Windows 10 Edition[10]. Questi pacchetti contengono skin (costumi) aggiuntivi e resource pack[11].

Minigiochi nei server multigiocatore[modifica | modifica wikitesto]

I principali server multigiocatore propongono molti minigiochi. Fra i più giocati ci sono gli Hunger games (o Survival games). Questa modalità è ispirata all'omonimo film. I giocatori devono uccidersi a vicenda e sopravvivere con l'ausilio di armi, armature e cibo reperibili in bauli sparsi per la mappa o fabbricati dal giocatore stesso. Possono essere giocati in squadre o da soli. Il gioco in genere segue l'idea del film, cioè tutti i giocatori partono dal centro, dove ci sono dei bauli e a quel punto, da quando parte il timer fino a un momento stabilito, o a un certo numero di giocatori morti, parte un deathmatch che termina con la vittoria di un partecipante. Un altro celebre minigioco prende il nome di SkyWars. È una modalità di gioco a eliminazione su isole volanti. Ogni giocatore ha la propria isola volante che presenta dei bauli contenenti oggetti utili. Al centro c'è l'isola più grande contenente molti altri bauli. Con i materiali ricavati bisogna eliminare gli altri giocatori spostandosi in diverse isole. L'ultimo giocatore/team in gara è il vincitore.

La leggenda di Herobrine[modifica | modifica wikitesto]

Herobrine, o Lord Herobrine, è il soggetto di un creepypasta creato dalla community di Minecraft. I suoi nemici sono Steve (il protagonista di Minecraft), Entity303 (un'altra entità) e Null, un'entità che rappresenta il vuoto. Herobrine appare come un fantasma all'interno del gioco, viene descritto in modo simile a Steve, ma con gli occhi completamente bianchi, senza pupille. Nonostante Notch abbia smentito la sua esistenza, la sua popolarità è diventata talmente grande che la Mojang l'ha citato scherzosamente in diverse occasioni; ad esempio in fondo all'elenco delle nuove caratteristiche in occasione della distribuzione di quasi tutte le versioni di gioco si può leggere:

«Removed Herobrine[12][13]»

Il 31 agosto 2011, Daniel Kaplan, sviluppatore del gioco, ha affermato: «Ok ok. Per essere onesti, Herobrine non è mai esistito. È stato solamente un rumor iniziato da qualcuno e ci hanno fatto sopra una mod»[14].

Successivamente, anche Markus Persson ha smentito la sua esistenza: «Ricevo tantissimi tweet ed email riguardanti Herobrine. Non ho un fratello morto, non è mai stato inserito nel gioco. Non è reale. Non lo è mai stato»[15].

Gli utenti hanno anche chiesto se, in futuro, Herobrine potrà essere introdotto nel gioco, ma Nathan "Dinnerbone", uno degli sviluppatori del gioco ha dichiarato: «Nessuno di noi ha intenzione di aggiungere Herobrine. Dubito che cambieremo idea in futuro»[16].

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

L'origine del nome Minecraft

Inizialmente, il gioco si chiamava The Cave Game.[17] Successivamente Markus Persson gli diede il nome Minecraft: Order of the Stone (in italiano, Minecraft: L'ordine della pietra), ispirandosi al fumetto umoristico The Order of the Stick.[18] Il nome è stato poi cambiato in Minecraft perché più breve.[19]

Minecraft: Java Edition[modifica | modifica wikitesto]

Versione Data rilascio Note
Pre-classic 10 maggio 2009
Classic 17 maggio 2009
Indev 23 dicembre 2009
Infdev 27 febbraio 2010
Alpha 29 giugno 2010
Beta 20 dicembre 2010 [20]
Versione completa 18 novembre 2011 La versione completa è stata annunciata e distribuita durante il MineCon[21].

Dal rilascio della versione completa ci sono stati 14 grandi aggiornamenti. Prima di una versione definitiva, vengono rilasciati gli snapshot. Essi sono versioni di prova che aggiungono funzioni presenti nella futura versione. Essi sono spesso instabili e ricchi di bug e a volte possono rovinare dei vecchi mondi generati con essi.

Minecraft Pocket Edition e Bedrock Edition[modifica | modifica wikitesto]

Nel 16 agosto 2011, la Mojang, informa che vi è una versione per cellulari in progetto.[22]

Il 17 agosto 2011 è stata pubblicata la versione per l'Xperia Play e, poco dopo, è arrivata anche su Google Play Store per Android. Inoltre, il 17 novembre 2011 è approdato su App Store e il 10 dicembre del 2014 su Windows Phone Store.

Altre edizioni[modifica | modifica wikitesto]

La versione per Xbox 360 è disponibile a partire dal 9 maggio 2012, quella per PlayStation 3 dal 17 dicembre 2013, invece quella per PlayStation 4 dal 4 settembre 2014, mentre il giorno successivo la versione per Xbox One[23], la versione per PlayStation Vita il 14 ottobre 2014, la versione per Wii U il 18 settembre 2011 e la versione più recente che è quella per Nintendo Switch il 21 giugno 2018. I 4J Studios, un altro team di sviluppo, si è occupato di tutte le versioni per le Console[24].

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Minecraft (colonna sonora).

La colonna sonora è stata scritta dall'artista di musica electronic/ambient C418. Il 4 marzo 2011 è stato pubblicato il primo album Minecraft - Volume Alpha, contenente varie tracce presenti nel gioco.[25][26] Successivamente il 9 novembre 2013 è stato pubblicato un secondo album con nuovi brani inediti ed i pezzi musicali dei dischi del jukebox, Minecraft - Volume Beta.[27]

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

Queste sono le ultime versioni disponibili per le varie versioni di Minecraft[28]:

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Vendite[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º luglio 2011 gli utenti registrati al gioco hanno superato i 10 milioni.[31]

Il 28 aprile 2013 Minecraft-Pocket Edition ha raggiunto le 10 milioni di vendite.[32]

Il 25 gennaio 2014 la versione PS3 di Minecraft ha superato il milione di download.[33]

Peluche di Minecraft

LEGO Minecraft[modifica | modifica wikitesto]

Costruzione creata usando i set LEGO ispirati a Minecraft

A partire dal 6 giugno 2012 la LEGO ha prodotto e distribuito dei set ispirati a Minecraft[34], rappresentanti l'ambiente di Minecraft[35], un Villaggio NPC e il Nether[36].

Film[modifica | modifica wikitesto]

Il 23 dicembre 2012 la 2PlayerProductions ha realizzato un film documentario su Minecraft dal titolo Minecraft: The Story of Mojang.[37] Per produrre il film sono stati necessari 210.000 dollari (circa 160.000 euro) raccolti sul sito Kickstarter.com.[38] Il film racconta del primo anno di attività dell'azienda, nonché del successo del gioco e delle sue applicazioni[39].

Notch ha annunciato in un tweet una collaborazione con la Warner Bros. per un film ispirato a Minecraft, poco dopo che quest'ultimo ebbe raggiunto i 100 milioni di utenti registrati, tuttavia la Warner Bros. poco dopo ha temporaneamente rinunciato al progetto a seguito di dispute con gli sviluppatori. In seguito la Warner Bros. ha deciso di riavviare il progetto e la data di uscita del film era prevista per 24 maggio 2019[40]. Il 16 aprile, in un post sul sito ufficiale di Minecraft, è stata posticipata la data di uscita, che ora è fissata al 22 maggio 2022. Nello stesso post è stata confermata la collaborazione con la Warner Bros. ed è stato annunciato che il regista sarà Peter Sollett[41].

Libri[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 novembre 2013 è stato pubblicato un libro su Minecraft intitolato Minecraft: The Unlikely Tale of Markus "Notch" Persson and the Game that Changed Everything (in italiano Minecraft: La storia di Markus "Notch" Persson e del gioco che ha cambiato tutto)[42][43][44].

Sono anche stati pubblicati dei libri ufficiali, di cui segue un elenco:

  • Minecraft: L'isola (Minecraft: The Island) di Max Brooks e Minecraft: Lo scontro (Minecraft: The Crash) di Tracey Baptiste, due libri di narrativa;
  • Minecraft: Guida alla redstone (Minecraft: Guide To Redstone), Minecraft: Guida al Nether e all'End (Minecraft: Guide To The Nether and The End), Minecraft: Guida alla creatività (Minecraft: Guide To Creative), Minecraft: Guida all'esplorazione (Minecraft: Guide to Exploration), Minecraft: Guida ai minigiochi PVP (Minecraft: Guide To PVP Minigames), Minecraft: Guida a incantesimi e pozioni (Minecraft: Guide To Enchantments and Potions) e Minecraft: Guida al farming (Minecraft: Guide To Farming) le sette guide ufficiali;
  • Minecraft: Mobestiary (letteralmente, bestiario delle creature), una guida alle creature di Minecraft;
  • Minecraft: I segreti dei sopravvissuti (Minecraft: The Survivor's Book of Secrets);
  • Minecraft: Fortezza medievale (Exploded Builds: Medieval Fortress), che contiene le istruzioni per costruire una fortezza medievale.[45][46]

Di Minecraft sono stati anche pubblicati libri da utenti che spiegano le regole o il funzionamento di oggetti/materiali; per esempio guide alla Pietrarossa (Redstone), ai combattimenti, alla costruzione o alla Sopravvivenza, Dei fan hanno anche scritto libri come i racconti in forma di diario di Wimpy Steve.[47]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

La versione per PC di Minecraft è stata accolta positivamente dalla critica. Il gioco è stato elogiato per la libertà creativa che concede ai giocatori sul mondo, così come la facilità di consentire un gameplay emergente. I critici hanno lodato Minecraft per il complesso sistema di Crafting, commentando che si tratta di un aspetto importante per i Machinima. La maggior parte delle recensioni è rimasta colpita dalla grafica a blocchi, IGN la descrive come "immediatamente memorabile". Altri recensori hanno sottolineato che il gioco crea un buon equilibrio tra l'esplorazione e la costruzione, lodando anche gli elementi d'avventura del gioco. La funzione Multiplayer è stata generalmente accolta favorevolmente: IGN commenta che "l'avventura migliore è quella in compagnia", tuttavia definisce "fastidiosi" i numerosi problemi legati alla creazione dei server Multiplayer.

Molti recensori hanno criticato la mancanza di un tutorial o di istruzioni nelle versioni per PC, dettaglio che rende difficile ai nuovi giocatori imparare a giocare. Prima della versione 1.0.0 i critici avevano anche osservato numerosi difetti visivi che si verificano periodicamente. Il sito GameSpot ha sostenuto che il gioco ha un "tocco non finito", aggiungendo che "alcuni elementi di gioco sembrano incompleti o gettati insieme frettolosamente".

Una recensione della versione alfa, da parte di Scott Munro del Daily Record, l'ha definita "qualcosa di speciale" e ha invitato i lettori ad acquistarla. Jim Rossignol di Rock, Paper, Shotgun ha anch'esso raccomandato la versione alfa del gioco, definendolo "una sorta di generativa 8-bit LEG stalker".

La versione Xbox 360 è stata generalmente accolta positivamente dalla critica, ma non quanto la versione per PC. I recensori si sono lamentati della mancanza di caratteristiche come il supporto mod e il contenuto della versione PC, ma hanno acclamato la creazione di un tutorial in-game, di consigli e delle ricette per creare strumenti, dicendo che rendono il gioco più facile da usare.

Minecraft - Pocket Edition ha ricevuto recensioni contrastanti; la critica ha apprezzato i comandi intuitivi del gioco, ma è rimasta delusa dalla mancanza di contenuti. Prima della versione alfa 0.8.1, che ha aggiunto numerosi blocchi e tutti i mob aggressivi, veniva criticata la mancanza di mob ostili e il numero ridotto di blocchi. Fino ad una certa versione non era apprezzata la schermata iniziale. Dopo la versione 0.9.0 sono stati aggiunti numerosi nuovi blocchi e il mondo infinito.

Punteggi aggregati
Aggregator Punteggio
GameRankings 92,79% (PC)[48] 83,63% (Xbox 360)[49] 56.00% (Pocket Edition)[50]
Metacritic 93/100 (PC)[51] 82/100 (Xbox 360)[52] 53/100 (Pocket Edition)[53]
Recensione punteggi
Pubblicazione Punteggio
1UP.com A + (PC)[54]
Edge (rivista) 9/10 (PC)[55]
Eurogamer 10/10 (PC )[56] 9/10 (Xbox 360)[57]
Game Informer 9.25/10 (PC)[58] 8.75/10 (Xbox 360)[59]
GameSpot 8.5/10 (PC)[60] 7.0/10 (Xbox 360)[61]
GameSpy 5 stelle su 5 (PC)[62]
IGN 9.0/10 (PC)[63] 8.5/10 (Xbox 360)

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di luglio 2010, Minecraft è stato dichiarato da PC Gamer come il quarto miglior gioco da giocare al lavoro.[64] Nel mese di dicembre Good Game ha premiato il gioco come "miglior gioco scaricabile del 2010"[65], Gamasutra l'ha valutato l'ottavo miglior gioco dell'anno,[66] nonché l'ottavo miglior gioco indie dell'anno,[67] infine Rock, Paper, Shotgun l'ha definito "miglior gioco dell'anno".[68] Anche PC Gamer UK l'ha definito "miglior gioco dell'anno per PC",[69] mentre Indie DB lo definisce "miglior gioco indie dell'anno", premiandolo anche di "Gioco più innovativo" e "Miglior gioco singleplayer indie".[70]

Nel mese di marzo 2011, il gioco è stato premiato ai "Seumas McNally Grand Prize" con i premi "Technical Excellence" e "Excellence in Design", inoltre ha vinto il premio "Audience" all'Indipendent Games Festival.[71][72] Il 5 maggio lo Smithsonian American Art Museum l'ha inserito, insieme ad altri 80 giochi, nella mostra "The Art of Video Games"[73] inaugurata il 16 marzo 2012.[74] Al "Spike Video Game Awards" è stato premiato come "Miglior gioco per PC" e "Miglior gioco indipendente".[75][76]

Nel 2012, ai British Academy Video Games Awards, Minecraft fu candidato come miglior gioco dell'anno, mentre Markus Persson ricevette un premio speciale.[77][78] Nel mese di ottobre la versione per Xbox 360 ricevette il premio "Joystick d'oro" come miglior gioco scaricabile.[79] Il mese successivo questa versione vinse il premio "miglior gioco arcade 2012".[80]

MineCon[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: MineCon.

Il "Mine Con" (abbreviazione di MinecraftCon) è il convegno annuale ufficiale su Minecraft organizzato dalla Mojang. Il primo MineCon si tenne il 31 agosto 2010 a Bellevue.[81] Dal 2017, gli organizzatori hanno deciso di tenere l'evento senza possibilità di vederlo dal vivo ma trasmettono l'evento sul canale YouTube di Mojang. Per questo, dal 2017 il nome della conferenza è Minecon Earth.

Nome Luogo Città Data Partecipanti
1 MineCon 2010 - Bellevue[81] 31 agosto 2010 50
2 MineCon 2011 Mandalay Bay Las Vegas[21] 18 novembre 2011 5000
3 MineCon 2012 Disneyland Paris Parigi[82] 24-25 novembre 2012 Oltre 7000
4 MineCon 2013 - Orlando[83] 2-3 novembre 2013 Oltre 7500
5 MineCon 2015 - Londra 4-5 luglio 2015 Ca. 10000
6 MineCon 2016 Anaheim Convention Center California[84] 24-25 luglio 2016 12000
7 MineCon Earth 2017 - Online 18 novembre 2017 -
8 MineCon Earth 2018 Boston, Massachusetts, Stati Uniti Online 29 settembre 2018 -
9 MineCon Live 2019 Orlando, Florida Online 28 settembre 2019 400.000ca (in live)
10 Minecraft Festival 2020 - Online 27-29 settembre 2020[85] -

Spin-off[modifica | modifica wikitesto]

Minecraft: Story Mode[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Minecraft: Story Mode.

A partire dal 13 ottobre 2015 viene pubblicato uno spin-off intitolato Minecraft: Story Mode, sviluppato dalla Telltale Games in collaborazione con la Mojang:[86] il titolo è suddiviso in otto episodi narranti gli avvenimenti di un gruppo di personaggi che costituiscono il secondo Ordine della Pietra. Sono usciti tutti gli episodi della prima serie. Ad agosto 2017, è cominciato il roll-out della seconda serie, di cui sono usciti tutti i 5 episodi.

Minecraft: Education Edition[modifica | modifica wikitesto]

A gennaio del 2016, Microsoft annunciò un nuovo strumento per l'istruzione tramite i videogiochi, chiamato Minecraft: Education Edition, ufficialmente venne pubblicato il 1º novembre dello stesso anno in molte aule di tutto il mondo per insegnare materie che variano dalle arti alle poesie. Esso infatti è progettato specificamente per un uso scolastico, il quale offre agli insegnanti tutti gli strumenti di cui necessitano per utilizzare al meglio le potenzialità che possiede Minecraft.

Il concetto principale è lo stesso, un mondo sandbox aperto a chiunque. I personaggi degli studenti in Education Edition sono in grado di salvare ogni cosa, di fatto gli stessi studenti possono scaricarsi a casa il gioco, senza dover acquistare la versione base del gioco. Infine la grande differenza che si manifesta è che i ragazzi possono scattare foto nel gioco tramite un item, chiamato fotocamera. Questi scatti vengono memorizzati in un taccuino online. Questi notebook online possono essere condivisi tra studenti.

Education Edition riporta alcune collaborazioni con altri editori per portare i contenuti all'interno del videogioco. Houghton Mifflin Harcourt ha sviluppato una versione completa di The Oregon Trail in Education Edition, mantenendo le caratteristiche del gioco originale e aggiungendo al contempo nuove attività educative. Gli utenti che avviano la Edizione Bedrock possono attivare le funzionalità di Education Edition nella sezione delle opzioni di gioco.

Minecraft: Dungeons[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Minecraft: Dungeons.

Il 29 settembre 2018, durante il Minecon Earth 2018, viene annunciato lo sviluppo di Minecraft: Dungeons presso lo studio di Stoccolma.[87] Ispirato ai classici "dungeon crawler", il gioco usa la grafica di Minecraft ma si basa sull'esplorazione di sotterranei e sul combattimento, sia in modalità singola che multiplayer. Si attende la pubblicazione nel 2019, solo su PC.

Minecraft: Earth[88][modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Minecraft Earth.

Il 17 maggio 2019, giorno del decimo anniversario di Minecraft, viene rilasciato il primo trailer dell'app per Android e iOS chiamata Minecraft Earth. La data di uscita è ancora sconosciuta. Il gioco sarà basato sull'utilizzo di realtà aumentata attraverso la fotocamera del proprio smartphone, come visto dal video gameplay ufficiale.

Nome originale

Alle origini Minecraft si chiamava Cave Game, si trovava solo su PC: Linux[89] e Windows[90].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giorgio Melani, Minecraft arriva su Wii U il 17 dicembre 2015, su Multiplayer.it, 7 dicembre 2015. URL consultato il 26 febbraio 2016.
  2. ^ Tommaso Pugliese, Minecraft - Minecraft debutterà su Nintendo Switch il 12 maggio, su Multiplayer.it, 13 aprile 2017. URL consultato il 13 aprile 2017.
  3. ^ Il mondo a cubi, in Play Generation, nº 68, Edizioni Master, luglio 2011, p. 79, ISSN 1827-6105 (WC · ACNP).
  4. ^ (EN) Vikki Blake, Minecraft has 55 Million Monthly Players, 122 Million Sales, su IGN, 27 febbraio 2017. URL consultato il 1º agosto 2018.
  5. ^ 10° anniversario, su Minecraft.net, 6 maggio 2019. URL consultato il 9 maggio 2019.
  6. ^ Distillazione, su Gamepedia, Gamepedia. URL consultato il 5 marzo 2016.
  7. ^ (EN) Matt Peckham, The 10 Best Minecraft Mods, in Time, Time Inc., 8 maggio 2012. URL consultato il 5 marzo 2016.
  8. ^ (EN) Owen, Minecraft skin-studio now available, su mojang, mojang, 20 dicembre 2014. URL consultato il 20 dicembre 2014.
  9. ^ (EN) Phil Savage, The 40 best Minecraft custom maps, su PC Gamer, Future plc, 1º gennaio 2015. URL consultato il 5 marzo 2016.
  10. ^ Minecraft Marketplace, su Minecraft.net. URL consultato il 25 settembre 2017.
  11. ^ (EN) Steve Watts, Minecraft XBLA adding DLC costumes, su Shacknews, GameFly, 3 luglio 2012. URL consultato il 4 novembre 2012.
  12. ^ (EN) Minecraft 1.2.5 prerelease, su mojang.com, 30 marzo 2012. URL consultato il 1º maggio 2014.
  13. ^ (EN) Jens Bergensten, Minecraft 1.8 Pre-release 3 – The Bountiful Update, su Mojang, 22 agosto 2014. URL consultato il 18 maggio 2015.
  14. ^ (EN) Tweet di Daniel Kapplan, su Twitter, 31 agosto 2011. URL consultato il 26 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 4 giugno 2016).
  15. ^ (EN) Tweet di Markus Persson, su Twitter, 26 maggio 2012. URL consultato il 26 febbraio 2016.
  16. ^ (EN) Tweet di Nathan Adams, su Twitter, 22 agosto 2012. URL consultato il 26 febbraio 2016.
  17. ^ (EN) Markus Persson, Cave Game tech demo!, su The Word of Notch, 13 maggio 2009. URL consultato il 1º settembre 2013.
  18. ^ (EN) Markus Persson, Minecraft: Order of the Stone, su The Word of Notch, 14 maggio 2009. URL consultato il 1º settembre 2013.
  19. ^ (EN) Markus Persson, Yeah, that’s the logo. Amazing stuff!(primo logo), su The Word of Notch, 17 maggio 2009. URL consultato il 1º settembre 2013.
  20. ^ (EN) Who made this thing?, su Mojang.com. URL consultato il 13 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 13 luglio 2013).
  21. ^ a b (EN) Minecon 2011, su Mojang.com, 10 agosto 2011. URL consultato il 12 luglio 2013.
  22. ^ (EN) Owen, Hello Pocket Edition, in mojang, 16 agosto 2011. URL consultato il 16 agosto 2011.
  23. ^ Acquista Minecraft: Xbox One Edition - Microsoft Store Italia, su Microsoft Store. URL consultato il 1º luglio 2017.
  24. ^ (EN) 4J studios, su 4J studios. URL consultato il 13 luglio 2013.
  25. ^ (EN) Crediti, su Mojang.com. URL consultato il 13 luglio 2013.
  26. ^ (EN) Daniel Rosenfeld, Minecraft-Volume Alpha, su c418.bandcamp.com, 4 marzo 2011. URL consultato il 13 luglio 2013.
  27. ^ (EN) Kirk Hamilton, Il miglior gioco musicale del 2011: Minecraft, su Kotaku. URL consultato il 5 ottobre 2013.
  28. ^ Aggiornato il 28 settembre 2019
  29. ^ https://minecraft.net/en-us/article/new-nintendo-3ds-update
  30. ^ a b c d https://minecraft.net/en-us/article/update-aquatic-coming-legacy-console-editions
  31. ^ (EN) Notch, 10m, in Tumblr, 1º luglio 2011. URL consultato il 12 giugno 2012.
  32. ^ (EN) Daniel Kaplan, 10 million copies of Minecraft – Pocket Edition sold!, su Mojang.com, 29 aprile 2013. URL consultato il 18 luglio 2013.
  33. ^ La versione PS3 di Minecraft supera il milione di download, in Z-Giochi.com. URL consultato il 15 novembre 2016.
  34. ^ (EN) LEGO Minecraft, su lego.cuusoo.com, 5 dicembre 2011. URL consultato il 18 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 25 luglio 2013).
  35. ^ (EN) Minecraft, su shop.lego.com. URL consultato il 18 luglio 2013.
  36. ^ (EN) Matt Clark, LEGO Announces New 'Nether' and 'Village' Minecraft Sets at SDCC, su IGN, 17 luglio 2013. URL consultato il 18 luglio 2013.
  37. ^ (EN) Minecraft-The story of Mojang (sito ufficiale), su minecraftstoryofmojang.com. URL consultato il 1º settembre 2013.
  38. ^ (EN) 2PlayerProductions, su kickstarter.com. URL consultato il 1º settembre 2013.
  39. ^ (EN) Matt Hawkins, Minecraft: The Story of Mojang: The Kotaku Review, su Kotaku, 21 dicembre 2012. URL consultato il 1º settembre 2013 (archiviato dall'url originale il 16 settembre 2018).
  40. ^ In arrivo il film di Minecraft?, in Minecraft ITALIA, 28 ottobre 2014. URL consultato il 15 novembre 2016 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  41. ^ (EN) THE MINECRAFT MOVIE IS JUST AROUND THE CORNER, su Minecraft.net, 16 aprile 2019. URL consultato il 18 aprile 2019.
  42. ^ (EN) Steven Ruygrok, 'Minecraft: The game that changed everything' book coming in November, su Examiner, 17 aprile 2013. URL consultato il 1º settembre 2013.
  43. ^ (EN) Daniel Goldberg e Linus Larsson, Minecraft: The Unlikely Tale of Markus "Notch" Persson and the Game that Changed Everything, Seven Stories Press, 5 novembre 2013, ISBN 978-1-60980-538-8. URL consultato il 18 aprile 2019.
  44. ^ Daniel Goldberg e Linus Larsson, Minecraft. La storia di Markus «Notch» Persson e del gioco che ha cambiato tutto, Multiplayer Edizioni, 2015, ISBN 978-88-6355-296-6. URL consultato il 18 aprile 2019.
  45. ^ Official Minecraft Books!, su Minecraft.net, 19 dicembre 2018. URL consultato il 18 aprile 2019.
  46. ^ (EN) New Book Alert: The Crash, su Minecraft.net, 10 luglio 2018. URL consultato il 18 aprile 2019.
  47. ^ Books, su Wimpy Steve. URL consultato il 18 aprile 2019.
  48. ^ (EN) Recensione minecraft PC (GameRankings), su GameRankings. URL consultato il 21 agosto 2013.
  49. ^ (EN) Recensione minecraft Xbox 360 Edition (GameRankings), su GameRankings. URL consultato il 21 agosto 2013.
  50. ^ (EN) Recensione minecraft Pocket Edition (GameRankings), su GameRankings. URL consultato il 21 agosto 2013.
  51. ^ (EN) Minecraft per PC, su Metacritic, CBS Interactive Inc..
  52. ^ (EN) Minecraft per Xbox 360, su Metacritic, CBS Interactive Inc..
  53. ^ (EN) Minecraft Pocket Edition, su Metacritic, CBS Interactive Inc..
  54. ^ (EN) Scott Sharkey, Recensione minecraft PC (1UP.com), su 1UP.com, 21 novembre 2011. URL consultato il 21 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2013).
  55. ^ (EN) Minecraft review, su Edge, 28 novembre 2011. URL consultato il 21 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 22 gennaio 2013).
  56. ^ (EN) Alec Meer, Recensione minecraft PC (Eurogamer), su Eurogamer, 18 novembre 2011. URL consultato il 21 agosto 2013.
  57. ^ (EN) Oli Welsh, Recensione minecraft Xbox 360 (Eurogamer), su Eurogamer, 9 maggio 2012. URL consultato il 21 agosto 2013.
  58. ^ (EN) Adam Biessener, Recensione minecraft PC (Game Informer), su Game Informer, 22 novembre 2011. URL consultato il 26 febbraio 2016.
  59. ^ (EN) Jeff Cork, Recensione minecraft Xbox 360 (Game Informer), su Game Informer, 22 novembre 2011. URL consultato il 21 agosto 2013.
  60. ^ (EN) Nathan Meunier, Building, crafting, and adventuring doesn't get much better than in Minecraft., su GameSpot, 29 novembre 2011. URL consultato il 26 febbraio 2016.
  61. ^ (EN) Nathan Meunier, Less isn't more in this updated port of Mojang's indie sandbox hit., su Gamespot, 11 maggio 2012. URL consultato il 26 febbraio 2016.
  62. ^ (EN) Nathan Grayson, Minecraft review, su Gamespy, 22 novembre 2011. URL consultato il 21 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2013).
  63. ^ (EN) Anthony Gallegos, Minecraft review, su IGN, 25 novembre 2011. URL consultato il 26 febbraio 2016.
  64. ^ (EN) Jim Rossignol, 50 games to play at work, su pcgamer.com, 5 luglio 2010. URL consultato il 24 agosto 2013.
  65. ^ (EN) GG Awards 2010: Best Downloadable Game, su abc.net.au, 6 dicembre 2010. URL consultato il 24 agosto 2013.
  66. ^ (EN) Gamasutra's Best Of 2010: The Top 10 Games Of The Year, su gamasutra.com, 23 dicembre 2010. URL consultato il 24 agosto 2013.
  67. ^ (EN) Gamasutra's Best Of 2010: Top 10 Indie Games, su gamasutra.com, 17 dicembre 2010. URL consultato il 24 agosto 2013.
  68. ^ (EN) The Games Of Christmas ’10: Day 24, su rockpapershotgun.com, 24 dicembre 2010. URL consultato il 24 agosto 2013.
  69. ^ (EN) Minecraft – PC Gamer UK’s Game Of The Year, su pcgamer.com, 31 dicembre 2010. URL consultato il 24 agosto 2013.
  70. ^ (EN) 2010 Indie of the Year Awards, su indiedb.com. URL consultato il 24 agosto 2013.
  71. ^ (EN) Simon Carless, 2011 Independent Games Festival Reveals Main Competition Finalists, su IndieGames.com. URL consultato il 30 agosto 2013.
  72. ^ (EN) Minecraft, Amnesia Top Winners At 13th Annual IGF Awards, su Indipendent Game Festival. URL consultato il 30 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 18 novembre 2015).
  73. ^ (EN) Mike Epstein, The Smithsonian Has Picked the Games of Its Art of Video Games Exhibit, su Kotaku.com, 5 maggio 2011. URL consultato il 30 agosto 2013.
  74. ^ (EN) The Art of Video Games, su Smithsonian American Art Museum. URL consultato il 30 agosto 2013.
  75. ^ (EN) Spike Announces VGA Nominees & Honors “Legend Of Zelda” With First Ever Video Game Hall Of Fame Award, su Spike, 16 novembre 2011. URL consultato il 30 agosto 2013.
  76. ^ (EN) SPIKE TV ANNOUNCES 2011 “VIDEO GAME AWARDS” WINNERS, su Spike, 10 dicembre 2011. URL consultato il 30 agosto 2013.
  77. ^ (EN) Video Games Awards Winners & Nominees in 2012, su Bafta games, 15 febbraio 2012. URL consultato il 5 ottobre 2013.
  78. ^ (EN) Markus Persson - BAFTA Special Award, su Bafta games, 2 marzo 2012. URL consultato il 5 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2013).
  79. ^ (EN) Andy Robinson, GJA: Minecraft XBLA awarded Best Downloadable Game, su ComputerAndVideoGames.com, 26 ottobre 2012. URL consultato il 5 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 24 aprile 2014).
  80. ^ (EN) Liam Martin, TIGA Games Industry Awards 2012 winners revealed, Dear Esther wins big, su DigitalSpy, 2 novembre 2012. URL consultato il 26 febbraio 2016.
  81. ^ a b (EN) Markus Persson, How about a somewhat spontaneous MinecraftCon 2010 in Bellevue in one week?, su The Word of Notch, 25 agosto 2010. URL consultato il 21 agosto 2013.
  82. ^ (EN) Minecon 2012, su Mojang.com, 25 novembre 2012. URL consultato il 12 luglio 2013.
  83. ^ (EN) Where in the world is Minecon 2013?, su Mojang.com, 1º luglio 2013. URL consultato il 12 luglio 2013.
  84. ^ Filmato audio Livestream del Minecon 2016, su YouTube, 24 settembre 2016. URL consultato il 24 settembre 2016.
  85. ^ Minecraft, ANNOUNCING: Minecraft Festival (Tweet), su twitter.com, 28 settembre 2019. URL consultato il 1º ottobre 2019 (archiviato il 1º ottobre 2019).
  86. ^ Samuele Zaboi, Annunciata la data di uscita di Minecraft: Story Mode, su SpazioGames, 16 settembre 2015. URL consultato il 26 febbraio 2016.
  87. ^ https://minecraft.net/it-it/article/announcing-minecraft-dungeons
  88. ^ (EN) Minecraft Earth, in Wikipedia, 4 giugno 2019. URL consultato il 5 giugno 2019.
  89. ^ Linux, su linux.it.
  90. ^ [www.microsoft.com Microsoft].

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Jim Rossignol, Building-block World, in PC Gamer UK, nº 204, Future plc, ISBN 1-4197-1618-2.
  • (EN) Daniel Hindes, Trouble Down Mine, in PC PowerPlay, nº 169, Nextmedia.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN306261324 · LCCN (ENno2015123713 · GND (DE1068604875 · WorldCat Identities (ENno2015-123713