Zibido San Giacomo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Zibido" rimanda qui. Se stai cercando la frazione di Torrevecchia Pia in provincia di Pavia, vedi Zibido al Lambro.
Zibido San Giacomo
comune
Zibido San Giacomo – Stemma
Zibido San Giacomo – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Milano-Stemma.png Milano
Amministrazione
Sindaco Piero Garbelli (lista civica Obbiettivo Comune) dal 15/04/2008 (2º mandato)
Territorio
Coordinate 45°22′00″N 9°07′00″E / 45.366667°N 9.116667°E45.366667; 9.116667 (Zibido San Giacomo)Coordinate: 45°22′00″N 9°07′00″E / 45.366667°N 9.116667°E45.366667; 9.116667 (Zibido San Giacomo)
Altitudine 111 m s.l.m.
Superficie 24,58 km²
Abitanti 6 734[1] (31-12-2010)
Densità 273,96 ab./km²
Frazioni Badile, Mandrugno, Moirago, San Giacomo, San Novo, San Pietro Cusico, Viano, Vigonzino
Comuni confinanti Assago, Basiglio, Binasco, Buccinasco, Gaggiano, Lacchiarella, Noviglio, Rozzano, Trezzano sul Naviglio
Altre informazioni
Cod. postale 20080
Prefisso 02
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 015247
Cod. catastale M176
Targa MI
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti zibidesi
Patrono San Giacomo il Maggiore
Giorno festivo 25 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Zibido San Giacomo
Posizione del comune di Zibido San Giacomo nella città metropolitana di Milano
Posizione del comune di Zibido San Giacomo nella città metropolitana di Milano
Sito istituzionale

Zibido San Giacomo (Zìbid in dialetto milanese[2]) è un comune italiano di 6.517 abitanti della città metropolitana di Milano, in Lombardia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel luogo in cui oggi sorge il comune di Zibido San Giacomo un tempo vi erano numerosi borghi distinti. Per questo motivo il comune ha tante frazioni e località. Il centro principale di Zibido San Giacomo è l'antico comune che porta il medesimo nome. Tale comune s'è sempre basato su 2 borgate distinte: Zibido e San Giacomo. Il primo borgo è il più antico dei due. Zibido risale all'epoca dei longobardi, infatti sul suo territorio risiedeva la tribù longobarda dei Gepidi.

Il primo testo che menziona il villaggio di Zibido risale al 1176, anche se vi sono documenti risalenti ad un secolo precedente che nominano luoghi oggi frazioni di Zibido San Giacomo. Dal 1484 al 1794 i luoghi del comune passano da un feudatario all'altro. Nel 1757 il catasto teresiano segna nei territori dell'odierno comune una quindicina di comuni autonomi: Zibido e San Giacomo con 130 abitanti, San Novo, San Pietro, Cusico, Vigonzino, Cassina Pelucca, Moirago, Pioltino, Mandrugno, Femegro e Viano[3][4]. Alcuni di questi erano formati solo da una o più cascine. Un primo tentativo di razionalizzazione amministrativa fu operato da Napoleone che unì Zibido, allora popolata da 290 persone, e molti altri comuni a San Pietro Cusico.

Nel 1844 questi comuni vengono ridotti a 4: Zibido San Giacomo[5], San Novo, San Pietro Cusico e Vigonzino. All'unità d'Italia nel 1859, Zibido San Giacomo aveva ai confini dell'epoca 588 abitanti, mentre al primo censimento nazionale del 1861 ne venivano registrati 583[6]. Nel 1870 i comuni di San Novo, San Pietro Cusico e Vigonzino vengono soppressi ed inglobati in quello di Zibido San Giacomo[7]. Il comune, che è sempre stato di carattere rurale, è oggi inserito nel Parco Agricolo Sud Milano. Il territorio di Zibido San Giacomo è sempre stato prettamente agricolo e ricco di cascine.

Nel 1965 il comune di Binasco cedette la frazione di Badile a Zibido San Giacomo.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Chiese[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di Santa Maria Assunta[modifica | modifica wikitesto]

La Chiesa di Santa Maria Assunta, situata in località Zibido è una graziosa chiesa edificata nel Quattrocento di cui conserva ancora buona parte della struttura. L'interno fu decorato successivamente con affreschi del '700. Di pregevole fattura la cappella della Madonna del Rosario, restaurata nel 2014 grazie a fondi regionali ed europei. Notevole è l'organo sovrastante l'ingresso della chiesa, che necessita di un restauro. Sul sagrato è presente una croce in ferro su una colonna in serizzo collocata su un basamento a gradini in granito, che riporta incisa la data di costruzione del 1729. Il monumento sta a indicare che in origine attorno alla chiesa era presente un cimitero. Oggi sul prato si trova collocata la pietra miliare che anticamente si trovava dall'altro lato della strada, indicando le direzioni per Moirago e per San Pietro Cusico.

Chiesa di San Giacomo[modifica | modifica wikitesto]

La parrocchiale di San Giacomo, presso la piazza del municipio, è la presenza artistica ed architettonica più importante della zona. Un edificio religioso era qui presente già dal XII secolo, ma l'edificio attuale è opera di un ignoto quanto notevole architetto del Rinascimento. L'interno rileva una cospicua decorazione a fresco d'epoca. Attorno all'abside è collocato il cinquecentesco coro ligneo a 20 stalli originari, di cui uno è andato perduto. Il coro è stato restaurato nel 2014 grazie a fondo europei e regionali. Al centro sovrasta la porta che conduce in sagrestia l'emblema dei carmelitani con il monte Carmelo che un tempo abitavano il convento soppresso alla fine del Settecento. Di pregevole fattura la seconda cappella a destra con l'affresco di San Giacomo e probabilmente sant'Alberto a destra. In centro in origine doveva essere la Madonna dei carmelitani, di cui si intravede parte delle rocce del monte Carmelo, ai lati della nicchia costruita nel Seicento, assieme agli stucchi barocchi che coprirono i sottostanti affreschi cinquecenteschi, solo in parte visibili grazie all'attento e accurato restauro. La prima cappella di sinistra ospita un affresco con il battesimo di Gesù nel fiume Giordano, molto rovinato e necessita di un restauro. Sul sagrato è presente il sarcofago in Serizzo che la leggenda vuole contenesse le spoglie di San Giacomo portate da Gerusalemme a Santiago de Compostella nel 512 da Sant'Eustorgio. Accanto si trova una colonna in granito rosa sormontata da una croce in ferro, innalzata nel 1630 per aver evitato l'epidemia di peste in corso in Lombardia.

Chiesa dei Santi Vincenzo e Bernardo[modifica | modifica wikitesto]

La piccola chiesa dei Santi Vincenzo e Bernardo è uno dei gioielli del comune. Costruita ai primi del Seicento, presenta un interno suggestivamente affrescato. Una lapide ricorda i benefattori di un restauro eseguito nel 1829, fra cui si ricordano i Salterio, i Melzi d'Eril ed i Visconti di Modrone.

Chiesa della Natività[modifica | modifica wikitesto]

La piccola chiesa della Natività (edificata nel 1533), in località Badile, è divenuta famosa localmente soprattutto per annoverare tra le proprie opere anche una Sacra Famiglia della cerchia del Botticelli.

Chiesa di San Pietro[modifica | modifica wikitesto]

Situata in località San Pietro, conserva uno splendido portale del Settecento. Dal sagrato si accede all'interno salendo tre gradini in granito rosa che riportano incisa la data di costruzione (1797). All'interno è pregevole la cappella dedicata alla Madonna, che la tradizione locale vuole abbia versato lacrime quando un parroco volle coprire gli antichi affreschi. Al centro dell'altare maggiore si staglia il tabernacolo intarsiato in noce e in madreperla, dono dei certosini che un tempo possedevano vasti fondi nella zona.

Edifici notevoli[modifica | modifica wikitesto]

Palazzina Pusterla Busca Pozzi detta "Ca' Grande"[modifica | modifica wikitesto]

La Palazzina Pusterla Busca Pozzi si trova all'interno della corte principale della Cascina Ca' Grande. La cascina è costituita da un elegante torre merlata in cotto con portone d'ingresso, attraverso il quale si entra nella corte principale, dove spicca sul prato un elegante edificio del '400, nato probabilmente come casino di caccia. L'interno conserva affreschi del primo Cinquecento raffiguranti scene di caccia e gli emblemi della famiglia Pusterla che ne fu la prima proprietaria.

Cascina San Giovanni, detta Castelletto[modifica | modifica wikitesto]

In località Zibido si trova la cascina San Giovanni, denominata anche Castelletto, costituita da una casa torre del Cinquecento restaurata che spicca sul prato circostante. L'edificio è su tre livelli con finestre a sesto acuto in cotto. Superato il ponticello d'ingresso e la cancellata in ferro si trovano sulla destra le case dei contadini in mattoni a vista completamente restaurate e a sinistra la vecchia stalla ora ristrutturata. Il nome popolare Castelletto suggerisce forse la presenza di un'antica fortificazione medioevale presistente.

Cascina Femegro[modifica | modifica wikitesto]

La Cascina Femegro, situata fra Zibido e Noviglio, è una costruzione rinascimentale sorta sulle rovine del XII secolo di quello che doveva essere un edificio fortificato. Quattro torrette delimitano gli angoli della corte della cascina, in cui si trova un graffito che porta la data 1426. Essa costituisce un buon esempio di cascina fortificata. Nel 1700 era comune autonomo. La cascina è oggi una fattoria didattica, rinomata per la presenza della mungitura meccanizzata, della ruota metallica del mulino ben visibile anche dall'esterno e per la piccola ma graziosissima cappella dedicata a Sant'Anna che si trova al piano terra di una delle quattro torrette. Oltre a una statua della Madonna in centro all'altare, attorniata da altre reliquie, è notevole una rappresentazione di Maria Bambina custodita sotto una teca di vetro a destra dell'altare. Nel mese di maggio i fedeli zibidesi si riuniscono nella cappella per recitare il rosario insieme col parroco.

Le Cascine di Zibido San Giacomo[modifica | modifica wikitesto]

Zibido San Giacomo, data la sua storia agricola, è sempre stata molto ricca di mulini e Cascine. Molte di esse oggi sono oggetto di un piano di recupero[8], tra esse ricordiamo:

  • Cascina Ca' Grande: Si trova a Zibido San Giacomo. Al suo interno è presente la Palazzina Pusterla Busca Pozzi detta appunto Ca' Grande. Da oltre cinquant'anni è sede dell'azienda agricola ZIPO, che vende direttamente prodotti a filiera corta, tra cui riso, latte e formaggi prodotti nel caseificio realizzato nella vecchia stalla.

poiché ha uno spaccio che vende al dettaglio direttamente al consumatore i prodotti dell'azienda. Si trova presso Moirago.

  • Cascina Pioltino: è sede dell'Agriturismo Pioltino, realizzato nella vecchia stalla finemente restaurata. All'esterno della cascina è presente la ghiacciaia, una collinetta sormontata da alberi ed edera sulla cui sommità si trova una porta in legno che conduce al centro di una grossa cavità, entro cui si conservavano i prodotti deteriorabili che dovevano stare al freddo, insieme con ghiaccio e paglia sul fondo, per mantenere basse temperature. Entrando nella corte principale, la casa padronale è a destra, mentre la stalla del bestiame, ancora presente, è a sinistra. Nella piccola stalla a destra ci sono carpette e asini. Le galline razzolano ancora sull'aia come ai vecchi tempi.
  • Cascina Salterio: impropriamente definita Salterio, dal nome degli ultimi proprietari, la cascina in realtà costituiva fin dal 1300 il podere di Moirago, in consegna alla famiglia Del Conte. Elisabetta Del Conte sposa Francesco Caimi e i loro discendenti manterranno il possesso del fondo di Moirago fino al 1837, quando il conte Filippo Ala Ponzone, figlio della marchesa Caimi Bagliotti Ciceri Ala Ponzone, lo concederà prima in affitto a Luigi Salterio per poi venderglielo. La famiglia Salterio, ancora oggi, ne è in parte proprietaria. Entrando nella grande corte d'onore si ha sulla destra lo stallone, sede del Museo Salterio, Officina del gusto e del paesaggio, a sinistra le case dei salariati e in fondo padroneggia la villa Caimi-Salterio, dietro la quale spiccano gli alti alberi del giardino storico. In giardino si trova la ghiacciaia, la limonaia e il laghetto, sul quale si affaccia la pila. Completano la cascina la porcilaia e la latteria, dietro la corte del fattore, con torretta adibita a piccionaia, oggi interessata da un piano di recupero che possa portare l'intero complesso al suo antico splendore. La famiglia Salterio, sulle orme del villaggio industriale di Crespi d'Adda, volle riproporre un villaggio agricoli autosufficiente, costruendo dall'altra parte del naviglio, due grandi caseggiati per i salariati, l'asilo infantile Salterio, per i figli dei salariati, la scuola elementare in piazza davanti alla chiesa e su un proprio terreno fece costruire poco discosto dalla chiesa il cimitero, all'interno del quale troneggia l'imponente cappella gentilizia della famiglia Salterio, entro la quale riposano tutti i componenti della numerosa famiglia proprietaria di tutto il fondo di Moirago.
  • Cascina Carcana: si trova presso San Pietro Cusicoed è sede di un insediamento di cicogne bianche, che nidificano annualmente nei loro nidi qui presenti.
  • Cascina Stolfina: si trova presso Badile.
  • Cascina Moggio: si trova presso San Novo.
  • Cascina Cento pertiche: si trova presso Zibido.
  • Cascina Camuzzana: si trova presso San Novo.
  • Cascine Vigonzino - Vigonzone: erano 2 grosse cascine che un tempo formavano il comune autonomo di Vigonzino che nel 1870 s'unì a Zibido San Giacomo.
  • Cascina Viano: nel 1700 era comune autonomo.
  • Cascina Negri.
  • Cascina Luisa: si trova presso Zibido ed è stata oggetto di un piano di recupero residenziale

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[9]

Persone legate a Zibido San Giacomo[modifica | modifica wikitesto]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Secondo l'ISTAT, il territorio comunale comprende il centro abitato di Zibido San Giacomo, composto dalla frazione Zibido e dalla sede comunale di San Giacomo, le frazioni di Badile, Moirago, San Pietro Cusico e San Novo, oltre alle località di Stolfina, quartiere Rinascita e le cascine Carcana, Casiglio, Gabirano, Pioltino, San Francesco e Viano[10].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 719.
  3. ^ Toponimi nel comune di Zibido San Giacomo
  4. ^ Le frazioni di Zibido San Giacomo sul sito del comune
  5. ^ Zibido annesse Mandrugno e Viano con dispaccio governativo 23 gennaio 1841, raggiungendo un totale di 575 abitanti.
  6. ^ Zibido San Giacomo sul Repertorio toponomastico lombardo
  7. ^ Regio Decreto 9 giugno 1870, n. 5722
  8. ^ Attività svolte dal comune di Zibido San Giacomo
  9. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  10. ^ ISTAT - Dettaglio località abitate

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lombardia