Baranzate

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Baranzate
comune
Baranzate – Stemma Baranzate – Bandiera
Piazza Falcone
Piazza Falcone
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Milano-Stemma.png Milano
Amministrazione
Sindaco Giuseppe Corbari (lista civica) dal 30-3-2010
Data di istituzione 8 giugno 2004 (scorporo da Bollate)
Territorio
Coordinate 45°31′N 9°06′E / 45.516667°N 9.1°E45.516667; 9.1 (Baranzate)Coordinate: 45°31′N 9°06′E / 45.516667°N 9.1°E45.516667; 9.1 (Baranzate)
Altitudine 155 m s.l.m.
Superficie 2,78 km²
Abitanti 11 600[1] (31-05-2014)
Densità 4 172,66 ab./km²
Comuni confinanti Bollate, Milano, Novate Milanese
Altre informazioni
Cod. postale 20021
Prefisso 02
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 015250
Cod. catastale A618
Targa MI
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti baranzatesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Baranzate
Posizione del comune di Baranzate all'interno della provincia di Milano
Posizione del comune di Baranzate all'interno della provincia di Milano
Sito istituzionale

Baranzate (Baranzà in dialetto milanese) è un comune italiano di 11.572 abitanti[1] della provincia di Milano, in Lombardia, a circa 7 chilometri dal centro del capoluogo.

È nato nel 2004 per scorporo dal comune di Bollate.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il villaggio di Baranzate viene citato per la prima volta in un codice longobardo del 994 d.C, con il nome di Balanziate. Nel 1235 è documentata l'esistenza del Comune di Baranzate: molti terreni appartengono al Monastero Maggiore di Milano (oggi S.Maurizio) e al monastero di S.Ambrogio. Nel secolo XIII si cita l'esistenza della chiesetta di S.Vincenzo in Baranzate.

In questo periodo del Basso Medioevo l'economia del paese è completamente basata sull'agricoltura: il villaggio è costituito da un nucleo centrale, circondato da campi e vigneti. Nel 1450 il controllo della zona passa alla famiglia degli Sforza, che introduce la coltivazione del gelso con lo scopo di produrre seta, attività che rimane fiorente nella zona fino all'inizio del XX secolo.

Dopo la dominazione degli Sforza, nel 1530 il feudo di Desio cui Baranzate appartiene viene elevato a marchesato e rimane proprietà dei conti Gallarati sino al 1580, quando, per mancanza di eredi, viene messo all'asta dal Senato di Milano e passa nelle mani dei fratelli Manriquez.

Nel secolo XVII sulle rovine dell'antica chiesetta ne viene costruita una nuova dedicata alla Natività della Vergine Maria. Nel 1713 il Ducato di Milano passa sotto l'Austria, numerosi documenti citano il censimento promosso da Maria Teresa d'Austria anche sul comune di Baranzate.

Con l'avvento di Napoleone Bonaparte avviene l'abolizione dei feudi e degli ordini monacali, tutto va sotto il controllo dello stato, Baranzate appartiene al dipartimento dell'Olona e viene annesso per la prima volta a Bollate. Nel 1833 la chiesetta diviene proprietà dei Lainati. Il 24 febbraio 1869 con Regio decreto firmato da Vittorio Emanuele II si stabilisce l'annessione del comune di Baranzate al comune di Bollate. Nel 1880 la chiesetta e molti terreni passano agli Erba. Nel 1895 lo stabilimento degli Erba è sostituito dalla Leon Beaux. In questo periodo la bachicoltura costituisce una fonte di reddito per le famiglie contadine. Il baco da seta veniva nutrito con le foglie della pianta di gelso, presente nello stemma comunale: nel 1887 sul territorio baranzatese erano presenti 2.243 gelsi.

Nel 1900 la chiesetta appartiene ai Visconti di Modrone. Nel 1936 Baranzate conta 851 abitanti. Nel 1957 viene costruita la nuova "Chiesa di Vetro" dedicata a Nostra Signora della Misericordia degli architetti Mangiarotti e Morassutti, inaugurata dal Cardinale Montini, circonda la struttura esterna un muro con 14 stazioni della Via Crucis, realizzata nel 1958 dallo scultore Gino Cosentino. La chiesetta di via Nazario Sauro cessa la sua funzione religiosa, divenendo in seguito proprietà comunale.

Negli anni sessanta si assiste ad una altissima crescita demografica dovuta ai flussi migratori provenienti da ogni regione d'Italia. Nel 1961 Baranzate raggiunse i 4389 abitanti. Sul territorio nascono moltissime industrie, la pressante richiesta di abitazioni porta ad una urbanizzazione irrazionale e disordinata nelle aree confinanti con il comune di Milano: le coltivazioni agricole scompaiono progressivamente. Dieci anni dopo, nel 1971 Baranzate conta 12175 abitanti con un aumento nel decennio precedente pari al 178%.

Il 21 maggio 1997 il comitato "Uniti per Baranzate" si è fatto promotore di una raccolta di firme per chiedere la costituzione di Baranzate quale comune autonomo. Il 21 marzo 1999 si è svolto a Baranzate un referendum in merito, a cui hanno partecipato il 64% degli aventi diritto al voto nella frazione, il 70% dei quali si è espresso a favore dello scorporo da Bollate. Nel 1999 viene abbattuta la vecchia sede del Comune di Baranzate.

Il 13 novembre 2001, forte delle neotrasferite competenze in materia alle Regioni (Decreto Legislativo 267/2000 e modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione) il Consiglio Regionale della Lombardia ha approvato il disegno di legge "Istituzione del Comune di Baranzate in provincia di Milano" numero 349. Nel 2002 l'ufficio territoriale del Governo di Milano ha nominato un commissario prefettizio per amministrare il neonato comune in attesa delle prime elezioni amministrative. Il 4 aprile 2002 l'Amministrazione Comunale di Bollate fa ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale e il 13 febbraio 2003 con sentenza della Corte Costituzionale il Comune di Baranzate cessa di esistere. La motivazione riguarda la non validità del referendum del 1999, al quale hanno partecipato i soli cittadini della frazione. La sentenza indica la via da seguire per ottenere l'autonomia.

La mozione di scorporo da Bollate è stata in seguito ripresentata e la legge regionale n. 13 del 22 maggio 2004, entrata in vigore il successivo 8 giugno, ha definitivamente sancito la costituzione di Baranzate in comune.

Nelle prime elezioni amministrative del 3 aprile-4 aprile 2005 viene eletto Sindaco Giuseppe Corbari, candidato della lista civica "Insieme per Baranzate", esperienza di governo terminata venerdì 17 luglio 2009.

Nelle seconde elezioni amministrative del 28 - 29 marzo 2010 è stato rieletto il Sindaco Giuseppe Corbari, candidato sempre della lista civica "Insieme per Baranzate".


Trasporti e vie di comunicazione[modifica | modifica wikitesto]

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Il Comune di Baranzate non è servito da ferrovie, anche se, considerata la vicinanza con il polo espositivo di Fiera Milano, è molto vicina alla nuova stazione della Metropolitana di Rho - Fiera e all'omonima stazione ferroviaria entrata in esercizio nel 2009, dove oltre ai treni delle Linee Linee S di Milano.svg del Servizio ferroviario suburbano di Milano S5 (Treviglio - Gallarate/Varese) e S6 (Treviglio - Pioltello - Novara), fermeranno i treni della Nuova Linea Alta Velocità Milano - Torino.

Risulta inoltre utilizzata da parecchi "Baranzatesi" la Stazione di Novate Milanese delle Ferrovienord servita dai treni delle Linee Linee S di Milano.svg del Servizio ferroviario suburbano di Milano:
Linea S1 (Lodi - Milano Rogoredo - Saronno)
Linea S3 (Milano Cadorna - Saronno)

Trasporti Pubblici[modifica | modifica wikitesto]

Il Comune di Baranzate, considerata la sua vicinanza con Milano e il capolinea di Roserio, è servito dalle linee tranviarie n.12 e n.19 dell'ATM di Milano; è quindi servito da due autolinee gestite da AIR PULLMAN (subentrata dal 1º febbraio 2010) e sono:

Le linee 560 e 566 rientrano nei servizi di area urbana di competenza del Comune di Milano.

Strade e Autostrade[modifica | modifica wikitesto]

Il Comune di Baranzate è attraversato dalla Strada Provinciale n. 46 "Rho - Monza". Attualmente tale strada a scorrimento veloce è in attesa di riqualificazione "autostradale" da parte della Provincia di Milano insieme al Comune di Bollate. Con la sua riqualificazione in autostrada, la competenza passerà dalla Provincia di Milano alla Società Milano Serravalle - Milano Tangenziali e sarà collegata ai due peduncoli di Paderno Dugnano e della Nuova Fiera di Rho-Pero per entrare definitivamente nel sistema delle Tangenziali di Milano. Difatti al termine dei lavori l'arteria sarà denominata Autostrada A52 "Tangenziale Nord".

Altra arteria autostradale che interessa il Comune di Baranzate è l'Autostrada A8/A9 "Dei Laghi" con lo svincolo Rho Fiera che la collega con la Strada Statale 233 "Varesina"

Il Comune di Baranzate è inoltre attraversato dalla Strada Statale 233 "Varesina" che collega Milano (il punto di partenza è l'Arco della Pace di Piazza Sempione) a Varese - Ponte Tresa - Confine di Stato con la Svizzera.

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[2]

Etnie[modifica | modifica wikitesto]

Nel comune al 31/12/2013[3] erano residenti 3533 cittadini stranieri su una popolazione di 11.538 abitanti, vale a dire il 30,6% della popolazione.

Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano al 2012:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Statistiche demografiche ISTAT, Istituto nazionale di statistica. URL consultato il 30 luglio 2014.
  2. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.
  3. ^ Dato Istat sulla popolazione straniera residente per sesso e cittadinanza al 31/12/2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]