Lacchiarella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lacchiarella
comune
Lacchiarella – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Milano-Stemma.png Milano
Amministrazione
Sindaco Antonella Violi (Lacchiarella Bene Comune) dal 25/05/2014
Territorio
Coordinate 45°19′30″N 9°08′24″E / 45.325°N 9.14°E45.325; 9.14 (Lacchiarella)Coordinate: 45°19′30″N 9°08′24″E / 45.325°N 9.14°E45.325; 9.14 (Lacchiarella)
Altitudine 99 m s.l.m.
Superficie 25 km²
Abitanti 8 480[1] (31-12-2010)
Densità 339,2 ab./km²
Frazioni Casirate Olona, Mettone, Villamaggiore
Comuni confinanti Basiglio, Binasco, Bornasco (PV), Casarile, Giussago (PV), Pieve Emanuele, Siziano (PV), Vidigulfo (PV), Zibido San Giacomo
Altre informazioni
Cod. postale 20084
Prefisso 02
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 015115
Cod. catastale E395
Targa MI
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti Ciarlaschi (per mantenere le tradizioni), lacchiarellesi
Patrono San Rocco
Giorno festivo 16 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Lacchiarella
Posizione del comune di Lacchiarella nella provincia di Milano
Posizione del comune di Lacchiarella nella provincia di Milano
Sito istituzionale

Lacchiarella (la Ciarèla in dialetto milanese[2]) è un comune italiano di circa 8.500 abitanti della provincia di Milano in Lombardia.

Geografia antropica[modifica | modifica sorgente]

Secondo l'ISTAT, il territorio comunale comprende il centro abitato di Lacchiarella, le frazioni di Casirate Olona, Mettone e Villamaggiore, e le località di Cascina Birolo, Centenara e Concorezzo[3].

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[4]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il comune di Lacchiarella è situato a sud di Milano nella zona bassa della pianura padana. Il nome Lacchiarella (dialetto: Laciarèla) deriva da "Lactarella" che significa "piccola latteria" e tale definizione deve essere attribuita all'abbondante produzione di latte anticamente vantata nella zona.

Il paese, che ha sicuramente origini romane, sorse e si sviluppò in seguito alla bonifica della pianura. Dall'anno 400 d.C. Lacchiarella subì le disastrose invasioni barbariche: dagli Unni ai Goti e dai Longobardi ai Franchi e agli Ungari che, nell'898, la saccheggiarono e distrussero con razzie di ogni genere. In seguito al reiterarsi di queste scorrerie, i milanesi eressero il castello di Lacchiarella con la rocca, le torri e il fossato e ne mantennero il presidio fino al 1275; successivamente, per ridurre costi insostenibili, molti castelli dovettero essere smantellati e questa sorte toccò anche a quello di Lacchiarella.

Nel XIII secolo Matteo Visconti, signore di Milano, realizzò nuove opere di fortificazione e fece ricostruire soltanto la rocca, attuale sede del Consiglio Comunale. Nel 1630, la terribile peste, mirabilmente descritta dal Manzoni nei Promessi Sposi, mieté molte vittime anche a Lacchiarella ma, passata l'epidemia, la vita riprese con fervore e il paese divenne un prestigioso centro di scambi del vasto territorio circostante.

Nel periodo risorgimentale numerosi cittadini di Lacchiarella si distinsero per il loro valore. Ricordiamo: Gaetano Tibaldi alla difesa di Venezia nel 1849, il tredicenne Giambattista Vigo alla difesa di Roma nel 1849 e i fratelli Federico (uno dei Mille di Giuseppe Garibaldi) ed Erminio Tessera.

A testimonianza delle antiche origini di Lacchiarella restano anche le chiese del paese. L'Oratorio di San Martino, dedicato al santo vescovo di Tours e realizzato nel XVI secolo. Distrutto e ricostruito più volte, fu fatto restaurare nel 1958 da mons. Felice Falcetti e oggi si possono ammirare le porte in bronzo, da lui commissionate, con bassorilievi raffiguranti alcuni episodi della vita del santo e i preziosi affreschi. La chiesa principale di Lacchiarella è dedicata a Santa Maria Assunta. Eretta nel 1430 fu poi demolita nel 1600 e su quella stessa area fu ricostruita. Venne consacrata il 17 aprile 1603 dal cardinale Federico Borromeo divenendo Parrocchia Prepositurale a seguito della soppressione della Pieve di Decimo. In essa fu collocata la bellissima immagine della Madonna, tuttora oggetto di venerazione[5].

Storicamente importante è l'Oratorio di San Rocco, con il suo prezioso patrimonio artistico, voluto nel 1565 da San Carlo Borromeo per la confraternita dei Disciplini fondata da lui stesso e posta sotto la protezione di San Michele. Fervente la pietà popolare nel nostro paese infatti erano numerose le Confraternite storicamente presenti: la Confraternita del Suffragio, il Terz'ordine francescano, la Confraternita del S. Rosario e infine la Confraternita del SS. Sacramento ancora presente[6].

Negli ultimi decenni Lacchiarella si è notevolmente sviluppata, mutando la sua fisionomia di paese prettamente agricolo in centro industriale, progredendo nel commercio e nell'artigianato.

Edifici storici[modifica | modifica sorgente]

Rocca[modifica | modifica sorgente]

L’origine della Rocca è molto antica, risale circa alla metà del X secolo, nel periodo delle invasioni degli Ungari o Magiari. La Rocca era affiancata da un castello e da una bicocca. Lacchiarella era un paese agricolo autosufficiente e aveva nella Rocca, con il suo ponte levatoio, le torri merlate ed il fossato intorno, un baluardo essenziale per la sua difesa. La Rocca vide numerose guerre dopo l’anno 1000 tra milanesi e pavesi per il possesso del territorio (famosa la battaglia di Campomorto e la distruzione della Pieve di Decimo) fino al definitivo dominio di Milano.

La storia della Rocca è strettamente collegata alle vicende del territorio milanese nel periodo, dal XIII al XV secolo, in cui fu dominato prima dai Della Torre o Torriani, poi dai Visconti ed in ultimo dagli Sforza. La Rocca ebbe quindi molteplici passaggi di proprietà, legati alle vicende delle varie famiglie nobiliari che ne sono venute in possesso. Infine nel 1837 Giuseppe Antonio Beretta acquisì all’asta la proprietà con annesse alcune case e poderi. Avviò vari lavori che cambiarono la fisionomia dell’edificio e la sua destinazione, che sino ad allora aveva mantenuto una funzione pubblica.

Nel gennaio 1911 avvenne la cessione alla Cooperativa tra operai e contadini di Lacchiarella, che avviò importanti lavori che si conclusero nel 1919. Con l’avvento del fascismo la cooperativa prese il nome di “Dopolavoro per operai e contadini fascisti”, fino a che nel 1945 rinacque la cooperativa con la vecchia denominazione e diede avvio a nuovi lavori di ristrutturazione. Fino alla metà degli anni 60 la Rocca era un centro vitale per le attività che si svolgevano in paese, ed anche feste, balli e attività ricreative che coinvolgono tutta la comunità ciarlasca. Nei saloni sottostanti vi era la sede della cooperativa di consumo con annesso spaccio e bar.

Nel 1968, per salvare la Rocca dalle difficoltà finanziarie, subentrò la società “La nostra Rocca”, di ispirazione cattolica, che elaborò diverse ipotesi di ristrutturazione e nel frattempo concesse l’immobile sia a privati, per attività commerciali, che ad associazioni locali (Acli, Avis, Avisella…). La Rocca manifestava i segni del tempo trascorso e necessitava di significativi interventi di manutenzione che avrebbero richiesto notevoli risorse, impensabili per la società proprietaria. Dal 1992 l’amministrazione comunale manifestò l’interesse all’acquisto dell’immobile e dopo una laboriosa trattativa e varie vicende durate alcuni anni entrò finalmente in possesso dell’immobile e cominciò ad elaborare il progetto di recupero, per riportarlo all’antico splendore e per dare una sede definitiva e prestigiosa al Consiglio comunale. I lavori di ristrutturazione e recupero sono iniziati nel 1999 e si sono conclusi definitivamente agli inizi del 2003. Nella Rocca è ospitata la Biblioteca comunale al piano seminterrato; al piano rialzato la Sala Consiliare, una bellissima sala a volta destinata alla celebrazione dei matrimoni civili e la sede della “Pro Loco”. Al primo e al secondo piano sono stati realizzati uffici e a sale riunioni, utilizzati dal 2014 come sede di parte degli uffici comunali. Un ampio terrazzo consente una bella vista sulla piazza Risorgimento e un camminamento perimetrale all’ultimo piano permette di osservare, attraverso bellissime aperture a volta poste sui quattro lati, un affascinante e suggestivo panorama del nostro paese.

Chiese[modifica | modifica sorgente]

  • Chiesa prepositurale Santa Maria Assunta
  • Chiesa parrocchiale Santi Donato e Carpoforo
  • Chiesa dei Santi Pietro e Paolo
  • Chiesa di San Rocco
  • Chiesa di San Martino

Personalità illustri[modifica | modifica sorgente]

Folclore[modifica | modifica sorgente]

Autunno Ciarlasco - Palio dell'oca[7][modifica | modifica sorgente]

Sin dal 1977 i ciarlaschi (Lacchiarellesi in dialetto locale) appartenenti ai 7 Cantoni del paese si sfidano per contendersi il Palio dell'oca. La disfida si svolge in tre domeniche, l'ultima di settembre e le prime due di ottobre; da ciò la manifestazione prende anche il nome anche di Autunno Ciarlasco. L'evento si caratterizza dalla sfilata di carri allegorici, gruppi folcloristici. L'intero percorso ha come cornice una variopinta esposizione di prodotti tipici locali nelle bancarelle che si snodano lungo il percorso.

I sette cantoni partecipanti al Palio sono:

  • Betula
  • Municipin
  • Piaseou[8]
  • Piss
  • Prà Vedar
  • Punt da Lègn
  • San Ruchin

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Autunno Ciarlasco[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 339.
  3. ^ ISTAT - Dettaglio località abitate
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Storia della Prepositura di Lacchiarella
  6. ^ Confraternita del SS. Sacramento
  7. ^ Il Palio dell'Oca di Lacchiarella
  8. ^ Sito Canton del Piaseou

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]