Falerone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Falerone
comune
Falerone – Stemma
Falerone – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Marche.svg Marche
Provincia Provincia di Fermo-Stemma.png Fermo
Amministrazione
Sindaco Armando Altini (lista civica) dal 26-5-2014
Territorio
Coordinate 43°06′27.72″N 13°28′23.88″E / 43.1077°N 13.4733°E43.1077; 13.4733 (Falerone)Coordinate: 43°06′27.72″N 13°28′23.88″E / 43.1077°N 13.4733°E43.1077; 13.4733 (Falerone)
Altitudine 433 m s.l.m.
Superficie 24,61 km²
Abitanti 3 450[1] (30-6-2011)
Densità 140,19 ab./km²
Frazioni Bascione, Cerretino Varano, Commennà, Ferrini, Moelano, Piaggie, Piane di Falerone, Salegnano, San Paolino, Santa Margherita, Santa Rosa
Comuni confinanti Belmonte Piceno, Montappone, Monte Vidon Corrado, Montegiorgio, Penna San Giovanni (MC), Sant'Angelo in Pontano (MC), Servigliano
Altre informazioni
Cod. postale 63837
Prefisso 0734
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 109005
Cod. catastale D477
Targa FM
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Cl. climatica zona E, 2 146 GG[2]
Nome abitanti faleronesi
Patrono san Fortunato di Todi
Giorno festivo 1º giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Falerone
Posizione del comune di Falerone nella provincia di Fermo
Posizione del comune di Falerone nella provincia di Fermo
Sito istituzionale

Falerone (Falleró o Faleró in dialetto fermano) è un comune italiano di 3 450[1] abitanti della provincia di Fermo, nelle Marche.

Fa parte dell'Area Vasta n. 4 di Fermo, dell'Azienda Sanitaria Unica Regionale delle Marche (A.S.U.R. Marche).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma raffigurante un'armatura medievale, ricorda la dominazione del paese da parte della locale Signoria di feudatari sassoni, eredi di un popolo tradizionalmente bellicoso e votato alla guerra, che crearono una proprio stato dominando su 30 castelli della media-alta Val di Tenna, facendo di Falerone la loro capitale. Tale dinastia feudale risulta esistente nel territorio già nel 962, quanto il suo capostipite Mainardo venne nominato conte dall'Imperatore germanico Ottone il Grande e creato vassallo della Chiesa dal vescovo di Fermo Gaidolfo. Nello stemma oltre all'elmo con pennacchio agli spallacci e ai fiancali di protezione compare uno scudo sannitico. Ha al suo interno una banda rossa su sfondo blu con su scritto S.P.Q.F ricorda la grandezza e lo splendore della città romana di Falerio Picenus sorta in questo comune nel 29 a.C. non inferiore per importanza alla vicina città di Fermo.

Falerone romana, altomedievale e medievale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 90 a.C. ai piedi del Mons Falarinus (poi Falerone medievale), è ricordata la sconfitta dei Romani guidati da Pompeo Strabone da parte dei socii piceni comandati da Gaio Vidacilio, Publio Ventidio e Tito Lafrenio, nel percorso delle legioni romane verso Fermo. Del 29 a.C., nella centuriazione augustea della Valle del Tenna, è l'edificazione di Falerio Picenus punto di snodo fra Firmum, Urbs Salvia e Ausculum. La rappresentazione grafica di Falerio Picenus nel codice Acernario del sec.VI, con le due porte, a nord verso Urbs Salvia, e a sud verso Novana e Ausculum, ci conferma l'importanza del castrum. Nel IV e V sec. la sede del vescovo di Falerio passa a Fermo, segno evidente dell'evidente stato di decadenza della città romana già preda di orde barbariche e del conseguente spopolamento e perdita di prestigio di centri romani a vantaggio di città più grandi. Rimane a Falerone la pieve di Santo Stefano, sotto la giurisdizione di Fermo. Nel 765 è sede di un gastaldato longobardo dipendente dal Ducato di Fermo, istituito da Re Desiderio dei Longobardi in funzione antimeridionale, contro i due ducati di Spoleto e Benevento. Il gastaldo Volveto lascia un'iscrizione sul suo sepolcro, forse in San Giovanni delle Piagge (distrutta), sovrastante le Piane di Falerone, dove è anche la chiesa longobarda di San Paolino da Nola. Nel 977 con il sorgere di un grande Stato feudale nell'alta collina fermana-maceratese retta dalla Signoria dei Brunforte e dei discendenti di Mainardo; Falerone diventa uno dei Castelli Maggiori. I suoi signori, vicari di Farfa, accesi ghibellini collegati con i Montefeltro e i Visconti mantengono il predominio sui Castelli vicini e su Falerone sino al 1378. Nel 1274, nella divisione dei beni tra Pietro e Offreduccio figli di Fallerone, il paese e i suoi abitanti sono soggetti al dominio feudale dei signori, insieme a Penna San Giovanni, Belluco, Servigliano, una parte di Loro Piceno, Cerreto, Bascione di Falerone ecc. Non si parla quindi di Comune fino al 1378, quando i signori di Falerone, nelle persone di Stefano e Vanni (detto Vagnozzo) figli di Pietro II, dovettero lasciare la residenza faleronese e risiedere a Fermo, come condanna loro inflitta dal Consiglio Fermano per l'uccisione di Berto, figlio di Filippo, signore di Massa Fermana, compiuta durante una rissa scoppiata durante una festa locale. La condanna funse da pretesto per i Fermani per sradicare la signoria faleronese ed occupare Falerone, decretando la fine dei cosiddetti domini contadini dei nobiles locali che per circa due secoli dal XI sec. al XIII sec. avevano dato prestigio e potenza ai loro castelli e alle loro signorie. Il processo di occupazione militare fermana e distruzione delle resistenze locali finisce per coinvolgere diversi altri paesi insieme a Falerone. Le casate più nobili sono eliminate e sradicate dai loro feudi: così come Stefano e Vanni da Pietro II, anche Gentile da Mogliano è spogliato dei suoi beni, Boffo da Massa fatto fuori, i Monteverde vengono eliminati, i Brunforte dispersi e le rocche di Montappone, Massa Fermana, Penna San Giovanni, Sant'Angelo in Pontano, loro dimore, vengono distrutte. Il tutto si offre a vantaggio della formazione dello Stato di Fermo e della sua Signoria sui castelli del suo comprensorio, entità che durerà fino all'Unità d'Italia con lo scioglimento della Marca Fermana.

Falerone dall'età moderna a quella contemporanea[modifica | modifica wikitesto]

L'occupazione da parte dei fermani non garantì alla popolazione faleronese anni di pace e prosperità; all'alba del XV secolo il castello fu preda di saccheggi e invasioni operate da parte dei diversi capitani di ventura e mercenari in viaggio per la Marca. Già nel 1348 Falerone si arrese a Guastafamiglia Malatesta; nel 1358 venne espugnato da Anichino di Baumgarten mentre l'anno successivo fu la volta di Corrado di Landau. Nell'ottobre del 1413 subì la presa di Carlo Malatesta mentre appartiene al maggio del 1418 la conquista operata da Braccio da Montone nel tentativo di catturare Ludovico Migliorati signore di Fermo, rifugiatosi nel Castello di Falerone. Il Montone espugna la rocca e saccheggia l'abitato, imprigionando tutti gli abitanti e distruggendo l'archivio storico e gli atti pubblici della comunità, pervenuti fino a quella data. Egli riesce nel tentativo di catturare il Migliorati e pretende da lui, il pagamento di 9000 ducati per il riscatto dei suoi prigionieri. Nel giugno del 1444 si ricorda l'assalto di Niccolò Piccinino da Perugia e nell'estate del 1498 il tentativo vano di Ercole Bentivoglio.

Nel 1527 i discendenti di Pietro II, gli Euffreducci, Oliverotto da Fermo e il nipote Ludovico dei signori di Falerone, sostenuti da popolazioni fedeli nel loro e in altri 12 castelli, tentano una loro signoria su Fermo, ma sono eliminati l'uno, Oliverotto da Cesare Borgia, l'altro, Lodovico, da Niccolò Bonafede, cardinale legato dello Stato della Chiesa. Le cronache narrano che Ludovico, in contrasto aperto con i pontifici, nel febbraio del 1520 entra a Falerone con un esercito di 200 cavalli e 2000 fanti, accolto dai suoi partigiani e dalla popolazione a lui fedele. Nel marzo dello stesso anno, in seguito al rifiuto di resa da parte del legato pontificio, viene assalito da Giovanni de' Medici (Giovanni delle Bande Nere) che lo costringe ad uscire fuori dal castello di Falerone, e a darsi battaglia lungo la valle del Tenna. Lo scontro gli è fatale; le sue milizie in netta inferiorità numerica rispetto all'esercito pontificio guidato da Niccolò Bonafede, Giovanni de' Medici e Brancadoro da Fermo, vengono disperse e Loduvico rimane ucciso da un colpo di picca infertogli da Carlo d'Offida. Quest'ultimo poi, con la vittoria, entra in Falerone e si abbandona al saccheggio della località, distruggendo ulteriori incartamenti e documenti della Comunità. Con la morte di Ludovico, i beni degli Euffreducci e i diritti sul castello di Falerone, valutati intorno ai 40000 ducati, passano in possesso di Giovanni de' Medici per ordine di suo cugino, papa Leone X, come risarcimento per le spese militari affrontate insieme ad un premio di 6000 ducati per la repressione dei focolai d'insurrezione nelle Marche. Con la battaglia di Falerone del 1520, gli Euffreducci costituiscono l'ultimo tentativo espresso dalla classe feudale locale di creare una signoria,uno stato stabile attorno alla città di Fermo, in opposizione allo Stato della Chiesa. Molti dei loro partigiani sono fatti fuori, altri fuggono a Venezia e in Romagna, per poi ritornare a Falerone sotto il cognome di Emiliani, assumendo così una denominazione trasformata; Fabrizio, figlio di Pietro III da Falerone, è il primo ad assumere dopo il suo ritorno, il cognome "Emiliano" dando inizio ad una dinastia che in breve tempo ascende ai maggiori gradi della nobiltà locale, conseguendo il patriziato fermano. Nel Codex.Dipl. il Castello di Falerone risulta quindi presidiato militarmente dai Fermani; distrutti i Castelli di Bascione, Castelnuovo e Agello nel territorio faleronese.

Negli Statuti di Fermo del 1507 Falerone è tra i Castelli maggiori, ma la sua prevedibile decadenza in uno Stato Pontificio ostile, dirotta su altre città le classi dirigenti e la funzione amministrativa, quando la sede del Governatore viene trasferita prima da Falerone a Montappone, per poi insediarsi definitamente a Montegiorgio.Decadenza visibile anche in età napoleonica: Montegiorgio è riconosciuto come capo cantone sui comuni di Magliano di Tenna, Falerone, Montappone, Monte Vidon Corrado, Francavilla d'Ete, Mogliano e Loro Piceno. Falerone è località tra le più rappresentative del Piceno: unisce testimonianze importanti dell'età romana e altomedievale e medievale, con tradizioni persistenti della civiltà contadina e con un precoce inserimento già nel XVIII sec. delle manifatture del settore della paglia e dei cappelli, attorno al quale ricostruisce il suo distretto con Monte Vidon Corrado, Montappone e Massa Fermana.

Gli antichi Signori feudatari di Falerone[modifica | modifica wikitesto]

Nel Basso Medioevo, dal Mille al Rinascimento, la Storia di Falerone è tutta imperniata sulla Signoria Locale;tale dinastia numerosa si arricchì nel tempo di rami collaterali, che finirono per insediarsi nei castelli e comuni del circondario della Media Val Tenna, creando quindi un propria influenza su gran parte del territorio della Marca Fermana; sarà quindi doveroso presentare la Tavola Genealogica illustrando solo i personaggi più importanti, coloro che hanno fatto parlare maggiormente le cronache del tempo. Conviene iniziare dal suo capostipite, creato feudatario della Chiesa dal Vescovo fermano Gaidolfo e nominato conte dall'imperatore germanico Ottone I, probabilmente nel 962, quando egli sostò per alcuni giorni a Fermo. La notizia di tale nomina ci perviene dal più antico documento dell'Archivio Statale di Fermo, il codex 1030; le parole che contiene sono solenni, l'atto è del X sec.,"anno abbazia incarnatione nonagesimo septuagesimo septimo..." (977): "...Nos Gaidulphus episcopus sanctae firmanae ecclesiae....dedimus tibi Mainardo comes filii quondam Sifredi et filiis et nepotis tuis usque ad tertiam generationem ad usufruendum rem iuris sanctae firmanae ecclesiae..." "...Noi Gaidolfo vescovo della Santa Chiesa Fermana diamo a te conte Mainardo, figlio del fu Sigfrido, a ai tuoi figli e ai tuoi nipoti fino alla terza generazione, il patrimonio della Chiesa Fermana..." ...che si estende da capo "fine Alpi Montis de pede fino rigo Scave qui venit in Tenna maiore...de uno lato fluvio Aso...", "da una parte dalle vette dei Sibillini e dall'altra circa a metà della valle del Tenna (tra Santa Vittoria in Matenano e Curetta di Servigliano) e a sud del fiume Aso..." e altri punti di riferimento. Sulla nomina di Mainardo, non vi è alcun dubbio che tra la sua famiglia fosse proprio lui il primo a fregiarsi del titolo di conte, né suo padre Sifredo, né suo nonno, l'omonimo Mainardo, vengono citati con titoli nobiliari, ma solamente come semplici cittadini, mentre quando si nomina il nostro Mainardo, lo si fa sempre con il suo titolo di conte. D'altra parte è sicuro che il conte Mainardo fosse assai ricco, sia per meriti che per eredità potendo disporre, all'atto della convenzione con il vescovo fermano di oggetti d'oro e d'argento per il valore complessivo di 2000 soldi, oltre le terre date in compenso e parte in cambio di quella della Chiesa fermana, con un censo annuo di 5 soldi di corso legale.

  • Mainardo figura quindi come primo conte; è molto probabile che esso sia nato presso il confine comunale tra Santa Vittoria in Matenano e Servigliano, dato che nel citato documento del 977, indicando i confini di alcuni terreni, il vescovo Gaidolfo rivolgendosi al conte, usa varie volte la frase: “Da un lato la terra tua…” confinante con il fosso Tassiano (odierno San Gualtiero) “La terra tua delimitata da un lato dal fosso Tassenario…ecc”. Quindi la casa paterna di Mainardo era posto lungo tale confine, dove detenevano proprietà e terreni i Monaci dell'Abbazia di Farfa. Dal Chronicon farfense redatto dallo storico Gregorio da Catino veniamo a sapere che il conte Mainardo si era appropriato di vasti ed importanti beni posseduti già dai Farfensi: le corti e tenute di Cisterna di Montegiorgio e Monacesca presso il fiume Tenna, nel luogo dell'Antica Abbazia femminile che sorgeva in contrada Murgiano presso le attuali Piane di Montegiorgio, la vasta corte di Mogliano con più di 11000 moggi di terra di pertinenza, la corte di Apriano, a metà strada fra Montegiorgio e San Marco di Ponzano di Fermo, e in territorio di Sant'Angelo in Pontano, terre e castagneti. Tale occupazione appariva per Mainardo di sangue longobardo, come un onesto recupero di beni appartenuti per secoli al popolo longobardo, in virtù del Gastaldo di Falerone, mentre per il monaco Gisone, preposto di Montegiorgio, era semplicemente un'usurpazione. Lo stesso Chronicon ci ricorda come alla morte del conte, tutti i suoi beni furono divisi fra i due figli, Giberto ed Offone.
  • Giberto I stabilì per sé e per i suoi discendenti la residenza a Falerone e si impossessò di beni nelle vicinanze: la corte di Sant'Angelo in Pontano, l'antica chiesa di Sant'Angelo edificata presso il Tenna, nelle attuali Piane di Montegiorgio, con tutte le pertinenze annesse: Castagneto, Cisterna e Monacesca di Montegiorgio. Alla sua morte i beni passarono ai figli.
  • Offone stabilì invece la sua residenza a Villamagna in territorio di Urbisaglia alienandosi la corte di Mogliano di 11000 moggi di terra; risulta presente in questa corte una chiesa dedicata a Santa Vittoria, oggi non più esistente. Alla sua morte i beni passarono a Faroldo, il suo primogenito; quest'ultimo è citato in atti notarili del 1036 e del 1097 e risulta morto intorno al 1101.

Con i figli di Mainardo hanno inizio due fra le dinastie più potenti e feconde che partendo dai castelli originari, amplieranno le loro dipendenze verso le medie valli, occupando con i loro discendenti ogni spazio. Offone dunque, verso Fiastra e il Chienti, Giberto nella parte centrale del Tenna, La loro denominazione dai Castelli: “domini de Moellano, domini de Monteverde, de Fallerono, de Lauro, de Smerillo” non inficia la sostanziale unità del loro sistema politico e l'azione comune che essi perseguono appoggiandosi e collegandosi. In ogni momento politico, in ogni patto di pace o conflitto, li troviamo tutti uniti e schierati con i rispettivi castelli, rappresentati da coloro che considerano i loro capi: i Brunforte, i Mogliano, i Monteverde, i Falerone, che appaiono come le diramazioni e le famiglie più potenti. Tali signori, per mezzo di matrimoni, accordi ed usurpazioni, si allargano fino a controllare tutto il Territorio della Marca Meridionale, dal Chienti al Tronto, creando un grande stato feudale retto da una fitta rete di vassali e famiglie. Dei Signori di Falerone, successore di Giberto I è:

  • Mainardo II, figlio di Giberto.
  • Esmidone, figlio di Mainardo II cittadino faleronese che spesso si recava a Fermo, allora capoluogo della Marca fermana; figura in documenti del 1121 e 1141 e si apprende che ha due figli: Giberto II che è legittimo e Gentile che invece è naturale ed è soprannominato Avoltrino dalla contrada materna sita tra Fermo e Lapedona. Esmidone per non diseredare il figlio naturale, si attiene alla legge longobarda, che dispone che l'eredità di un figlio naturale riconosciuto, deve essere confermata e approvata dai figli legittimi e di fatto il conte Giberto II non solo conferma la detta eredità, ma permutò alcuni suoi beni destinandoli al fratello.
  • Gentile Avoltrino ebbe tre figli naturali, chiamati Allegretto, Giberto ed Ofreduccio, i quali per il fatto d'essere figli naturali di padre naturale, secondo la legge longobarda non potevano ereditare. Perciò furono affidati dal padre Gentile al vescovo fermano Liberato, insieme alla donazione di terre e beni, a condizione che fossero protetti contro le opposizioni dei cugini, i figli legittimi dello zio Giberto II.

Dei figli di Giberto II morto intorno al 1150 sono da ricordare Rinaldo il Vecchio, Baligano di Fermo, Bernardo di Monteverde e Ruggero di Fallerone.

  • Rinaldo detto il Vecchio, è il fondatore della dinastia dei domini de Moellano, poiché suo figlio Fidesmido si sposta dalla casa originaria e si insedia nel Castello di Mogliano, dando inizio alla sua discendenza. Nipote di Fidesmido è Rinaldo II il Grande (morto nel 1282), figlio di suo figlio Bonconte e di Monaldesca di San Ginesio. Rinaldo si insedia nel castello di Brunforte tra Sarnano e Amandola, dando inizio all'omonima dinastia dei Brunforte.
  • Berardo, è protagonista e presente insieme ai suoi figli Giberto, Corrado, Ofreduccio di atti notarili e cambi di terre con i vicini Signori di Villamagna e i feudatari loro fedeli. Dalla sua prole ha origine la dinastia dei Da Monteverde.
  • Ruggero è detto Fallerone I, essendo il restauratore delle fortune economiche e politiche della dinastia faleronese, sposa Piuccheneve dei conti di Villamagna, muore prima del 1139. Egli genera una prole ricca di ben 7 figli maschi: Berardo, Pietro, Ofreduccio, Rinaldo, Baligano, Corrado e Guidone. Tra questi vanno ricordati alcuni più celebri passati alla storia per fatti di cronaca ed eventi fondamentali.

Dei figli di Fallerone I citiamo quindi i più noti e considerevoli di memoria:

  • Rinaldo è noto con lo pseudonimo di Pellegrino, attribuitogli il 15 agosto del 1222 da San Francesco d'Assisi, che lo convertì, nella Piazza Maggiore di Bologna, dove Rinaldo frequentava la celebre Università. Prima di diventare uno dei più assidui compagni del Santo Assisiate, egli era stato un abile paciere fra le discordie della propria famiglia e da adulto diligente aveva intrapreso gli studi di Diritto a Bologna. Unitosi ai francescani, si recò in Terra Santa ad evangelizzare quelle terre, così come gli era stato ordinato, suscitando persino il rispetto dei Saraceni. Mori nel 1233 a San Severino Marche.
  • Baligano fu alternativamente amico ed aspro nemico dell'imperatore Federico Barbarossa e quindi causa non ultima dell'incendio di Fermo del 1176 e della distruzione del Duomo da parte dell'esercito imperiale. Sposò Tasselgardesca, figlia di Manerio, signore di Ripatransone, risolvendo così le vertenze con il vescovo Adenulfo. Ebbe due volte la dichiarazione di sudditanza e fedeltà del vassallo di Malvicino, castello presso Sarnano; venne a patti con i Signori di Villamagna, strinse alleanza con Tolentino contro San Ginesio, rivendicò in nome dei Signori di Falerone, i diritti su Loro Piceno e acquistò il castello di San Costanzo, villaggio dell'attuale comune di San Ginesio. Morì vero il 1250.

Tra i figli di Fallerone I sono da ricordare anche due di loro, che passeranno alla storia per aver dato i loro nomi a due castelli nei pressi di Falerone (castelli che oggi sono comuni): Corrado e Guidone, che legarono il proprio titolo alla storia di Monte Vidon Corrado e Monte Vidon Combatte.

  • Fallerone II, succedette a Baligano alla guida della signoria faleronese, si sa solo che fu simpatizzante del Re Manfredi, sposò Gualteruccia, figlia di Gentile da Varano, signore di Camerino. Muore prima del 1274. Ebbe due figli: Pietro I ed Ofreduccio I i quali consolidarono le fortune della famiglia e diedero una svolta radicale al futuro della loro Signoria.
  • Pietro I da Falerone consolidò le fortune della Famiglia e fondò la dinastia che poi si sarebbe stabilita definitamente a Falerone, identificandosi con i Nobili Emiliani.
  • Ofreduccio I, trasferitosi a Fermo, è il fondatore della dinastia degli Eufreducci, famiglia che sarà al centro delle cronache fermane e godrà di cariche civili e poteri. Tra i suoi discendenti si distingueranno poi, tre secoli più tardi Oliverotto Eufreducci e il nipote Ludovico. Ofreduccio ricopre vari ruoli amministrativi e civili: fu sindaco di Santa Vittoria in Matenano nel 1270, podestà di Foligno nel 1283, di Jesi nel 1288, di Rieti nel 1293; capitano del popolo a Siena nel biennio 1293-1294.

Nel maggio del 1274, i Signori di Falerone, compresi Pietro I ed Ofreduccio I, procedettero all'amichevole divisione dei loro numerosi beni: il paese di Falerone con i suoi abitanti, quali sudditi tenuti al pagamento delle imposte, il paese di Penna San Giovanni con i suoi abitanti tenuti al pagamento delle imposte, i paesi di Belluco e Servigliano, i proventi della chiesa di Santa Margherita di Falerone, metà del castello di Loro Piceno, essendo l'altra parte destinata ai signori di Mogliano, il villaggio di Cerreto di Montegiorgio meno la quarte parte, donata a Gualtiero da Brunforte come dote della moglie Agnese, figlia di Corrado fu Fallerone I; i castelli e il territorio di San Costanzo e Colonnalto presso San Ginesio, il villaggio di Bascione di Falerone, i proventi della chiesa di Sant'Angelo di Piane di Montegiorgio, il villaggio di Piobbico di Sarnano, i beni e i diritti goduti in Tolentino, Ascoli Piceno, Amandola, Montefortino, San Ginesio, Bolognola, Acquacanina, Fiastra e Caldarola con circa 300 vassalli, tenuti ai doveri di fedeltà e sudditanza. Altri beni ricordati nell'atto sono i molini, tra cui quello della Madonnetta a Piane di Falerone (Madonna del Molino), le fornaci di laterizi, il bestiame da cortile e da pascolo.

Con il cambiare dei tempi, il sorgere dei liberi comuni e l'affermarsi delle corporazioni, anche i Signori di Falerone videro diminuire sempre più le loro rendite, per cui furono costretti a rivedere il proprio patrimonio, cedendo e vendendo privilegi e beni alle comunità locali ed adattandosi a vivere come semplici cittadini, accettando uffici civili e cariche amministrative. La divisione dei beni fu quindi lo strumento per cominciare alla vendita dei loro cospicui beni lontani dalla residenza faleronese, determinando così il sorgere di molteplici famiglie di proprietari terrieri e nobili nei rispettivi castelli e paesi.

In tale operazioni, i fratelli Pietro ed Ofreduccio cedettero i beni siti in Cerreto e Villa Colle al Comune di San Ginesio, vendendo altresì i diritti e i beni goduti presso il castello di San Costanzo; cedettero al comune di Amandola le loro porzioni di proprietà sul Colle Agello e sul Monte Amandola, compresi vassalli e pertinenze, e con i soldi ricavati comprarono dai loro parenti il castello di Castelnuovo di Falerone; vendettero i beni e i diritti in contrada Aiello al comune di Penna San Giovanni.

La divisione di tali beni inoltre, permise l'espansione del paese di Falerone, con la costruzione di un nuovo asse viario verso il borgo di Santa Rosa e l'inclusione dentro la nuova cinta muraria del Convento francescano e della Piazza di San Fortunato. L'espansione del borgo verso Ovest, favorì l'apertura di un nuovo accesso al Castello (Porta Santa Rosa) e la costruzione di una nuova strada verso la frazione di Piane detta di Castelnuovo, riferibile al nuovo Castello.

  • Nuccio figlio di Pietro I, fu podestà di Perugia nel 1310.
  • Filippo e suo figlio Nicola, discendenti di Nuccio; non si hanno particolari notizie su di loro, vivono a cavallo tra il XIII sec. e XV sec.
  • Pietro II e i figli Stefano e Vanni, sono arrestati dai Fermani nel 1378 e obbligati ad inurbarsi a Fermo nel quartiere della contrada Castello, in seguito alla condanna inflitta loro per l'uccisione del figlio del conte Filippo di Massa Fermana.
  • Antonio, figlio di Vanni, dové dibattersi a lungo nella faccenda del molino della Madonetta di Falerone, con l'aggravio di dover pagare al comune di Penna San Giovanni un canone annuo di due salme di ottimo grano, in compenso della cessione di alimenti ed il vallato con l'acqua del Salino. Antonio non accettando il canone predetto, decise di donare la metà del mulino e dei relativi diritti al Comune di Falerone a patto che questi lo rendesse pienamente efficiente e desse a lui la metà della molinatura.
  • Fabrizio Emiliano e Piersante, figli di Pietro III, nipoti di Antonio, nel 1496 venderono l'altra metà del mulino al Comune di Falerone per il prezzo di trecento ducati d'oro. Con i nipoti di Antonio la dinastia faleronese riprende non solo vigore, ma ascende ai maggiori gradi della nobilità fermana, conseguendo il prestigioso patriziato fermano. Dal secondo nome di Fabrizio ha origine la famiglia degli Emiliani, nobili di Falerone e Fermo fino all' XIX sec.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Feste, fiere e sagre[modifica | modifica wikitesto]

Il patrono è San Fortunato di Todi (benché probabilmente sia una contaminazione avvenuta nel 1400 che portò a sostituire l'originario patrono San Fortunato di Montefalco) famoso per i numerosi miracoli compiuti a Falerone. Il santo è festeggiato dal paese nei primi giorni di giugno con una grande festa e con una solenne processione accompagnata dal corpo bandistico "Città di Falerone".

La seconda settimana di agosto viene festeggiata la festa della "Nzegna" dove le otto contrade del paese realizzano dei carri allegorici fatti solo di grano ed altri derivanti. Insieme ad essi vengono scritte delle piccole "Veglie" dove si usano costumi dell'inizio del Novecento. La prima domenica viene svolto "Il ballo della Nzegna" nel quale ogni ballerino deve far girare una bandiera di 3 kg sotto le proprie gambe e resistere 5 minuti facendo toccare meno volte la bandiera per terra. Racconta la leggenda che quando San Fortunato evitò l'invasione un contadino si mise a ballare con lo stendardo che rappresenta il patrono inventando il gioco. Essendo nata Falerone dall'antica colonia romana di Falerio Picenus, al di là della leggenda, probabilmente si tratta del salto della bandiera, famoso tra i legionari romani e rimasto vivo in altre poche comunità Italiane che traggono origine da colonie romane. La seconda domenica invece si effettua la sfilata dove tutte le persone vestite in abiti di inizio novecento sfilano dietro i carri. Altre feste sono quella della Pasquetta a San Paolino, antica chiesa oggi in disuso di Falerone, e "Magia della notte", festa organizzata da un gruppo teatrale dialettale di Falerone, i tre giorni dopo la "'Nzegna". Continuando c'è la festa di San Giovanni Battista a giugno a Piane di Falerone, in occasione della quale la funzione della messa domenicale è solenizzata dalla Corale Cesare Celsi e la castagnata ad ottobre. Infine una delle più famose manifestazioni è quella del Presepe vivente, che si tiene il 26 dicembre al teatro romano di Piane di Falerone.

Arte[modifica | modifica wikitesto]

La forte presenza francescana a Falerone è documentata fin dal XIII secolo, mentre l'attività monastica e la presenza di monaci e piccole abbazie su queste terre, risale all'epoca longobarda. Un primo convento di monaci sorgeva in contrada Piagge, in prossimità di una antica chiesa longobarda detta di San Giovanni (oggi distrutta), poco distante dal luogo dove ancora oggi, sorge la millenaria Chiesa di San Paolino anch'essa di età longobarda. Inoltre, erano edifici abbaziali, oltre ad essere luoghi di culto, le Chiese di Santa Margherita e di Santo Stefano; la prima dipendeva dai monaci di San Pietro in Ferentillo, la seconda rappresentava la Pieve principale dell'antica diocesi di Falerone (oggi scomparsa insieme alla pieve). È chiaro quindi che il monachesimo faleronese deriva in gran parte dall'influsso dei Benedettini che dall'Umbria emigrarono su queste terre, fondando conventi e introducendo il culto per i loro santi (il culto di San Fortunato da Montefalco sostituito con il santo da Todi patrono di Falerone fu importato dall'Umbria in epoca antichissima). I primi Francescani si stabilirono a Falerone a metà del XIII secolo, fondando un loro monastero sul colle del Cimitero costruendo la loro Chiesa dedicata al patrono del Paese (da qui la denominazione del luogo: colle San Fortunato). Solo nel 1292 i Francescani si inurbarono dentro le mure trasferendosi presso la Chiesa di Santa Maria ribattezzandola nel 1352 Chiesa di San Fortunato, anche se ancora oggi i faleronesi la chiamano di San Francesco. È della stessa epoca la costruzione del monastero annesso. La Chiesa sul colle rimase tale finché non venne abbattuta per l'erezione della cappella del Cimitero; il titolo di San Fortunato venne trasferito alla Chiesa di San Francesco che ancora oggi è ricordata come Tempio di San Fortunato detto di San Francesco. Nel 1542, alcuni monaci appartenenti all'ordine dei Clareni abbandonarono il convento delle Piaggie e fondarono una Chiesina su un colle presso il Paese, dedicandola alla Madonna degli Angeli e costruendovi una residenza annessa (Da notare l'affresco interno alla chiesa sopra l'altar maggiore; opera di Vincenzo Pagani). Nel 1568 l'ordine dei Clareni venne fuso con quello dei Frati Francescani e la Chiesa sul colle e il piccolo monastero annesso, entrarono nelle proprietà del Convento del Paese; mentre solo intorno al XVI secolo anche il monastero delle Piagge fu abbandonato e i pochi frati lì rimasti si trasferirono in San Francesco. Rimasero sue rovine fino agli inizi del Novecento,oggi sono scomparse del tutto. Resta in piedi la Chiesa della Madonna degli Angeli che dal 1860, in seguito alla vendita dei beni ecclesiastici passò in mano ai privati ed ancora oggi appartiene ad una facoltosa famiglia faleronese.

Persone legate a Falerone[modifica | modifica wikitesto]

Da Falerone provengono:

  • il Beato Pellegrino da Falerone, convertitosi a Bologna nel 1222, il suo nome originario era Rinaldo, figlio di Ruggero detto Fallerone I, signore di Falerone. Abbandonati gli studi universitari, diventa uno dei più esemplari compagni di San Francesco d'Assisi, recandosi in Terra Santa e suscitando il rispetto degli stessi Saraceni. Muore nel 1233 presso il convento di San Severino Marche. Pio VII il 31 luglio del 1821 ne approvò il culto.
  • il Beato Giacomo Brunforte vissuto nel XIII secolo, figlio anche lui dei Brunforte, imparentati con i signori di Falerone, fondatore del monastero francescano all'interno del Paese.
  • Oliverotto Euffreducci, detto Oliverotto da Fermo (1473-1502) signore di Fermo e Falerone, era figlio di Giovanni Eufreducci e di una sorella di Giovanni Fogliani, discendente dalla famiglia dei Signori di Falerone, è noto per il suo tentativo di imporre una signoria su Fermo, ma viene assassinato da Cesare Borgia; evento narrato da Niccolò Machiavelli nel Principe.
  • i fratelli Gaetano (Falerone 1792-ivi 1871) e Raffaele (Falerone, 1784 -ivi 1860) De Minicis, avvocati e patrizi fermani, studiosi e archeologi presso l'antica città di Falerio Picenus.
  • il Prevosto Don Angelo de Minicis (Falerone 1788-ivi 1851) priore della Parrocchia di Santa Margherita, nominato successivamente Prevosto della Chiesa Matrice di Falerone, fratello dei già citati Gaetano e Raffaele De Minicis, autore del saggio Consuetudini vigenti nelle Chiese di Falerone
  • Pompilio Bonvicini (Ascoli Piceno 1911- Fermo 1990), Professore, studioso, trascorse la giovinezza e l'infanzia a Falerone; si laureò nel 1941 presso l'Università di Urbino in Materie Letterarie che insegnò, in diverse scuole medie e superiori. Ispettore Onorario per la conservazione dei Monumenti e delle Opere antiche di Falerone, pubblicista accreditato presso L'Accademia dei Lincei; esercitò la sua sterminata erudizione nel Campo dell'Archeologia, della Storia, della Linguistica, della Filologia e Folklore. Da Appassionato, indagò sulla città di Falerio Picenus dirigendo diversi scavi, pubblicò libri ed saggi sulla Falerone romana e medievale.

+Francesco Concetti (Falerone 1914-1984).Laureato in Giurisprudenza e Filosofia, Docente Universario, esercitò la professione di avvocato con studio a Macerata e Roma;fu eletto alla Camera dei Deputati nella I e II Legislatura (1948-1958); Sindaco di Falerone dal 1956 al 1963. Durante il periodo fascista fu condannato al confino insieme al padre.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Falerone vanta tre società di calcio, la Folgore Falerone sorta nel 1957, l'ASD Piane di Falerone sorta nel 2007, che partecipa al campionato di 2º Categoria e l'Union calcio (2005), che cura il settore giovanile. Dalla stagione 2008/2009 la Folgore Falerone e la Union calcio hanno avviato una collaborazione, la Folgore gestirà così Juniores e Allievi mentre la Union il resto del settore giovanile dai giovanissimi ai piccoli amici. Il comune mette a disposizione di queste tre squadre due campi da calcio a 5, siti nella frazione Piane di Falerone e ed uno di calcio a 11 nel capoluogo. Nel Marzo del 2009, promossa dall'attuale amministrazione e composta da esponenti delle società sportive comunali, è nata l'ASD Due Torri, società che gestisce gli impianti sportivi di proprietà comunale. La Folgore Falerone ora però sì è fusa con la squadra del Montegranaro Provincia Fermana ed ora gioca in Eccellenza, dando vita alla Folgore Falerone Montegranaro calcio. Il paese ha anche due squadre di calcio a 5, la Folgore Falrone C5 e la Folgore Piane di Falerone che giocano i campionati CSI. Da citare è anche il grande staffettista Michelino B. (in arte Michel) che tanta gloria ha dato al suo paese natale nella specialità della 4x100.Era noto per la sua partenza a razzo, per questo spesso si diceva di lui arrivava prima lui del suono dello sparo dello starter (citando il dialetto : va veloze cume lu proiettole dulu sparatore)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b ISTAT - Bilancio demografico mensile al 30-6-2011.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • L. Mercando. Falerone (Fermo) - Rinvenimenti di tombe romane.
  • Pompilio Bonvicini. Falerone.
  • Giuseppe Colucci. Antichità Picene
  • Giuseppe Orlandi. Note storiche su san Fortunato vescovo e l'affermarsi del suo culto a Todi e a Falerone
  • Daniela Simoni. Atti del convegno La presenza francescana a Falerone
  • Raoul Paciaroni. La più antica relazione sull'apparizione dei lumi a Sanseverino, AN, 2003.
  • Cassa di Risparmio di Fermo. Terre castelli ville nel Piceno

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Marche Portale Marche: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marche