Monte San Pietrangeli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Profilo di Monte San Pietrangeli, caratterizzato dai tre campanili: da sinistra a destra la torre della chiesa di San Francesco, la torre civica, il campanile della chiesa di San Lorenzo e Biagio
Monte San Pietrangeli
comune
Monte San Pietrangeli – Stemma Monte San Pietrangeli – Bandiera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Marche.svg Marche
Provincia Provincia di Fermo-Stemma.png Fermo
Amministrazione
Sindaco Commissario Straordinario di Governo Dr. Francesco Martino
Territorio
Coordinate 43°11′31.71″N 13°34′42.89″E / 43.192142°N 13.578581°E43.192142; 13.578581 (Monte San Pietrangeli)Coordinate: 43°11′31.71″N 13°34′42.89″E / 43.192142°N 13.578581°E43.192142; 13.578581 (Monte San Pietrangeli)
Altitudine 241 m s.l.m.
Superficie 18,28 km²
Abitanti 2 582[1] (30-6-2011)
Densità 141,25 ab./km²
Frazioni San Rustico
Comuni confinanti Corridonia (MC), Francavilla d'Ete, Monte San Giusto (MC), Montegiorgio, Montegranaro, Rapagnano, Torre San Patrizio
Altre informazioni
Cod. postale 63815
Prefisso 0734
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 109023
Cod. catastale F626
Targa FM
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Cl. climatica zona D, 1 922 GG[2]
Nome abitanti monsanpietrini
Patrono san Biagio
Giorno festivo 3 febbraio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Monte San Pietrangeli
Posizione del comune di Monte San Pietrangeli nella provincia di Fermo
Posizione del comune di Monte San Pietrangeli nella provincia di Fermo
Sito istituzionale

Monte San Pietrangeli (localmente Monsampietro; a volte in forma contratta Monsampietrangeli) è un comune italiano di 2 582[1] abitanti della provincia di Fermo nelle Marche.

Fa parte dell'Area Vasta n. 4 di Fermo, dell'Azienda Sanitaria Unica Regionale delle Marche (A.S.U.R. Marche).

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Dista 17 km dalla città di Fermo.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Furono i Siculi a fondare in epoca preromana un primo insediamento e questo piccolo villaggio fu chiamato Petraia per il culto che queste genti pagane tributavano al Dio Sole. In epoca romana il territorio venne diviso in tanti terreni ognuno dei quali veniva assegnato, come pensione, ai militari che avevano servito Roma: ne è prova il ritrovamento di un'urna cineraria marmorea, conservata nella sala consigliare del Comune, contenente le ceneri del legionario Caio Vezzio vessillifero della IV legione di Macedonia, rinvenuta in località San Biagio. Nel IX-X secolo il territorio comunale venne donato dal duca di Spoleto Faroaldo II al monastero di Farfa e di San Pietro in Valle a Ferentillo. I Monaci di Farfa costruirono, intorno all'anno mille, un monastero la cui chiesa venne intitolata a San Biagio nella zona che ancora oggi ne porta il nome. In seguito i monaci di Farfa cedettero le loro terre ai vescovi di Fermo e lasciarono l'insediamento di cui non resta più alcuna traccia. Sempre intorno all'anno mille anche i monaci dell'Abbazia di San Pietro in Valle di Ferentillo edificarono nel punto più alto dell'attuale Paese, sopra i resti di un antico tempio pagano, la loro chiesa consacrata a San Pietro loro Santo protettore. Agli inizi del Duecento il paese passò ai canonici del Duomo di Fermo, mentre nel 1257 venne ceduto da questi al comune di Fermo. Incendiato dai fermani nel 1276 in quegli anni l'abitato assunse il nome di San Pietro de Alleis. Nel 1444, dopo aver respinto i tentativi di sottomissione da parte di Francesco Sforza, si elevò a libero Comune e nel 1483 si dotò di un proprio statuto. Il Comune, ceduto nuovamente nel 1535 a Fermo, il 29 settembre 1537, per volere del papa Paolo III, fu liberato definitivamente dal giogo fermano passando alle dirette dipendenze della Santa Sede, e cambiò il nome in Mons Sancti Petri Angelorum. Da papa Pio V il Comune fu assegnato alla provincia di Macerata e vi rimase fino al 1808. Da tale data fu aggregato al Dipartimento del Tronto di cui era capitale Fermo e vi rimase fino all'Unità d'Italia quando il Governo italiano decise di togliere la provincia a Fermo a favore di Ascoli Piceno. Attualmente fa parte della nuova provincia di Fermo.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

  • Chiesa intitolata ai Santi Lorenzo e Biagio, ex chiesa della collegiata, aperta al culto nel 1824, capolavoro neoclassico costruito su progetto dell'architetto Giuseppe Valadier, con interni mirabilmente affrescati da Luigi Fontana, il noto scultore e pittore a cui Monte San Pietrangeli diede i natali e la sepoltura.
  • Il Campanile della Chiesa di San Pietro (oggi San Francesco) rifatto nel 1683 su disegno di Rossi Rosato di Montalto.
  • L'ingresso al Palazzo dei Priori adornato da un bel portale in stile gotico con arco a sesto acuto sormontato dallo stemma del comune.
  • Un'urna cineraria ritrovata nel 1775 in località San Biagio attualmente collocata nella Sala Consigliare del Comune.
  • Ruderi della Rocca, nei pressi del parco della Rimembranza, i resti delle antiche mura castellane con un torrione discretamente conservato e i resti della Porta Aposolis o Porta da bora.
  • Il Palazzo del Comune costruito nel 1763. Fu abbellito dal pittore Luigi Fontana che decorò il vestibolo e la scala ornandola di uno scudo con l'effigie di San Michele Arcangelo con ai suoi piedi Lucifero.
  • La Chiesa di San Pietro, oggi San Francesco, nella quale si può ammirare un magnifico polittico, attribuito a Giuliano Presutti detto "Giuliano da Fano", e frammenti di affreschi di autore ignoto.
  • La Chiesa della Madonna dell'Ospedale (fuori le mura) ove si venera un artistico quadro della Madonna Addolorata. La maggior parte dei dipinti delle pareti sono opera del pittore Oscar Marziali nativo di Monte San Pietrangeli.

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[3]

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Ricorrenze, feste e fiere[modifica | modifica sorgente]

  • Lunedì mattina: mercato nelle vie del centro storico.
  • 3 febbraio: Festa per il patrono San Biagio, con fiera per le vie del paese.
  • Venerdì Santo: processione storica, in cui si rievoca la passione di Cristo con personaggi in costume.
  • Terza domenica di luglio: "Rievocazione Storica della Trebbiatura" del grano nella località San Rustico (unica frazione del comune), con degustazione di prodotti locali tipici.
  • Lunedì di Pasqua: "festa e fiera di Mammaussu" (storpiamento dialettale di Emmaus, storica città ove Gesù apparve ai discepoli).
  • Ultima settimana di giugno: "Palio di San Pietro", sfilata in costume e sfida tra le tre contrade cittadine "San Pietro", "San Lorenzo" e "Santa Maria".

Persone legate a Monte San Pietrangeli[modifica | modifica sorgente]

Geografia antropica[modifica | modifica sorgente]

Urbanistica[modifica | modifica sorgente]

Il suo centro storico, di forma allungata e circondato dalle mura medievali (che testimoniano un burrascoso passato di guerre con i paesi limitrofi), è caratterizzato da una via principale a senso unico (via Roma) che si apre in una piazza centrale (piazza Umberto I) e da due strette vie secondarie laterali alla via principale (via Luigi Fontana e via Michele Mandirola). Nel centro storico sono presenti splendidi palazzi appartenuti a famiglie nobili o di rilevanza sociale. Al termine di via Roma è visibile la chiesa intitolata ai Santi Lorenzo e Biagio.

Economia[modifica | modifica sorgente]

È un comune piccolo ma ricco, infatti l'attività prevalente, a parte l'agricoltura, è nel settore calzaturiero e nel suo indotto. Monte San Pietrangeli ultimamente sta puntando sul turismo, incentrato soprattutto sulla bellezza naturalistica e paesaggistica (caratterizzata dalle tipiche dolci colline marchigiane); testimonianza è la nascita di diversi agriturismi nel suo territorio.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
28 maggio 2006 15 maggio 2011 Ermes Brandimarti lista civica Sindaco
16 maggio 2011 in carica Giulio Conti lista civica Sindaco

Sport[modifica | modifica sorgente]

Calcio a 11[modifica | modifica sorgente]

La squadra di calcio locale sì è fusa con la squadra della vicina Torre San Patrizio formando l' ASD Monte e Torre calcio che ora disputa la Terza Categoria.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b ISTAT - Bilancio demografico mensile al 30-6-2011.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • F. M. Mistichelli e G. Branca, Notizie storiche di Montesampietrangeli. Fermo 1942.
  • Gabriele Nepi. Cenni storici di Monsampietrangeli. 1964
  • Giovanni Cicconi. Luigi Fontana e le sue opere. 1928
Marche Portale Marche: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marche