Classe Admiral Kuznetsov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Admiral Kuznetsov
Admiral Kuznetsov
Admiral Kuznetsov
Descrizione generale
Naval Ensign of the Soviet Union.svg Naval Ensign of Russia.svg Naval Ensign of the People's Republic of China.svg
Tipo incrociatore pesante portaeromobili missilistico - portaerei
Classe Admiral Kuznetsov
Numero unità 1 + 1 non terminata
Proprietario/a Naval Ensign of the Soviet Union.svg Voenno Morskoj Flot SSSR
Naval Ensign of Russia.svg Voenno Morskoj Flot Rossijskoj Federacii
Naval Ensign of the People's Republic of China.svg Zhōngguó Rénmín Jiěfàngjūn Hǎijūn
Cantiere Nikolaev
Caratteristiche generali
Dislocamento 67 000
Lunghezza 306 m
Larghezza 72 m
Pescaggio 11 m
Propulsione Turbine a vapore 200 000 hp
Velocità 30 nodi  (56 km/h)
Autonomia 8,500
Equipaggio 1500
Armamento
Armamento 12 missili antinave SS-N-19 Shipwreck
192 SAM SA-N-9 Gauntlet
8 cannoni CIWS CADS-N-1 Kashtan
8 cannoni AA AK-630
1 lanciatore ASW UDAV-1
Mezzi aerei 30 o più, includono
12 x aerei Su-33
24 x elicotteri Ka-27

[senza fonte]

voci di classi di portaerei presenti su Wikipedia

La Classe Admiral Kuznetsov o Progetto 1143.5 è una classe di portaerei da oltre 67.000 tonnellate di stazza, con una lunghezza di 306 metri ed una dotazione normale di circa una quarantina tra aerei ed elicotteri.

La nave è classificata in Occidente come portaerei, mentre il termine usato dai russi è ТАВКР/TAVKR, acronimo di incrociatore pesante portaeromobili missilistico (in russo: Тяжёлый авианесущий крейсер ракетный?, traslitterato: Tâžëlyj avianesuŝij krejser raketnyj). Tale designazione consente alla Russia di aggirare la Convenzione di Montreux per le navi che transitano per i Dardanelli e il Bosforo tra il Mar Mediterraneo e il Mar Nero.

Complessivamente, ne furono iniziate due, ma solo la capoclasse Admiral Kuznetsov è entrata in servizio. Tale unità è l'unica portaerei operativa al mondo del tipo STOBAR (Short Take Off But Arrested Recovery). La dotazione di aerei prevede le versioni navalizzate di 15-20 Sukhoi Su-33, 5 Su-25 e di 20-24 elicotteri KA-27.

A differenza delle omologhe navi in servizio in occidente, le Kuznecov hanno un pesante armamento di missili antinave, compresi missili da crociera, che le conferiscono notevoli capacità di autodifesa che ne fanno sostanzialmente più un'unità da difesa che di attacco, lasciando tale compito ai potenti incrociatori della Classe Kirov.

Unità[modifica | modifica sorgente]

Le unità di cui venne avviata la costruzione furono due, ma una sola è stata completata ed è entrata in servizio nella Marina Sovietica, mentre la seconda prima del completamento è stata venduta alla Cina.

Admiral Kuznetsov «Адмирал флота Советского Союза Кузнецов»
nomi precedenti — in ordine di assegnazione — «Советский Союз» (Unione Sovietica), «Рига» (Riga), «Леонид Брежнев» (Leonid Brežnev), «Тбилиси» (Tbilisi) e infine «Адмирал флота Советского Союза Кузнецов» (ammiraglio della flotta dell'Unione Sovietica Kuznetsov)
Costruita nei cantieri di Nikolaev è attualmente in servizio nella Flotta del Nord della Marina Russa.
Liaoning
nomi precedenti — in ordine di assegnazione — Riga, Varyag, Shi Lang e infine Liaoning
Varata nei cantieri di Nikolaev, il suo scafo nel 2004 è stato venduto alla Cina, ufficialmente come rottame, cosa indispensabile per farle passare (al traino) lo stretto dei Dardanelli, per essere trasformata in un parco galleggiante tematico. In realtà vi sono state a più riprese voci sulla intenzione della marina cinese, che ha di fatto preso possesso dello scafo, di rendere operativa la portaerei, ma dal 2005 nessuna modifica è stata effettuata[1]. In data 13 aprile 2011 in un articolo su "Il Sole 24 Ore" viene data per quasi pronta alla consegna la Portaerei venduta alla Marina dell'Esercito di Liberazione Popolare Cinese.[2]

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Varyag Aircraft Carrier - SinoDefence.com
  2. ^ Quasi operativa la prima portaerei cinese. È una ex nave russa e in teoria doveva diventare un casinò - Il Sole 24 ORE

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]