Classe Udaloj

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Classe Udaloj
Proekt 1155
il cacciatorpediniere Admiral Panteleyev
il cacciatorpediniere Admiral Panteleyev
Descrizione generale
Naval Jack of the Soviet Union.svg Naval Jack of Russia.svg
Tipo cacciatorpediniere
Classe Udaloy
Proprietario/a Russia
Entrata in servizio 5 febbraio 1980
Caratteristiche generali
Dislocamento 8200
Lunghezza 162 m
Larghezza 19,3 m
Pescaggio 6,2 m
Velocità 34 nodi nodi
Autonomia 23162m
Equipaggio 300
Armamento
Armamento 2 cannoni da 100mm; 8 missili antisommergibile SS-N-14; 64 missili antiaerei SA-N-9 in otto sistemi di lancio verticale; 8 lanciasiluri da 533mm

[senza fonte]

voci di navi presenti su Wikipedia

I cacciatorpediniere classe Udaloy sono stati uno dei tipi più moderni realizzati nell'URSS, essi erano specializzati nel ruolo ASW e in ciò erano simili agli esemplari classe Spruance statunitensi, armati con 8 missili SS-N 14 e 2 elicotteri. Le prime 7 navi erano: Udaloy, Vitse Admiral Kulakov, Marshal Vasilievsky, Admiral Spiridinov, Admiral Tributs e Marshal Shaposhnikov. Sono state tutte costruite nei cantieri Yantar di Kaliningrad e Zhdanov di Leningrado. Sono stati messi in ombra dai più potenti Sovremenny, ma un Udaloy II è stato completato con missili SS-N 22 antinave.

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

A metà degli anni settanta si fece sentire al necessità di un nuovo cacciatorpediniere specializzato nella lotta antisommergibile. Si richiedeva una imbarcazione di notevoli dimensioni capace di operare per periodo prolungati in alto mare e con un armamento tale da rendere la nave indipendente dall’appoggio di altre unità navali.

Si diede quindi il via alla progettazione della classe Udaloy I. Se pure la nave sia classificata come fregata la classe Udaloy rappresenta un grande passo in avanti rispetto alle navi della classe Krivak, le quali inizialmente erano sprovviste di un ponte di volo per gli elicotteri, e solo successivamente furono dotate di un ponte per fare atterrare gli elicotteri e di un hangar per un singolo apparecchio. La classe Udaloy fu subito concepita per trasportare due elicotteri del tipo Kamov Ka-25. Rispetto alle navi della classe Krivak anche gli impianti sonar sono stati migliorati e le navi dispongono anche di capacità marginali per la difesa aerea.

La difesa aerea e composta da otto lanciatori per missili Klinok, mentre la difesa a corto raggio è affidata a 4 mitragliatrici gatling da 30 mm del tipo AK-630, e da due cannoni da 100 mm del tipo AK-100 che possono essere utilizzati contro obbiettivi aerei e contro bersagli terrestri.

Armamento[modifica | modifica sorgente]

Se pure la classe Udaloy si possa considerare la classe equivalente della classe Spurance americana, le differenze che distinguono le due classi anche a livello concettuale sono più che evidenti. Nonostante le notevoli differenze nelle varie versioni delle unità della classe Udaloy per quanto riguarda l'armamento per la difesa antiaerea e antinave, contrariamente a quanto avviene per le unità statunitensi, la classe Udaloy mantiene una impostazione specialistica spiccatamente rivolta verso la lotta antisommergibile. Non capita quindi di rado che le unità della classe Udaloy dotate di una difesa antiaerea scarsa operino insieme a navi della Classe Sovremenny, che dotate di una buona difesa antinave e antiaerea dispongono di una scarsa difesa antisommergibile.

A causa della forte impostazione per la lotta contro unità sottomarine alcune versioni della Udaloy dispongono di difese antiaeree e antinave relativamente modeste. Sulle navi della classe Udaloy I la difesa contro le navi nemiche è affidata esclusivamente ai due cannoni AK 100 e a otto missili antinave URK-5 Rastrub anche noti con il nome di SS-N-14 Silex. Il Silex è un vettore per il trasporto di un siluro modello Typ 40 o E53-72. Stando alle informazioni attuali entrambi i siluri potrebbero essere armati con una testata nucleare da 5 kT. In alternativa il Silex può anche trasportare una carica esplosiva convenzionale senza trasportare un siluro per la fase finale dell'attacco. In questo caso la guida del vettore avviene via radar. Tuttavia tendenzialmente tutti i missili Silex vengono armati con siluri. Questo permette di utilizzarli sia contro navi che contro unita subacquee.

La difesa antiaerea è composta dal sistema SA-N-9, versione navale del SA-15 Gauntlet. I missili, a lancio verticale, sono contenuti in otto tamburi, ognuno con otto ordigni, coperti da una botola metallica del diametro di sei metri. Quattro complessi di lancio si trovano a prua mentre i restanti quattro si trovano due nella sezione anteriore del hangar e due fra i due hangar. Il lancio dei missili è "a freddo", ovvero avviene mediante capsula pneumatica che espelle l'ordigno, il quale, una volta raggiunta la quota di sicurezza (5-10 metri), accende il motore e si orienta, mediante getto di gas, nella direzione del bersaglio. Lanciato il primo missile, il contenitore a tamburo ruota e posiziona un altro ordigno pronto per il lancio. Sembra che il radar di tiro del sistema, CROSSWORD in codice NATO, abbia subito problemi nel suo sviluppo, tanto che alcuni caccia sono entrati in servizio sprovvisti dell'antenna.

Per la difesa antisommergibile ogni nave è dotata di otto tubi lanciasiluri 4 dei quali a babordo e i restanti 4 a tribordo della nave. Come siluro viene normalmente utilizzato un siluro da 533 mm del tipo 53. Per la difesa ravvicinata ogni nave è dotata di due lanciarazzi RBU-6000 con una gittata fino a 6 000 metri.

Unità[modifica | modifica sorgente]

  • Udaloy I
    • Udaloj (1980) «Удалой» - Ritirata dal servizio e demolita a Murmansk nel 2002
    • Vice-Admiral Kulakov (1980) «Вице-адмирал Кулаков» - In riparazione dal 1990, non è più rientrata in servizio
    • Maršal Vasilevskij (BPK 499) (1982) «Маршал Василевский», intitolata a Aleksandr Michajlovič Vasilevskij - Ritirata dal servizio
    • Admiral Zacharov (1982) «Адмирал Захаров» - demolita in seguito ad un incendio occorso nel 1992
    • Admiral Spiridonov (1983) «Адмирал Спиридонов» - Ritirata dal servizio
    • Admiral Tribuc (BPK 552 (ex BPK 564)) (30.12.1985) «Адмирал Трибуц» - In servizio nella Flotta del Pacifico, andata a fuoco nel 1991, ma rientrata in servizio
    • Maršal Šapošnikov (BPK 543) (30.12.1985) «Маршал Шапошников», intitolatoaa Boris Michajlovič Šapošnikov - In servizio nella Flotta del Pacifico
    • Severomorsk (BPK 619) (30.12.1987) «Североморск» - In servizio nella Flotta del Nord
    • Admiral Levčenko (BPK 605) (30.9.1988) «Адмирал Левченко», intitolata a Gordej Ivanovič Levčenko - In servizio nella Flotta del Nord
    • Admiral Vinogradov (BPK 572 (ex BPK 405)) (30.12.1988) «Адмирал Виноградов» - In servizio nella Flotta del Pacifico
    • Admiral Charlamov (BPK 678) (30.12.1989) - «Адмирал Харламов» - in reserva dal 2006 per necessità di manutenzione
    • Admiral Panteleev (BPK 548) (19.12.1991), «Адмирал Пантелеев» - In servizio nella Flotta del Pacifico
  • Udaloy II
    • Admiral Čabanenko (BPK 650) (Mar 1999) Адмирал Чабаненко - In servizio nella Flotta del Pacifico; nel 2008 è stata la prima unità navale militare russa a transitare attraverso il Canale di Panama dai tempi della seconda guerra mondiale[1]
    • Admiral Basistj (demolita durante la costruzione)
    • Admiral Kučerov (neanche impostata)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Russian ship sails through Panama, BBC News Online, 6 dicembre 2008. URL consultato il 6 dicembre 2008.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]