Dislocamento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il dislocamento di una nave è la massa dell'acqua da essa spostata, il cui peso, per il principio di Archimede, è uguale al peso totale della nave stessa (peso proprio e peso dei carichi).[1]

La relazione che lega il dislocamento con il volume di acqua spostata, quantità calcolabile con procedimenti geometrici, è proporzionale:

\Delta = \rho V

dove Δ è il dislocamento misurato in

ρ è la densità del liquido in tonnellate per metro cubo (circa 1,026 per l'acqua di mare) e V è il volume spostato in metri cubi.

Questa unità di massa non deve essere confusa con la tonnellata di stazza, che è invece una misura di volume.

Si possono indicare tre tipi di utilizzo per il termine.

Dislocamento (D)
è la massa reale di una nave e del suo contenuto. Si usa per classificare le imbarcazioni non mercantili, poiché il loro carico è più o meno costante e non sono soggette al sistema di tariffe portuali usate per il commercio.
Dislocamento a vuoto (Dv)
misura la massa della nave senza carburante, carico, passeggeri, equipaggio, né provviste a bordo.
tonnellaggio di portata lorda
rappresenta la differenza tra i due valori e rappresenta la capacità di carico in sicurezza della nave (fino al bordo libero estivo che cambia a secondo della tipologia di acqua in cui la nave è immersa.)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Treccani - Dislocamento

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]