Classe Ognevoj

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Classe Ognevoy
Ognevoy.jpg
Descrizione generale
Naval Jack of the Soviet Union.svg Naval Jack of Bulgaria.svg
Tipo cacciatorpediniere
Classe Ognevoj
Proprietario/a URSS - Bulgaria
Cantiere Leningrado, Mykolaiv, Severodvinsk e Komsomolsk-na-Amure
Entrata in servizio 1943
Caratteristiche generali
Dislocamento 1.800
Stazza lorda 2.650 tsl
Lunghezza 117 m
Larghezza 11,6 m
Altezza 4,2 m
Propulsione Vapore: Potenza: 60.000 hp
Velocità 37 nodi
Autonomia 1.700 miglia a 16 nodi
Equipaggio 250
Armamento
Armamento artiglieria:
  • 4 cannoni da 130mm
    in 2 torrette binate
  • 1 torretta binata da 85mm
  • 6 cannoni antiaerei da 37mm

Siluri:

Armi subacquee:

[senza fonte]

voci di navi presenti su Wikipedia

Le unità appartenenti alla classe Ognevoj (progetto 30 secondo la classificazione russa) sono cacciatorpediniere sovietici costruiti durante ed immediatamente dopo la seconda guerra mondiale.

Ne vennero costruite due versioni, per un totale di undici esemplari.

Progetto 30[modifica | modifica sorgente]

Si tratta della versione base, un’evoluzione rispetto alla precedente Classe Gnevnyj, che aveva dimostrato gravi limiti e prestazioni insufficienti. Gli Ognevoy sono state le prime grandi unità sovietiche costruite con le torrette chiuse.

Complessivamente, ne furono ordinati 24 esemplari nel 1938, ma il programma venne interrotto per l’invasione tedesca del 1941. Tutte le unità in costruzione a Mykolaiv che fu possibile varare, vennero evacuate incomplete. Le altre vennero distrutte per non farle cadere in mano nemica.

L’unica nave completata secondo il progetto originario, l’Ognevoy appunto, venne completato nel 1943 e demolito negli anni sessanta.

Progetto 30A[modifica | modifica sorgente]

Tutti gli scafi del progetto 30 che erano stati evacuati e che erano ancora utilizzabili, vennero completati dopo la guerra, con alcune modifiche rispetto alla versione base.

Queste navi furono la base per i futuri classe Skoryy (progetto 30B).

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Lista di nomi in codice NATO per navi sovietiche

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

M.J Whitley, Destroyers of World War 2, 1988 Cassell Publishing ISBN 1-85409-521-8

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]