Classe Kola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Classe Kola
Descrizione generale
Naval Ensign of the Soviet Union.svg
Tipo fregata
Numero unità 8
Proprietario/a Voenno-Morskoj flot SSSR
Cantiere Yantar, a Kaliningrad
Entrata in servizio 1951
Caratteristiche generali
Dislocamento 1.900 t
Lunghezza 96 m
Larghezza 10,8 m
Altezza 3,2 m
Propulsione due turbine a vapore, con due caldaie per complessivi 27 800 hp
Velocità 30 nodi
Autonomia 3.300 mn a nodi 13,7
Equipaggio 175
Armamento
Artiglieria 4 cannoni da 100 mm,
4 impianti binati da 37 mm,
4 impianti binati da 25 mm,
Siluri 3 tubi lanciasiluri da 533 mm
Altro 2 sistemi antisommergibile MBU-900,
48 cariche di profondità

[senza fonte]

voci di navi presenti su Wikipedia

Le fregate della classe Kola (progetto 42 Sokol secondo la classificazione russa) vennero costruite per la Marina Sovietica nei primi anni cinquanta. Rimasero in servizio fino agli anni settanta, quando furono demolite. In Unione Sovietica erano classificate Storozhevoi Korabl, ovvero navi da pattugliamento.

Sviluppo e tecnica[modifica | modifica sorgente]

Le Kola erano una versione sovietica delle tedesche classe Elbing, risalenti alla seconda guerra mondiale. La costruzione venne intrapresa presso il cantiere navale Yantar, a Kaliningrad, e fu limitata a sole otto unità. Infatti, le Kola erano considerate troppo costose per essere costruite in serie, e quindi gli vennero preferite le più piccole ed economiche classe Riga.

L'armamento principale consisteva in quattro cannoni da 100mm sistemati in altrettanti impianti singoli. L'armamento secondario o antiaereo comprendeva invece quattro impianti binati, due da 37mm ed altrettanti da 25mm.

La componente ASW era costituita da due lanciatori di missili antisommergibile del tipo MBU-900, che vennero successivamente sostituiti con altrettanti RBU-2500. Le cariche di profondità erano 48. Completavano l'armamento tre tubi lanciasiluri in altrettanti impianti singoli da 533mm.

Il servizio[modifica | modifica sorgente]

Le Kola entrarono in servizio tra il 1951 ed il 1953, e servirono la VMF fino agli anni settanta, quando furono demolite.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]