Classe Pomornik

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Classe Pomornik
Progetto 1232.2 Zubr
Soviet Pomornik class.JPEG
Descrizione generale
Naval Ensign of the Soviet Union.svg Naval Ensign of Russia.svg Naval Ensign of Ukraine.svg Flag of Greece.svg Naval Ensign of the People's Republic of China.svg
Tipo hovercraft
Numero unità 12
Utilizzatore principale Naval Ensign of the Soviet Union.svg Voenno Morskoj Flot SSSR
Naval Ensign of Russia.svg Voenno Morskoj Flot Rossijskoj Federacii
Altri utilizzatori Naval Ensign of Ukraine.svg Viys'kovo-Morsky Syly Ukrayiny
Flag of Greece.svg Polemikò Naftikò
Naval Ensign of the People's Republic of China.svg Zhōngguó Rénmín Jiěfàngjūn Hǎijūn
Cantiere San Pietroburgo
Entrata in servizio 1988
Caratteristiche generali
Dislocamento a pieno carico: 550 t
Lunghezza 57,3 m
Larghezza 25,6 m
Altezza 21,9 (con cuscino d'aria alzato) m
Propulsione 5 turbine a gas M-70 da 11.800 hp, 3 per il moto e 2 per la sostentazione
Velocità 60 nodi
Autonomia 300 n. mi. a 55 nodi
Capacità di carico 3 carri armati medi o 10 mezzi APC
Equipaggio 31
Passeggeri 180(?)
Equipaggiamento
Sensori di bordo 1 radar di scoperta Kivach, 1 di tiro Bass Tilt, apparati radio e optronici
Armamento
Artiglieria alla costruzione: 2 cannoni ADG-630 da 30mm.
Missili 2 lanciatori quadrinati per missili Igla (SA-18),
2 lanciarazzi da 122mm multipli.

[senza fonte]

voci di navi presenti su Wikipedia

Classe Pomornik è il nome NATO della classe di hovercraft da sbarco russi Progetto 1232.2 Zubr. La classe è stata sviluppata negli anni' 80, e il prototipo è stato mostrato nel 1985, con la produzione partita dal 1987.

La specialità degli Hovercraft, come praticamente ogni tipo di imbarcazione non convenzionale ideata, è stata molto curata nella Marina sovietica, soprattutto nel campo anfibio. Il primo Hovercraft sovietico ha data dal 1934. Da allora la genia di mezzi da sbarco ha preso una progressiva piega verso mezzi molto grandi e potenti.

Le navi del tipo 'Pomornik' (codice NATO) si chiamano in realtà Zubr, che rappresentano uno dei più grandi mezzi navali di questo tipo realizzati. Facendo seguito alle navi del tipo Aist, esse hanno quasi raddoppiato il dislocamento (550 vs 330), con un armamento molto potente, basato su CIWS ADG-630, 2 a prua, lanciamissili leggeri IR, lanciarazzi per il bombardamento costiero del tipo BM-122 navalizzati, con razzi a gittata ridotta da 10km.

Le strutture sono realizzate con leghe leggere, precisamente leghe di alluminio-manganese di 3-4 mm di spessore, una suddivisione interna nello scafo in 3 sezioni, divise da paratie longitudinali, con quella centrale riservata per i veicoli trasportati. QUelle laterali sono invece impiegate per i motori di sostentazione, mentre la parte più alta dello scafo ospita alloggi per 180 truppe.
Nonostante la necessità di leggerezza, questi aliscafi hanno una corazzatura protettiva per equipaggio e depositi munizioni, anch'essa in lega leggera.

L'apparato motore si basa su 2 ventole Almaz M-70 per la sostentazione e il gonfiaggio del cuscino d'aria, mentre altre 3 azionano altrettante immense eliche propulsive, intubate, di 5,5 metri (i tubi sono di 6 m di diametro). L'operazione di gonfiaggio del cuscino è possibile con 4 ventole da 2,5 m sistemate sui lati del comparto di carico. È possibile il rifornimento in mare, mentre il normale livello di autonomia è di circa 10 ore. Le turbine, che complessivamente erogano oltre 55.000hp (100 per t. di spinta!), hanno un consumo estremamente contenuto, dichiarato in 0,25kg/Hp/ora. Il pilotaggio del mezzo è agevole nonostante la mole, può superare ostacoli di oltre 1 metro e il pilota automatico aiuta a fare rotta secondo i programmi inseriti. La navigazione è facilitata da girobussola, ricevitore GPS/GLONASS, navigatore doppler e radiogoniometro.

Come punto di arrivo di tutta la tecnologia sovietica degli hovercraft da combattimento, la Zubr/Pomornik è indubbiamente una realizzazione di straordinaria complessità e potenza, dalle notevolissime capacità operative in azioni di assalto anfibio e trasporto veloce. Essa tuttavia ha un costo elevato, che nell'insieme porta il rapporto costo-efficacia di un mezzo navale ad un tale livello da essere in competizione con quello di aerei da trasporto tattico, certamente meno vulnerabili.
Resta il fatto che nella sua dimostrazione di padronanza delle tecnologie relative al tipo di mezzo, essa ha dato un notevolissimo risalto alla sofisticata tecnologia sovietica della fine della Guerra Fredda. Se gli 'Aist' erano mezzi imponenti, e all'altezza dei maggiori tipi occidentali, gli Zubr hanno rappresentato un'ulteriore salto di qualità, tanto da far sembrare quasi rudimentali i loro predecessori, e hanno raggiunto sostanzialmente il limite pratico del concetto di hovercraft.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Lista di nomi in codice NATO per navi sovietiche

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]