Classe Neustrašimyj (fregata)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Classe Neustrašimyj
la fregata Neustrashimy
la fregata Neustrashimy
Descrizione generale
Naval Ensign of the Soviet Union.svg Naval Ensign of Russia.svg
Tipo fregata missilistica
Classe Neustrashimy
Entrata in servizio 1986
Caratteristiche generali
Stazza lorda 3.800 tsl
Lunghezza 129,6 m
Larghezza 15,6 m
Pescaggio 5,6 m
Propulsione COGAG: su 2 assi
Velocità 30 nodi
Autonomia 4995 miglia a 14 nodi
Equipaggio 200
Equipaggiamento
Sensori di bordo Radar: 1 Top Plate, 2 Palm Frond, Cross sword, 1 Kite Screech
Sonar: LF bow monted sonar e VDS(Variable Depth Sonar - sonar a profondità variabile)
Armamento
Armamento artiglieria:

Missili:

Siluri:

Mezzi aerei 1 Ka-25/27

[senza fonte]

voci di navi presenti su Wikipedia

La classe Neustrashimy (Неустрашимый - Impavido) doveva essere l'evoluzione delle fregate russe verso dimensioni simili a quelle delle marine occidentali, in effetti delle unità di squadra in tutto e per tutto, a differenza delle classi precedenti. Per ragioni di bilancio, solo tre unità furono messe in cantiere, ed una sola a tutto il 2007 consegnata (la capoclasse), assegnata alla Flotta del Baltico, anche se la seconda dovrebbe, secondo Jane's Fighting Ship, essere consegnata "a breve".

Impieghi[modifica | modifica sorgente]

Nel settembre 2008, la Neustrashimy è stata inviata in Somalia per combattere la pirateria[1], dopo che un cargo ucraino, la MV Faina, è stato sequestrato con a bordo un ingente quantitativo di armi e munizioni destinato ufficialmente al Kenya. Secondo il portavoce della marina russa, capitano Igor Dygalo la nave sarebbe partita da Baltiisk "un giorno prima che il cargo venisse sequestrato, per cooperare con alcuni paesi non precisati contro la pirateria"[2]. In effetti, il 21 ottobre 2008 la nave ha passato il canale di Suez diretta verso la Somalia[3].

Unità[modifica | modifica sorgente]

  • Neustrashimy - (1986)
  • Yaroslav Mudryy - (2009)
La Neustrašimyj a Cartagena nel 2004
La Neustrašimyj in navigazione


Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Russia sends warship to fight piracy near Somalia | Russia | RIA Novosti
  2. ^ http://news.yahoo.com/s/ap/20080926/ap_on_re_eu/eu_russia_somalia_piracy_8;_ylt=Ak.EE4EqWwLVfsF.N3F5obpbbBAF
  3. ^ Russian ship passes Suez on anti-piracy mission, Associated Press, 21 ottobre 2008. URL consultato il 24 ottobre 2008.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Lista di nomi in codice NATO per navi sovietiche

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]