Stazione di Vercelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vercelli
stazione ferroviaria
Stazione ferroviaria di Vercelli.jpg
Stato Italia Italia
Localizzazione Vercelli
Coordinate 45°19′47.28″N 8°24′59″E / 45.3298°N 8.41639°E45.3298; 8.41639Coordinate: 45°19′47.28″N 8°24′59″E / 45.3298°N 8.41639°E45.3298; 8.41639
Stato attuale In uso
Linee Torino-Milano
Vercelli-Pavia
Vercelli-Casale (senza traffico)
Tipo Stazione in superficie, passante, di diramazione
Passeggeri
al giorno
all'anno
Fonte: vedi sotto
2892,5 (2007)[1]
3.500.000 (2010)[2]
Binari 5 (+2 di servizio), 2 tronchi
Interscambi Autolinee
Taxi
Dintorni Basilica di Sant'Andrea
Duomo di Vercelli

La stazione di Vercelli è la principale stazione ferroviaria dell'omonima città, posta sulla linea Torino-Milano; da essa si diramano le ferrovie Vercelli-Pavia e la Vercelli-Casale, quest'ultima chiusa al traffico dal 2013.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'impianto fu inaugurato il 20 ottobre 1856, con l'apertura della tratta tra Torino e Novara[senza fonte]

Nelle adiacenze della fermata sorgeva, fra il 1884 e il 1933, un analogo impianto, capolinea della tranvia Vercelli-Biandrate-Fara.

A partire dal 14 giugno 2013 fu sospeso il servizio sulla ferrovia Vercelli-Casale Monferrato[3].

Dal 2014[4] furono effettuati i lavori di rialzo delle banchine con contestuale allungamento del sottopassaggio per servire il nuovo marciapiede dei binari 4-5 (in sostituzione del vecchio posto ad isola tra il binario 3-4) e il parcheggio dalla parte opposta alla stazione[5].

Strutture e impianti[modifica | modifica wikitesto]

L'impianto, gestito da RFI, dispone di sette binari passanti, di cui cinque dotati di marciapiedi coperti di pensiline per l'imbarco dei passeggeri, mentre gli ultimi sono di servizio per le motrici. Sul primo marciapiede sono presenti 2 binari tronchi, usati anch'essi per l'imbarco dei passeggeri, di cui uno in direzione Milano e l'altro in direzione Torino.

La maggior parte del traffico è svolto sui binari 2 e 3, di corretto tracciato della linea Torino-Milano, mentre il traffico della linea Vercelli-Pavia ha origine sul primo o al binario tronco verso Milano.

Il fabbricato viaggiatori si compone di tre corpi: quello centrale si sviluppa su due livelli e presenta un ampio davanzale composto da cinque archi; i corpi laterali si diramano simmetricamente rispetto al fabbricato centrale, sono di dimensioni minori e si compongono di un solo livello.

Movimento[modifica | modifica wikitesto]

La stazione è servita da treni regionali svolti da Trenitalia per conto della Regione Piemonte e da Trenord, nonché da collegamenti a lunga percorrenza operati anch'essi da Trenitalia e SNCF.

I passeggeri che frequentano ogni anno la stazione al 2010 ammontavano a circa 3.500.000 unità[2], quelli giornalieri al 2007 erano di circa 2900 unità[1].

Servizi[modifica | modifica wikitesto]

La stazione, che RFI classifica nella categoria "Gold"[6] e i cui servizi commerciali sono gestiti da Centostazioni[1], dispone di[7]:

  • Biglietteria a sportello Biglietteria a sportello
  • Biglietteria automatica Biglietteria automatica
  • Sala d'attesa Sala d'attesa
  • Servizi igienici Servizi igienici
  • Bar Bar
  • Posto di Polizia ferroviaria Posto di Polizia ferroviaria

Interscambi[modifica | modifica wikitesto]

La stazione è servita da differenti linee urbane ed extraurbane di autobus gestite da ATAP

  • Stazione taxi Stazione taxi
  • Fermata autobus Fermata autobus

Nelle adiacenze della stazione sorgeva, fra il 1884 e il 1933, il capolinea delle tranvie per Fara Novarese e Casale Monferrato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Statistiche RFI 2008.
  2. ^ a b Vercelli, avviati i lavori per una stazione più funzionale e accogliente
  3. ^ Notizia su I Treni, n. 363, settembre 2013, p. 5.
  4. ^ Ferrovie. Via le barriere architettoniche in 70 stazioni
  5. ^ LA STAMPA - Stazione, il nuovo sottopasso
  6. ^ www.rfi.it, Stazioni del Piemonte, rfi.it. URL consultato il 16-04-2016.
  7. ^ Servizi in stazione

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]