Dornier Do J

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dornier Do J
Do J spagnolo
Do J spagnolo
Descrizione
Tipo idrovolante
Equipaggio 2-4
Costruttore Dornier-Werke
Data primo volo 6 novembre 1924
Esemplari Oltre 300
Altre varianti Do J Wal, Do R Super Wal, Do R2, Do R4.
Dimensioni e pesi
Lunghezza 24,60 m
Apertura alare 28,60 m
Altezza 6,00 m
Superficie alare 137
Peso a vuoto 9 850 kg
Peso max al decollo 14 000 kg
Passeggeri 12
Propulsione
Motore 4 Bristol Jupiter
Potenza 391 kW
Prestazioni
Velocità max 388 km/h
Velocità di crociera 323 km/h
Autonomia 2 000 km
Tangenza 3 500 m

[senza fonte]

voci di aerei civili presenti su Wikipedia

Il Dornier Do J fu un idrovolante bimotore a scafo centrale sviluppato dall'azienda tedesca Dornier-Werke GmbH negli anni venti e prodotto da diverse aziende straniere.

Storia del progetto[modifica | modifica sorgente]

Il Dornier Do J (in seguito indicato come Do 15 e Do 16 in base alle convenzioni RLM, Ministero dell'Aria del Reich) fu meglio conosciuto come Wal ("balena").

Il Do J era un idrovolante monoplano ad ala alta moderno (se comparato ai modelli della Prima guerra mondiale). Due motori a pistoni montati in tandem in gondole in linea con lo scafo; un motore a trazione spingente e l'altro a configurazione spingente. Due dei quattro membri dell'equipaggio risiedevano in una cabina vicino al muso sulla carena. Una cabina per passeggeri era disponibile all'interno dello scafo.

Il Do J fece il suo primo volo il 6 novembre 1924. Il volo, così come molta della produzione fino al 1932, ebbe luogo in Italia perché dopo la prima guerra mondiale i termini del Trattato di Versailles limitavano rigidamente in Germania l'attività delle costruzioni aeronautiche.

Il Do J era mosso da due motori Rolls-Royce Eagle IX da 265 kW (355 hp),aveva una velocità massima di 180 km/h ed una velocità di crociera di 140 km/h. La massa a vuoto era di 3 630 kg, ed il carico massimo di 4 100 kg. Un raggio di 3 600 km, ed una quota di tangenza di 3 500 m.

In Italia oltre 300 Wal vennero costruiti dalla CMASA[1] con la denominazione di CMASA M.F.5 e dalla Piaggio.

Vennero inoltre costruiti su licenza dalla CASA in Spagna, Kawasaki in Giappone, Aviolanda nei Paesi Bassi, e dalla Dornier in Germania.

Impiego operativo[modifica | modifica sorgente]

Il Wal venne impiegato sia in ambito civile, come idrovolante di linea per il trasporto di passeggeri e merci nelle compagnie aeree dell'epoca, che in quello militare, essenzialmente nel ruolo di idroricognitore.

Le grandi imprese[modifica | modifica sorgente]

L'esploratore norvegese Roald Amundsen usò due Dornier nel suo tentativo fallito di raggiungere il Polo Nord nel 1925. Questi due aerei, N-24 e N-25, atterrò al punto nord 87° 44'. Fu il punto più settentrionale raggiunto da un aereo fino a quel momento.

L'aviatore militare portoghese Sarmento de Beires ed il suo equipaggio fecero la prima traversata notturna del Sud Atlantico, in un Dornier J chiamato Argos. La traversata venne effettuata di notte il 17 marzo 1927 dalla Guinea Portoghese al Brasile.

Due Dornier Wal (chiamati Passat e Boreas) ebbero un importante ruolo nella Terza spedizione antartica tedesca nel 1939.

Impiego militare[modifica | modifica sorgente]

La Fuerza Aérea Colombiana usò i Dornier Wal nella guerra contro il Perù nel 1932-1933.

L'Unione Sovietica acquistò due Do J a scopo di valutazione che su richiesta delle autorità militari vennero equipaggiati con i motori francesi Lorraine-Dietrich 12Eb. I due esemplari, nr 56 e 57, che raggiunsero Sebastopoli nell'autunno 1926, furono oggetto, fono all'aprile 1927, di un intenso programma di test in condizioni operative e dell'esame da parte del personale tecnico che intendeva ricavarne informazioni per lo sviluppo di idrovolanti di produzione nazionale. Al termine dei test il modello fu giudicato idoneo per il servizio ed i sovietici emisero un ordine per altri 20 esemplari più parti di ricambio per altre 10 unità con la richiesta di cambiare motorizzazione con i BMW VI giudicati più efficienti. I Do J vennero destinati alla Voenno Morskoj Flot SSSR, la marina militare sovietica, che li impiegarono nella propria componente aerea, la Aviacija Voenno-Morskogo Flota.[2]

Utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

Il Do J di Amundsen in volo sopra Oslofjord.
Il Dornier Do J II f Bos D-AFAR "Samum" della Lufthansa a Bathhurst, Africa occidentale (1938).

(lista parziale)

Civili[modifica | modifica sorgente]

Brasile Brasile
Cile Cile
Colombia Colombia
Germania Germania
bandiera Regno d'Italia
URSS URSS

Militari[modifica | modifica sorgente]

Colombia Colombia
Jugoslavia Jugoslavia
operò con 12 esemplari.
Paesi Bassi Paesi Bassi
URSS URSS

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ CMASA
  2. ^ (EN) Dornier Do J Wal in Aviation of World War II, http://www.airpages.ru/eng/index.html. URL consultato il 17 ottobre 2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) The Illustrated Encyclopedia of Aircraft (Part Work 1982-1985), Orbis Publishing.
  • (DE) Heinz J. Nowarra, Die Deutsche Luftrüstung 1933-1945, Koblenz, Bernard & Graeffe Verlag, 1993, ISBN 3-7637-5464-4.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]