Heinkel He 71

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Heinkel He 71
Descrizione
Tipo aereo da turismo
Equipaggio 1
Progettista Walter e Siegfried Günter
Costruttore Germania Heinkel
Data primo volo 1933
Esemplari 1
Sviluppato dal Heinkel He 64
Propulsione
Motore un Hirth HM 4
Potenza 78 PS (58 kW)
Prestazioni
Autonomia 2 410 km
Note dati relativi alla variante He 71b

i dati sono estratti da The Illustrated Encyclopedia of Aircraft[1]

voci di aerei civili presenti su Wikipedia

L'Heinkel He 71 era un monomotore monoplano da turismo monoposto ad ala bassa realizzato dall'azienda tedesca Ernst Heinkel Flugzeugwerke nei primi anni trenta.

Sviluppato dal precedente biposto HE 64, fu il secondo modello destinato al mercato dell'aviazione generale realizzato dall'azienda fondata da Ernst Heinkel, ma al contrario del suo predecessore la sua produzione si attestò su un unico esemplare costruito.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

All'inizio degli anni trenta, dopo il discreto successo ottenuto da Ernst Heinkel nell'affrontare il mercato dell'aviazione da diporto e da competizione con nuovo modello di velivolo leggero ad alte prestazioni, l'HE 64, decise di svilupparne una versione monoposto dalle dimensioni leggermente ridotte.[1] Il nuovo modello, che riproponeva l'aspetto generale del suo predecessore, un compatto monomotore ad ala bassa e carrello fisso, assunse la designazione in ottemperanza alle convenzioni adottate dal Reichsluftfahrtministerium (RLM), il ministero deputato alla gestione dell'intera aviazione, civile e militare nella Germania del periodo nazista.

Il prototipo, caratterizzato dal singolo abitacolo aperto ed equipaggiato con un motore Hirth HM 60 da 60 PS (45 kW), venne portato in volo per la prima volta nel 1933.[1]

In seguito l'esemplare venne modificato una prima volta, adottando una nuova cabina di pilotaggio chiusa ed un nuovo propulsore, un Hirth HM 4 da 78 PS (58 kW), ed una seconda, su richiesta dell'aviatrice tedesca Elly Beinhorn, integrando dei serbatoi di combustibile addizionali per incrementarne l'autonomia.[1]

In questa configurazione Beinhorn effettuò un raid aereo attorno al continente africano scendendo verso sud lungo la costa orientale per poi risalire sulla costa occidentale.[1][2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e Orbis 1985, p. 2138
  2. ^ (EN) Claude Meunier, ELLY BEINHORN - THE FLIGHT in Solo Flights around the World, http://soloflights.org/index.html, 25 maggio 2011. URL consultato il 17 luglio 2011.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • The Illustrated Encyclopedia of Aircraft (Part Work 1982-1985). Orbis Publishing.