Piaggio-Douglas PD-808

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Piaggio-Douglas PD-808GE
Un PD-808 con una speciale colorazione del 14º Stormo
Un PD-808 con una speciale colorazione del 14º Stormo
Descrizione
Tipo Aereo executive
Equipaggio 2 piloti + 1 assistente
Costruttore Italia Piaggio
Stati Uniti Douglas
Data primo volo 29 agosto 1964
Data ritiro dal servizio 17 maggio 2003
Utilizzatore principale Italia Aeronautica Militare
Esemplari 24
Dimensioni e pesi
Lunghezza 12,85 m
Apertura alare 13,20 m
Altezza 4,80 m
Superficie alare 20,92
Peso a vuoto 4.830 kg
Peso max al decollo 8.165 kg
Passeggeri 9 nella versione da trasporto
Propulsione
Motore due turbogetti Rolls-Royce Viper Mk.526
Spinta 1.524 kg/s
Prestazioni
Velocità max 920 km/h
Autonomia 6.760 km
Tangenza 13.700 m
Equipaggiamento ECM per la guerra elettronica

[senza fonte]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia
Un PD-808 GE esposto a Lucca come memoriale del pilota Carlo del Prete
Un PD.808 GE dipinto con la più recente colorazione dei velivoli in dotazione all'Aeronautica Militare.
Un PD-808GE con la "vecchia" livrea dell'Aeronautica Militare nel 1988

Il Piaggio-Douglas PD-808 era un bireattore da nove posti, con ala bassa e impennaggio convenzionale, realizzato dall'azienda italiana Piaggio in collaborazione con la statunitense Douglas Aircraft Company. L'unico utilizzatore era l'Aeronautica Militare che lo utilizzò in diverse versioni. L'ultimo esemplare è stato radiato dalla linea di volo il 17 maggio 2003.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1957 la Douglas iniziò lo studio di un nuovo velivolo executive imbarcato per la United States Navy e giunse ad un progetto preliminare chiamato D-808. La Marina però non era disposta a sostenere da sola il costo del progetto ma si dichiarò disponibile ad acquistare 200 esemplari nel caso in cui ne fosse stata prima realizzata una versione civile.

La Douglas, che non aveva grande esperienza nello sviluppo di questo tipo di velivoli, cercò di coinvolgere la Northrop che non accettò ma che indicò la Piaggio Aero Industries come partner aziendale ideale per questo progetto.

Dopo essersi assicurata l'interesse dell'Aeronautica Militare, l'azienda genovese firmò nell'aprile del 1961 un accordo che prevedeva la costruzione da parte sua degli esemplari destinati al mercato civile, mentre la Douglas si riservava il diritto di costruire nei suoi stabilimenti gli esemplari eventualmente ordinati dalla Marina americana ed opportunamente modificati per l'impiego sulle portaerei. L'azienda americana inoltre non avrebbe investito denaro ma avrebbe messo a disposizione il personale, i progetti e le conoscenze necessarie per lo sviluppo del velivolo.

Nel 1961 il progetto fu gradualmente trasferito dallo stabilimento di El Segundo in California a Finale Ligure (Savona) sotto la responsabilità dell'ingegner Alessandro Mazzoni.

I primi due prototipi furono costruiti a Finale Ligure e il primo volo ci fu il 29 agosto 1964 all'aeroporto di Genova-Sestri Ponente, a poco più di tre anni dall'avvio del progetto. La certificazione RAI/FAA fu rilasciata il 20 novembre 1966; inoltre il PD-808 fu il primo aereo italiano progettato e certificato con le severe norme FAR-25 per i velivoli da trasporto.

Nel 1967 la Douglas e la McDonnell si fusero dando vita a una delle più importanti industrie aerospaziali del mondo: la McDonnell Douglas. Uno dei primi atti della nuova società fu la cancellazione del programma del PD-808, ritenendo che non interessasse più la Marina americana.

Senza un partner così importante, la Piaggio non si ritenne in grado di poter affrontare da sola la produzione, la vendita e il supporto sul mercato civile; l'Aeronautica Militare ne ordinò però 22 esemplari, risollevando così le sorti dell'azienda.

Venne utilizzato per un'ampia gamma di ruoli, come l'addestramento alla guerra elettronica (versione GE, con equipaggiamento ECM), radiomisure (RM) o trasporto VIP (TP).

Impiego operativo[modifica | modifica wikitesto]

Il PD-808 venne impiegato solamente in Italia, dall'Aeronautica Militare, ad iniziare dal 1966 e dalle I.A.M.Rinaldo Piaggio SpA con l'esemplare NC 504 I-PIAL.

L'ultimo esemplare, un GE, volò il 17 maggio 2003, dopo aver raggiunto il limite di vita operativa.

Varianti[modifica | modifica wikitesto]

Complessivamente prodotti 24 esemplari: 2 prototipi (NC501 MM577 e NC502 MM578), 2 velivoli civili (NC503 I-PIAI e NC 504 I-PIAL), 4 trasporti VIP a 7 posti(NC506 NC507 NC508 NC509), 8 velivoli GE (NC505 NC510 NC513 NC516 NC517 NC518 NC519 NC520), 4 trasporti TA (NC 511 NC512 NC514 NC515 ed infine 4 velivoli RM (NC 521 NC522 NC523 NC524) tutti in dotazione all'AMI:

  • PD-808 RM: radiomisure (calibrazione di radioassistenza alla navigazione) (4 esemplari)
  • PD-808 GE: contromisure elettroniche (8 esemplari)
  • PD-808 TA: addestramento equipaggi (4 esemplari - 6 in origine poi 2 trasformati GE)
  • PD-808 VIP: trasporto VIP (4 esemplari)

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Italia Italia

Note[modifica | modifica wikitesto]


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]