Henschel Hs 129

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Henschel Hs 129
Un Hs 129 catturato dall'USAAF
Un Hs 129 catturato dall'USAAF
Descrizione
Tipo aereo da attacco al suolo
Equipaggio 1
Costruttore Germania Henschel
Utilizzatore principale Germania Luftwaffe
Altri utilizzatori Romania FARR
Ungheria Magyar Királyi Honvéd Légierő
Dimensioni e pesi
Lunghezza 9,75 m
Apertura alare 14,20 m
Altezza 3,25 m
Superficie alare 29,0
Peso a vuoto 4 050 kg
Peso carico 4 960 kg
Propulsione
Motore 2 radiali Gnome-Rhône 14M4/5
Potenza 700 PS (515 kW) ciascuno
Prestazioni
Velocità max 408 km/h a 3 800 m
Velocità di crociera 320 km/h
Velocità di salita 570 m/min
a 7 906 m in 23 min
Autonomia 880 km
Tangenza 9 000 m
Armamento
Mitragliatrici due MG 17 calibro 7,92 mm
Cannoni due MG 151/20 calibro 20 mm
Note dati riferiti alla versione Hs 129 B-1

i dati sono estratti da Die Deutsche Luftrüstung 1933-1945 (Band 3)[1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

L'Henschel Hs 129 era un bimotore da attacco al suolo ad ala bassa prodotto dall'azienda tedesca Henschel Flugzeugwerke AG negli anni quaranta.

Specializzato nell'attacco contro i carri armati, venne impiegato dalla Luftwaffe durante la seconda guerra mondiale.

Storia del progetto[modifica | modifica wikitesto]

Prima versione[modifica | modifica wikitesto]

Il progetto nacque in risposta alla richiesta di un piccolo bimotore per attacco al suolo da parte del Ministero dell'Aviazione nazista nel 1937.

Il primo velivolo, l'Hs 129 V1, ebbe il battesimo dell'aria nella primavera del 1939 e fu seguito da altri due prototipi. Questi esemplari, dotati di abitacolo sacrificati, erano armati con due cannoni da 20 mm e due mitragliatrici da 7,92 mm, ma si rivelarono difficili da controllare a causa della potenza insufficiente fornita dai due motori in linea Argus As 410A da 465 CV.

Furono comunque ordinate otto unità di preproduzione Hs 129 A-0, alcune delle quali andarono alla 5(Schlacht)/LG2 della Luftwaffe nel tardo autunno del 1940 per effettuare valutazioni; i difetti di questi aerei, però, furono tanto evidenti da spingere la Luftwaffe a rifiutare il modello per il servizio operativo.

Seconda versione[modifica | modifica wikitesto]

Fu così che, all'inizio del 1941, due Hs 129 A-0 furono dotati di motori radiali Gnome-Rhône 14M4/5 e modificati nell'abitacolo, allo scopo di servire come aerei sperimentali per la serie di preproduzione Hs 129 B-0, 10 dei quali furono consegnati dalla fine del 1941. L'esordio fu molto più soddisfacente sicché il modello B entrò in produzione nel 1942. In totale, fino al settembre 1944, furono costruiti 879 Hs 129, prototipo compreso.

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Sistemi d'arma[modifica | modifica wikitesto]

L'armamento di base dello Hs 129B-1 era ancora costituito dalle due mitragliatrici MG 17 da 7,92 mm e dai due cannoni MG 151 da 20 mm, ma in questa sede furono introdotte molte variazioni. Per esempio, sotto la fusoliera dello Hs 129 B-1/R2 fu sistemato un cannone da 30 mm, mentre il tipo B-1/R3 ricevette quattro mitragliatrici da 7,92 mm aggiuntive e il B-1/R4 fu messo in grado di caricare varie combinazioni di bombe, comprese 96 mine antiuomo SD-2. Il B-1/5, infine, era una versione fotoricognitrice. In queste designazioni la "R" stava per Rüstsätze, ovvero un "kit" di conversione che poteva essere installato sull'aereo di base direttamente sul campo, anziché essere costruito in fabbrica.

Impiego operativo[modifica | modifica wikitesto]

I primi Hs 129 B-1 furono consegnati nella primavera del 1942 e l'aereo divenne operativo sul fronte orientale in maggio. L'Hs 129 combatté principalmente proprio in questo teatro di guerra, ma alcune unità entrarono in azione anche sul Mediterraneo e nel Nordafrica.

A metà del 1943 l'aereo aveva un impiego significativo a oriente, dove si rivelò ottimo come anticarro e in altri ruoli d'attacco generici. La spessa corazzatura dei carri sovietici KV-1 e T-34 (carro armato), comunque, portò a un ulteriore aumento dell'armamento con la serie Hs 129 B-2, dotata di armi ancora più pesanti in una gondola posta sotto la fusoliera. Ma non fu sufficiente: la necessità di disporre di un calibro maggiore portò allo schieramento in campo, a metà del 1944, dello Hs 129 B-3, che montava un grosso cannone anticarro da 75 mm, con 12 proiettili da 12 chilogrammi. Di questa versione furono costruiti solo pochi esemplari, ma si trattò comunque di uno degli aerei fra i più pesantemente armati del conflitto.

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Germania Germania
Romania Romania
Ungheria Ungheria

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nowarra 1993, pp. 260-261

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Enzo Angelucci, Paolo Matricardi, Guida agli Aeroplani di tutto il Mondo (Vol.3), Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 1979.
  • (DE) Heinz J. Nowarra, Die Deutsche Luftrüstung 1933-1945, Band 3, Koblenz, Bernard & Graeffe Verlag, 1993, ISBN 3-7637-5467-9.
  • (EN) John Richard Smith, Antony J. Kay, German Aircraft of the Second World War, 7th edition, London, Putnam [1972], 1990, ISBN 0-85177-836-4.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]