Focke-Wulf Ta 154

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Focke-Wulf Ta 154
modello in scala del Ta 154
modello in scala del Ta 154
Descrizione
Tipo caccia notturno
Equipaggio 2
Progettista Kurt Tank
Costruttore Germania Focke-Wulf
Data primo volo 1º luglio 1943
Data entrata in servizio giugno 1944
Utilizzatore principale Germania Luftwaffe
Esemplari circa 50
Dimensioni e pesi
Tavole prospettiche
Lunghezza 12,60 m
Apertura alare 16,00 m
Altezza 3,67 m
Superficie alare 32,4
Peso carico 8 845 kg
Propulsione
Motore 2 Junkers Jumo 211R
Potenza 1 500 PS (1 103 kW) ciascuno
Prestazioni
Velocità max 632 km/h a 8 000 m
Velocità di salita a 8 000 m in 14 min 30 s
Autonomia 1 370 km
Tangenza 10 920 m
Armamento
Cannoni 2 MG 151/20 calibro 20 mm
4 MK 108 calibro 30 mm
Note dati riferiti alla versione Ta 154 A-1

i dati sono estratti da Die Deutsche Luftrüstung 1933-1945 (Band 2)[1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Focke-Wulf Ta 154 (chiamato anche Moskito) era un caccia notturno bimotore ad ala alta prodotto dall'azienda tedesca Focke-Wulf-Flugzeugbau GmbH negli anni quaranta.

Progettato da Kurt Tank rappresentò la risposta al più famoso de Havilland Mosquito britannico anche se non riuscì ad avere lo stesso peso nella seconda guerra mondiale in quanto prodotto in pochi esemplari e consegnato all'unico reparto operativo verso la fine del conflitto.

Storia del progetto[modifica | modifica wikitesto]

Con la mancanza, in quel periodo di operai specializzati e di materiali strategici, le autorità tedesche chiesero un caccia notturno bimotore costruito quasi completamente in legno, con l'unica eccezione di parti dell'abitacolo, le cui parti venivano unite con un collante speciale (TEGO). Furono realizzati pochi esemplari, come pochissime furono le missioni affidate al Ta 154, a causa delle continue incursioni degli alleati, che distrussero una dopo l'altra le fabbriche che producevano questo collante.

Il primo prototipo venne collaudato nella seconda metà del 1943 e riuscì, nel confronto diretto, a superare in velocità i suoi concorrenti prodotti dalla Messerschmitt AG e dalla Ernst Heinkel Flugzeugwerke AG. Ciononostante, le problematiche relative ai collanti furono il suo punto debole e, dopo che furono provati collanti alternativi senza successo, fu abbandonato ogni ulteriore sviluppo del velivolo.

Nonostante le poche missioni compiute, questo aereo fece comprendere che sarebbe stato in grado di dare una grande spinta alla Luftwaffe. Ma il "Moskito" tedesco non ebbe però mai occasione di misurarsi in combattimento con il suo omonimo inglese.

I Ta 154 sopravvissuti al conflitto, col cessare delle ostilità, furono portati negli Stati Uniti e valutati attentamente.

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Il Ta 154 era un bimotore dotato di carrello triciclo progettato nel 1942 da Kurt Tank per il ruolo di caccia notturno. Si trattava di un eccellente progetto nonostante i limiti imposti dal dover ricorrere a materiali non strategici; in grado, almeno in teoria, di competere con i più famosi caccia notturni tedeschi.

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Germania Germania

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nowarra 1993, pp. 266-267

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Enzo Angelucci, Paolo Matricardi, Guida agli Aeroplani di tutto il Mondo (Vol.4), Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 1979.
  • (EN) Manfred Griehl, Luftwaffe Profile Series, N.12 - Focke-Wulf Ta 154, ISBN 0-7643-0911-0.
  • (DE) Heinz J. Nowarra, Die Deutsche Luftrüstung 1933-1945, Band 2, Koblenz, Bernard & Graeffe Verlag, 1993, ISBN 3-7637-5466-0.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]