Arado Ar 195

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arado Ar 195
Descrizione
Tipo aerosilurante imbarcato
Equipaggio 2
Costruttore Germania Arado
Data primo volo 1937
Utilizzatore principale Germania Luftwaffe
Esemplari 3
Sviluppato dal Arado Ar 95
Dimensioni e pesi
Lunghezza 10,5 m
Apertura alare 12,5 m
Altezza 3,6 m
Superficie alare 46,0
Peso a vuoto 2 380 kg
Peso max al decollo 3 745 kg
Propulsione
Motore un radiale BMW 132 M
Potenza 830 PS (609 kW)
Prestazioni
Velocità max 282 km/h
Velocità di crociera 250 km/h
Autonomia 650 km
Tangenza 6 000 m
Armamento
Mitragliatrici una MG 17 anteriore
una MG 15 posteriore
Bombe una da 500 kg
Missili un siluro LT F5b da 765 kg

i dati sono estratti da German Aircraft of the Second World War [1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

L'Arado Ar 195 era un aerosilurante biplano imbarcato realizzato dall'azienda tedesca Arado Flugzeugwerke GmbH negli anni trenta e proposto come velivolo standard in dotazione alla portaerei della Kriegsmarine Graf Zeppelin.

Derivato dal precedente Ar 95 venne valutato dalla commissione esaminatrice assieme al concorrente Fieseler Fi 167, quest'ultimo risultato di impostazione più moderna e maggiormente indicato per ricoprire quel ruolo. Il progetto del Ar 195 venne quindi abbandonato dopo la costruzione di soli 3 prototipi.

Utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

Germania Germania

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ German Aircraft of the Second World War.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Bill Gunston, Tony Wood, Hitler's Luftwaffe, London, Salamander Books Ltd., 1977, ISBN 0-86101-005-1.
  • (DE) Heinz J. Nowarra, Die Deutsche Luftrüstung 1933-1945, Koblenz, Bernard & Graeffe Verlag, 1993, ISBN 3-7637-5464-4.
  • (EN) John Richard Smith, Antony J. Kay, German Aircraft of the Second World War, 7th edition, London, Putnam [1972], 1990, ISBN 0-85177-836-4.

Velivoli comparabili[modifica | modifica sorgente]

Germania Germania
Regno Unito Regno Unito

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]